21
gennaio

IL FESTIVAL SANREMO 2017 SUPERERA’ SICURAMENTE IL 50% DI SHARE. PAROLA DI FABRIZIO PISCOPO (RAI PUBBLICITA’)

Fabrizio Piscopo

Attenzione: il Festival di Sanremo 2017 supererà “sicuramente” il 50% di share. Parola di Fabrizio Piscopo. In un video pubblicato in rete, l’AD di Rai Pubblicità si è lasciato andare a considerazioni a dir poco entusiastiche in merito agli ascolti e alla raccolta pubblicitaria della 67ª edizione della kermesse. L’audience? Salirà a livelli storici, ha assicurato. E il fatturato dell’evento – ha aggiunto – avrà un “sicuro incremento“. Un crescendo di appassionate dichiarazioni che stridono con lo stile prudente preferito da Carlo Conti.

Quest’anno Sanremo sarà decisamente speciale. Per la prima volta, infatti, ci saranno due presentatori: uno è il grande Carlo Conti, l’altra è la De Filippi, che è stata acquisita all’ultimo secondo. Questo farà sì che l’audience finalmente supererà sicuramente il 50% di share, che sarebbe la prima volta in tutta la storia di Sanremo. Mai fino ad oggi è stato raggiunto questo tetto di share” ha affermato Fabrizio Piscopo in un video pubblicato sul suo canale YouTube.

L’AD di Rai Pubblicità dà per certo il superamento del 50% di share, specificando che mai tale dato era stato raggiunto a Sanremo. Ma non è così. Nella sua storia, la kermesse canora ha avuto edizioni con una media anche superiore al tetto indicato: tra il 1987 e il 2000 il dato d’ascolto ha sempre oltrepassato il 50% di share (in alcuni casi anche di molto, con le finali che superavano il 70%). Altri tempi, direte. Vero: ma anche nel 2002 e nel 2005 la fatidica soglia fu superata. E lo scorso anno ci si andò molto vicini (49,58%).

Piscopo ha poi precisato che il periodo del Festival quest’anno è stato leggermente anticipato e anche questo – ha aggiunto – “dovrebbe aiutare la crescita dell’audience, dato che le condizioni climatiche saranno peggiori di quelle dell’anno scorso. E quando il clima non è buono, l’audience sale“. Una considerazione che forse si sarebbe potuta evitare, se non altro per delicatezza, visto che proprio in queste ore ci sono zone d’Italia fortemente vessate dal maltempo, con ingenti danni a persone e strutture.

Allo stesso modo, l’AD di Rai Pubblicità si è lanciato senza freni in altre dichiarazioni in grado di lasciare un tantino stupiti in quanto precipitose.

Nel periodo di Sanremo – ha proseguitotutti i competitor non mandano in onda nulla di importante perché sanno che tanto non ci sarebbe competizione. Anche questo è un fatto storico sul quale cerchiamo di avvantaggiarci perché avremo praticamente una sorta di monopolio dell’audience in quella settimana. Direi che non ci sono ombre su questo Sanremo…

E, ovviamente, non potevano mancare riferimenti proprio alla raccolta pubblicitaria. La strategia di ingaggio degli sponsor – ha detto – porterà ad un “sicuro incremento della numerosità dei clienti e ad un sicuro incremento del fatturato” che è previsto intorno ai 25.500.000 di euro contro i 24.400.000 dello scorso anno. L’AD ha anche confermato l’esistenza di una trattativa per portare Demi Moore in Riviera.

Mancano più di 15 giorni al Festival di Sanremo 2017, ma Piscopo ha già iniziato a cantare. Che dite: troppo presto?



Articoli che potrebbero interessarti


Sanremo 2017
SANREMO 2017, LE NOVITA’ SULL’ANNUNCIO DEI BIG, GIALAPPA’S, DOPOFESTIVAL E STRISCIA QUOTIDIANA


Rai Pubblicità, Fabrizio Piscopo
RAI PUBBLICITA’ E SEAT: TRATTATIVE IN CORSO


Fabio Fazio
Che Tempo Che Fa: listini pubblicitari ritoccati al ribasso. Ecco i tariffari a confronto


Juventus-Real Madrid è la serata tv più vista della stagione
Ascolti TV, i più visti della stagione 2016/2017: Juventus, Sanremo e Montalbano senza rivali

8 Commenti dei lettori »

1. Fex ha scritto:

21 gennaio 2017 alle 12:51

Senza alcun tipo di concorrenza e con la mediaset che ti da il suo personaggio di punta è come segnare un gol a porta vuota……….



2. RoXy ha scritto:

21 gennaio 2017 alle 13:26

Quello che desidero maggiormente è che questo sia il Sanremo meno visto degli ultimi trent’anni, un flop clamoroso che sia paragonabile ad una sonora sberla in faccia da far perdere i sensi ai signori come il tizio in alto nella foto. Si potrebbe costituire un gruppo di telespettatori consapevoli ed intelligenti che si occupino di boicottare questo festival in tutti i modi. Sarebbe bellissimo, visto che ci sarà oltretutto il passaggio di consegne alla De Filippi, che sono anni che aspetta di prenderesi Sanremo (e non lo mollerà più). Ovviamente solo noi telespettatori possiamo fare la differenza, cambiando canale e boicottando questo festival che altro non sarà che la consacrazione del potere in stle mafioso della De Filippi sulla televisione italiana. Fermiamo questo scempio!



3. Tina ha scritto:

21 gennaio 2017 alle 14:08

Ripeto pari pari il commento di Fex.Roxy mangia meno veleno che ti fa male.Non vali nemmeno un pelo di Maria.



4. kalinda ha scritto:

21 gennaio 2017 alle 17:49

io non sarei così certa……….



5. controcorrente ha scritto:

21 gennaio 2017 alle 18:47

io invece quoto RoXy.. e soprattutto.. complimenti a questo AD della rai… ecco nelle mani di chi vien messa la tv pubblica.. uno che afferma che Sanremo non ha mai superato il 50% di share.. e’ pieno negli anni 80-90 e anche 2000 di serate al 58 quando anche al 65-66%..



6. Luna ha scritto:

21 gennaio 2017 alle 20:25

Io non guardero’ nemmeno un secondo Sanremo. La Rai adda muri’ !!!



7. alessandro ha scritto:

22 gennaio 2017 alle 11:08

E’ vero che Sanremo quest’anno ha il meglio per quanto riguarda i conduttori… ma io ricordo sempre il fallimentare Sanremo Bis di Fazio, inaspettato da tutti dopo un 2013 d’oro.



8. controcorrente ha scritto:

22 gennaio 2017 alle 11:54

ma poi come si fa a dar per certi dei dati.. prima che abbia tutto inizio.. oltretutto adducendo che GRAZIE al maltempo.. gli ascolti saranno piu’ alti.. poi chissenefrega di slavine-gente isolata dalla neve e senza elettricita’- morti e compagnia bella.. tanto il signore in questione i sui 10-15mila euro al mese se li intasca…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.