6
maggio

CIAO DARWIN 7: PAOLO BONOLIS DENUNCIATO PER MALTRATTAMENTO DI ANIMALI

Ciao Darwin 7 - Prova di coraggio

La prova di coraggio della settima puntata di Ciao Darwin 7 – La Resurrezione, in onda venerdì 29 aprile, aveva sì fatto impazzire i social, ma il motivo stava tutto nelle urla e nella goffaggine delle due donne che si erano prestate ad affrontarla. In realtà quella prova – durante la quale Giovani e Mature dovevano recuperare gioielli da teche piene di bestioline esotiche – è valsa alla trasmissione e al conduttore Paolo Bonolis una denuncia per maltrattamento di animali, da parte del movimento Centopercentoanimalisti.

Martedì 3 maggio, come riportato sul sito internet dell’associazione no profit, il rappresentante del movimento Centopercentoanimalisti Paolo Mocavero avrebbe denunciato “Paolo Bonolis ed eventuali responsabili (concorrenti comprese) di Ciao Darwin per aver violato la legge sugli Animali protetti e causato evidenti maltrattamenti agli Animali”. Continua la nota: “Oltre a Topi, Serpenti, Rospi, Cavallette, tra gli Animali (si notino le maiuscole, ndDM) messi alla gogna dal programma indegno del nome che porta, troviamo anche i Pipistrelli. Forse Bonolis e compari non sanno che i Pipistrelli sono animali selvatici e sono protetti dalla legge (già dal 1939) pertanto è illegale catturarli o detenerli, nonché disturbarli!”.

Nel dettaglio, durante la prova, in studio erano state portate delle teche ognuna contenente diversi esemplari di questi animali. Le donne dovevano recuperare uno alla volta dei gioielli nascosti in questi contenitori, entrandoci con buona parte del loro corpo. Ma la cosa non è andata giù a tutti. Si legge, sempre sul sito di Centopercentoanimalisti: “Dovranno soprattutto spiegare, non solo agli inquirenti, anche agli organi del CITES (informati da noi) come hanno reperito i Pipistrelli, ma soprattutto, come hanno potuto infischiarsene della legge con tale spudoratezza rinchiudendoli in una teca in balia di concorrenti isteriche! [...]Per non parlare che determinate specie di Animali (non solo i Pipistrelli) hanno bisogno di controlli rigidi da parte dei Veterinari preposti, siamo ansiosi di conoscere i nomi di questi signori che hanno rilasciato tali autorizzazioni, ammesso che esistano!”.

Le prove di coraggio di Ciao Darwin hanno spesso per protagonisti gli animali. In questa edizione, ad esempio, aveva già fatto discutere la gara in cui i concorrenti dovevano accettare  – dovutamente protetti – di farsi mordere da due cani (addestrati).



Articoli che potrebbero interessarti


Ciao Darwin 7 - La Risurrezione
CIAO DARWIN 7: STASERA LA QUARTA PUNTATA. CI SARA’ ANCHE TINA CIPOLLARI


Ciao Darwin 7 La Resurrezione
CIAO DARWIN 7: STASERA SI SFIDANO I BELLI E I BRUTTI


Madre Natura (prima puntata) 5
CIAO DARWIN 7: LA RESURREZIONE E’ COMPIUTA


Ciao Darwin 7 - Paolo Bonolis e Luca Laurenti
CIAO DARWIN 7 STASERA AL VIA. NELLA PRIMA PUNTATA ORIETTA BERTI (PER I NORMALI) VS REBECCA DEL GF (PER I DIVERSI)

28 Commenti dei lettori »

1. xxxxx ha scritto:

6 maggio 2016 alle 17:12

Non penso che in TV sia ammissibile fare cose illegali. Se lo hanno fatto, è sicuramente perché non lo sapevano: non credo che gli autori della trasmissione facciano di tutto (anche violare la legge) pur di fare una prova di coraggio. Ad ogni modo, questi animalisti hanno davvero scartavetrato i cosiddetti. Sembra che per loro l’essere umano non conti nulla.



2. nicola83 ha scritto:

6 maggio 2016 alle 17:53

Io sono d’accordo con gli animalisti… non ha senso disturbare in questo modo gli animali solo per un gioco tv…



3. BohBeh ha scritto:

6 maggio 2016 alle 18:03

che strano, la denuncia non è stata fatta da quel “troll” di Lorenzo Croce stavolta.



