31
marzo

SSC NAPOLI VS MEDIASET: LA SQUADRA CHIUDE I RAPPORTI PER UN SERVIZIO CHE DICE “IL FALSO”. LA RISPOSTA DI COLOGNO

Higuain

Il calciomercato riempie pagine di giornali e servizi televisivi da sempre, e da sempre ne vengono dette di tutti i colori, molto spesso andando oltre i confini della realtà e facendo infuriare i diretti interessati. Di solito la cosa passa sotto silenzio, ma stavolta qualcuno ha sbottato: trattasi della SSC Napoli, che attraverso un comunicato stampa ha espresso la volontà di chiudere i rapporti con Mediaset a causa di un servizio non veritiero circa il destino del bomber Gonzalo Higuaín.

SSC Napoli vs Mediaset: la crisi nasce da un servizio di Paolo Bargiggia

Il servizio in questione è andato in onda nell’edizione di Sport Mediaset delle 13:00 di martedì 29 marzo 2016 ed è stato curato da Paolo Bargiggia, giornalista coinvolto già in passato in una querelle con la squadra partenopea per alcune indiscrezioni, rivelatesi poi infondate, sull’allora ct Walter Mazzarri e il direttore sportivo Bigon. Nel servizio incriminato dello scorso martedì si diceva che:

Molto controvoglia il Napoli ha cominciato a lavorare per costruire il dopo Higuaín nella prossima stagione. Se non interverranno nuovi fattori, se il giocatore non cambierà idea improvvisamente, la scelta, comunicata al club, di non voler rinnovare il contratto, apre scenari importanti sul mercato.[...] Fin qui l’argentino, il padre e il fratello che lo rappresentano, hanno rifiutato la proposta di rinnovo per altre due stagioni, con ingaggio ritoccato verso l’alto dagli attuali 6 milioni netti fino a 7/8 milioni. La conseguenza è che il Napoli ha cominciato a cercare un nuovo attaccante sul mercato internazionale“.

SSC Napoli vs Mediaset: il comunicato della società

La SSC Napoli non si è limitata a smentire la notizia ma ha vissuto il tutto come un attacco personale, che poteva compromettere gli equilibri della squadra in un momento delicato dal punto di vista del campionato. E ieri ha così rilasciato un comunicato ufficiale molto duro, con il quale ha preso le distanze da Mediaset, affermando di non voler più intrattenere rapporti con l’emittente.

“Un servizio privo di veridicità e confezionato senza rispettare alcuna regola giornalistica, su tutte il controllo delle fonti. Non esiste, infatti, alcuna fonte che possa confermare quello che Bargiggia dice, e cioè il falso. [...] Mediaset è stata un’azienda importante e rivoluzionaria nel contesto giornalistico italiano: tempi, purtroppo, lontani. Tale approssimazione obbliga, pertanto, il Napoli a interrompere, a partire da subito, i rapporti giornalistici con le reti sportive Mediaset, alle quali, perciò, i nostri tesserati non rilasceranno più interviste, nemmeno allo stadio, a prescindere da qualsiasi accordo commerciale

SSC Napoli VS Mediaset: il comunicato di Mediaset

Immediata la reazione di Mediaset, che a sua volta si dice “incredula” per la reazione della società dinanzi ad un “normale” servizio giornalistico di calciomercato e sottolinea gli impegni contrattuali presi dal Napoli.

“[...] ricordiamo che il contratto sottoscritto dal Napoli con Lega Calcio Serie A garantisce ai broadcaster titolari dei diritti interviste ad allenatori e calciatori nel pre e post-partita. E, nel caso di Mediaset, anche durante la gara. Siamo increduli sia per le minacce di violazione contrattuale contenute nel comunicato diramato il 30 marzo 2016 dalla Società Sportiva sia per le inaccettabili accuse di scarsa professionalità lanciate contro i nostri giornalisti. Entrambe le prese di posizione verranno valutate nelle sedi opportune“.

Tutto ciò sembra non preoccupare Aurelio De Laurentiis ed il suo gruppo, visto che il loro comunicato terminava con un preventivo “Il Napoli e i suoi tifosi non temono i poteri forti e chi voglia destabilizzare un ambiente carico e sereno. Pretendono rispetto“. Intanto, sul web si è scatenata al riguardo la guerra dei tweet che ha coinvolto proprio Bargiggia e il commentatore tifoso partenopeo del competitor Sky, Carlo Alvino, che per il primo non può essere nemmeno definito “collega”.



Articoli che potrebbero interessarti


Michele Criscitello - Sportitalia
Sportitalia si aggiudica i diritti tv per la Serie C e il Calcio a 5. Maratona tv per l’ultima giornata di calciomercato


Dybala
Champions League 2017/2018: Mediaset blinda la Juventus su Premium. Su Canale 5 Roma e Napoli


Claudio Brachino
Claudio Brachino e Maurizio Pistocchi se le dicono di santa ragione sui social


Ilaria D'Amico - Sky Calcio Show
Milan boicotta Sky per colpa di Ilaria D’Amico. Lei: «Questa decisione si commenta da sola»

1 Commento dei lettori »

1. claudio ha scritto:

1 aprile 2016 alle 12:22

Dai seriamente, il calciomercato è sempre stato il vuoto assoluto… e qualche società gli da pure peso? Prendiamolo per quello che è, ovvero ciarlate.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.