26
gennaio

Che tempo che fu

Fabio Fazio

Fabio Fazio

Fabio Fazio dev’essere davvero un uomo all’antica perchè, quando pensa al futuro, non può fare a meno di guardare al passato. In una società televisiva in eterno movimento e alla costante ricerca di qualcosa di nuovo, lui non si scompone e continua a proporre da anni la stessa cosa. E, nonostante si dica pieno di idee, se proprio deve pensare a qualcosa di diverso, l’unica che lo convince sono le glorie del tempo che fu.

In un’intervista a Sorrisi il conduttore si è mostrato un po’ confuso. Ha confidato l’idea ricorrente di abbandonare la tv, raccontato le mille idee che vorrebbe realizzare e poi svelato che in realtà i progetti più concreti che ha in mente sono solo riproposizioni: vorrebbe rifare Il Pranzo è Servito (bissando l’esperienza del Rischiatutto), un programma sulla storia della tv stile Anima Mia e, addirittura, la versione quotidiana di Che Tempo che Fa.

“Dico sempre che mi piacerebbe rifare Il Pranzo è Servito. Sto pensando seriamente a un programma disordinato sulla storia della televisione, ma mi piacerebbe anche fare un programma di libri, un altro sulle ristrutturazioni delle case, uno sull’alpinismo, uno sulla storia dell’arte e mille altri. Tutto ciò dura sino alle 18. Dopo quell’ora, mi persuado, invece, che dovrei smettere definitivamente di fare televisione. E questo succede ormai tutti i giorni”

Interrogato sull’ipotesi di far diventare Che Tempo che Fa un appuntamento quotidiano, ha risposto: “ci sto pensando da un po’, ma devo prima chiedere il permesso ai miei figli“, facendo riferimento al tempo che, inevitabilmente, una scelta del genere gli porterebbe via.

Il programma di Fazio quest’anno compie diciotto anni e, nonostante si sia fatto praticamente itinerante, visitando tutte le principali reti Rai tra spostamenti vari, è sempre lo stesso dal 2003, con uguale cast e meccanismi. Non solo, ha sfornato vari spin off, come Che Fuori Tempo che Fa e Che Tempo che Farà: sebbene sia sempre sul pezzo e sappia raccontare l’attualità, ritrovarlo ogni giorno in loop non sarebbe alquanto ridondante? Non ne svilirebbe l’efficacia?

Al di là di questi ragionevoli dubbi, la penuria d’originalità preoccupa, soprattutto quando viene da uno dei volti di punta, e più pagati, dell’azienda pubblica.



Articoli che potrebbero interessarti


Fabio Fazio
E’ ripresa la tiritera in pubblica piazza di Fazio sul contratto in scadenza: «Finisco a maggio, poi non so cosa farò» – Video


Che Tempo Che Fa
Che Tempo Che Fa torna con Littizzetto al posto di Fazio


Fabio Fazio
Fabio Fazio si opera, salta «Che Tempo che Fa»


Bill Gates
Bill Gates a Che Tempo Che Fa

3 Commenti dei lettori »

1. Because ha scritto:

26 gennaio 2021 alle 14:57

Ma soprattutto “perchè”



2. Vincenzo Renda ha scritto:

26 gennaio 2021 alle 18:46

Ma sta tv in costante ricerca di qualcosa di nuovo dove sarebbe? Di certo non in rai e mediaset e lui è conduttore appunto della tv tradizionale.
Io vedo solo un gf alla 25 edizione, isole dei famosi. amici 21, c’è posta 27 uomini e donne 25…il ritorno di scherzi a parte e la sai ultima e il milionario in attesa che bonolis torni presto in prima serata con la grande novità Ciao Darwin.
Ho volutamente taciuto de il ritorno della clerici a la prova del cuoco



3. Patrick ha scritto:

27 gennaio 2021 alle 03:20

Figurarsi se non trovavate il pretesto di attaccare Fazio, il programma va bene, perché dovrebbe cambiarlo?

Ci sorbiamo l’eredità, amici, uomini e donne da più di 20 anni, non vedo perché si dovrebbe cambiare o mandare in pensione che tempo che fa.

A volte davvero trovate pretesti stupidi pur di dire cose campate in aria che non stanno né in cielo né in terra. Mah.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.