21
maggio

Eurovision, Coletta: «Meriterebbe l’emissione integrale su una generalista». L’Italia già nel 2017 pronta ad ospitare l’evento a Torino

Stefano Coletta

L’Eurovision Song Contestrimanda quasi ad una fruizione antropologica“. Che tradotto dal linguaggio aulico di Stefano Coletta all’italiano, dovrebbe suonare più o meno così: questo evento ha una forte connotazione popolare, cosmopolita, inclusiva. E merita più visibilità sulla nostra tv. Nella conferenza stampa di lancio della finalissima, in onda domani in prima serata su Rai1 il direttore della rete ammiraglia non ha nascosto il proprio entusiasmo per la manifestazione musicale, arrivando addirittura a proporne la trasmissione per intero su una generalista

La Rai ha accresciuto sempre di più la propria attenzione verso questo concorso. L’Eurovision Song Contest è una competizione che meriterebbe l’emissione anche delle semifinali su una generalista vera e i dati ottenuti da Rai 4 lo dimostrano

ha affermato Coletta, alludendo ai lusinghieri 2,2% e al 2,3% registrati su Rai4 dall’evento nelle semifinali di lunedì scorso e di ieri commentate in diretta da Ema Stokholma e Saverio Raimondo. Per la finalissima di sabato, la diretta si sposterà invece su Rai1 con i commenti di Gabriele Corsi e Cristiano Malgioglio.

Il direttore di Rai1, inoltre, ha auspicato che l’Eurovision possa tornare presto a casa nostra, circostanza che nell’immediato si verificherebbe unicamente con la vittoria dei Maneskin. A quel punto, l’Italia diventerebbe di diritto il nuovo Paese ospitante. Un’eventualità, quest’ultima, che la Rai – è stato rivelato stamane – aveva già riservatamente preso in considerazione nel 2017, quando l’allora rappresentante dell’Italia Francesco Gabbani era dato per favorito con Occidentali’s Karma e la scimmia ballerina.

Al riguardo, il vicedirettore di Rai1 Claudio Fasulo ha dichiarato:

Noi speriamo di vincere, come si fa in tutte le competizioni. A noi piacerebbe molto ospitare il più grande evento musicale del mondo. Saremmo orgogliosi di farlo tra le nostre mura tricolori. Nel 2017, anno in cui Francesco Gabbani fu il favorito, prima di andare a Kiev, organizzammo un paio di riunioni in caso di una sua vittoria. La migliore ipotesi fu Torino. Non so se possa essere la migliore ipotesi anche oggi. Con la creatività si può arrivare dopo non si può arrivare con il denaro“.

Intanto i Maneskin, che sabato saliranno sul palco a Rotterdam, ci sperano:

La viviamo come l’abbiamo vissuta a Sanremo. Non succede ma se succede… Rimaniamo concentrati solo sulla musica ma un po’ ci stiamo credendo

ha dichiarato il frontman del gruppo, Damiano.



Articoli che potrebbero interessarti


Maneskin
Maneskin, l’Eurovision: «Nessun consumo di droga, notizie false sulla band. Questione chiusa»


Eurovision Song Contest 2021
Eurovision Song Contest 2021: scaletta della finale. I Maneskin canteranno per terz’ultimi


emma esc
Emma Marrone la spara grossa: «Io venni massacrata per l’aspetto all’Eurovision, ora che Damiano dei Maneskin si presenta con i tacchi a spillo va bene. C’è sessismo»


tv bielorussa maneskin
TV Bielorussia contro i Maneskin: «Un bestiario dei pervertiti, omosessuali degenerati, spazzatura che sa di Aids» – Video

1 Commento dei lettori »

1. Meringa ha scritto:

22 maggio 2021 alle 13:54

A questo tizio faranno trovare gli scatoloni sul marciapiede di viale mazzini tra un anno, appena finisce la legislatura. Non è nelle condizioni di sindacare che cosa trasmetterà la rai in futuro e su quale canale.
Idem per i tanti conduttori arcobaleno con cui ha intasato la sua rete, ormai quotidianamente sorpassata da canale5.

Onestamente faccio fatica a ricordare un periodo peggiore per l’ammiraglia della Rai, sarebbe interessante consultare gli archivi storici auditel.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.