16
maggio

MICHELE SANTORO VS CAMPO DALL’ORTO: LA SUA RAI? UN BLUFF. CONTA SOLO SUL RITORNO DI BONOLIS

Michele Santoro

La Rai di Antonio Campo Dall’Ortodal punto di vista culturale è una vera tragedia“. Non è cambiato Michele Santoro: anche lontano dalla tv, l’ex conduttore di Servizio Pubblico non ha perso l’abitudine di polemizzare con l’azienda di Viale Mazzini e con i sui vertici pro tempore. Stavolta, dal Salone del Libro di Torino, il giornalista si è scagliato contro la gestione dell’attuale DG, ritenuta espressione di un mancato cambiamento. Anzi, di un vero e proprio “bluff”.

La Rai è il primo vettore da cui si può capire seriamente di che segno è il riformismo di Renzi” ha affermato Santoro, aggiungendo che se questo cambiamento non si vede a Viale Mazzini, “vuol dire che è un bluff anche all’interno del resto del Paese“. Poi, una critica diretta al Direttore Generale del servizio pubblico, che di recente ha espresso le proprie idee per il futuro dell’azienda (confermando il suo interesse per Paolo Bonolis).

Mi indigna che Antonio Campo Dall’Orto si auguri soltanto di poter contare sul ritorno di Paolo Bonolis. Ma dopo dieci mesi passati a studiare i palinsesti, è possibile che sia giunto solo a questa determinazione? Dal punto di vista culturale è una vera tragedia. È tutto ciò accade perché ci sono degli impresari e dei produttori che controllano la produzione della tv di Stato” ha attaccato il giornalista, come riporta Il Fatto Quotidiano.

Quelle proposte da Santoro, tuttavia, sono soluzioni che di innovativo hanno davvero ben poco. Una tra tutti: riportare Daniele Luttazzi in Rai.

Dovrebbero chiamarlo e dirgli: ’sei in esilio da tanti anni, adesso però non rompere le scatole. Vuoi dire merda, merda, merda? Bene, lo dici una sola volta, ma vai in onda’. E invece no. Si apre ancora una volta la strada della Rai quelli che devono dire che tutto va bene“.

Sull’argomento, Santoro si infervora come sempre e la sua critica è ad ampio raggio. A Torino, il giornalista ha anche bacchettato così: “la Rai spende centinaia di milioni di euro ma continua a produrre fiction sui santi e Don Matteo“. L’ex conduttore di Servizio Pubblico ha quindi unito la propria invettiva televisiva a quella politica, rivolta a Renzi.

Questa polemica dei talk scomodi nasconde il fatto che il Governo ha il sostanziale monopolio dell’attenzione dei telegiornali, quindi enfatizzare un nemico nei talk vuol dire far dimenticare che c’è questo strapotere nei tg” ha concluso il conduttore.

Nei mesi scorsi, Santoro aveva denunciato l’interruzione dei propri contatti con la Rai dopo l’arrivo di Campo Dall’Orto. Che il giornalista, al di là di alcune considerazioni stimolanti, abbia ancora il dente avvelenato?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Michele Santoro
MICHELE SANTORO: LA RAI DI RENZI E CAMPO DALL’ORTO HA CHIUSO IL DIALOGO CON ME. E’ PEGGIO PER CERTI VERSI DI QUANDO C’ERA BERLUSCONI


Antonio Campo Dall'Orto
Rai, il CdA boccia il piano informazione di Campo Dall’Orto. Vota contro anche Monica Maggioni


Michele Santoro
Rai 2, palinsesti estate 2017: insieme ai Mondiali di Atletica e Nuoto arrivano le unioni civili con Adesso Sì e due serate con Michele Santoro


Fabio Fazio
Fabio Fazio si mette su piazza: «Non posso rimanere in Rai se vengo considerato un costo e non un valore». Non gli basta essere già tra i più pagati?

4 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

16 maggio 2016 alle 15:52

Purtroppo non c’è più un Berlusconi per gridare “al lupo, al lupo!”, e non ti si fila più nessuno.



2. Luca ha scritto:

16 maggio 2016 alle 16:56

ahahaha
e’ verissimo
Ma in generale tutti i talk politici sono in crisi
Ora parlano di cibi biologici per cercare di rialzare un po’ gli ascolti
…….



3. xxxxx ha scritto:

16 maggio 2016 alle 20:18

Su Daniele Luttazzi ha ragione. Su Don Matteo e i santi non sono totalmente d’accordo: tali fiction, hanno sempre un grandissimo successo, quindi non si può dire che i soldi spesi per esse siano esattamente sprecati…



4. Nina ha scritto:

17 maggio 2016 alle 10:39

Ma c’è qualcuno a cui manca Daniele Luttazzi?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.