18
marzo

Piersilvio Berlusconi: «Espansione all’estero per fare di Mediaset l’unico broadcaster free paneuropeo»

Piersilvio Berlusconi

Prima si fa, meglio è. I competitor non aspettano“. Piersilvio Berlusconi è impaziente di andare incontro al futuro, che a suo avviso consiste nell’espansione di all’estero. Di essere pronto a nuove “sfide internazionali“, il vicepresidente del Biscione lo aveva annunciato nei giorni scorsi a Tgcom24 ed oggi ha ribadito il concetto. L’obiettivo dichiarato dal top manager è quello di trasformare il gruppo di Cologno Monzese nell’unico broadcaster free paneuropeo.

La questione non è solo investire e con quale impostazione economico-finanziaria, il grande lavoro sta nel riuscire a costruire un nuovo modello industriale, un modello di business da media company internazionale che crei valore e sviluppo facendo di Mediaset l’unico broadcaster free paneuropeo… Già siamo leader in due paesi, Italia e Spagna

ha affermato Berlusconi in un’intervista al Corriere. L’operazione – ha aggiunto il vicepresidente Mediaset – dovrà compiersi in tempi brevi, anche se non è chiaro se il Biscione intenda realizzarla da sola o con altri partner. La certezza è, per l’appunto, che la sfida internazionale del gruppo milanese continuerà a reggersi su un’offerta gratuita. Nessuno scontro diretto, quindi, con Netflix o Amazon.

Noi facciamo un lavoro diverso. Siamo tv gratuite, calde, in diretta, costruiamo prodotti nazionali su misura per i singoli paesi. Per investimenti pubblicitari, per numero di spettatori e per peso editoriale, la tv generalista rimarrà sempre centrale

ha precisato Piersilvio. A proposito, proprio sul fronte pubblicitario e di bilancio, Berlusconi ha manifestato una certa soddisfazione. Pur attribuendo un generale calo del mercato alla situazione economica italiana, il top manager ha fornito dati incoraggianti per la sua azienda:

Nel 2018, in un mercato che è calato ancora, i nostri ricavi pubblicitari sono cresciuti e abbiamo raggiunto il 39% di quota. E oggi per un editore italiano aver realizzato 471 milioni di utile netto e dimezzato l’indebitamento è una soddisfazione incredibile“.

Utili ottenuti anche grazie alle plusvalenze e alle poste straordinarie, tolte le quali – ha specificato lo stesso Berlusconi – “i profitti sono stati comunque circa 100 milioni, il doppio di quello che avevamo garantito nell’ambizioso piano presentato a Londra nel 2017“.

In attesa di concretizzare il progetto di espansione all’estero, Berlusconi ha evidenziato difficoltà sul fronte nazionale create dalla situazione politica e dal governo:

Se il governo non dico ci stesse a fianco, non dico ci sostenesse, ma almeno non ostacolasse le poche grandi aziende rimaste italiane, il Paese potrebbe trarne giovamento in termini di sviluppo e occupazione“.

Un esempio di governo che ostacola? Secondo Piersilvio, lo stop all’Opa che Mediaset aveva lanciato su Rai Way. “Occasione persa per noi, per la Rai e per le casse dello Stato” ha commentato il vicepresidente del Biscione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Piersilvio Berlusconi, Felede Confalonieri
Mediaset, i compensi dei top manager: Confalonieri record con 9,5 milioni. A Berlusconi 1,7


piersilvio berlusconi
Presentazione palinsesti Mediaset 2018: Rete 4 da cenerentola a principessa


Bilancio Mediaset 2017 - 6
Mediaset, il bilancio 2017 torna all’utile. Crescono gli stipendi dei top manager: Confalonieri doppia Piersilvio


Piersilvio Berlusconi
Mondiali 2018 su Mediaset, Piersilvio Berlusconi: «Abbiamo superato la Rai». Orfeo replica

5 Commenti dei lettori »

1. Adelaide di Sant'Erasmo ha scritto:

18 marzo 2019 alle 16:12

Fino a che metteranno Segreto in loop nel pomeriggio e nell’ora dei quiz non saranno mai credibili.



2. Luca ha scritto:

18 marzo 2019 alle 17:07

Hanno buttato via un sacco di soldi per la pay tv Mediaset premium per poi svenderla a Sky
Peccato ,avrebbero potuto investire quei soldi per realizzare una programmazione migliore e soprattutto degna di un paese civile



3. john2207 ha scritto:

18 marzo 2019 alle 17:23

hanno ascolti in calo e raccolta pubblicitaria in crescita, anomalia tutta italiana. Ormai come contenuti scarseggiano, si reggono sulla De Filippi e il trash spinto della D’Urso e dei reality ormai decotti..una azienda senza futuro, fossi il loro venderei prima possibile



4. Luna ha scritto:

18 marzo 2019 alle 17:34

All’estero ??? Ma non ci aveva già provato il padre inutilmente ?
Vuole fare un altro flop come Premium ? Guadagnate tanto investite i vostri soldini, perché lo stato dovrebbe finanziare Mediaset ? Eh no caro mio senza papino al potere le casse dello stato sono chiuse per voi.



5. controcorrente ha scritto:

18 marzo 2019 alle 21:21

media company.. broadcaster… FARE UN PO’ DI TELEVISIONE no ???



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.