4. MAX ha scritto:

6 maggio 2016 alle 18:07

Nicola83
Ok allora togliamoli pure dal circo… E’un gioco pure quello!



5. Jake Brown ha scritto:

6 maggio 2016 alle 18:30

Ok c’è una legge per la protezione dei pipistrelli ma loro gli animalisti così tanto convinti di seguire la legge è così tanto incalliti dal volerla fare rispettare hanno forse dimenticato che è possibile denunciare per diffamazione o per comunque un’offesa ricevuta?!Andava benissimo dire che” i pipistrelli devono essere protetti e loro invece li hanno lasciati a delle concorrenti agitate “..isteriche è un aggettivo col quale offendendo che potrebbe vedere partire una denuncia per diffamazione.Può sembrare una stupidata ma anche questo è diffamare



6. Jake Brown ha scritto:

6 maggio 2016 alle 18:34

E così incalliti* e non è cosi
Offendono* non offendendo



7. SaraLurker ha scritto:

6 maggio 2016 alle 18:45

Cosa c’è che non va nell’uso delle Maiuscole?



8. IvY ha scritto:

6 maggio 2016 alle 21:04

A volte scassano proprio le scatole sti animalisti.. anch’io mi definisco tale, però non ho visto maltrattamenti nel programma, daje, i maltrattamenti sono ben altri!
Allora chiudiamo striscia perché ha il cane, Cronache animali perché gli animali in studio si spaventano, non facciamo più le fiction perché ci sono gli animali… e che pesantezza!!!



9. Giovannil ha scritto:

6 maggio 2016 alle 21:07

Già solo l’uso delle maiuscole per gli animali parla da solo. In ogni caso, se hanno violato la legge è giusto che paghino, ma penso che prima di fare certe cose in televisione ci pensino sopra un po’ di volte, mi sembra assurdo che se ne freghino di autorizzazioni e cose simili (conoscendo anche quanto integralisti e rompiscatole – per non dire altro – siano certi animalisti). E comunque secondo me il maltrattamento è una cosa un po’ diversa, anche perché credo che quella legge riguardi un’altra questione, magari gli animali sono stati trattati con i guanti. E poi quante storie, stiamo pur sempre parlando di animali.



10. SaraLurker ha scritto:

6 maggio 2016 alle 21:13

Nel caso dei Pipistrelli stiamo parlando di una razza protetta.
In ogni modo continuo a non capire perchè non si debbano usare le maiuscole quando di parla di Animali.



11. Giovannil ha scritto:

6 maggio 2016 alle 21:38

Innanzitutto è grammaticalmente scorretto, non stiamo parlando in tedesco. Ma qui la questione è un’altra, l’uso delle maiuscole è solo uno dei sintomi di un’idolatrazione nei confronti degli animali spesso accompagnata da una certa misantropia. Secondo me c’è un limite a tutto. Se è stata veramente violata la legge, è sacrosanto che quelle persone abbiano sporto denuncia. Tuttavia non si sono limitati a quello, hanno persino dato delle “isteriche” alle concorrenti. Insomma, certi commenti sono estremamente fuori luogo. Poi ribadisco che non credo abbiano certo voluto far del male volontariamente agli animali, probabilmente la loro è stata solo una disattenzione.



12. Giovannil ha scritto:

6 maggio 2016 alle 22:37

Bah, non credo proprio sia questione di mettere in evidenza i nomi, è proprio una questione di elevazione delle specie animali. L’utilizzo della maiuscola è nobilitante (spesso si dice “con la … maiuscola”), non evidenziante. Nel commento si leggono espressioni come “mettere alla gogna”, ” programma indegno”, “concorrenti isteriche”, ecc. Ribadisco, denunciare i maltrattamenti degli animali è un dovere, ma questo è accanimento. Negli anni siamo stati abituati agli estremismi di animalisti, vegani, ecc. quindi non vedo dove sia la novità. Se fossi stato a conoscenza di quella legge, mi sarei anche io perlomeno lamentato, ma qui comunque non si tratta di maltrattamento, perché credo sarebbe stato evidente a molti, bensì di un aspetto più legale, e oltretutto a mio avviso di una leggerezza non voluta, non credo sia nelle intenzioni di nessuno in quel programma fare del male a degli animali, e oltretutto, come hai giustamente detto, va anche a vantaggio loro, per evitare di commettere errori simili in futuro. E non vedo perché il fatto che siano pur sempre degli animali sia inaccettabile, è la verità, trattarli come degli esseri umani se non di più mi sembra eccessivo. Gli animali vanno e devono essere rispettati e tutelati, ma qui non ci sta limitando a quello. Sarebbe bene fare una distinzione tra le due cose, perché penso che a tutti stia a cuore il benessere degli animali.



