29
luglio

Il nuovo Ponte di Genova – Orgoglio Italiano: su Focus uno speciale per l’inaugurazione del viadotto

Genova

Genova

Alle ore 21.15 del 3 agosto, giorno dell’inaugurazione del nuovo ponte di Genova, Focus racconta l’intera storia del viadotto sul Polcevera, spiegando perché questo chilometro sospeso sia così importante per la città, la Liguria e l’Italia tutta. «Il nuovo Ponte di Genova: orgoglio italiano», speciale condotto da Luigi Bignami e prodotto dalla rete Mediaset dedicata alla divulgazione, diretta da Marco Costa, illustra dal punto di vista storiografico, ingegneristico, logistico-organizzativo e urbanistico, la costruzione del vecchio Morandi, il suo crollo, l’abbattimento definitivo, e la progettazione e costruzione del nuovo viadotto ideato – e donato alla sua città – dall’archistar Renzo Piano. Ciò, senza MAI dimenticare il sacrificio delle 43 vittime del crollo, il dolore dei loro familiari e le responsabilità al vaglio della magistratura.
Realizzato dalla società Videovoyagers di Genova, «Il nuovo Ponte di Genova: orgoglio italiano» rappresenta anche il compimento di un progetto televisivo molto caro a Paolo Micai, storico collaboratore di Mediaset, scomparso nel marzo di quest’anno a causa del Coronavirus, stimato e molto amato nella sua Genova, dove ha lasciato un vuoto doloroso. La serata intende quindi trovare risposte a domande che tutti si sono posti, quando è accaduto l’impensabile. Il ponte era ben costruito? Era un azzardo per la sua epoca o un motivo d’orgoglio per l’ingegneria italiana? Perché il suo abbattimento è stato un’impresa eccezionale? Quali erano i rischi? Quali e quante professionalità sono state coinvolte e per quanto tempo? Con quali tecnologie? Quali caratteristiche ha il ponte di Piano? Chi lo ha costruito e come? Utilizzando quali tecniche, quanti uomini e quali strumenti, anche per tenere una tabella di marcia così stretta? Come si controlla lo stato di conservazione e di efficienza dei ponti? Con quali apparecchiature? Con che tipo di competenze professionali? Con quali rischi e quante e quali decisioni da prendere?

In particolare, lo speciale spiega l’origine e le caratteristiche del progetto di Riccardo Morandi, commentati da un docente del Politecnico di Torino. Ricostruisce e analizza il crollo del Ponte delle Condotte. Documenta lo smantellamento delle rovine e illustra l’impresa di minare le pile 10 e 11 del Morandi per farle implodere senza creare danni alla città, anche solo a causa delle polveri sollevate dall’esplosione controllata. Racconta con quale tecnica il ponte di Renzo Piano è stato assemblato e perché la sua apparente semplicità nasconda una grande raffinatezza progettuale e la capacità di risolvere numerosi problemi progettuali e logistici. Infine, delinea il senso e le caratteristiche del Parco del Polcevera, progettato dall’archistar Stefano Boeri.

A seguire, due documentari inediti completano la proposta di Focus:

28 giugno 2019: l’implosione del Ponte Morandi | ore 22.15
Spiega, dal punto di vista ingegneristico e tecnico, l’impresa di minare il Morandi per farlo implodere senza creare danni alla città, anche solo a causa delle polveri sollevate dall’esplosione controllata.

Ponti e Viadotti: la sfida della manutenzione | ore 23.15
Di produzione francese, in cui una squadra di manutentori viene seguita sopra, sotto e all’interno di una serie di ponti stradali e giganteschi viadotti, per mostrare in cosa consistano i controlli che fanno e come riescono a sostituire parti sensibili e usurate della struttura.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Ponte di Genova San Giorgio
Nuovo ponte di Genova: oggi l’inaugurazione in diretta tv – Gli appuntamenti


Caterina-Balivo
Pagelle TV della Settimana (25-31/05/2020). Promossi Focus e Random. Bocciato il caos nello sport Mediaset


La donna elettrica
La Giornata Mondiale della Terra in TV


Ponte Morandi
Ponte Morandi, un anno dopo: la programmazione dedicata della Rai

1 Commento dei lettori »

1. Maurizio ha scritto:

29 luglio 2020 alle 16:10

Il nome del nuovo ponte non è Ponte Piano ma Ponte San Giorgio.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.