22
marzo

Paola Perego a Le Iene: “In Rai si sono dissociati da una cosa che avevano approvato” – video integrale

Donne dell'Est - intervista a Paola Perego

Donne dell'Est - intervista a Paola Perego

Dopo il brutto affare relativo alle preferibili donne dell’est e dopo la conseguente chiusura di Parliamone Sabato, in tanti hanno tuonato e commentato, con risultati talvolta risibili. Chi finora era rimasta in silenzio, invece, è Paola Perego, la conduttrice del programma che da sabato scorso era svanita nel nulla, assente anche da Twitter. Oggi – mercoledì 22 marzo 2017 – la signora Presta ha però deciso finalmente di parlare e dire la sua verità a Le Iene Show, nel corso di un’intervista che vi riportiamo integralmente.

Intervista integrale de Le Iene a Paola Perego

Le Iene Show: intervista a Paola Perego sulla chiusura di Parliamone Sabato

Iena: Come stai?

Paola Perego: Male.

Iena: Male perché?

Perego: Perché mi sento messa in mezzo in una cosa molto più grande di me.

Iena: E poi?

Perego: Sto male per tutte quelle persone che, fidandosi di me, mi hanno seguita in questo programma. Ora resteranno senza lavoro.

Iena: Raccontaci cosa ti è accaduto…

Perego: Sono disorientata, questa è la parola giusta. Ancora non me ne rendo conto di quello che sta accadendo.

Iena: Ti senti un capro espiatorio?

Perego: È tutto troppo. È tutto troppo surreale.

Iena: Cioè?

Perego: Cioè mi hanno messa in mezzo in una cosa che è molto più grande di me.

Iena: E come ti senti?

Perego: Sono disorientata, spaventata, non riesco a rendermene conto, vedo i giornali e mi sembra una cosa surreale, che non sta capitando a me.

Iena: Hai paura?

Perego: Non ho ancora metabolizzato, non riesco a capire bene che cos’è questa violenza contro di me.

Iena: L’hai vissuta come una violenza?

Perego: Una violenza terribile, brutta.

Iena: E perché a te?

Perego: Non me lo merito, io credo di essere una brava persona.

Iena: Sicuramente lo sei, ma le critiche sono al programma…

Perego: Ma la mia preoccupazione, credetemi, non è per me, è veramente per tutte quelle persone che lavorano con me. Pensa che guadagnano due lire ed ora veramente avranno problemi a pagare l’affitto, perché non è che gli stipendi Rai proprio ti permettono di navigare nell’oro.

Iena: Che idea ti sei fatta?

Perego: Che mi hanno messa in mezzo.

Iena: In che senso?

Perego: Che è qualcosa di molto più grande.

Iena: Spiegati meglio.

Perego: C’è gente che ha bestemmiato, hanno intervistato il figlio di Totò Riina facendogli l’altarino, abbiamo visto in televisione qualunque cosa. (Questo, ndr) era un gioco. È scoppiata la bomba, ma la bomba non c’è.

Iena: E perché qualcuno ha visto la bomba?

Perego: Hanno usato me come potevano usare forse qualcun altro. Forse è scomodo mio marito.

Iena: Tuo marito?

Perego: Può essere, forse ho un marito scomodo.

Iena: Ma perché questa necessità di trovare l’arma del delitto?

Perego: Ma sai non la stanno cercando l’arma del delitto, hanno già fatto la sentenza.

Iena: E qual è la sentenza?

Perego: Hanno chiuso il programma e io adesso credo che rescinderanno anche il mio contratto, ma questo non è un problema, cioè io non sono quella persona che stanno descrivendo e chi mi conosce lo sa.

Iena: Ti ha ferito passare per una sessista insensibile?

Perego: Sì, perché io non lo sono, ma veramente non lo sono. Non so… Poi non posso stare qui ad elencare i miei pregi o le cose che io ho fatto, ho anche 8 mila miliardi di difetti, però io non sono quella persona che oggi è descritta sui giornali.

Iena: Credi di esserti sbagliata?

Perego: Sì, può essere stata una pagina brutta, ma non… È incredibile perché dal niente è partita un’eco mostruosa su una cosa che non c’è, non esiste.

Iena: E che effetto fa?

Perego: È devastante.

Iena: Riuscirai a fare chiarezza su questa vicenda?

Perego: Ma non verrà mai fatta chiarezza. Ma come fanno a fare chiarezza?

Iena: Ci sarà un modo?

Perego: Gli argomenti in Rai vengono approvati prima di essere messi in onda.

