21
dicembre

Antonio Marano lascia Rai Pubblicità

Antonio Marano

L’uomo dei numeri lascia Viale Mazzini. Dal primo gennaio, non sarà più Presidente di , incarico che ricopriva con profitto dal marzo 2016. L’ex direttore di Rai2 (colui che ha portato in Italia L’Isola dei Famosi, La Talpa e X Factor) e vice DG Rai dirà addio al servizio pubblico per entrare nella Fondazione Milano-Cortina per le Olimpiadi del 2026.

La Rai perde così un tassello importante del proprio organigramma, come già era accaduto lo scorso mese di giugno quando Eleonora Andreatta lasciò la direzione di Rai Fiction per approdare a Netflix.

Negli ultimi anni, Marano aveva curato la raccolta pubblicitaria assicurando al servizio pubblico dei sostanziosi introiti, soprattutto in occasione del Festival di Sanremo, che lo stesso manager definiva “il Super Bowl” di Viale Mazzini. Lo scorso anno – proprio nell’ambito della kermesse sanremese – i ricavi avevano toccato il record di 37 milioni 7mila euro. Nel 2017 e 2018, gli introiti arrivarono a 27,7 milioni, nel 2019 a 31 milioni 347mila euro.

Nell’edizione 2021 Marano non ci sarà, ma le basi sono già state gettate:

Grazie alla direzione artistica di Amadeus e alla percezione di un Festival della rinascita non solo dell’arte e della musica, ma anche del sistema-Paese sarà un grande evento che può segnare la riapertura dell’Italia. Sempre Covid permettendo il prossimo Festival di Sanremo sarà migliore di quello dell’anno scorso. Quel che è stato già preparato darà dei risultati eccezionali

ha dichiarato lo stesso Presidente uscente di Rai Pubblicità all’AdnKronos.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Antonio Marano, Presidente Rai Pubblicità
Sanremo 2020: costi e ricavi del Festival


Marcello Foa
Marcello Foa si dimette da RaiCom e Rai Pubblicità


Fedele Confalonieri
Mediaset, Confalonieri contro la Rai: «Svende gli spot perché ha il canone». L’AD Salini replica


Fabio Fazio
Che Tempo Che Fa: listini pubblicitari ritoccati al ribasso. Ecco i tariffari a confronto

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.