21
giugno

E la chiamano (La Vita in Diretta) Estate

Paolo Poggio e Benedetta Rinaldi

Paolo Poggio e Benedetta Rinaldi

A.A.A estate cercasi. E non ci riferiamo né a quella astronomica, che oggi – 21 giugno – arriva ufficialmente, nè a quella climatica, scoppiata ormai settimane fa. Ci riferiamo a quella che dovrebbe esserci da titolo nel nuovo pomeriggio di Rai 1 che invece ha lasciato spazio all’ennesimo salotto scuro e serioso in cui parlare di cronaca, attualità e di tutti quegli argomenti che con l’idea di vacanze hanno poco a che fare.

La Vita in Diretta Estate: un programma troppo serioso

Intendiamoci, l’informazione è necessaria ed è giusto tenere aggiornati i telespettatori dell’azienda pubblica, abituati alle news de La Vita in Diretta. Ma un po’ di leggerezza sarebbe stata d’obbligo, così da far sentire l’arrivo della bella stagione anche a chi non parte e resta in città a sudare e sognare spiagge assolate e un po’ di relax. E, invece, niente: nel pomeriggio di Rai 1 sono arrivati Benedetta Rinaldi e Paolo Poggio con la loro professionalità, con i soliti collegamenti e una sorta di notiziario colloquiale in cui di brioso non c’è proprio nulla.

Un po’ bisognava aspettarselo, visto che il programma quest’anno si chiama La Vita in Diretta Estate e non Estate in Diretta. Della serie: la parola “estate” aggiungiamola alla fine, giusto per differenziare il programma dalla versione standard. E non ha aiutato la scelta dei conduttori perchè, se è vero che alla Rinaldi la verve non manca – e lo ha ampiamente e simpaticamente dimostrato in passato in altri programmi estivi – l’accoppiata con il rigido e schematico Paolo Poggio l’ha smorzata senza pietà. Sempre che, ovviamente, non le sia stato proprio imposto.

La Vita in Diretta Estate: la coppia Benedetta Rinaldi e Paolo Poggio non convince

I due come coppia, al di là dello scarso appeal mediatico, non funzionano né visivamente – lei lo sovrasta in tutti i sensi – né dal punto di vista dell’assortimento, perchè il gioco dei contrasti davvero non va. Come invece funzionava anni fa in autunno quello tra l’esplosiva Mara Venier e il compito Lamberto Sposini.

La delusione, insomma, è forte. Perchè anche quando si accenna ad un po’ di sano gossip, tutto è palesemente forzato, stona con la serietà concentrata di Poggio e quello studio stretto e claustrofobico, privo di calore e colore, la mancanza di riviste da sfogliare sotto l’ombrellone la fa sentire ancora di più.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Rosy Abate - La Serie
Rosy Abate riporta in scena il meglio di Squadra Antimafia


Le Tre Rose di Eva 4
Le Tre Rose di Eva sono tornate davvero


Sirene
Sirene: un racconto fumettistico e confuso, audace ma senza pretese


Sotto Copertura 2
Sotto Copertura 2: Gioè nuovo eroe Rai, da cattivo Preziosi convince

10 Commenti dei lettori »

1. alessandro ha scritto:

21 giugno 2017 alle 15:28

in fin dei conti quella che sta andando in onda è la terza puntata appena,
i due conduttori nn mi pare avessero esperienze precedenti in conduzione.
Diamogli il tempo di prenderci le misure



2. Esabac ha scritto:

21 giugno 2017 alle 15:44

Se queste sono le prove generali per la nuova (ennesima) impostazione di Vita in Diretta del prossimo anno in stile Unomattina (l’annata Perego – Di Mare non è servita da lezione) mi auguro che Rai1 prenda tante bastonate dalla D’Urso affinchè la smettano con questa ipocrisia da “Servizio Pubblico” che poi fa il 9%.

Se non il programma non lo vede nessuno, che servizio pubblico è?



3. Giovanni ha scritto:

21 giugno 2017 alle 16:40

Servizio pubblico? Ma mi faccia il piacere!



4. Anna ha scritto:

21 giugno 2017 alle 17:12

La solita minestrina insipida della rai. Non guardo mai queste porcherie.



5. kalinda ha scritto:

21 giugno 2017 alle 20:01

Mi sembrano molto bravi, diamogli tempo.



6. RoXy ha scritto:

21 giugno 2017 alle 20:31

@kalinda: condivido.



7. Matteo ha scritto:

21 giugno 2017 alle 21:53

Qualche collegamento con le spiagge affollate?? La cronaca lasciamogliela alla Daniele per quest’inverno!! Si ha voglia d’estate quindi al pomeriggio qualcosa di più leggero…



8. CULTRERI FRANCO ha scritto:

23 giugno 2017 alle 16:09

SPECULARE SULLA MORTE DI UN BAMBINO PER PROMUOVERE LE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE CIOE’ 12 VACCINI…..QUANDO 80 PERCENTO DEI PAESI EUROPEI NON APPLICA NESSUNA VACCINAZIONE E CHE IL RESTO DEI PAESI EUROPEI APPLICA SOLTANTO 2 VACCINAZIONI E’ UNA VERGOGNA……..PENSATE PER UN SECONDO AL DOLORE DEI GENITORI DI QUESTO BAMBINO ……..SIETE IGNOBILI E INSENSIBILI……SOLO PER COMPIACERE QUALCHE POLITICO……..CORROTTO………



9. pia trentini ha scritto:

23 giugno 2017 alle 17:46

per favore,evitateci almeno la vista della lecciso!!!!!!!!!!!!!!!!!!!abbiate pietà di noi.



10. Billy B ha scritto:

24 giugno 2017 alle 10:39

Ma dai,,, Diamogli tempo,,,,



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.