29
ottobre

Netflix, produzioni originali più viste del 2020: spopolano La Casa di Carta e Tiger King

La Casa di Carta

La zampata di era in qualche modo attesa. Il folle ed inquietante docu-film ha infatti spopolato, soprattutto negli Usa, dove è diventato un fenomeno di costume. Ma anche sul successo de La Casa di Carta non potevano esserci dubbi, vista la popolarità della serie tv sui rapinatori mascherati. I due titoli in questione spiccano tra gli show originali di Netflix più visti nel 2020, stando ai numeri rilasciati di volta in volta dalla stessa piattaforma.

Netflix, infatti, non ha diffuso una vera e propria classifica, ma sulla base di alcuni dati resi noti negli ultimi mesi si può stilare un compendio dei titoli più gettonati. Al riguardo, occorre fare una un’ulteriore precisazione: la piattaforma, infatti, conteggia come validi gli accessi che siano durati almeno 2 minuti nei primi 28 giorni di tempo sul catalogo. Un criterio più lasco rispetto al passato, quando i numeri facevano riferimento agli account che avevano visto il 70% di un singolo episodio.

Secondo questi parametri, nel 2020 a spopolare è stata La Casa di Carta, giunta ormai alla quarta (e penultima) stagione, con 65 milioni di spettatori. La ’saga’ spagnola ideata da Álex Pina risulta tallonata dalla serie rivelazione Tiger King, incentrata sulla controversa (e reale) figura dell’addestratore Joe Exotic, eccentrico proprietario di uno zoo in Oklahoma. Un fenomeno, soprattutto Oltreoceano (a differenza de La Casa di Carta), che ha raggiunto quota 64 milioni.

Distaccato al ribasso – con 51 milioni di spettatori – anche il dating  che ha stuzzicato la curiosità di un ampio pubblico: lo show mette alla prova gli istinti sessuali dei protagonisti, vietando loro il contatto fisico. Bene anche Ratched, il prequel di «Qualcuno volò sul nido del cuculo» realizzato da Ryan Murphy ed Evan Romansky, che ha ottenuto un record attestato dalla stessa Netflix: solo nei suoi primi 28 giorni nel catalogo, la serie è stata vista da 48 milioni di account.

La seconda stagione di  (riadattamento dell’omonimo fumetto) si è fermata a 43 milioni di spettatori, superando di poco il teen drama Non ho mai… con i suoi 40 milioni di account raggiunti. Ad avere un riscontro positivo è stata anche Space Force (40 milioni), l’ironica serie ideata da Steve Carell e Greg Daniels che racconta le imprese dell’aeronautica spaziale statunitense con richiami di verosimiglianza all’attualità.

La prima parte della quinta stagione di Lucifer è stata vista da 38 milioni di persone; per Floor is Lava – sfida tra squadre ispirata ad una challenge nata su YouTube – le visualizzazioni hanno raggiunto quota 37 milioni. Sono stati 30 milioni, invece, gli account che hanno scelto di seguire il dating reality Love Is Blind.

Tra i numeri rilasciati, anche quelli registrati dalla terza stagione di Ozark (dramma familiare con Jason Bateman e Laura Linney) e The Last Dance, docuserie di Jason Hehir sull’epopea di Michael Jordan e dei Chicago Bulls. Rispettivamente, le due produzioni hanno totalizzato 29 milioni e 23,8 milioni di spettatori.



Articoli che potrebbero interessarti


Miguel Angel Silvestre
La Casa di Carta: la quinta stagione sarà l’ultima


The Umbrella Academy - Netflix
The Umbrella Academy 2: i ‘fratelli’ supereroi viaggiano nel tempo e ‘incontrano’ John F. Kennedy


Steve Carell - Space Force
Space Force: Steve Carell protagonista della serie Netflix che fa satira politica sull’aeronautica militare americana


White Lines - Netflix
White Lines: droga e omicidi nella nuova serie dell’autore de La Casa di Carta

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.