8
settembre

VERTIGO SPOSTATO IN SECONDA SERATA AL SABATO PER FLOP. MA PINO RINALDI LA PENSA DIVERSAMENTE: “RAI3 DIFENDE QUESTO PRODOTTO. NON SARÒ PIÙ AUTORE A CHI L’HA VISTO”

Pino Rinaldi

Ha debuttato in prima serata, non senza far discutere, e ora termina in seconda. Vertigo – Gli abissi dell’anima, il programma di Rai 3 ideato e condotto dal giornalista Giuseppe Rinaldi, cambia collocazione. Stando a quanto apprendiamo, infatti, l’ultima puntata della trasmissione -inizialmente fissata per il prime time di ieri – verrà trasmessa visti gli scarsi ascolti nella seconda serata di sabato prossimo, 10 settembre. 

Il conduttore Pino Rinaldi, tuttavia, non è esattamente dello stesso avviso e ritiene che la variazione in palinsesto fosse nell’ordine delle cose. Da noi interpellato, ci dice:

Questo è un programma che è stato lanciato in piena estate ed è stato messo in prima serata, ma in quel periodo – in pieno agosto – non è che il palinsesto avesse disponibilità di contro-programmazione. E’ stato sperimentato semplicemente. Il fatto che vada sabato? Non era previsto che un programma nuovo, fatto in una certa maniera, potesse affrontare i mercoledì di settembre, soprattutto il secondo. Una trasmissione che va ad agosto, sotto Olimpiadi, pensate che possa affrontare la battaglia dell’audience durante l’autunno? E poi c’è un particolare: Vertigo doveva chiudere il 31 di agosto ma è stato sospeso perché c’era il terremoto, per cui è logico che la rete difende questo prodotto e lo mette in seconda serata sabato“.

Nella puntata di Vertigo in onda sabato si parlerà di gioco d’azzardo, di posseduti e di potere, con un’intervista all’ex lobbista Luigi Bisignani e al capo di un’associazione massonica.

Nella prossima stagione, inoltre, il giornalista continuerà a collaborare con Chi l’ha visto? (di cui è storico inviato) ma non firmerà più il programma come autore. E’ stato lo stesso conduttore a spiegarcelo:

Io ho un contratto con la Rai, quest’anno non sarò autore di Chi l’ha visto? perché faccio altre cose. Fare l’autore per come lo intendevo io implicava una disponibilità h24. Probabilmente continuerò a collaborare con il programma facendo dei servizi“.

Secondo alcuni rumors, di recente ci sarebbero state delle frizioni tra il giornalista e la storica collega Federica Sciarelli. Rinaldi, tuttavia, non intende dar seguito a tali voci e sul punto diventa categorico: “quello che hanno scritto alcuni siti è il vero trash, qualcosa di lontanissimo dall’informazione“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Vertigo
VERTIGO – GLI ABISSI DELL’ANIMA: DAL 10 AGOSTO IN PRIMA SERATA SU RAI3 IL NUOVO PROGRAMMA DI GIUSEPPE RINALDI

2 Commenti dei lettori »

1. Luca ha scritto:

8 settembre 2016 alle 17:11

Rinaldi è un ottimo professionista ma ,secondo me,avrebbe dovuto rimanere nei ranghi della trasmissione Chi l’ha visto
Questo Vertigo è un programma terribile ,cercano di creare del pathos,ricavandolo da storie reali ,ricamandoci molto sopra e sfrucugliandoci
Ne ho visti 15 minuti mentre c’era la storia di uno che di giorno è uomo e di giorno si veste da donna
Embe?
E poi quando racconta ,un conto ,quando lavorava a Chi l’ha visto ,per 10 minuti si può pure ascoltare
ma per un’ora diventa insopportabile con quella voce e con quelle parole cadenzate



2. Gianluca ha scritto:

9 settembre 2016 alle 12:37

A me piace molto Rinaldi come giornalista, ma, questo programma, secondo me, è ai limiti del grottesco!
Invitare poi il solito Povia, che, per la ribalta e per creare scalpore, direbbe la qualsiasi…pessima mossa. Al di là di Povia, è proprio un programma inguardabile, sempre secondo il mio modesto parere.
Rinaldi è anche un bravo autore, e fa bene a tentare di avere programmi tutti suoi, li regge benissimo, ma deve cambiare genere.
Ne approfitterei per chiedere alla Bignardi di rilanciare Un giorno in pretura. Mi va bene anche la messa in onda a ora tarda, ma 40 minuti di durata è troppo poco!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.