Iena: Da chi?

Perego: Dal capostruttura, dal direttore di rete. Mi hanno approvato questo argomento e mi hanno cassato il femminicidio perché non volevano che ne parlassimo perché non era con la linea editoriale.

Iena: Beh, questa è un’accusa pesante…

Perego: Prima l’approvano e poi si scusano, di cosa? Ma di cosa? Ma di che stiamo parlando?

Iena: Ci puoi spiegare meglio?

Perego: Loro si sono dissociati da una cosa che avevano approvato e adesso fanno la figura di quelli che stanno salvando l’Italia da questo “mostro” che è sessista, che porta in televisione queste cose.

Iena: Ma tu ti senti in colpa?

Perego: Ti ci fanno sentire.

Iena: Perché?

Perego: Perché parte da una parola e poi tutti la ripetono e poi s’ingigantisce e ti portano a pensare “Ma che cosa ho sbagliato?”. Io l’ho rivisto tre volte quel pezzo: io ho difeso le donne come faccio sempre.

Iena: E allora qual è il reato?

Perego: Non c’è reato, non c’è il reato.

Iena: Ma molte persone si sono risentite.

Perego: Io ho letto molte motivazioni di donne che si sono risentite e sembra che parlino di un altro programma, non sono cose che abbiamo detto o fatto noi.

Iena: Ma questa slide ha fatto più casino di una donna nuda in copertina…

Perego: Sì, credo che ha fatto casino perché è l’unica cosa che hanno visto.

Iena: Ma cos’altro c’era da vedere?

Perego: Il programma, la discussione e cogliere il lato ironico della cosa.

Iena: Però non sembrava tanto ironico.

Perego: Forse perché mi è venuta male ché non sono tanto ironica io.

Iena: Il servizio pubblico può mandare in onda le chiacchiere da bar?

Perego: Assolutamente sì, perché è uno spaccato di vita.

Iena: Quella sulle donne dell’Est è stata una brutta pagina di TV?

Perego: Una pagina mediocre come tante altre.

Iena: Uno stupido gioco finito male?

Perego: Forse, sì.

Iena: Un botto che ha svegliato tutti quelli che dormono davanti alla TV?

Perego: Non credo che si siano svegliati.

Iena: Ma c’è qualcosa di cui ti vuoi scusare?

Perego: Sì, io mi vorrei scusare per la dichiarazione di Fabio Testi.

Iena: Alla fine di tutto lo hai ribaltato?

Perego: Ho chiesto di non invitarlo più.

Iena: Però la Boldrini dice che hai trattato la donna come un animale domestico….

Perego: Un peluche?

Iena: No, un animale domestico.

Perego: Quando la signora Boldrini ancora non era in politica e faceva televisione, io già lottavo per i diritti delle donne.

Iena: E ti pesa di più esser accusata di razzismo o sessismo?

Perego: Di sessismo, assolutamente di sessismo.

Iena: Perché?

Perego: Perché non lo sono, ma non solo non lo sono, perché porto avanti una battaglia da sempre, perché è uno dei miei principi base, la difesa dei diritti delle donne principalmente. Fa male.

Iena: Ti senti schiacciata contro un muro?

Perego: Assolutamente sì, e senza possibilità di difesa. Perché quando diventa una cosa virale in questa maniera, che fai? Infatti me ne sto zitta.

Iena: Perché la difesa non vale quanto l’accusa?

Perego: È sfuggita di mano questa cosa. In due giorni è crollato tutto come un castello di carta.

Iena: Alla luce del fatto che la TV è un po’ tutta “pecoreccia”, ipotizzi che qualcuno possa ridimensionare le sue accuse?

Perego: No, anche perché dalle posizioni che hanno preso, è molto difficile tornare indietro e poi sono dei codardi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Fabio Volo
FABIO VOLO A DM: TORNO A LE IENE DA VINCITORE


Lucio Presta, Paola Perego
Parliamone Sabato, Lucio Presta vs Gregorio Paolini: «Nessun chiarimento con me fino a quando non sarai leale con Paola Perego»


Stefano Accorsi
Stefano Accorsi: «In un certo senso con 1993 abbiamo fatto I Promessi Sposi del 2000. Mai incontrato Berlusconi ma ho sognato che era mio padre»


miriam leone 1993
Miriam Leone a DM: in 1993 mi spoglio, ma metto a nudo l’anima non il corpo – Video

28 Commenti dei lettori »

1. Enzo ha scritto:

22 marzo 2017 alle 22:53

Paola Perego torna a Mediaset. Può condurre Forum come faceva un tempo. Suo marito può



2. silvia ha scritto:

23 marzo 2017 alle 06:09

tranquilla perego,,,,,tuo marito ti troverà qualche altra trasmissione,,,non fare la vittima



3. EzioGra ha scritto:

23 marzo 2017 alle 09:05

Avrebbero dovuto piangere tutti quei professionisti che avendo fallito una volta sono stati fatti fuori… Nel suo caso mi sembra che è successo il fatto inverso, è stata promossa a fare peggio… Bah!!!



