12
aprile

Antonio Ricci: «Striscia sfora perché deve fare da supplente quando Mediaset non ha un prime time forte. Isola e Adrian due buchi neri»

Antonio Ricci

Antonio Ricci

Antonio Ricci interviene sull’ormai noto sforamento di Striscia la Notizia. Il patron del tg satirico spiega che, più che una colpa, è una grande responsabilità a fronte di un prime time di Canale 5 non sempre di livello dal punto di vista degli ascolti:

“La prima serata non è mai partita alle 21.15, la Rai si faccia i suoi orari, sono loro che si vantano di essere il servizio pubblico. Striscia invece deve fare da supplente quando Mediaset non ha un prime time forte. Ogni sforamento poi non è frutto di un allungamento del brodo di parole, sono servizi, ovvero materiale che serve a fare qualità e dare ascolto alla rete, una cosa non usuale in tv”

ha dichiarato al Corriere della Sera. E a proposito di prime serate deludenti, Ricci dice la sua su Adrian e soprattutto sull’Isola dei Famosi, un format che considera ormai agli sgoccioli:

“Adrian è stato un evento, come fotografare un buco nero. Se poi metti insieme l’Isola e Adrian vengono fuori due buchi neri… Posso dire con cinismo che se il caso Fogli avesse portato ascolti almeno ci sarebbe stata una giustificazione a mettere in piedi una cosa così spietatamente delinquenziale, invece non ci sono stati nemmeno quelli. L’Isola è una trasmissione ormai usurata, lo si capiva dall’anno scorso”.

Se si parla dei suoi di ascolti, invece, nessun accenno alla sfida con I Soliti Ignoti di Amadeus (quasi sempre vincente su Canale 5 nel totale individui), mentre non risparmia Che Tempo Che Fa di Fazio, che ogni domenica si scontra con Paperissima, “un programma praticamente quasi gratis: costa quanto i taxi che Fabio Fazio paga per avere i suoi ospiti in studio e fa ascolti migliori.

E su Carlo Freccero che lo vorrebbe in Rai, Ricci non chiude alcuna porta:

“Non ho un contratto di esclusiva con Mediaset, quindi nulla mi impedirebbe di lavorare anche a Viale Mazzini.

Intanto, da lunedì 15 aprile a Striscia la Notizia ripartirà la rotazione di conduttori con la coppia Gerry Scotti-Michelle Hunziker.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


de filippi hunziker
Striscia il conduttore di Amici Vip


Striscia Paolo Liguori
Liguori contro Ricci: «C’è del marcio a Striscia da qualche tempo»


Antonio Ricci
Striscia la Notizia, Antonio Ricci a DM: «Monte al GF Vip? Più bestie entrano, più siamo contenti». E su Insinna al posto di Frizzi…


fabrizio_corona
Fabrizio Corona conduttore di Striscia La Notizia? La risposta di Antonio Ricci

10 Commenti dei lettori »

1. atti alessandro ha scritto:

12 aprile 2019 alle 12:01

Striscia sfora perché deve fare da supplente quando Mediaset non ha un prime time forte. …
storica la serata di una finale di champions( nn ricordo se l’ anno scorso o 2 anni fa) quando fecero andare il tg5 delle 20 in forma ridotta per mandare striscia integrale dato che con la partita avrebbe dovuto chiudere in anticipo. cos ‘ era a non essere molto forte ? la finale di champions o il tg5 delle 20?



2. Mattia Gasparini ha scritto:

12 aprile 2019 alle 12:02

@Fabio Fabbretti, io ho una buona memoria, ma forse tu puoi verificare meglio di me: c’era stato un intervento del garante qualche anno fa che aveva imposto l’inizio della prima serata entro le 21/21.10. Non troppi anni fa.
Rai e Mediaset mantennero le nuove linee guide per un po’, e poi ricominciarono non so per quale motivo a fare come cavolo gli pareva.



3. Fabio Fabbretti ha scritto:

12 aprile 2019 alle 12:13

@Mattia Gasparini ricordi bene ma è tutto finito nel dimenticatoio



4. Mattia Gasparini ha scritto:

12 aprile 2019 alle 12:29

@Fabio Fabbretti, non mi ricordo esattamente l’anno in cui si verificò questa cosa, ma avvenne in seguito alle lamentele e le denunce al garante sulla prima serata che sforava troppo.
L’obbedienza del rispetto alle regole durò mezza stagione e poi tutti se ne fregarono altamente del garante e delle sue decisioni. Mi stupii molto che non ci furono multe per questa disobbedienza. Mi chiedo come mai ai gorni nostri nessuno abbia pensato più di fare un’altra interrogazione in merito al garante per chiedere più rispetto per i telespettatori. Perchè sinceramente non se ne può più degli orari spagnoli di inizio e fine prima serata.



5. Daniele ha scritto:

12 aprile 2019 alle 12:29

Due inesattezze :
Striscia é come il patron Ricci , un vecchio pavone , non traina nulla televisione accesa mentre si sparecchia e si lavano i piatti .
L’isola non ha stancato , la Marcuzzi invece si e molto .



6. aleimpe ha scritto:

12 aprile 2019 alle 12:50

L’ 11 dicembre prossimo festeggierà i 30 anni di messa in onda su Canale 5.



7. marco ha scritto:

12 aprile 2019 alle 14:42

COME FACCIO IO, BASTA NON GAURDARE PIU’ CANALE 5 , GLI ASCOLTI CROLLERANNO E VEDRAI CHE ANCHE LORO SI RIDIMENSIONANO



8. iole ha scritto:

12 aprile 2019 alle 14:54

marco puoi continuare a non vedere canale 5
puoi continuare a guardare qualsiasi rete ma tanto non sei una famiglia auditel e non cmabia nulla!



9. marco urli ha scritto:

12 aprile 2019 alle 23:51

Dai che prima o poi finirà per sempre anche striscia



10. Patrick ha scritto:

13 aprile 2019 alle 04:22

Striscia sfora per truffare l’auditel, così la gente che aspetta il programma di prima serata si collega alle 21:15, dando share a striscia che altrimenti non sarebbe vista da nessuno. Ricci come al solito patetico, ridicolo e pensa ancora di prendere per il culo qualcuno.

Allora come si spiega la partenza di ciao Darwin alle 21:45 che fa il 22%? Lì quale sarebbe la scusa? Per piacere, iniziasse a rispettare gli spettatori e a capire che ormai sarebbe ora di andarsene in pensione per sempre. Ipocrita.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.