5
dicembre

CHALLENGE 4: LA SPERIMENTAZIONE ‘RASSICURANTE’ DI RAI4 CHE METTE IN SFIDA VECCHIA E NUOVA COMICITA’

challenge 4

Ema Stokholma, Matranga e Minafo '

La rinascita di Rai4 non si arresta. Come promesso mesi fa dal direttore di rete, Angelo Teodoli (qui la nostra intervista), in effetti pare che si sia deciso di investire davvero sulla quarta rete di mamma Rai, quella giovane e spesso trattata con sufficienza, liberandola dal circolo vizioso di repliche di serie tv e vuoti cosmici dal punto di vista creativo in cui rischiava di rimanere incastrata nel lungo periodo. Seguendo il trend della comicità avviato da Ah Ah Car, da questa sera alle 21.05 toccherà a Challenge 4 il compito di ravvivare la prima serata del canale 21 del digitale terrestre.

Una miscela tra cabaret vecchio stampo e comicità sfornata dal pazzo mondo del web, affidata ai registri della sfida tv e del confronto. Ogni puntata darà la possibilità ad oltre trenta comici in erba provenienti da tutta Italia di esibirsi e di confrontarsi con i video più cliccati e visualizzati sul web. Dalle premesse del programma si intuisce una precisa volontà di mandare in pensione la vecchia struttura dello show comico –quella alla Zelig per intenderci- e puntare su una comicità più fresca e live, in sintonia ed in linea con la velocità e la risata mordi e fuggi dei prodotti digitali.

Curiosa e giocata sull’idea del confronto diretto anche la concezione dello studio: Ema Stokholma, DJ e conduttrice radiofonica, gestirà parallelamente due differenti location, due palchi, sui quali si svolgerà la sfida. Ma l’animatrice di discoteche non sarà sola al timone di Challenge 4: al suo fianco i comici Matranga e Minafò, Marco Capretti, Santino Caravella. Che si sia pescato a piene mani dal cast di Made in Sud è un dato inconfutabile. Scegliere volti già noti al pubblico Rai per lanciare un prodotto giovane e nuovo può essere una scelta condivisibile, ma anche parecchio di comodo. Sperimentare, ma con prudenza.

Lanciare qualcosa di innovativo, ma decidere di farlo dandogli i nomi e le voci di comici che il pubblico riconosce e di cui si fida è decidere di essere coraggiosi, ma con la coperta di Linus a portata di mano. Fondamentale in Challenge 4 sarà il ruolo del web e di alcuni suoi fenomeni con parecchie visualizzazioni in curriculum (da Angelica Massera a Lilly Meraviglia passando per Michael Righini e Il Pancio). Tanto per ribadire il concetto della sperimentazione “rassicurante”, ci saranno anche Gigi e Ross, Sergio Friscia e Barty Colucci nel ruolo di opinionista, oltre che il comico Francesco Paolantoni come ospite d’eccezione.

Tra improvvisazioni, critiche e commenti spontanei alle esibizioni, si spera che non si tratti dell’ennesimo show minestrone che lascia a fine puntata quel senso di sazietà, ma non di soddisfazione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Pechino Express 2017 - Vincono le Clubber
Pechino Express 2017: vincono le Clubber


Angelo-Teodoli
Nomine Rai: Teodoli nuovo direttore di Rai1, Fabiano retrocesso a Rai2 al posto di Dallatana


I TheShow con il nostro Marco Leardi
DavideMaggio.it nella Social House dei TheShow. «Qui è molto più faticoso che a Pechino Express» – Video


TheShow - Social House
Social House: i TheShow si improvvisano restauratori sul web e su Rai 4

2 Commenti dei lettori »

1. Jo ha scritto:

9 dicembre 2016 alle 13:56

Mah. Non vedo novità. La cosiddetta “conduttrice”, l’ennesima straniera nella televisione italiana, non pare in grado di esprimersi in lingua italiana se non ha studiato quanto dire (ricorda la modella con vianello a Sanremo…), e non sembra nemmeno in grado di convincere qualcuno. Il “format”? Visto, trito, ritrito, rimasticato.
Perché? Mah



2. Rocco ha scritto:

12 dicembre 2016 alle 22:49

Scandaloso!!
Fanno piangere, non sono comici.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.