2
febbraio

LUISA SPAGNOLI: QUANDO LA STORIA NON ANNOIA MA, ANZI, APPASSIONA COME UN ROMANZO MODERNO

Luisa Spagnoli - Massimo Dapporto

Ottimo riscontro di pubblico per la prima puntata della miniserie Luisa Spagnoli, che ieri sera su Rai 1 ha conquistato il 26.7% di share con oltre sette milioni di telespettatori incollati al piccolo schermo. Un successo meritato, vista l’attenta ricostruzione storica e l’interpretazione calzante degli attori. Ma, più di tutto, va premiata l’idea.

Luisa Spagnoli: una miniserie storica che sembra narrare il mondo di oggi

Rai Fiction fa bingo con una miniserie che racconta un’Italia passata ma moderna, attualissima, che affrontava problemi ancora oggi imperanti e, dunque, sentiti dal pubblico. La capacità di scovare nella storia tricolore contemporanea personalità come quella della Spagnoli (qui la sua vera storia), il cui marchio fa parte dell’universo modaiolo femminile ma alle cui spalle ci sono vicende sconosciute ai più, permette di raccontare il passato senza annoiare, offrendo al telespettatore un racconto familiare che sembra appartenergli.

Luisa Spagnoli: l’universo femminile protagonista

C’è tanto da apprezzare in questo prodotto, che coniuga affari e sentimenti in modo molto equilibrato. Ma più di ogni cosa c’è la donna con i suoi problemi mai del tutto superati: il bisogno di farsi strada tra gli uomini, la necessità di coniugare carriera e maternità, lo spirito di sacrificio, la paura di ribellarsi alla violenza e il coraggio per riuscirci che viene dal dialogo, dalla condivisione. Benché la protagonista sia una ed una soltanto, le vicende di Luisa Spagnoli coinvolgono infatti tante donne, le impiegate della sua fabbrica, che insieme costruiscono un nucleo forte e vincente.

Luisa Spagnoli: ottimo il cast

Intensa l’interpretazione di Luisa Ranieri, una popolana elegante come poche, che nasconde le proprie paure dietro una sfrontatezza bugiarda ma necessaria; sorprendente Vinicio Marchioni, che del Freddo di Romanzo Criminale fa perdere le tracce, con il suo caldo e fiducioso Annibale; odioso, quindi riuscitissimo, Gian Marco Tognazzi nel ruolo del Conte; perfettamente a suo agio nei panni del nemico di turno Franco Castellano, il cattivo numero uno della serialità italiana.

Sempre emozionante ritrovare poi sul piccolo schermo Massimo Dapporto, che dai lontani tempi di Amico Mio ad oggi non ha perso la sua capacità di riempire la scena ed impreziosirla.

Un lavoro davvero buono, lodevole, di cui questa sera andrà in onda l’epilogo (qui le anticipazioni).



Articoli che potrebbero interessarti


Luisa Spagnoli - Luisa Ranieri
LA VERA STORIA DI LUISA SPAGNOLI


Luisa Spagnoli 11
LUISA SPAGNOLI: ARRIVA SU RAI1 LA MINISERIE CON LA RANIERI (FOTO)


Luisa_Ranieri
LUISA SPAGNOLI: LA RANIERI SARA’ LA DONNA CHE HA INVENTATO I BACI DI CIOCCOLATO


Pick Up - Umberto Broccoli
Pick Up: le Storie a 45 Giri di Rai 1 riportano al passato con semplicità e modernità

2 Commenti dei lettori »

1. paola ha scritto:

3 febbraio 2016 alle 08:09

Fiction terribile,banale edulcorata.
Recitazione della Ranieri statica e artificiosa



2. Giusi ha scritto:

3 febbraio 2016 alle 10:19

Mamma mia Paola, che stroncatura, a me è piaciuta tantissimo, per lunghi tratti mi ha emozionata, interpretata benissimo, la Ranieri ha recitato molto bene, per niente statica, anzi….e nemmeno edulcorata, ho trovato molto credibili tutti i personaggi, ed è una di quelle occasioni in cui mi sono sentita orgogliosa di essere donna…ce ne fossero di donne così, (sia il personaggio che l’interpretazione di Luisa Ranieri) e penso che tutti hanno dato il meglio di se nell’interpretare i loro personaggi…….Paola, ma tu che cosa hai visto???



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.