4
maggio

Non è L’Arena, Giletti fa le pulci a Burioni e Fazio. Ma dimentica i suoi sfondoni

Massimo Giletti, Non è L'Arena

La sicumera con cui è convinto di fare informazione dura e pura, talvolta, suscita più di un sorriso. Soprattutto quando essa si scontra con alcune contraddizioni ed assume le fattezze del paradosso. Ieri sera, ad esempio, il conduttore di La7 ha attaccato il virologo Roberto Burioni per alcune sue affermazioni sul coronavirus rilasciate a Che tempo che fa e rivelatesi poi errate. Ergendosi a fustigatore delle sviste altrui, tuttavia, il riccioluto giornalista dimenticava gli analoghi sfondoni pronunciati nel suo programma.

Nell’ambito dell’ennesimo confronto sulla pandemia, Giletti ha portato all’attenzione le parole pronunciate il 2 febbraio scorso da Burioni, “che spesso sta seduto per ore intere dall’altra parte“. Stoccatina alla concorrenza, e via. Il conduttore, in particolare, ha dichiarato di essere rimasto stupito dal fatto che – in quell’occasione – il virologo avesse detto che il rischio in Italia fosse pari a zero (“Il virus non circola“) ed avesse poi scherzato con sulle mascherine. “Forse le mettono per l’inquinamento” aveva ironizzato.

Come fa Burioni a dire il 2 febbraio che non c’è rischio? Non c’è rischio sui due cinesi, ma è chiaro che qualcosa è già arrivato nel nostro Paese! (…) Questo, col senno di poi, mi sembra una grande…

ha tuonato Giletti con la vis polemica ed il tono chi non transige su certe inesattezze. Criticando quell’errore, l’integerrimo giornalista dimenticava però che nella medesima serata – sì, proprio il 2 febbraio – a Non è L’Arena veniva pronunciata una scorrettezza del tutto identica e quindi altrettanto biasimabile.

Autore della discutibile affermazione era, in quel caso, , che su La7 pronunciò il seguente vaticinio:

Non c’è nessun pericolo in Italia! Molti mi dicono, perché faccio questo mestiere di divulgazione, ‘aiuto aiuto’. No! Non c’è nessun pericolo in Italia. Solo due malati, nessun morto. A me dispiace per i farmacisti, ma tutta questa corsa alle mascherine non ha senso“.

Parole speculari a quelle di Burioni, che tuttavia Giletti non ha menzionato, preferendo invece fare le pulci all’immunologo ospite fisso di Fabio Fazio. Ma il vero paradosso è che, ieri sera, mentre scandiva la sua ramanzina, il conduttore aveva accanto a sé proprio Cecchi Paone, che di lì a poco sarebbe stato consultato in qualità di esperto e che in precedenza aveva denunciato il “disastro della comunicazione scientifica” (parlava forse di se stesso?).

Quando il bue dice cornuto all’asino: che imbarazzo, per La7.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Massimo Giletti
Massimo Giletti sotto scorta dopo le minacce del boss. «Perché solo adesso?»


Massimo Giletti
Massimo Giletti nel mirino del boss Graviano: «Sta scassando la minchia»


Massimo Giletti
Massimo Giletti elogia Fazio e su Barbara D’Urso: «Fa tanta quantità ma perde di qualità»


Massimo Giletti - Non è L'Arena
Celata stuzzica Giletti, lui taglia corto col TgLa7: «Non riesco a stare con te in collegamento, c’ho un imprevisto»

5 Commenti dei lettori »

1. marcov2 ha scritto:

4 maggio 2020 alle 14:37

Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo?



2. Patrick ha scritto:

5 maggio 2020 alle 03:30

Sono così tanti anni che Giletti fa solo ridere… poverino… un patetico conduttore sul viale del tramonto.



3. ANNA ha scritto:

5 maggio 2020 alle 14:35

E’ un personaggio pieno di se’ ma anche di rancore e invidia e lo dimostra attaccando e denigrando chi sistematicamente con professionalità lo umilia con gli ascolti.



4. Maria Cristina Giongo ha scritto:

5 maggio 2020 alle 20:42

Idem in Olanda. All’inizio hanno sottovalutato la portata di questo virus, definito “una semplice influenza” e ancora oggi ci sconsigliano di portare le mascherine…..E intanto siamo arrivati a…5000 morti, in un Paese di 17 milioni di abitanti.

Giletti è cambiato molto. Mi sembrava più …sopra le parti in passato. Ora vedo pure Salvini da lui….. e mi fermo qui.



5. nicopastore ha scritto:

6 maggio 2020 alle 21:57

Fustigatore dei costumi altrui,il pur bravo Giletti, tralascia di analizzare gli elementi caratteristici delle sue rappresentazioni giornalistiche. L’impulsività che manifesta,a mio parere,non giova alla sua carriera.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.