13. SaraLurker ha scritto:

6 maggio 2016 alle 22:52

@Giovannil, è solo nell’occhio di chi guarda. Tu vedi un’esaltazione delle specie, io ne vedo un semplice mettere in evidenza dei nomi in una lista. Lo facciamo di continuo tutti. La malizia stà nell’occhio di chi guarda.
A me non piacciono gli accanimenti di nessun tipo, nè da una parte, nè dall’altra. L’accanirsi contro gli animali non è una novità. Siamo stati abiutati negli anni a cose terribili contro gli animali, dalle lotte clandestine tra cani in poi. Il discorso va fatto in ambedue i versi.
Io penso sie evitabile usare le specie protette per scopi del genere. Giochetti insulsi televisivi. Anche poco furbo da parte di una produzione.
“Sono pur sempre degli animali”, ti ripeto è inaccettabile. Trattarli o meno come degli esseri umani dipende dalla sensibilità di ognuno, considerarli inferiori e quindi passabili di ogni cosa, “tanto sono animali” è inaccettabile.
Per il resto mi pare la pensiamo nello stesso modo.



14. Giovannil ha scritto:

6 maggio 2016 alle 23:09

No, ti assicuro che la questione è meno soggettiva di quel che sembra, io, tra le varie cose, ho studiato anche tecniche di comunicazione scritta, perciò so che basta veramente poco per mandare un certo messaggio piuttosto che un altro, e qui è poco fraintendibile. Penso che dove abbiano pubblicato la notizia potessero formattare il testo, perciò se il loro intento fosse stato veramente quello avrebbero utilizzato un grassetto o un sottolineato. Quello che io ho criticato è la poca serietà di questa associazione, perché passare dalla ragione al torto è un attimo, se si esagera si può anche essere denunciati per diffamazione.
Poi, secondo me elevare troppo gli animali a un grado che per natura non appartiene loro è anche controproducente nei loro confronti. Gli estremismi non fanno bene a nessuno, prima di tutto agli animali stessi. Quando dico che sono animali, non sto nè dando nè togliendo loro nulla, ma sono in linea con la filosofia “in medio stat virtus”.



15. totino ha scritto:

7 maggio 2016 alle 01:00

Bisogna rispettare gli animali selvatici ed anche quelli allevati .