4. Luca ha scritto:

23 marzo 2017 alle 10:04

Brava Silvia
Chiarito il fatto che questa censura è odiosa,ma
questa signora ha imperversato in Rai e Mediaset negli ultimi 20 anni ,certamente non guadagnando solo noccioline
Spesso ha condotto trasmissioni senza conseguire risultati di audience rilevanti e nonostante questo lei e il marito hanno fatto sempre quello che hanno voluto
La ruota gira un po’ per tutti ,certamente con qualche anno di pausa non
li ritroveremo alla caritas e a dormire sotto un ponte
Dunque le vittime VERE lasciamole fare a quelli che hanno la casa pignorata e ai disoccupati



5. Tina ha scritto:

23 marzo 2017 alle 10:37

Speriamo di non vederla più in TV.



6. Mauro ha scritto:

23 marzo 2017 alle 11:24

Quanta cattiveria leggo dai vostri commenti. Io a parte in “La Talpa” non l’ho mai seguita, ma credo che qui sia solo una questione di correttezza e non di simpatia. Può stare antipatica, ma ciò non toglie che secondo me sia ingiusta tutta questa vicenda. A me spiace quando le persone non vengono trattate a modo. Quindi solidarietà a livello umano alla Perego. Pessimo “pezzo” di televisione, ma impossibile che vadano in onda cose che i dirigenti non abbiano approvato prima.



7. pappy ha scritto:

23 marzo 2017 alle 11:55

Mauro la penso esattamente come te.
Gente che gioisce per la chiusura di un programma, quando poi le maestranze ed i pesci piccoli perdono il lavoro…. Mah!



8. controcorrente ha scritto:

23 marzo 2017 alle 12:25

@Mauro e @pappy… non e’ questione di cattiveria.. e’ la normale reazione di un pubblico che negli ultimi 20 anni ha visto questa signora stare in tv e guadagnare miliardi.. mentre altre artiste venivano vergognosamente boicottate.. e poi per fare cosa.. campagna elettorale ad Alemanno.. vicenda trans di marrazzo.. trattata come vicenda di stato per 3 mesi.-. e tutto per gli interessi di affaristi e faccendieri a lei collegati o collegati al marito..per non parlare che dobbiamo al marito.. 17 anni di Clerici a mezzogiorno o continue imposizioni in Rai della Cuccarini.. come se ancora qualcuno pensasse che la Cuccarini piaccia ancora a qualcuno !!! CI PERMETTETE di dire .. che non ce ne frega proprio niente del suo “presunto” dolore.. col conto in banca milionario.. ???



9. Sandra ha scritto:

23 marzo 2017 alle 12:39

A me dispiace molto per la Perego. Io l’ho seguita e mi e’ piaciuta molto a Forum, alla Talpa e a Buona Domenica cento volte meglio della D’urso e la sua DomenicaLive.



10. Mauro ha scritto:

23 marzo 2017 alle 12:42

@controcorrente potete tutti fare e dire quello che volete, così come anche io posso… A me spiace vedere la gente in difficoltà in generale. Mi sembra cattiveria gratuita, ma è semplicemente una mia opinione. Nella vita io gioisco per le cose belle che succedono a me, non per le sventure degli altri. E aggiugno che se non mi piace un conduttore o un prgoramma non lo guardo, per fortuna c’è il telecomando… Anche per spegnere la tv, in caso.



11. beppe ha scritto:

23 marzo 2017 alle 12:44

Forse allora la colpa è a monte ,qualcuno in rai li ha lasciati fare per anni lei e il marito…diciamo che la Rai è sempre stata il regno dell’ambiguita’e degli intrighi politici e la causa non sono Presta e la Perego..la vicenda è stata gestita da schifo..le solite schifezze della politica italiana..io comunque trovo piu’ disgustoso dare spazio in continuazione a uno come Lemme..!!



