8
luglio

5 cose che non ci sono piaciute dei Palinsesti Mediaset 2017/2018

Palinsesti Mediaset 2017/2018

Palinsesti Mediaset 2017/2018

La clip di Cesara – All’inizio della conferenza stampa di presentazione è stato mostrato un (finto) filmato del Tg5 in cui la Buonamici annuncia la fine della televisione generalista. Al termine dei discorsi dei boss dell’intrattenimento, dei palinsesti e dell’informazione, ecco una nuova clip in cui la stessa giornalista rivela che la fine della televisione generalista era una fake news. Autoreferenziale e mal riuscito tentativo di “agganciarsi” ai tempi comunicando la loro forza.

Mediaset vs Rai – Mediaset sbandiera confronti, talvolta arditi, sui target tirando in ballo cinque programmi Rai. Ma se l’obiettivo era dimostrare che a Cologno il target commerciale conta di più degli individui, sarebbe stato più pertinente mostrare un esempio di due trasmissioni Mediaset confermate o non confermate per i risultati sui 15-64. Inoltre se il duopolio è finito, perchè non c’erano confronti in termini di composizione di pubblico con Sky e Discovery? In particolare, a differenza degli altri anni l’atteggiamento nei confronti di Sky è sembrato più morbido. Che nasconda qualcosa?

Surviving Raz/Surving Africa – Il progetto di affidare il nuovo programma di Italia1 a Raz Degan è tramontato prima del nascere, complici le esigenze dell’israeliano non compatibili con quelle dei vertici Mediaset. Noi, ad onore del vero, – premettendo di avere poche informazioni in merito – nutriamo più di una perplessità sull’intero progetto. Per Italia1, Mediaset dovrebbe “aprire” il portaglio rispolverando La Talpa o La Pupa e il Secchione e lavorando sull’access prime time.

Assenza di star – Il vero “Made in Mediaset” sono i volti noti, amati, bravi e riconoscibili. Allora perché non mostrare ai giornalisti il vero punto di forza, invitando alla cena di gala – come accadeva anni fa a Mediaset Night- personalità come Maria De Filippi, Barbara D’Urso, Gerry Scotti e via discorrendo? Gli stessi figliol prodighi della Gialappa potevano fare un’irruzione in video con uno speciale “Mai dire Montecarlo” .

Poche notizie – Al tempo di internet è sempre più difficile lanciare notizie inedite, tant’è che il plus della conferenza, a conti fatti, è quello di poter interloquire con il management. Allo stesso tempo, tante piccole o grandi news potevano essere annunciate relativamente ai cast del programma (da House Party a Scommettiamo, fino a Tú sí que vales e a Le Iene) e invece si è scelta la via dell’indeterminatezza.

Per conoscere le 5 cose che ci sono piaciute, clicca qui

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Paolo Bonolis
Palinsesti Mediaset, Autunno 2017: tutti i programmi sera per sera


presentazione palinsesti mediaset
5 cose che ci sono piaciute dei Palinsesti Mediaset 2017/2018


Pier Silvio Berlusconi
Piersilvio Berlusconi: «Premium va verso Infinity. Acquistata Radio Subasio, lavoriamo al canale 20». E su Fazio e Giletti…


Presentazione Palinsesti Mediaset  - 1
Mediaset, palinsesti autunno 2017: parola d’ordine Made in Mediaset

3 Commenti dei lettori »

1. lorenzo ha scritto:

9 luglio 2017 alle 11:36

Concordo Su Italia1 che deve rispolverare LaTalpa (se non ci sono soldi si potrebbe anche fare da nip inveche che vip) , La pupa e il secchione e in acces Sarabanda



2. kalinda ha scritto:

9 luglio 2017 alle 12:01

La Talpa la potrebbero fare anche in Italia



3. Luke ha scritto:

13 luglio 2017 alle 13:39

Che voi sappiate, dal 3 Settembre è vero che tornerà DRAGON BALL SUPER su Italia 1 con NUOVI Episodi ?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.