16. Giovannil ha scritto:

7 maggio 2016 alle 01:10

Mi spiace ma forse hai frainteso un paio di cose. Quindi cercherò di spiegarmi meglio. Quello che hanno fatto a Ciao Darwin è illegale? Forse, non conosco la legge a cui si riferiscono. Hanno fatto bene a denunciarli? Se per loro hanno effettivamente infranto la legge, sì, ma sarà la legge a decidere, chiaramente. Il problema è che non si sono limitati a questo. Non sono stati seri nei loro commenti, ma hanno usati termini impropri e chiaramente dispregiativi, quando molto probabilmente anche un’effettiva infrazione della legge non è stata fatta volontariamente o con l’espressa volontà di far del male agli animali (anche perché non credo che la presenza dei pipistrelli fosse strettamente necessaria, perciò di certo non avrebbero rischiato di incorrere in un illecito, sapendo in precedenza ciò a cui sarebbero andati incontro).
Poi quando dico che sono solo animali, sto dicendo che devono essere trattati come tali. L’uomo è “fatto per natura” (in greco esiste proprio un termine appropriato che purtroppo in italiano non abbiamo, quindi faccio una specie di traduzione) per vivere in armonia con gli animali. Un’eccessiva umanizzazione è dannosa per gli animali stessi, in svariati modi. Non voglio affatto sminuirli o dire che è lecito maltrattarli, non fraintendiamo! Sono il prino che si indigna quando vedo animali maltrattati; per esempio quando ho visto a Le Iene quello che fanno alle Faroe Island a quei poveri animali sono rimasto sconcertato; ma secondo me è sbagliato anche fare l’esatto opposto. In ogni caso non ho bisogno della tua accettazione, anche perché non ho detto nulla di male, e spero di aver fugato ogni dubbio a riguardo. :)
Infine, io non ho mai fatto in vita mia un elenco mettendo la maiuscola a parole comuni, e tantomeno l’ho mai visto fare. Semmai ho visto mettere tutta la parola in maiuscolo, anche se la cosa più comune e consigliata è o sottolinearla o metterla in grassetto, qualora questo fosse possibile. In questo caso oltretutto sono stati messi con la maiuscola solo i nomi degli animali (con l’eccezione dei veterinari). Se l’intento fosse stato veramente quello dell’evidenziarli, non avrebbe avuto senso evidenziarli tutti, ma solo alcuni, in particolar modo i pipistrelli, visto che sono al centro dell’attenzione, e sarebbero anche stati evidenziati altri termini al di fuori di quelli degli animali. Al contrario l’utilizzo della maiuscola per termini comuni è usata nella maggioranza dei casi per altri motivi, soprattutto per nobilitare o divinizzare (pensiamo ad Amore e Psiche, ma anche a concetti astratti che diventano divinità come la Povertà, la Ricchezza, ecc., o anche concreti come la Terra, il Cielo, ecc.) o per altri scopi (se scriviamo una favola magari chiamiamo le specie animali con la maiuscola come se fossero un popolo). Non dico che li vogliano “divinizzare”, però certamente c’è un eccesso che non condivido affatto. Contiamo poi il fatto che vengono usati termini con il chiaro intento dispregiativo; oltre a quelli che ho già citato prima aggiungo “compari”, ” spudoratezza”, “infischiarsene”. Fare due più due è quindi abbastanza logico, e a quanto pare non sono stato l’unico. Poi io ho dato un’occhiata al sito, per quel che ho visto il grassetto lo usano benissimo per evidenziare i concetti importanti (non ha quindi senso usare le maiuscole per quello stesso scopo), e le maiuscole le ho viste solo in quell’articolo. Non so se siano persone diverse a scrivere gli articoli, non entro nel merito, ma utilizzare entrambi i metodi nello stesso articolo per evidenziare i concetti è perlomeno ridondante. Quindi ti assicuro che un significato quelle maiuscole ce l’hanno, altrimenti non c’era ragione (volontaria o persino parzialmente involontaria, perché no?) di metterle. E non serve essere un esperto di comunicazione, anche perchè nemmeno io lo sono.
Passare quindi dalla ragione (presunta per il momento) al torto è veramente un attimo, e di certo la loro mossa non è stata la migliore. Insomma, in questo modo infangano anche la loro categoria, quando comunque di cose utili ne fanno (non sempre però, purtroppo; parlo comunque in generale).
Poi se tutto ciò serve a evitare che gli animali vengano maltrattati, anche in TV, ma non solo, ben venga, ma in questi termini personalmente non vedo tutta questa utilità, anzi, forse persino un effetto opposto. Risiede tutto nel modo di porsi.



17. BohBeh ha scritto:

7 maggio 2016 alle 01:32

hahaha le maiuscole per definire le specie nei discorsi di tutti i giorni… io al massimo le uso per definire le razze, tipo, che so “Cocker” e “Golden Retriever”! i problemi del primo mondo proprio!



18. SaraLurker ha scritto:

7 maggio 2016 alle 02:17

@Giovannino, sai che facciamo? Tagliamo la testa al toro. Andiamo a commentare sotto quell’articolo e chiediamogli perchè maiuscolano Topi, Rospi e Pipistrelli. Se lo fanno perchè sono degli strani adoratori idolatri di specie selvatiche e roditori, Specie Superiori, o se sono fanatici Minions delle Maiuscole. Così capiamo di che cosa dobbiamo accusarli, se di essere invasati o solo interpreti della grammatica. :-) O se sono mandatari di messaggi subliminali ed esperti di comunicazione. :-)
Ed aspettiamo nel frattempo una riposta intelligente di Bonolis che rimandi al mittente ogni tipo di illazione.



