11
ottobre

BOOM! Festival di Sanremo 2018: Baglioni fa fuori le eliminazioni e la durata di 3 minuti per esibizione

claudio baglioni

Claudio Baglioni

Claudio Baglioni ci mette lo zampino. Il neo direttore artistico del Festival di Sanremo 2018 ha messo mano al regolamento della kermesse. Le novità le annuncerà in prima persona stasera al TG1 delle 20, ma noi siamo in grado di annunciarvi in anteprima due novità di rilievo che, per il momento, ci entusiasmano ben poco ed evidenziano il curriculum da cantante e non da uomo di televisione di Baglioni. A meno che il padrone di casa non cambi idea prima del Tg1 in onda tra quaranta minuti, al Festival di Sanremo 2018 verranno fatte fuori le eliminazioni e, al contempo, verrà abolito il limite di 3 minuti per ciascuna esibizione.

Addio anche alla serata Cover, sostituita da quella dei duetti.



Articoli che potrebbero interessarti


Clerici sanremo young
Sanremo Young: braccio di ferro tra il Comune e la Rai sul nuovo show di Antonella Clerici


Sanremo 2018
Festival di Sanremo 2018: la commissione che sceglierà le Nuove Proposte. Il 15 dicembre in prima serata la finale


lodovica comello
BOOM! Rai 1 vuole Lodovica Comello a Sanremo 2018. Ma c’è Sky che incombe


Claudio Baglioni
E’ ufficiale: Claudio Baglioni ‘capitano’ di Sanremo 2018. A gennaio l’annuncio dei co-conduttori

12 Commenti dei lettori »

1. FedEx ha scritto:

11 ottobre 2017 alle 19:48

Iniziamo male, malissimo.



2. kalinda ha scritto:

11 ottobre 2017 alle 19:51

Io sono d’accordo con Baglioni.



3. xxxxx ha scritto:

11 ottobre 2017 alle 19:51

L’abolizione del limite dei tre minuti ci può stare.
Le eliminazioni personalmente le avrei tenute.



4. Peppe93 ha scritto:

11 ottobre 2017 alle 20:06

Io avrei tenuto le elimazioni, alla fine è una gara e ci sta. La durata delle canzoni non è una cosa fondamentale e ci può stare.



5. Giacomo ha scritto:

11 ottobre 2017 alle 20:15

Questo limite di 3 minuti non mi risulta esista. L’anno scorso praticamente tutte le canzoni sforavano i 3 minuti e anche i 3 minuti e mezzo.



6. primus ha scritto:

11 ottobre 2017 alle 20:44

ma prima di scrivere qualsiasi articoletto leggete o vi documentate? per i campioni il limite da regolamento era 3′30min per le nuove proposte 3 min



7. Ilmioreality ha scritto:

11 ottobre 2017 alle 22:12

L’eliminazione non ha senso se su 20 cantanti ne elimini 2 e poi li ripeschi come accadeva in alcune edizioni, giusto per far finta di dare pepe alla gara. Se non sbaglio in passato ci sono state edizioni molto belle senza eliminazione dei big, che andavano dritti alla serata finale dove veniva eletto il vincitore.
D’altra parte, ciò che conta è la classifica delle serate non il fatto che venga eliminato un cantante, cosa secondaria e anche insensata a mio avviso.
Sanremo è già una finale.



8. mary ha scritto:

11 ottobre 2017 alle 22:43

eh temo che le bocciature eccellenti nelle serate dell’anno scorso con polemiche abbiano lasciato il segno,e forse stavolta baglioni non vuol rischiare e avrà in mente di portare artisti di un certo calibro e così promettendogli zero eliminazioni sarà sceso a sto compromesso pur di avere nomi big,secondo me. Certo è un rischio per gli ascolti ma non credo sia scemo lo sa che è anche uno show tv e anche dirigenti glielo avranno fatto capire ma se hanno accettato questa sua impostazione del festival sapranno il fatto loro,sarà curioso sapere alla finale chi voterà e come ecco quello mi interessa. Cmq dai lo fa solo per stavolta poi nel 019 si tornerà ai vecchi metodi ehehe. Per la serata delle cover molto bene sono d’accordo sul non farla,e la cosa di più di 3 minuti va benissimo e cmq non penso qualcuno porterà una suite di 10 minuti dai ehehe



9. Marco ha scritto:

12 ottobre 2017 alle 09:24

Che si decidessero nel periodo pre-festival di trasformare uno dei canali Rai (tipo Rai Premium) in un temporally channel con una riproposizione 24 ore su 24 di puntate intere del Festival di anni passati.



10. Travis ha scritto:

12 ottobre 2017 alle 10:20

Secondo me questi sono cambiamenti troppo lievi. Le canzoni durano 30 secondi di più, eh, mamma mia che sarà mai. L’eliminazione ha senso solo se elimini per dare più spazio a quelli che rimangono, quindi non averla non cambia nulla.
Per Sanremo ci vuole una rivoluzione e modellarlo sul modello dell’ESC (o anche XFactor): esibizioni mozzafiato, scenografia che non sia solo lucette sullo sfondo, classifiche e grafiche. E soprattutto molti meno ospiti e chiacchiericcio che non c’entra con la musica.



11. Santo ha scritto:

12 ottobre 2017 alle 11:49

Come dice un priverbio qui gatta ci cova. Mi sembra un festival come gli ultimi di Baudo senza eliminazione con 20 cantanti eliminati alla serata finale. Solo il televoto se non ricordo male è diverso. Io l’avrei fatto come quello di Morandi che era un’ottima formula. Speriamo almeno di sentire ottime canzoni e non le solite lagne come è successo nell’ultimo festival di Fazio. Carlo conti ha fatto un ottimo festival escluso l’ultimo che ha inserito almeno 4 canzoni che facevano pena e non erano adatte per il festival.Vediamo che fara’ Baglioni. Vediamo e poi valutiamo.



12. franco ha scritto:

12 ottobre 2017 alle 22:06

Concordo con Baglioni l’ eliminazione non ha senso però 20 cantanti sono troppi, meglio Fazio che aveva tolto l’eliminazione dei big ma aveva portato solo 14 cantanti. Poi non trovo giusto votare nella serata dei duetti , chi porterà l’ospite più forte sarà avvantaggiato( es; un Tiziano ferro porterebbe più voti di un Francesco Renga) 2 nomi a caso



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.