12. Mauro ha scritto:

23 marzo 2017 alle 12:52

@controcorrente ed aggiungo anche del suo conto corrente non mi interessa proprio nulla. Beata lei! Non è bello subire ingiustizie o provare sofferenza solo per lla quantità di denaro che si possiede.



13. Nina ha scritto:

23 marzo 2017 alle 12:55

controcorrente: vicenda Marrazzo, non era grave? Un presidente di regione convolto con gente simile? Ma ti rendi conto?



14. Srich ha scritto:

23 marzo 2017 alle 13:03

Fa bene a difendersi in una storia gonfiata a livelli assurdi ed è furba a provare a spostare l’attenzione sul marito e sugli errori della Rai, però Paola le basi… Le lacrime artificiali, un pizzico sul braccio, pensa alla mamma di Bambi o a Cristian di C’è posta per te, qualsiasi cosa, ma il pianto senza lacrime solo se sei Guendalina Tavassi.



15. RoXy ha scritto:

23 marzo 2017 alle 13:18

Piange senza lacrime, e poi fa un sorrisone a 360 denti!
Era pessima come conduttrice, come attrice anche non avrà un futuro.

Tira in mezzo il suo caro maritino, avrebbero fatto fuori lei per dare un segnale a suo marito, ex candidato sindaco del PD simpatizzante del PD al punto da fare su twitter elogi sperticati a ministre e politici vari PD vicini all’ex reuccio di Rignano sull’Arno. Beh, molto credibile… ahahhhahaahhhaaa!

Una spiegazione a questa messa in scena è con questo coup de théâtre si sia fatta pubblicità in vista di un possibile passaggio a Mediaset.



16. gef ha scritto:

23 marzo 2017 alle 13:43

L’invidia degli utenti che commentano qui su dm fa rabbrividire…
L’INVIDIA NELLA VITA REALE CREDO CHE VI FACCIA FARE MOLTI DANNI.
Ha un conto in banca in verde più di noi .. è colpa sua?? Fa questo lavoro e come tanti e tante guadagna bene grazie al suo lavoro.
Non capisco perchè siate tutti contro la Perego.. ma nella vostra vita che danni irrimediabili vi ha fatto? Gioite per un nulla, per le disgrazie altrui, di gente che manco conoscete. Di gente che sì, ragazzi miei ( e soprattutto controcorrente) HA PERSO IL LAVORO. e non parlo solo della Signora Perego ma di tutte le maestranze , i tecnici e quant’altro che ci sono dietro ad un programma..
gente come voi, presa dall’invidia davvero andrebbe curata fate paura e terrore perchè siete disposto a tutto, alle cattiverie più assurde verbali ( e anche se spero di no) non verbali pur di gioire un attimo nelle vostre vite piatte.
Volete guadagnare quanto la Perego o la Clerici o altri? Provate a fare il loro lavoro, a sentire anche la responsabilità che un volto noto può avere per il suo staff.
Avete provato a fare questo mestiere ma non ci siete riusciti? Pazienza non tutti possono!!
Gli amministratori dovrebbero anche un po’ visionare i commenti che ci sono in giro sul sito, così come licenziano in tronco un loro collaboratore per un errore, siate severi anche con chi commenta!



17. Mauro ha scritto:

23 marzo 2017 alle 14:08

@gef sono d’accordissimo con te. Purtroppo il trend di questa epoca è proprio gioire per le disgrazie altrui ed invidiare chi ha più di te fino a provare odio forse.



18. Luca ha scritto:

23 marzo 2017 alle 18:14

@ gef
Arrivi tu a decidere quello che dobbiamo scrivere oppure preferisci leggere una pluralità di commenti ?
E poi , fai anche il maestrino con i gestori di questo blog dettando le regole ?
Forse faresti prima a fare un tuo blog così la finisci di fare commenti inutili e fuori luogo
La s.ra Perego ha spadroneggiato in televisione passando da Rai a Mediaset conducendo programmi quasi sempre di scarso successo e scarsa audience
La sua presenza in televisione è ritenuta dai più una cosa inspiegabile con i normali canoni di bravura
Come scrive Roxy più che alla sua bravura e doti di conduttrice televisiva deve ringraziare in grossa percentuale le qualità e bravura di suo marito



19. gef ha scritto:

23 marzo 2017 alle 18:47

Luca farò anche il maestrino ma vi inviterei a leggere i vostri commenti che riguardo all’inutilità beh, i miei se li fumano.
Detto questo se vi fa sta bene sfogare un po’ di rabbia repressa e i gestori acconsentono fate pure!! :)



