22
aprile

ANNUNCI TV: DA GIUGNO LA RAI MANDERA’ IN PENSIONE LE “SIGNORINE BUONASERA”

Claudia Andreatti

Da dive della tv degli anni ’60 e ’70, a volti rassicuranti e familiari negli anni ’80 e ’90, sino a diventare presenze evanescenti e anacronistiche nei primi anni del nuovo millennio. E’ questa la triste parabola delle annunciatrici tv della Rai, destinate al pensionamento dal prossimo mese di giugno. Nell’opera di restyling della nuova dirigenza, tra reti digitali da accorpare, tg da rimodulare e contenuti da rivedere, sembra, infatti, non esserci più spazio per le “signorine buonasera”. A dare la notizia sulle pagine di Diva e Donna è Claudia Andreatti, annunciatrice di Rai1 dal 2007. L‘ex Miss Italia ha così commentato la decisione dei vertici Rai:

“La nuova dirigenza ci ha annunciato questa decisione. Da una parte è un grande peccato perché le “signorine buonasera”, dagli anni ’50 ad oggi, hanno fatto la storia della nostra tv. Dall’altro per me,  dopo 9 anni di questo lavoro, sarà un’opportunità di crescita. Ci hanno promesso una ricollocazione”.

Quale sarà la nuova collocazione promessa è da scoprire, mentre appare quasi certa la data di messa in onda degli ultimi annunci, prevista per i primi giorni di giugno (ultime registrazioni a fine maggio). Del resto, in una tv sempre più interattiva e dai tempi incalzanti, nella quale il telespettatore ha svariate e immediate opportunità di venire a conoscenza di ciò che il piccolo schermo manda in onda o trasmetterà a breve, il ruolo dell’annunciatrice ha perso la sua utilità. A poco o nulla è servita l’opera di attualizzazione degli annunci avvenuta nel 2003, quando la tv di Stato sostituì le “signorine buonasera” della vecchia guardia con delle avvenenti e giovani ragazze, impegnate ad annunciare le trasmissioni Rai con più moderne grafiche e scenografie.

Complice il cambiamento dei tempi e la marginalità del ruolo, le nuove annunciatrici non hanno mai lasciato un grosso segno nel pubblico. Gli stessi annunci, un tempo numerosi e in diretta durante le principali ore della giornata, sono stati in seguito realizzati in differita, ridotti notevolmente nel numero, e relegati in orari proibitivi.

A giugno dunque saluteremo Claudia Andreatti, ma anche Elisa Silvestrin, altra annunciatrice di Rai1, in servizio dal 2006. Più delicata la situazione di Rai2 che negli ultimi anni ha visto come unica annunciatrice Alessandra Canale, reintegrata nel suo ruolo dal Tribunale del Lavoro nel 2010. La biondissima annunciatrice si congederà dal pubblico tra le lacrime, come avvenne nel 2003, o avrà già pronto un nuovo ricorso in Tribunale? A salutare gli spettatori di Rai3 saranno invece Dalila Pasquariello, lanciatissima nel mondo della fiction con serie come Sotto Copertura e Don Matteo, e Sarita Agnes Rossi. Del ridimensionamento di quest’ultima sarà ben felice il leghista Gianluca Buonanno, che la scorsa estate propose la, a dir poco curiosa, sospensione dal lavoro dell’annunciatrice, rea di avere origini indiane e guadagnare soldi dalla tv pubblica, in barba al comportamento del Governo indiano sulla questione del rilascio dei due Marò italiani.

Con l’uscita di scena delle “signorine buonasera” Rai, a mantenere il ruolo dell’annunciatrice nella tv italiana rimarrà soltanto (non si per quanto) Emanuela Folliero, volto sin dal 1990 di Rete4. Italia1 e Canale5, al contrario, eliminarono la figura dell’annunciatrice rispettivamente nel 2002 e nel 2004.

