6
aprile

La Casa di Carta 4: un racconto allungato troppo che non ha più nulla da dire

La Casa di Carta 4

La Casa di Carta 4

La Casa di Carta è crollata. Nel guardare le gesta inedite della banda del Professore (Alvaro Morte), da venerdì scorso su Netflix, si ha la sensazione di trovarsi di fronte ad un’accozzaglia di elementi non incastrati a dovere e trascinati all’inverosimile pur di portare avanti un racconto che, in realtà, avrebbe ben poco da dire. Una sorta di “reboot” mal riuscito delle prime stagioni: lo schema è il medesimo ma con delle “aggravanti” date dal già visto e dalle forzature narrative.

A cominciare dal presupposto debole (la liberazione di Rio) per riaprire la trama nella terza stagione che, alla luce dei fatti, non ha portato nulla di nuovo nella storia e che ha spinto tutti i personaggi, fatta eccezione dell’innamorata Tokyo (Ursula Corberò), a muoversi senza delle valide motivazioni. Addirittura c’è chi come Lisbona (Itziar Ituño) è passata da poliziotta a criminale, lasciando la madre malata e la figlia piccola dall’altra parte del mondo. Pur di tenerlo ancora “in vita”, c’è un continuo riferimento all’amato personaggio di Berlino. E’ lui il vero ‘Deus ex Machina‘ del nuovo colpo tentato dal Professore; è lui che ha previsto anni prima, insieme a Palermo (Rodrigo de la Serna), ogni possibile intoppo affrontato dai compagni. Una forzatura, soprattutto se si considera che i sistemi di sicurezza di un luogo così importante sono soggetti in maniera costante a dei cambiamenti, proprio per evitare che vengano ’sconfitti’.

Si è inoltre mantenuto il solito cliché dei ‘villain’, appartenenti alle Istituzioni, caratterizzati con bassi valori umani per spingere il pubblico a provare empatia per gli ‘adepti’ del Professore. In quest’ottica vanno dunque ad inserirsi anche un personaggio riuscito come la Sierra, incinta ma disposta anche allo spargimento di sangue per arrestare i colpevoli, e l’addetto alla sicurezza della Banca di Spagna Cesar Gandia (Josè Manuel Poga), maniaco omicida dai tratti “immortali”, capace di sfuggire – spesso senza farsi nemmeno un graffio – a colpi di fucile sparati da più persone, a bombe a mano e ad esplosioni degne di un film slasher 3.0.

Insomma, una storia che si è accartocciata su se stessa pur di andare avanti in nome del fenomeno globale che ha innescato. E il cliffhanger della quarta stagione rischia di snaturare e sbrodolare ancora di più la trama dei nuovi episodi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


White Lines
White Lines: omicidi e narcotraffico in stile soap


White Lines - Netflix
White Lines: droga e omicidi nella nuova serie dell’autore de La Casa di Carta


Cardinal_Karine-Vanasse-Billy-Campbell_laF copia
Cardinal: un serial killer che congela le sue vittime nell’ultima stagione della serie di laF


Sana - Skam 4
Skam 4 esce il 15 maggio. Protagonista la musulmana Sana

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.