19. Giovannil ha scritto:

7 maggio 2016 alle 11:52

No, guarda, tanto io continuo a rimanere della mia idea. E oltretutto continui a fraintendere quello che ho detto.
Le maiuscole io non le ho mai viste usare per evidenziare un concetto, MAI, né sui social, né in slide di professori universitari e non, né in testi scolastici, né in testi di altro tipo pubblicati, né in commenti sui blog. Sono giovane anche io, quindi dovrei saperlo bene. Si usa soprattutto il grassetto, ma volendo anche un altro colore o il sottolineato. Il fatto che tu stia usando adesso le maiuscolo è solo per dimostrare la tua tesi. Capisco benissimo a cosa secondo te servano, ma sono certo che non sia così. Oltretutto quello delle maiuscole è solo un elemento in più, perché anche se non ci fossero state si sarebbe comunque capito il tono del commento.
Quelle parole non sono offensive, ma ho detto e ripetuto che un’associazione seria si sarebbe dovuta limitare a denunciare il fatto e semmai parlarne sul proprio sito, senza denigrare o dare per acquisito di avere ragione, perché può darsi pure che si siano sbagliati.
Infine, se tu pensi che io abbia voluto sminuire gli animali, sbagli, perché io ho voluto sminuire l’immagine troppo elevata, a mio avviso, (e non “divinizzata”) che quegli animalisti hanno, anche tramite l’uso stesso delle maiuscole. Non è affatto una frase infelice, sei tu a pensarla così, io sono assolutamente conscio di quello che scrivo, è una tua interpretazione sbagliata, in gergo tecnico si chiama connotazione. Poi ho comunque detto che in altri articoli di quel sito non c’è questa prassi, quindi mi è comunque sembrata un’anomalia. Ma forse sono più persone a scrivere, questo non lo so sinceramente.



20. Giovannil ha scritto:

7 maggio 2016 alle 11:54

Comunque ho capito che la tua era una battuta, altrimenti non avrei messo l’emoticon! :)



21. FedEx ha scritto:

7 maggio 2016 alle 13:47

Bah che ridicoli, non so chi sia peggio tra questi e il Moige…
Mettono la maiuscola agli animali e poi offendono l’uomo.



22. Giovanna ha scritto:

7 maggio 2016 alle 15:36

Con quale diritto si possono prendere degli animali e metterli in delle teche dove tra l’altro non hanno spazio? Questi signori compreso bonplis e il programma devono capire che nonostante tutti i soldi e il potere che hanno c’e un limite. concorrenti isteriche, delle galline che non hanno pensato solo un istante ad usare il cervello e capire quanto fosse sbagliato. Io disprezzo la superficialita di queste persone in quanto non hanno fatto altro che molestare animali tra l’altro protetti



23. Giovannil ha scritto:

7 maggio 2016 alle 19:43

Allora, innanzitutto quando dico che fraintendi non sto dicendo che non capisci quello che scrivo, ma che capisci una cosa diversa. Nel momento in cui io scrivo, so cosa voglio dire, e dai tuoi commenti leggo che hai capito una cosa differente (poi posso pure aver io frainteso, e quindi entriamo in un circolo vizioso! :)). Se ho ripetuto più volte le stesse cose è perché magari sono io che non mi sono spiegato bene.
Io avevo già notato la stranezza delle maiuscole già qualche istante prima di leggere il commento di Rossi tra parentesi, e mi era parso perlomeno buffo, strano.
Comunque, proprio a proposito del fraintendimento, forse ho capito dove sta l’arcano, e l’ho capito proprio quando hai citato i siti di ricette: l’utilizzo delle maiuscole è accettato nei punti elenco (o pseudo-tali, magari non c’è il punto fisico, ma si tratta di una tabella o cose simili, come ho constatato guardando un po’ di siti di ricette, visto che li citavi), ma qui non si tratta di quello! Oltretutto pure nei punti elenco solo una parte di quei siti che ho guardato usano le maiuscole (molti altri come il sito de La Cucina Italiana, non lo fanno neppure in quei casi).
E comunque, non so più come dirlo, la questione delle maiuscole è solo forse la parte minima, perché il tono dell’articolo, ovvero proprio la cosa che io ho criticato, è assolutamente indipendente da esse! Quindi me ne frega relativamente poco, ma è tutto partito da lì perché tu avevi posto una domanda a cui ho voluto rispondere, anche perché in un certo qual senso ero stato tirato in causa.
Per quanto riguarda la frase che ho detto, forse era poco contestualizzata nel discorso per essere compresa appieno, e quindi poteva essere fraintesa, ma tu non mi hai dimostrato il contrario inizialmente, quindi io mi sono sentito in “dovere” di spiegarmi meglio. Forse altri l’avrebbero comunque compresa. Definirla “infelice” è comunque inappropriato, perchè dava a intendere che tu avessi capito una cosa diversa e che quindi ne fossi, giustamente, in disaccordo.
P.S. gli esaltati di carote, patate, ecc. esistono e Crozza ne fa una divertentissima parodia! :)