Annunciatrici Rai – La storia

In circa 65 anni di attività sono state oltre 80 le annunciatrici ad essersi alternate sugli schermi della Rai. Da Olga Zonca, prima annunciatrice assunta nel 1949, all’epoca delle prime trasmissioni televisive sperimentali, a Nicoletta Orsomando, in video per 40 anni dal 1953 al 1993. Tra le “pioniere” del video si ricordano anche Fulvia Colombo, alla quale spettò leggere, dagli studi di Milano, il messaggio di inaugurazione delle trasmissioni televisive regolari della Rai nel 1954, Anna Maria Gambineri ed Aba Cercato. Negli anni ’60 entrarono nelle case degli italiani i volti di Gabriella Farinon, Rosanna Vaudetti, Maria Grazia Picchetti, Mariolina Cannuli e Paola Perissi, seguite negli anni ’70 da quelli di Marina Morgan, Maria Giovanna Elmi e Beatrice Cori. Ad annunciare i programmi degli anni ’80 e ’90, e reggere la concorrenza delle nuove colleghe delle tv commerciali furono invece, tra le tante, Peppi Franzelin, Ilaria Moscato, Alessandra Canale, Maria Rita Viaggi e Katia Svizzero. Dal 2003, dopo l’opera di restyling, il ruolo delle annunciatrici è passato a giovanissime ragazze, in buona parte provenienti dalle fila di Miss Italia, come Arianna Marchetti, Barbara Matera, Chiara Perino, e le già citate Andreatti e Silvestrin. Tra le tante donne, val la pena infine segnalare un unico uomo, Livio Beshir, annunciatore per Rai2 dal 2009 al 2010.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Rullo Rai1
RAI DICE MESTAMENTE ADDIO ALLE “SIGNORINE BUONASERA” TRA ERRORI E ANNUNCI SALTATI


Piersilvio Berlusconi
Piersilvio Berlusconi vs Rai: botta e risposta su pubblicità e ascolti. L’AD Mediaset annuncia una stagione di reality permanente su Canale 5


Milena Gabanelli e la redazione di Report
Milena Gabanelli, addio alla Rai: «Proseguirò il mio mestiere su un altro mezzo. Penso di avere chiuso con la TV» – Video


Federica Angeli
Rai, giovedì 16 novembre staffetta tv per i giornalisti minacciati

20 Commenti dei lettori »

1. grilloparlante ha scritto:

22 aprile 2016 alle 20:54

Si, forse era un mestiere ormai anacronistico, però mi fa un pò tristezza questa decisione …



2. curiosity ha scritto:

22 aprile 2016 alle 21:02

A 51 anni Emanuela Folliero è ancora bellissima e continua a essere il volto più amato di Rete 4. Secondo alcune indiscrezioni pubblicate da Dagospia non la vedremo più annunciare i film in seconda serata per la rassegna ‘Bellissimi’. La Folliero avrebbe deciso di dire addio a Mediaset.
Secondo Dagospia, la Folliero sarebbe pronta a passare in Rai, magari con un programma tutto suo e in prima serata.



3. AnnunciatriciTV ha scritto:

22 aprile 2016 alle 21:24

Complimenti per l’articolo molto puntale e preciso… Non vi è sfuggito nulla ;-)
Noi siamo una pagina, non a scopo di lucro, che trattiamo di questa materia da un po’ di anni ormai… ma ancora per poco, ahinoi.
Se ve la sentite aiutateci a sostenere la nostra petizione contro l’abolizione degli annunci tv:
https://www.change.org/p/rai-no-all-abolizione-delle-annunciatrici-tv?recruiter=520181651&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink



4. Dalila ha scritto:

22 aprile 2016 alle 23:40

In effetti non condivido neppure io la decisione.fra una trasmissione e l’ altra,erano volti che diventavano familiari e davano respiro al telespettatore con un piccolo stacco.mi auguro che la dirigenza ci ripensi.



5. osservo ha scritto:

23 aprile 2016 alle 00:10

Era ora! Proprio qualche giorno fa mi ci sono imbattuto e mi chiedevo quale fosse la loro utilità: esistono le “vecchie” riviste con i programmi settimanali, televideo, internet, applicazioni, tasti del telecomando. 5 stipendi in meno per la Rai, un passo verso il nuovo.

Le signorine buonasera di un tempo avevano uno scopo, infatti sono tuttora delle icone.

Ricollocare? Dove? Perché?



