16
dicembre

Festival di Sanremo 2018, big: un cast di vecchie glorie con il retrogusto di muffa

Claudio Baglioni

I timori si sono rivelati fondati. Erano bastate le prime dichiarazioni (clicca qui) di Claudio Baglioni, direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo 2018 per sospettare che l’era Conti sarebbe diventata un lontano ricordo. Nessuna eliminazione nelle quattro serate, durata delle canzoni allungata, e – l’abbiamo scoperto poche ore fa – un cast di Big decisamente anziano e dal sapore poco nazionalpopolare. Non proprio un bene per una kermesse che da sempre fa del pop-olare la sua bandiera.

Nessuno mette in dubbio la caratura artistica di, solo per fare degli esempi, Enzo Avitabile, Bungaro o Pacifico: c’è da scommettere che il livello musicale di questo Festival sarà alto. Ma Sanremo è, da un lato, una straordinaria vetrina commerciale (quanti dei 20 big negli ultimi 3 anni sono stati in vetta alle classifiche?), dall’altro è anche e soprattutto televisione e di questo il buon Claudio Baglioni deve essersi dimenticato. E lo dimostra anche la presenza di appena quattro donne che, oltre a non far felice i cultori del “girl power”, toglie un tocco di glamour e gossip al Festival.

Pochi i nomi giovani, pochi i nomi “di massa” che comunque in molti casi sanno di già visto. Non necessariamente un male, penserete voi, ma quelli che mancano (salvo qualche rara eccezione come i The Kolors, bisognosi di un rilancio però, o Annalisa) sono i nomi di quel genere di cantanti che da una decina d’anni – dalle vittorie di Carta e Scanu in poi – avevano salvato Sanremo dal baratro, avvicinando inimmaginabili fette di pubblico al Festival. I numeri delle ultime tre edizioni lo confermano. Impensabile fare anche un Festival senza nomi di nicchia o over, peccato però che al Festival di Sanremo 2018 ci saranno profili molto simili a discapito di generi e personalità del tutto assenti.

Manca il colpaccio, manca l’effetto wow, gli ex talent sono ridotti all’osso, i rapper addirittura assenti. Ora: è meglio un Sanremo pop con tutti gli annessi e connessi (come quello di essere anche alla portata dei ragazzini) o un Sanremo di classe ma potenzialmente noioso? Il cambio di rotta c’è stato e si è visto: adesso la macchina si mette in moto e inizia il suo percorso, con la consapevolezza che il traguardo sia sempre e comunque lo stesso. Aspettiamo l’ascolto delle canzoni per avere un quadro più chiaro.

[TUTTO SU SANREMO 2018]

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Sanremo 2018 - Giovanni Caccamo
Festival di Sanremo 2018: le reazioni dei big in gara


Festival di Sanremo 2018
Festival di Sanremo 2018: i 20 big in gara


Festival di Sanremo
Festival di Sanremo 2018: si apre il toto big


Singoli più venduti primo semestre 2018
Classifica album e singoli più venduti nel primo semestre del 2018: Sfera Ebbasta batte Laura Pausini, tallonata da Irama. Non brillano i sanremesi, flop di Mina

13 Commenti dei lettori »

1. vicky ha scritto:

16 dicembre 2017 alle 16:42

Dovreste parlare di muffa anche per i presentatori: Dalla Chiesa,Costanzo,Venier.Dovrebbero avere meno spazio De Filippi.D’urso,Panicucci e Scotti che hanno stancato. In RAI si c’è Conti ,Frizzi e Magalli ma hanno osato con volti nuovi . Ci vuole un ricambio.A Striscia Greggio e Iachetti che fanno gli scemi,li trovo ridicoli.



2. xxxxx ha scritto:

16 dicembre 2017 alle 17:45

A prima vista, sembra che Baglioni abbia rispettato lo spirito del Festival.
Se non altro, stavolta i BIG sono veramente BIG, gli unici nomi di nicchia saranno 3-4 e i pochi talent scelti sono effettivamente famosi e dotati di talento (i The Kolors hanno un comportamento discutibile in alcune situazioni, ma indubbiamente il talento ce l’hanno).
Le uniche critiche che si possono fare a Baglioni sono le seguenti:
-di rapper veramente famosi e validi e che hanno partecipato poche volte, o mai, a Sanremo ce ne sono (tipo Caparezza o Fedez);
-io personalmente per quest’anno mi sarei buttato su cantanti italiani famosi che non hanno mai partecipato a Sanremo, o comunque vi hanno partecipato poche volte (tipo Piero Pelù, Caparezza, J Ax, Nannini, Battiato e altri).