24. SaraLurker ha scritto:

7 maggio 2016 alle 20:54

@Giovannino, ho capito che vuoi avere ragione, ma no, lo fanno i siti di Cinema, lo fanno i siti di Fumetti, lo fanno un sacco di persone sul web.
E’ un modo come un altro per Evidenziare.
Io non fraintendo e non lascio fraintendere. Scrivo chiaro.
E sempre resto, dopo 5 volte, dell’idea che quella frase fosse infelice. Comunicazione errata nonostante le tue intenzioni.
Che poi guarda guarda è quello che molto probabilmente fanno anche quelli che scrivono in quel sito.
E come ti ho detto sei un Nazista delle Maiuscole, visto che è la prima cosa che hai notato in quell’articolo :-)
Al posto di Carote, Patate, Pomodori, mettici Latte, Formaggio, Carne, Brodo, Sale, Zucchero, Pasta. Così non tiriamo in ballo anche i Vegani. V Maiuscola!!!
Nel frattempo i poveri Pipistrelli aspettano una risposta!



25. Giovannil ha scritto:

7 maggio 2016 alle 21:13

Tanto ormai ho perso le speranze, hai persino frainteso la battuta che ho fatto alla fine!
Più che dirti che ho guardato decine di siti di ricette prima di scriverlo, se è necessario te li cito anche, e che sono disposto anche a guardare quelli di cinema e di fumetti come dici tu (ma sappi che i titoli non valgono, quelli vanno per forza in maiuscolo) non so cosa fare. Poi tu parli di elenchi se non sbaglio, ma guarda che “Animali non mi risulta essere in un elenco.
Una cosa come la seguente è corretta, ma non è assolutamente paragonabile a quella dell’articolo (la invento sul momento, perché non riesco più a trovare il sito dove ho letto una cosa simile):
“100 g di miglio
Olio
Sale
Un pizzico di pepe”
Se noti infatti solo l’iniziale della riga è in maiuscolo per sopperire alla mancanza di un elenco puntato, il resto è in minuscolo.
Oltretutto tra tutte le persone che hanno commentato, la maggior parte hanno notato le maiuscole, sono anche loro dei Nazisti delle Maiuscole? Lo è anche lo stesso Rossi? Dai, per cortesia.
Ribadisco che tu hai chiesto perché l’uso delle maiuscole fosse particolare, e io ti ho risposto, anche perché ti ripeto che l’uso che tu citi non l’ho mai visto, eppure non è non leggo i blog, i social, ecc. quindi perlomeno ero incuriosito. E ti ripeto anche che se pure uno che scrive su un blog come Rossi e che quindi sa il fatto suo in materia l’ha trovato strano, allora forse il problema non sono io, ti pare?
Infine, non credo proprio che quella di chi ha scritto l’articolo sia comunicazione errata, non lo credo proprio.



26. Giovannil ha scritto:

7 maggio 2016 alle 21:17

E comunque la prima cosa che ho notato è stata “evidenti maltrattamenti”, quando a me invece era sembrato che non stessero poi così male, ma appunto io non sono un esperto quindi ho proseguito nella lettura.



