7
gennaio

Le 8 serie tv più attese del 2018

The Good Doctor

The Good Doctor

Il 2018 sarà un anno ricco di proposte intriganti per i cultori delle serie tv straniere. La ‘corazzata Murphy’ fornirà ai telespettatori due titoli che, quantomeno sulla carta, promettono di non deludere: stiamo parlando di Feud: Bette and Joan e American Crime Story: The Assassination of Gianni Versace. Mentre i palati degli amanti delle sitcom saranno probabilmente soddisfatti da Young Sheldon (prequel di The Big Bang Theory), gli appassionati dei medical drama potranno scoprire le trame di The Good Doctor, una delle rivelazioni dell’attuale stagione seriale americana. Ecco una carrellata di alcuni fra i titoli più attesi che sbarcheranno in Italia nel corso del nuovo anno.

Feud: Bette and Joan

Tra le produzioni in partenza nei prossimi giorni e in grado di destare molta curiosità fra i telespettatori due appartengono all’universo creativo di Ryan Murphy. La prima, in ordine cronologico di messa in onda, è Feud: Bette and Joan, serie composta da otto episodi volti ad indagare l’accesa rivalità esistita fra le due star hollywoodiane, Bette Davis e Joan Crawford. Per assistere agli sgambetti e alle ripicche di cui si sono rese protagoniste Susan Sarandon e Jessica Lange – chiamate ad interpretare i due personaggi principali – non si deve far altro che attendere il 7 gennaio, giorno in cui Studio Universal inizierà la messa in onda dello show.

American Crime Story: The Assassination of Gianni Versace

Proviene dalla galassia artistica firmata Ryan Murphy anche American Crime Story: The Assassination of Gianni Versace, il secondo capitolo della saga che pone l’accento sui casi giudiziari e di cronaca nera che hanno impressionato l’opinione pubblica a stelle e strisce. In onda su Fox Crime a partire dal 19 gennaio, la serie racconta l’omicidio dello stilista italiano Gianni Versace, avvenuto il 15 luglio 1997, davanti alla sua villa a Miami, per mano di Andrew Cunanan. Il cast dello show può contare sulle interpretazioni di Penelope Cruz (nei panni di Donatella Versace), Ricky Martin (nella parte di Antonio D’Amico, compagno di Gianni) ed Edgar Ramirez (che presta il volto allo stesso Versace).

The Good Doctor

Particolarmente attesa è inoltre The Good Doctor. Creata da David Shore (già dietro il successo di Dr House) e incentrata sulle vicissitudini di Shaun Murphy (Freddie Highmore), un giovane autistico che svolge la professione di medico con genialità, la serie è la rivelazione dell’attuale stagione televisiva statunitense. Trasmesso sul canale ABC dallo scorso settembre, lo show ha ottenuto un ottimo riscontro di pubblico in madrepatria. Il suo approdo in Italia è previsto per il 2018, sebbene al momento non si abbiano notizie ufficiali al riguardo. Stando a quanto ci risulta, la serie, contesa da più network nostrani, sarebbe finita nelle mani di Fox e della Rai.

Maniac

L’instabilità mentale è fra le tematiche centrali di Maniac, serie tv made in Netflix che gli abbonati potranno gustare nel corso dell’anno appena iniziato. Diretta da Cary Fukunaga, il cui nome è legato alla prima stagione di True Detective, la produzione è il remake dell’omonima serie norvegese del 2014 e può fare affidamento, fra le altre, sulle doti attoriali di Emma Stone e Jonah Hill. Rinchiusi in una clinica psichiatrica, i due sono protagonisti di una vicenda costantemente in bilico tra follia, allucinazione ed esperienze particolarmente alienanti.

Philip K. Dick’s Electric Dreams

Fra le novità del catalogo di Amazon Video, da sottolineare invece la presenza di Philip K. Dick’s Electric Dreams. Tratto dai racconti dell’autore statunitense Philip K. Dick, lo show è composto da un totale di dieci episodi e vede tra i suoi protagonisti Richard Madden (già visto ne Il Trono di Spade e ne I medici), Steve BuscemiBryan Cranston (il Walter White di Breaking Bad), il quale figura peraltro anche come produttore esecutivo. Il rilascio nel Belpaese è previsto il 12 gennaio.

Mosaic

Innovativa, quantomeno dal punto di vista della modalità di fruizione con cui è stata lanciata negli Stati Uniti, è Mosaic, la miniserie articolata in sei puntate che Sky Atlantic proporrà al suo pubblico a cominciare dal 30 gennaio. Trasmessa in madrepatria da HBO, Mosaic si è imposta all’attenzione degli spettatori per la sua veste interattiva. La sua messa in onda è stata, infatti, anticipata da un’apposita app, attraverso la quale è stata data al fruitore la possibilità di scegliere la prospettiva da cui osservare lo svolgersi degli eventi. Fanno parte del cast Sharon Stone, Fred Weller, Garett Hedlund e Jennifer Ferrin. Lo show è stato ideato da Steven Soderbergh.

Young Sheldon

I fan di The Big Bang Theory non potranno di certo perdersi l’occasione di assistere al prequel della loro sitcom preferita. I primi anni di vita del geniale protagonista costituiscono l’argomento principale di Young Sheldon, con Iain Armitage nei panni del piccolo ‘cervellone’. Accolta negli Stati Uniti da CBS, a partire dallo scorso settembre, la produzione sarà trasmessa in un primo momento da Infinity (con cadenza settimanale, dal 31 gennaio), per poi sbarcare su Premium Joi, dal 27 febbraio.

The Sinner

Il 4 febbraio sarà la volta di The Sinner, miniserie composta da un totale di otto episodi, che andrà in onda su Premium Stories. Al centro della narrazione troviamo Cora Tannetti, una giovane donna all’apparenza tranquilla e soddisfatta che si troverà a commettere, senza una motivazione plausibile, un efferato omicidio ai danni di un uomo sconosciuto. Dietro alla maschera di Cora si trova il volto dell’attrice Jessica Biel, la cui interpretazione le è valsa la candidatura ai Golden Globe.



Articoli che potrebbero interessarti


New Girl
Serie tv news: The Big Bang Theory, New Girl, Il Trono di Spade, The Good Fight e Una serie di sfortunati eventi


Carlo e Diana
Feud: la storia di Carlo e Diana nella seconda stagione


Scandal 6 Mellie Grant President
SERIE TV NEWS: I SIMPSON, THE WALKING DEAD, SCANDAL, HOMELAND E AMERICAN HORROR STORY


Virginia Raffaele
Virginia Raffaele sul Nove

1 Commento dei lettori »

1. Claudio ha scritto:

8 gennaio 2018 alle 20:14

The Good Doctor è una palla. Banale, melenso e prevedibile.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.