6. AnnunciatriciTV ha scritto:

23 aprile 2016 alle 00:14

@grilloparlante @curiosity @dalila ormai la Rai sembra aver fatto la sua scelta (discutibile per molti versi!) ma vedere utenti e spettatori comunque solidali per il ruolo dell’annunciatrice non può che farci piacere.
@dalila tra l’altro dalila, non possiamo non essere d’accordo con te quando il tuo nome ci ricorda quello di Dalila Pasquariello, attuale (ancora per poco purtroppo) annunciatrice di Rai 3. ;)



7. AnnunciatriciTV ha scritto:

23 aprile 2016 alle 00:22

@osservo Assolutamente rispettiamo per la tua opinione. Però se la Rai avesse voluto eliminarle perché “costano” molto le avrebbe licenziate anziché ricollocarle. Questo fa intuire che la Rai voglia eliminare gli annunci non tanto per la loro mancata utilità (se i turni fossero aumentati con turni in prima serata il ruolo dell’annunciatrice verrebbe più apprezzato) ma per desiderio smodato di introdurre maggiore pubblicità diventando sempre di più tv commerciale e sempre meno servizio pubblico.
Ma noi siamo di parte, quindi rispettiamo la tua opinione @osservo. ;)



8. osservo ha scritto:

23 aprile 2016 alle 00:32

@annunciatrici, che c’entra l’eliminazione con l’aumento di pubblicità? (Oppure é stato dichiarato che questo avverrà?). Il ricollocamento lo ha annunciato la Rai, o é stato solo detto dalla Andreatti?…
In ogni caso, la Rai, a mio avviso, taglia un elemento anacronistico…vorrei davvero sapere CHI aspetta l annuncio delle 5 del pomeriggio (rai1) per sapere cosa trasmettono la sera.



9. grilloparlante ha scritto:

23 aprile 2016 alle 11:00

@osservo Il legame mi sembra abbastanza chiaro, negli spazi attualmente dedicati agli annunci vorranno mettere pubblicità.
Per il resto, ognuno ha la sua legittima opinione, ma gioire per il possibile licenziamento di queste ragazze non mi sembra bello, che colpe hanno?



10. grilloparlante ha scritto:

23 aprile 2016 alle 11:48

@annunciatrici, concordo con quanto scritto da Dalila, sono figure familiari e in qualche modo anche rassicuranti, ci siamo abituati da sempre … non è mica detto che del passato si debba sempre buttare tutto. A me non piacque nemmeno il pensionamento forzato delle annunciatrici storiche, rottamerle per sostituirle con ragazze molto più giovani fu un segnale brutto da parte della Rai, secondo me.

Poi, si, la loro funzione sarà tecnicamente superata per i più giovani (o i meno anziani, nel mio caso), ma c’è una moltitudine di persone anziane che vivono davanti alla tv e magari non hanno tutta questa dimestichezza con tablet, smartphone, e funzioni evolute del telecomando. Magari si potrebbe ripensare il loro ruolo, ma eliminarle tout court … spero di no.
In bocca al lupo per la petizione, in ogni caso.



11. AnnunciatriciTV ha scritto:

23 aprile 2016 alle 11:55

@grilloparlante Grazie davvero di cuore per le tue parole. Non sai quanto ci facciano piacere! Poi ognuno davvero ha la sua opinione e noi la rispettiamo.
Naturalmente se la Rai toglie sempre piu turni o li sposta a notte fonda l’annunciatrice viene meno apprezzata. È come se in una rete televisiva si avesse un solo telegiornale flash alle 4 del pomeriggio. Nessuno aspetterebbe le 4 del pomeriggio per infornarsi… A questo punto lo spazio informativo non verrebbe apprezzato ma non potremmo dire che la funzione del telegiornale sia inutile. Lo stesso vale per gli annunci. Ma noi non vogliamo convincere nessuno, solo far riflettere… ;-)



12. marco ha scritto:

23 aprile 2016 alle 15:51

change.org/p/rai-no-all-abolizione-delle-annunciatrici-tv/share?after_sign_exp=default&just_signed=true

questa é la petizione per chiedere alla dirigenza di lasciare le annunciatrici tv.chi vuole può firmare e condividere. Petizioneche trovate anche sulla nostra pagina facebook Annunciatrici tv. Marco&Simone amministratori della pagina



13. AnnunciatriciTV ha scritto:

23 aprile 2016 alle 16:07

;-) Grazie @marco



14. Gipsy ha scritto:

23 aprile 2016 alle 16:37

In fondo non davano tanto ‘fastidio’, visto che la loro esclusione risale al 2003, quando erano maggiormente presenti in diverse fasce orarie.



