La Casa di Carta



24
maggio

La Casa di Carta: la stagione finale arriva in due parti il 3 settembre e il 3 dicembre 2021

Casa di Carta 5

Pedro Alonso in La Casa di Carta 5

Il finale de La Casa di Carta, l’acclamata serie Netflix, si farà attendere. Per assistere alla quinta parte delle gesta del Professore (Alvaro Morte) e della sua banda, i fan devono infatti ricordarsi due date: venerdì 3 settembre e venerdì 3 dicembre 2021. Sono quelli, infatti, i giorni in cui verranno rilasciati, in ordine, i due volumi conclusivi della produzione iberica. A sorpresa, la piattaforma streaming ha deciso di centellinare l’epilogo di uno dei suoi prodotti di maggior successo, in modo tale da far crescere l’hype nei milioni di telespettatori di tutto il mondo (a riprova che del fatto che l’era del binge watching sia già finita o quasi).




29
ottobre

Netflix, produzioni originali più viste del 2020: spopolano La Casa di Carta e Tiger King

La Casa di Carta

La zampata di era in qualche modo attesa. Il folle ed inquietante docu-film ha infatti spopolato, soprattutto negli Usa, dove è diventato un fenomeno di costume. Ma anche sul successo de La Casa di Carta non potevano esserci dubbi, vista la popolarità della serie tv sui rapinatori mascherati. I due titoli in questione spiccano tra gli show originali di Netflix più visti nel 2020, stando ai numeri rilasciati di volta in volta dalla stessa piattaforma.


31
luglio

La Casa di Carta: la quinta stagione sarà l’ultima

Miguel Angel Silvestre

Miguel Angel Silvestre

E’ tempo di chiudere i battenti per La Casa di Carta. La quinta stagione della serie tv iberica, attualmente in produzione, sarà infatti l’ultima e chiuderà tutte le vicende legate al Professore (Alvaro Morte) e alla sua banda. A rivelarlo è stato l’ideatore Alex Pina.





14
maggio

White Lines: droga e omicidi nella nuova serie dell’autore de La Casa di Carta

White Lines - Netflix

White Lines - Netflix

Forte del successo internazionale de La Casa di Carta, l’autore Alex Pina torna su Netflix con un nuovo lavoro. Da domani sarà disponibile sulla piattaforma streaming la prima stagione di White Lines. Composta da 10 episodi, la serie è stata girata tra la Spagna e il Regno Unito ed ha come protagonista l’attrice Laura Haddock, chiamata ad interpretare Zoe Walker, una donna di Manchester che deciderà di spingersi fino a Ibiza per indagare sulla triste fine del fratello.


22
aprile

Netflix e la regola delle ‘3 s’: Sesso, Sangue, Spagna

Toy Boy

Toy Boy

Sesso, Sangue, Spagna. La popolarità su Netflix riscrive la regola delle 3 s (sesso, sangue, soldi); gli abbonati della piattaforma prediligono prodotti dai “contenuti bollenti”, infarciti di omicidi e mistero, di matrice iberica. Contravvenendo in parte alla vecchia prassi di non divulgare i dati di views dei suoi show, da diverse settimane Netflix ha cominciato a diffondere quotidianamente le classifiche di popolarità. Finalmente abbiamo delle metriche di gradimento, sebbene un quadro preciso e completo della situazione sia ancora un miraggio. In primis per l’interpretazione del concetto stesso di popolarità che, in quel di Los Gatos, significa considerare il numero di account che hanno guardato per almeno 2 minuti un contenuto (!). Inoltre, conosciamo le prime 10 posizioni in classifica ma non i dati numerici che le hanno determinate.





8
aprile

La Casa di Carta 5 e 6 in lavorazione

La casa di Carta

avrà un seguito. Anzi, due. Che la serie tv spagnola targata fosse destinata a proseguire lo si sapeva, anche a motivo del finale apertissimo previsto dagli sceneggiatori nella quarta parte (disponibile dal 3 aprile scorso). Ora però si aggiunge un tassello: le popolari avventure dei rapinatori in tuta rossa non avranno solo una quinta, ma anche una sesta stagione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


7
aprile

Pagelle TV della Settimana (30/03-5/04/2020). Promossi Doc e Gaia Gozzi. Bocciata La Casa di Carta

Gaia Gozzi

Gaia Gozzi

Promossi

9 a Doc – Nelle Tue Mani. La nuova fiction di Rai1, con oltre 8 milioni di spettatori registrati nella seconda puntata, è la scelta prediletta dagli italiani in questo periodo di quarantena. Ancora un colpaccio per Lux Vide, capace di sfatare il tabù dei medical drama all’italiana che – tranne rarissime eccezioni – non hanno mai funzionato. Del resto, spesso l’errore è stato quello di puntare sulla coralità mentre in questo caso c’è  un personaggio principale che domina con una storia nella storia.


6
aprile

La Casa di Carta 4: un racconto allungato troppo che non ha più nulla da dire

La Casa di Carta 4

La Casa di Carta 4

La Casa di Carta è crollata. Nel guardare le gesta inedite della banda del Professore (Alvaro Morte), da venerdì scorso su Netflix, si ha la sensazione di trovarsi di fronte ad un’accozzaglia di elementi non incastrati a dovere e trascinati all’inverosimile pur di portare avanti un racconto che, in realtà, avrebbe ben poco da dire. Una sorta di “reboot” mal riuscito delle prime stagioni: lo schema è il medesimo ma con delle “aggravanti” date dal già visto e dalle forzature narrative.