31
dicembre

2018: ci hanno lasciato Fabrizio Frizzi, Bibi Ballandi, Pippo Caruso, Marco Garofalo e Sandro Mayer

Personaggi morti nel 2018

Personaggi morti nel 2018

Ancora poche ore e saluteremo il 2018. Tra i tanti bilanci che ogni fine anno si porta con sè, anche quello legato ai numerosi personaggi venuti a mancare. Sul fronte del piccolo schermo la perdita più sentita dal pubblico e dagli addetti ai lavori è stata quella di Fabrizio Frizzi. Lo scorso 26 marzo, con la sua morte, la tv italiana ha perso uno dei suoi volti più amati. Un conduttore che con il suo sorriso ha fatto compagnia al pubblico per oltre trentacinque anni, sempre con garbo, rispetto ed eleganza. Frizzi, che nell’ottobre del 2017 aveva avuto un’ischemia celebrale, era tornato in video con L’Eredità ma, visibilmente provato nel fisico, aveva dichiarato di star combattendo ancora contro la sua malattia. Una battaglia che purtroppo non è riuscito a vincere. Il conduttore si è spento all’ospedale Sant’Andrea di Roma in seguito ad una emorragia cerebrale.

Altra perdita importante per il mondo della tv e dello spettacolo è stata quella di Bibi Ballandi. Il produttore televisivo e imprenditore italiano è morto il 15 febbraio all’età di 71 anni, dopo aver lottato a lungo contro un tumore. Nato a Bologna il 26 giugno 1946, era stato tra i fondatori della celebre discoteca Bandiera Gialla di Rimini. A partire dagli anni ‘80 aveva iniziato la sua carriera di produttore. E’ stato lui con le sue società a firmare gli one man show di Fiorello, Adriano Celentano, Gianni Morandi, Giorgio Panariello e Massimo Ranieri, così come alcuni degli show di maggior successo di Rai1, come Ti lascio una Canzone e Ballando con le Stelle. Il 19 aprile è invece venuto a mancare, a causa di un tumore, il ballerino e coreografo Marco Garofalo. Aveva 61 anni e nella stagione 2009/2010 era stato uno dei professori di Amici di Maria De Filippi. Al suo attivo una lunga carriera tv iniziata nel 1978 con Ma che Sera, al fianco di Alighiero Noschese e Raffaella Carrà. Negli anni si era affermato come coreografo in show di successo come Buona Domenica, Bellezze sulla Neve, Fantastica Italiana, Ciao Darwin, Luna Park, Re per una Notte e L’Eredità.

Nel 2018 ci ha lasciati anche il Maestro Pippo Caruso. La storica spalla di Pippo Baudo aveva 82 anni. Nato a Belpasso in Sicilia, Caruso è stato uno dei più popolari direttori d’orchestra, oltre che arrangiatore e compositore. A partire dagli anni ’70, ha curato la parte musicale e diretto l’orchestra di numerosi programmi televisivi come Canzonissima, il Festival di Sanremo, Fantastico, Domenica In, Serata d’onore, Festival, Gran Premio. Tra le sigle da lui composte L’amore è, Tutto matto, Io ballerò, Johnny Bassotto, Isotta, La tartaruga, e la popolarissima Perché Sanremo è Sanremo, scritta per il Festival della Canzone Italiana del 1995 ed in seguito divenuta vero e proprio tormentone nelle successive edizioni.

Lo scorso 30 novembre è morto all’età di 77 anni il giornalista e scrittore italiano Sandro Mayer. Direttore da molti anni del settimanale DiPiù, Mayer aveva esordito in tv sul finire degli anni ‘80 a Domenica In. Negli ultimi anni ricopriva anche il ruolo di opinionista su Rai1 a Ballando con le Stelle, dove sarebbe tornato anche nella prossima edizione, al via il 9 marzo 2019. Addio anche a Paolo Ferrari. Il celebre attore è morto il 6 maggio all’età di 89 anni. Nella sua lunga carriera, iniziata da bambino nel 1938, tanto cinema, teatro, doppiaggio, radio e televisione. A 74 anni ci ha lasciati lo scorso 15 febbraio Silvia Arzuffi, attrice teatrale, cabarettista e regista. Nel 1984 iniziò a lavorare alla Fininvest. Tra i programmi da lei diretti Emilio, Striscia la Notizia, Scherzi a parte, Stranamore, Paperissima, Paperissima Sprint e Colorado. Tra i personaggi venuti a mancare nel 2018 anche Alba Arnova, attrice nonché una delle prime ballerine della tv. La sua carriera venne stroncata da uno scandalo. Nel 1956 durante il varietà Rai La Piazzetta, apparve in scena danzando con una calzamaglia di colore rosa. Calzamaglia che negli schermi in bianco e nero dell’epoca fece pensare al pubblico che stesse danzando con le gambe nude. Accusata di “evocare nudità”, dopo diverse interrogazioni parlamentari e l’intervento del Vaticano, venne messa al bando dalla televisione. La Arnova è morta lo scorso 11 marzo a 88 anni.

Nel 2018 ci hanno lasciato anche l’attore Ennio Fantastichini, le attrici Giuliana CalandraIsabella Biagini, il cantautore ed autore tv Tony Cucchiara, il regista Cesare Gigli, il giornalista e più volte direttore del Tg1 Albino Longhi, l’ex annunciatrice e giornalista Liliana Ursino, il regista Carlo Vanzina, il giornalista di La7 Pierfrancesco Pangallo, il giovane giornalista di SkyTg24 Federico Leardini, la stilista, scrittrice e personaggio tv Marina Ripa di Meana, il magistrato e avvocato Ferdinando Imposimato e l’avvocatessa Maretta Scoca. Questi ultimi due noti al pubblico televisivo per la loro partecipazione come giudici a Forum.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Cesare Cadeo
Cesare Cadeo è morto


Auditel
Ascolti TV 2018, regione per regione: Canale 5 spopola solo in Campania, dove è bocciata La7


Pippo Caruso e Pippo Baudo
E’ morto Pippo Caruso. Addio al direttore d’orchestra, autore di Isotta, Johnny bassotto, e Perchè Sanremo è Sanremo


Paolo Ferrari
E’ morto Paolo Ferrari

2 Commenti dei lettori »

1. Emanuele ha scritto:

31 dicembre 2018 alle 12:21

Ti sei dimenticato Ennio Fantastichini e Giuliana Calandra



2. Piergi85 ha scritto:

2 gennaio 2019 alle 16:23

Purtroppo nella lista mancano alcuni personaggi dello sport,tipo Davide Astori,capitano della Fiorentina,deceduto il 4 marzo 2018,era il compagno di Francesca Fioretti..



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.