15. AnnunciatriciTV ha scritto:

23 aprile 2016 alle 16:44

@Gipsy se per quello per niente visto che dal 2003 in poi la Rai ha abolito sempre più turni o spostati a notte fonda fino ora ad abolirli del tutto… :-(



16. Michele87 ha scritto:

24 aprile 2016 alle 11:24

Per quanto questa decisione mette un pò di tristezza la trovo giustissima: quella dell’annunciatrice era una figura ormai del tutto anacronistica da almeno una quindicina d’anni: con tutti i blog TV, smartphone ed applicazioni varie che avvisano subito in caso di cambiamenti di palinsesto, le ‘’signorine buonasera” sono del tutto inutili (infatti mi sembra che le tv estere le abbiano abolite da tempo), secondo me nel 2003 più che restyling avrebbero dovuto semplicemente eliminare tale figura, retaggio di un vecchio maschilismo televisivo che voleva le donne confinate a dei puri ruoli di contorno, al contrario delle tv estere in cui, anche se in piccola parte, c’erano pure annunciatori maschi, anche se stando a Wikipedia, oltre a Livio Beshir ci sono stati altri due annunciatori uomini in RAI: Mattia Intra e Victor Macoggi, che esclusivamente su Rai 3 e solo nell’annata 1987/88 furono ‘’signorini buonasera” in coppia con altre due ragazze, rispettivamente Federica Panicucci ed Olivia Gozzani, per volere dell’allora direttore, il grande innovatore Angelo Guglielmi (però ogni tanto su Wikipedia ci sono delle grandi bufale, quindi tale notizia è da prendere con le pinze).



17. AnnunciatriciTv ha scritto:

24 aprile 2016 alle 13:05

@Michele87 Rispettiamo comunque la tua opinione e poi complimenti per la tua competenza in materia. In pochi sanno o si ricordano di due annunciatori uomini in RAI, Mattia Intra e Victor Macoggi, oltre al 2009 di Livio Beshir.



18. Salvatore Cau ha scritto:

24 aprile 2016 alle 14:47

Le coppie coppie composte da Federica Panicucci e Mattia Intra e da Olivia Gozzano e Victor Macoggi non possono essere considerate come vere e proprie coppie di annunciatori. A loro, che si alternavano settimanalmente, spettava il compito di introdurre in un piccolo spazio di pochi minuti in onda alle 20,30, i programmi della serata, con battute, siparietti e commenti vari. L’esperimento durò solo per l’estate. Nello stesso periodo, durante la giornata, su Rai3 andavano in onda anche i regolari annunci con le annunciatrici ufficiali.

Se si considerano loro degli annunciatori, allora anche Flavio Insinna può essere definito un annunciatore uomo.



19. AnnunciatriciTV ha scritto:

24 aprile 2016 alle 15:43

@Salvatore Cau sì, diciamo che dipende dai punti di vista…
Diciamo però che Rai3 ha da sempre sperimentato maggiormente in questo ambito rispetto alle altre reti.
Ad inaugurare la nascita di Raitre è stata la giovanissima Fabiana Udenio indossando un’aderente tuta rosa smanicata presentandosi con un familiarissimo ‘mi chiamo Fabiana’ ed un atteggiamento molto ammiccante e sensuale per la Rai dell’epoca.
Poi le storiche Signorine Buonasera negli anni ‘90 per esempio apparivano in bianco e nero con le famose virgolette rosse a differenza della famosa scenografia con le figure geometriche utilizzata per Raiuno e Raidue.
E pure nell’ultimo restyling del 2003, le stesse Alessia Patacconi e Giorgia Wurth inizialmente avevano un atteggiamento meno impostato rispetto alle loro colleghe esordendo a volte con un “ciao” con in mano fogli o una cartelletta.



20. AnnunciatriciTV ha scritto:

24 aprile 2016 alle 15:46

P.S. Per quanto rigurda gli annunci dell’87 qui ne possiamo vedere due del 3 ottobre 1987 con la coppia Federica Panicucci e Olivia Gozzano. Buona Visione ;-)

http://dai.ly/x1xr2qv?start=12

http://dai.ly/x1xr82f?start=186



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.