3. aleimpe ha scritto:

16 dicembre 2017 alle 18:57

Io ricordo le edizioni Baudiane con cantanti che si chiamavano Giorgio Faletti, Alessandro Canino, Carlo Marrale, Squadra Italia, Fiorello, Lorella Cuccarini, Trio Melody, Sabina Guzzanti e La Riserva Indiana, Federico Salvatore, Rossella Marcone, Raffaella Cavalli e Elio.

Il peggio è stato nel 1995 (grandi ascolti, ma cast impresentabile)…



4. Pongo&Peggy ha scritto:

16 dicembre 2017 alle 20:52

aleimpe dimentichi Pupo & Emanuele Filiberto …. ;) … effettivamente, facendo un raffronto con edizioni del passato il cast di quest’anno ha un livello qualitativo indiscutibile, e allo stesso tempo si tratta comunque di artisti molto popolari …. ricordo che sulla vita di Enzo Avitabile è stato girato un film da un signore di nome Jonathan Demme, basterà a farci una ragione dell’assenza di Carta e Scanu? o dell’ennesima Giorgia Maura targata De Filippi?



5. kalinda ha scritto:

16 dicembre 2017 alle 22:24

Dovrebbero fare una gara a parte tra i grandi big over amati dal pubblico di Rai1: Albano, Marcella, Minghi, Orietta Berti…..



6. Patrick ha scritto:

17 dicembre 2017 alle 04:07

Vicky, ma cosa c’entrano ora gli altri presentatori se si sta parlando di Sanremo? Bisogna fare sempre un calderone di tutto? Boh.

Comunque trovo che quest’anno la Rai sia autolesionismo allo stato puro, non c’è il benché minimo appeal per questo festival, manca hype, manca tutto. Floppa perfino la serata di presentazione dei cantanti… se il buongiorno si vede dal mattino, siamo messi bene.



7. controcorrente ha scritto:

17 dicembre 2017 alle 10:22

mi sembra un cast quasi tutto da festival di piazza estivo per pubblico raffinato- tranne pochissime eccezioni tipo 2 o 3 nomi a favore di giovani – e anche tra gli over i nomi non sono per niente nazional popolari.. comunque non e’ detto.. tra Noemi-the Colors – Analisa-Elio-Max Gazze’ e Ron.. gli altri nomi nonostante la noiosita’ apparente..potrebbero diventare dei gradevoli intermezzi
Diodato-Lo stato sociale-Renzo Rubino-Enzo Avitabile sinceramente non mi sembrano nomi da festival di Sanremo



8. Felicity ha scritto:

17 dicembre 2017 alle 11:36

Il bello è che ci dovremo sorbire sto “frizzantissimo”‘ cast per diverse sere! Sono sicura che in quei giorni in molti non avranno bisogno di sonniferi, l’effetto ninnananna è assicurato!



9. vicky ha scritto:

17 dicembre 2017 alle 14:16

Mi sono accostata alla parola muffa. Come siete perniciosi quando volete!!!!!!!!!!



10. xxxxx ha scritto:

17 dicembre 2017 alle 14:33

aleimpe: Elio è un cantante e musicista a tutti gli effetti, tra l’altro tra i migliori in Italia, quindi non capisco perché lo hai intambato in questo discorso.
Certo, fa canzoni demenziali, ma nessuno ha stabilito che la musica debba essere trattata in modo serio



11. Tv ha scritto:

17 dicembre 2017 alle 22:55

C’è la participazione di Mauro serio e Elisabetta ferracini,
Patricamente c’è un pezzo di solletico



12. ciak ha scritto:

18 dicembre 2017 alle 13:47

io questa muffa non la vedo, molto… neanche o per i Poohpi “sciolti”…
la presentatrice è una brava… vediamo dopo aver ascoltato le canzoni…
anche perchè ci sono certi giovani in giro nella “musica” che sono la solita “melassa” … largo a tutti…comunque



13. francesco ha scritto:

27 dicembre 2017 alle 12:31

se volevano fare un cast di over va benissimo..ma almeno cantanti che davano un po di pepe..che so…la Rettore..Marcella..la Bertè..magari la Oxa..la Berti..un bel revival anni 80..qui invece ci sono cantanti di un tempo ma con poco appeal sul festival..cantanti più attuali che hanno l’abbonamento al festival..e altri che pochi conoscono!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.