20. Luca ha scritto:

23 marzo 2017 alle 18:52

@ gef
ma dove la vedi la rabbia ?
BAH !
Ripeto
Qui parliamo di una signora che guadagna milioni di euro all’anno e si lamenta e piange a secco perchè le chiudono un programma
Se permetti io la compassione ed umana pietà la rivolgo ad altre persone ,non certo ad una perego qualunque



21. gef ha scritto:

23 marzo 2017 alle 19:10

Torno a ripeterti, la signora svolge un lavoro per il quale è pagata in quel modo,come tutti i suoi colleghi ( facciamocene una ragione, non si può sempre dire per fare la tv vengono strapagati ecc.. è così quel mondo come il calcio e tanti altri settori funziona in quel modo). La signora è il volto, la faccia di quel programma, che ripeto, è fatto di tanti altri lavoratori, che mentre voi gioite perchè la signora(come la chiamate voi) ha perso il suo programma, loro come tanti italiani, dovranno vedere come mettere il pane a tavola, perchè di certo non hanno stipendi a 4 o 5 o 6 zeri.



22. Nimo ha scritto:

23 marzo 2017 alle 19:27

Della Perego non mi importa nulla (tra l’altro, invece di piagnucolare per essere ritenuta sessista, dovrebbe dire invece che queste menate sul “sessismo” sono assurde), ciò che mi spaventa è questa mentalità “boldrinica” per cui una qualsiasi sciocchezza può essere interpretata come un’offesa alle donne, e queste idiozie possono essere usate come pretesto per attaccare chiunque…



23. selene ha scritto:

23 marzo 2017 alle 20:43

ops….che peccato averti persa…..



24. Ivy ha scritto:

24 marzo 2017 alle 09:53

Ci pensava prima invece di far finta di piagnucolare davanti alle telecamere. Nessuno la obbligava a condurre quello spazio, poteva evitare di cadere così in basso.
E poi se il tema delle donne le fosse stato così a cuore si sarebbe vergognata a mandare in onda quella slide.
Almeno questi personaggi capiscono di non essere intoccabili così come si credono all’interno del loro ambiente… devono sempre rispondere al pubblico.



25. Ivy ha scritto:

24 marzo 2017 alle 10:00

@gef se trovassi un Lucio Presta qualunque anch’io potrei fare il suo lavoro.
E mi darebbero programmi come se piovesse anche se puntualmente facessi ascolti flop.
ps. scriviamo quello che ci pare, l’avvocato vai a farlo da un’altra parte.



26. pasquale ha scritto:

24 marzo 2017 alle 11:59

Caro Gef concordo pienamente con te.Leggendo certi commenti mi fanno solo schifo.Provo orrore x tutti questi signori che comunque gioiscono sulle disgrazie altrui di chiunque sia la persona in questione(a parte il discorso Perego).Giusto x esternare giudizi intrisi di odio,invidia e pura cattiveria.



27. Fra X ha scritto:

24 marzo 2017 alle 15:37

Gef, sono d’ accordo, ma non in questo caso o almeno in piccola parte. In generale invece si perché anche 10 anni fa leggevo cose su Bonolis, Fiorello… che veramente c’ era da preoccuparsi! Boh! Non ho mai capito quest’ “avversione” per attori e presentatori TV quando c’ è gente a caso (i politici) che hanno rovinato questo paese con la complicità di industriali senza scrupoli (che sono però quelli che danno lavoro)!
Comunque non mi pare che la Perego abbia fatto tanto la vittima.
Di discorsi frivoli e “leggeri” così se n’ erano sentiti tanti nel corso delle trasmissioni come “La vita in diretta”, “L’ Italia sul 2″… con io che a volte mi infastidivo pure per i soliti luoghi comuni.

“vicenda Marrazzo, non era grave? Un presidente di regione convolto con gente simile? Ma ti rendi conto?”

Già! Non per fare la solita tiritera, ma invece Berlusconi tra condanne, furti di case editrici, p…ane… ancora ce lo ritroviamo in prima linea! Un premier che dice che un mafioso è un eroe! Bleah! MISTERI D’ ITALIA! Anche una sola delle sue vicende avrebbe stroncato chiunque altro. Lui invece misteriosamente lo lasciano andare avanti. Mah!



28. Nina ha scritto:

24 marzo 2017 alle 17:52

Fra X: nel caso Marazzo ti ricordo ci furono due omicidi. Di Berlusconi sappiamo che è stato accanimento, quindi non venir qui a raccontare storielle.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.