27. Giovannil ha scritto:

8 maggio 2016 alle 19:38

Ma guarda che non ho assolutamente mai messo in dubbio la tua intelligenza, ho già scritto che il fraintendimento è semplicemente capire un’altra cosa, capita a tutti, e tutti i giorni, e per evitare di essere il problema ho preferito spiegare più volte e in maniera diversa alcuni punti cruciali.
Comunque non puoi sapere se le altre persone che come me hanno notato le maiuscole, le avessero notate prima o dopo aver letto il commento di Rossi (il quale secondo te ci ha messo malizia, secondo me invece no, ha semplicemente trovato strano questo utilizzo, come me per altro, e avrei tratto le medesime conclusioni anche senza quel commento).
Poi io non potevo sapere a chi ti rivolgessi per le maiuscole (e ho capito benissimo che tu fossi e sei ancora convinta di un certo utilizzo delle maiuscole, che secondo me non è quello che dici tu, ma rispetto assolutamente la tua opinione) quindi siccome ne avevo parlato anche io ti ho risposto dando la mia interpretazione. Ma questo penso l’avessi già capito.
Poi io intendevo esattamente quello che ho detto con quella frase, e te l’ho spiegato meglio dopo. Il tuo fraintendimento è secondo me dovuto alla poca contestualizzazione di quella frase nel mio commento e al fatto che avevo usato un tono chiaramente polemico. Poi ripeto, tu l’hai intesa così, ma non puoi pretendere che anche gli altri lo facciano, perché stai oggettivizzando il fatto che sia infelice ed esempio di comunicazione errata, quando, lo ribadisco, è solo una tua rispettabilissisma opinione. Magari altri, alla prima lettura, capiscono già benissimo quello che voglio dire. Ma credimi che qualsiasi frase può essere interpretata in vari modi, se lo si vuole, e si può vedere la malizia anche dove magari la malizia non c’è.
Infine, ti ripeto che ho guardato decine e decine di siti per essere sicuro e non ho trovato quell’uso delle maiuscole. Non metto affatto in dubbio che tu ne abbia visto degli esempi, ma evidentemente essi ne costituiscono una bassissima percentuale, e pertanto anche la probabilità che l’uso delle maiuscole in quell’articolo sia quello che dici tu è molto molto bassa. Tanto che lo stesso Rossi l’ha notato, e ti ripeto che non penso che Rossi non abbia alcuna esperienza in merito, certamente ne ha più di me. E per me Rossi non ha affatto spostato il problema, perché a me sono arrivati entrambi i messaggi principali che dovevano arrivare: da una parte il fatto che forse è stata infranta una legge, e per questo dei poveri animali hanno sofferto (ma ripeto che questo lo stabilirà chi di dovere, giustamente), dall’altra il tono per me inaccettabile con cui quell’associazione ha scritto l’articolo, quando doveva limitarsi, se voleva, a spiegare le ragioni che l’avevano portata a sporgere denuncia, e sicuramente in quel caso le avrei dato totalmente ragione.
Poi, io ho già detto tutto quello che potevo dire, non penso di poter apportare ulteriori contributi a questa conversazione, mi premeva solamente chiarire determinate cose che secondo me avevi frainteso.



28. SaraLurker ha scritto:

8 maggio 2016 alle 21:25

@Giovannil hai chiarito e richiarito gli stessi punti infinite volte. Senza aggiungere nulla di nuovo. Sei convinto di cose che non sono. E sei molto testardo :-) Io non ho frainteso una virgola di quello che hai scritto. E non oggettivizzo nulla.
Io per professione leggo testi e siti, migliaia all’anno, e ne scrivo anche molti. Oltre a correggere quegli degli altri. Direi che la percentuale del caso miuscole è altissimo.
A te le cose sembrano in un modo, io invece penso che il dibattito sui Pipistrelli a Ciao Darwin sarebbe stato diverso senza mettere in nota, tra parentesi l’uso delle maiuscole. Che vuole intendere e non intendere. Getta il sasso e nasconde la mano.
E siccome chi ha scritto la nota non ha risposto e chi ha scritto l’articolo non è intervenuto, la cosa rimane mera disquisizione tra me e te.
Ti saluto ed alla prossima. E’ stato un piacere scambiare opinioni con te.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.