4
giugno

Fabio Fazio: «Che tempo che fa continuerà». Ma non dice se in Rai

Fabio Fazio, Che tempo che fa

Che tempo che fa continuerà. Questa è l’unica attesa certezza che Fabio Fazio ha dato al pubblico nell’ultima puntata stagionale del suo programma. In apertura di trasmissione, il conduttore – che nelle scorse settimane aveva paventato un possibile addio al servizio pubblico – ha ripercorso alcune tappe della storia professionale in Rai. Senza risparmiare frecciate. Poi ha confermato che il suo show tornerà: ma non è ancora chiaro dove. “Il mio percorso professionale coincide con la storia di questa azienda. Tra poco vedremo anche se è reciproco ha infatti detto Fazio. 

Il tanto atteso discorso su ciò che avverrà nella prossima stagione tv, il conduttore ligure l’ha pronunciato nei primissimi minuti di trasmissione. “Vorrei iniziare questa sera ringraziando proprio tutti!” ha esordito. E poi, ricordando la propria carriera, ha continuato così:

Ho iniziato questo lavoro in Rai quando avevo 19 anni. Ho fatto programmi ed esperienze bellissime e sarò sempre grato a tutti coloro che per questa azienda lavorano e che mi hanno accolto 33 anni fa… In realtà ormai loro sono in pensione e l’unico che è rimasto è il cavallo di Viale Mazzini con cui ho un rapporto eccellente. E’ l’unico punto fermo della Rai. Non è mai stato sfiduciato, lui (occhio al riferimento al dimissionario DG Campo Dall’Orto, ndDM!). Abbiamo fatto molte cose belle insieme (non con il cavallo, con la Rai!): da Quelli che il calcio ad Anima mia, da Che Tempo Che Fa a Che Fuori Tempo Che Fa, dalla serata del Viva 25 aprile! a Vieni via con me, da quattro festival di Sanremo a Rischiatutto sino alla serata di FalconeeBorsellino e tanti altri programmi“.

Dopo l’allusione ai suoi rapporti con i vertici del servizio pubblico, il conduttore è entrato nel merito della questione e ha spiegato:

Questo per dire che il mio percorso professionale coincide con la storia di questa azienda. Tra poco vedremo anche se è reciproco… Noi in ogni caso ci rivedremo: Che Tempo Che Fa continuerà. E sempre con lo stesso entusiasmo e passione, per i quali ringrazio i miei colleghi autori, gli ospiti che in questi anni sono intervenuti, i colleghi che mi hanno accompagnato, la redazione, la produzione, Filippa e naturalmente Luciana. Ma soprattutto voi, il Pubblico, con la p maiuscola. Viva il Pubblico! Viva la Rai! Viva il cavallo…“.

In sostanza, il buon Fabio ha assicurato che la sua trasmissione di successo proseguirà. Ma non ha specificato se questo avverrà in Rai o meno. Se il suo sodalizio con il servizio pubblico continuerà -ha detto- lo si vedrà tra poco. A fine giugno verranno presentati i palinsesti di Viale Mazzini ed entro quella scadenza si avranno notizie ufficiali: intanto proseguono le trattative, alle quali si sono ora aggiunte le recenti dimissioni del DG Antonio Campo Dall’Orto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Fabio Fazio, Mario Orfeo
Fabio Fazio su Rai1: costi e ricavi di Che tempo che fa. Ecco le cifre


Fabio Fazio.
Fabio Fazio su Rai1: pronto un super accordo da 11,2 milioni di euro con «eventuale Sanremo»


Fabio Fazio
Palinsesti 2017/2018: la Rai tenta Fabio Fazio con la promozione su Rai1


Fabio Fazio, Che tempo che fa
Che Tempo che Fa, Fabio Fazio dedica alla Rai una preghiera contro il malocchio. «Le ho tentate tutte per rimanere»

9 Commenti dei lettori »

1. Giovanni ha scritto:

5 giugno 2017 alle 09:35

Spero continui sulla tv del Tagikistan.



2. Alessandro ha scritto:

5 giugno 2017 alle 09:38

Ma tutto sto teatrino in nome del suo stipendio milionario che non deve essere toccato?

Ma veramente?



3. Luna ha scritto:

5 giugno 2017 alle 09:38

Farà la stessa fine di Santoro.



4. Luca ha scritto:

5 giugno 2017 alle 11:24

Come scriveva Davide Maggio alcuni giorni fa
E’ arrivata la moda ,ogni fine stagione televisiva ,di fare i ricattini psicologi per alzare la posta in gioco
Vergognoso
Ma veramente questi signori hanno perso il contatto con la realtà !!!
Ma ,in parte ,è colpa di questo sistema televisivo che glielo permette
Ora gli equilibri in Rai sono cambiati e con i 5 stelle difficilmente potranno continuare a fare il bello e cattivo tempo in questo modo



5. Marco Cappuccini ha scritto:

5 giugno 2017 alle 11:40

D´accordissimo con Luna, credo anche io che farà la fine di Santoro…
Questi radical chic hanno dimostrato che il loro unico credo sono i soldi.



6. Nina ha scritto:

5 giugno 2017 alle 11:45

Anni fa, se qualcuno si fosse permesso di scrivere certe cose (giustissime per quanto mi riguarda) si sarebbe beccato una marea di insulti. Parlo per esperienza naturalmente. Mi fa piacere che gli utenti siano così maturati e che i disturbatori insultatori siano spariti.



7. Vince! ha scritto:

5 giugno 2017 alle 12:36

Praticamente la Rai sta per perdere uno dei suoi migliori programmi e una grande fonte di guadagni, ma qui si festeggia.
Chissà perché ma non mi sorprendo…



8. Vince! ha scritto:

5 giugno 2017 alle 12:57

Riguardo a Fazio, sono sicuro che a La7 si troverà benissimo e avrà l’opportunità di migliorare ulteriormente il format, oltre che di percorrere nuove strade.
Capisco che i detrattori sognino per lui un futuro da pre-pensionato, ma chi sa fare televisione così bene è difficile che resti a casa. E Fazio, come ha dimostrato anche la splendida serata su Falcone e Borsellino, è uno dei pochi che riesce ancora a realizzare programmi televisivi di alto livello in Italia.
E in più gli haters non avranno più la scusa del ricco contratto “Pagato con i soldi nostri” (ma in realtà commisurato alle entrate pubblicitarie che i suoi programmi hanno garantito alla Rai) per attaccarlo.



9. Nina ha scritto:

5 giugno 2017 alle 13:04

Ma figuriamoci anche Santoro sembrava chissà che su Raidue….



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.