22
marzo

Il Cacciatore: una fiction col «pelo sullo stomaco»

Il Cacciatore

Il Cacciatore

La tv sta cambiando. Le frontiere si stanno abbattendo. Le fasce orarie sono un concetto (quasi) superato, non soltanto perchè il prime time inizia sempre più tardi – ieri sera alle 21.28 l’avvio su Rai2 – ma perchè se un tempo immagini crude ed impressionanti erano bandite dalla fascia protetta, oggi non è più così. E se questo può far storcere il naso a tanti, ad altri dà una grande libertà artistica, che nella fiction Il Cacciatore è stata sfruttata tutta.

Il Cacciatore: un racconto crudo e diverso dai soliti

Le vicende narrate sono vere, tratte da alcune delle pagine più cupe della storia italiana, ma sembra di trovarsi di fronte ad un racconto di pura fantasia, dove ciò che si vede pare irreale nella sua durezza. A partire dal protagonista, un antieroe, che non ha nulla del poliziotto dai grandi ideali disposto a sacrificare la vita in nome della giustizia: Saverio Barone (Francesco Montanari) è un uomo pragmatico agitato da demoni, da questioni irrisolte, che fa il bene anche perchè è mosso dall’ambizione. Un uomo che forza la sua donna a lasciare la propria vita, la propria città e la carriera per seguirlo a Palermo, dove la paura di morire diventa una nuova compagna. Un protagonista che insomma non nasconde l’egoismo, che si mette al centro delle situazioni prendendo tutto come una sfida personale, anche le indagini più pericolose.

Intorno a lui una spirale di violenza senza precedenti per una prima serata Rai, a tratti sfumata ma impressionante. Le torture, i corpi degli “infami” fatti a pezzi con le asce, il sangue che schizza, i bidoni di acido colpiscono duro perchè non siamo calati in Gomorra, ma nei fatti di cronaca in cui perse davvero la vita il piccolo Giuseppe Di Matteo.

Il Cacciatore è una fiction da pelo sullo stomaco, per diversi motivi, e dunque un po’ ostica per il pubblico. Ma senz’altro diversa dalle solite e con un cast molto convincente.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


I Bastardi di Pizzofalcone 3
I Bastardi di Pizzofalcone 3 al via questa sera. Ecco chi è morto nell’attentato


Carlo Conti e Alba Parietti
Tale e Quale Show 2021: è lo showbiz, bellezza!


Ilary Blasi e "Claudio Baglioni"
Star in the Star: il Museo delle Cere di Canale 5


Ludovico Tersigni - X Factor 2021
X Factor 2021, Ludovico Tersigni «ce prova!»

2 Commenti dei lettori »

1. Marco Renda ha scritto:

22 marzo 2018 alle 14:34

Più che la prima serata che inizia più tardi con l’arrivo del digitale è possibile utilizzare il parental control che automaticamente blocca tutti i programmi sconsigliati ai minori. Questo ha rivoluzionato recentemente i regolamenti che riguardano i contenuti forti in certe fasce orarie rendendo le cose molto più elastiche.



2. Lina ha scritto:

22 marzo 2018 alle 21:45

Non saprei: Nove ha spostato “Queen of the South” (dopo 2 settimane) alle 23.55 del sabato.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.