24
aprile

Vivi e lascia Vivere: Elena Sofia Ricci è la star di un racconto carico di promesse

Vivi e Lascia Vivere

Vivi e Lascia Vivere

Anni di tonache e capelli celati sotto il velo, e prima ancora corsetti e costumi d’epoca. La Elena Sofia Ricci targata Rai era sempre stata un po’ fuori dal tempo, poco grintosa e piuttosto angelica. Adesso invece si è scatenata, indossando maglie pitonate, grandi orecchini, smalti accesi e dando vita in Vivi e lascia Vivere ad un personaggio forte, eccessivo e capace di far impallidire la sua Lucia de I Cesaroni, con la quale pure si era messa in gioco tanti anni fa.

Vivi e lascia Vivere: Elena Sofia Ricci in un ruolo forte e diverso dai soliti

E’ lei, la protagonista, l’elemento portante della fiction, quello che fa la differenza e la fa soprattutto con il pubblico, che le è affezionato. E’ la sua “dark lady” a rendere appetibile una storia non particolarmente originale ma ricca di spunti e buone intenzioni, che si spera prenderanno forma in una narrazione al momento carica di promesse.

Gli ingredienti per appassionare ci sono tutti: la famiglia, l’emancipazione femminile, la voglia di riscatto, il mistero ed una Napoli colorata e felice a fare da cornice, perfettamente raccontata dal regista campano Pappi Corsicato. Il sapore è quello della favola moderna, che dovrebbe far nascere dalle ceneri una realtà migliore della precedente, nella quale può succedere di tutto ed i sogni, anche quelli strani, possono diventare possibili. Come un’attività di street food a base di sartù di riso.

Vivi e lascia Vivere: trama un po’ inverosimile per una favola moderna e amara

Molti espedienti sono già visti, la trama appare forzata in più punti, ma l’intrigo che riguarda la presunta morte del marito della protagonista Laura tiene vivo l’interesse: è morto davvero? E, se è morto, è stata lei ad ucciderlo? Improbabile, ma chi può dirlo: i personaggi enfatizzano i limiti della società attuale, con donne che subiscono passivamente le vessazioni degli uomini per anni, finendo per volersi vendicare, e brave studentesse annoiate, che si divertono a rubare nei grandi magazzini.

Non ci troviamo dinanzi ad un capolavoro tuttavia, considerate le premesse, la trama può sbocciare ed evolvere. E poi, in un periodo di stasi non solo televisiva, l’avvento di una novità in palinsesto non può che essere apprezzata.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Anna Falchi e Beppe Convertini
C’è Tempo per tutto, anche per imparare le tempistiche televisive


Adriana Volpe - Ogni Mattina
Ogni Mattina… sarà dura!


La mia Jungla - Giovanni Scifoni
La mia Jungla: Giovanni Scifoni combatte il Coronavirus a modo suo


Carlo Conti
Top Dieci: Carlo Conti, con l’amarcord non sbagli mai…

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.