1
ottobre

CARLO FRECCERO VS RENZI: IN RAI VUOLE IL CONFORMISMO TOTALE E UN UOMO SOLO AL COMANDO

Carlo Freccero

Renzi vuole una Rai della nazione, vuole l’Eiar, che racconti come tutto è bello e tranquillo. Diciamo una Rai di un conformismo totale“. Carlo Freccero si è fatto sentire. Come sempre, senza usare mezzi termini. Nei giorni in cui il Pd e Renzi hanno manifestato apertamente (e non) le proprie critiche a Rai3, il Consigliere d’amministrazione di Viale Mazzini ha tuonato dai microfoni di Radio24 contro gli attacchi governativi riservati alla rete diretta da Andrea Vianello. Le parole che aspettavamo sono arrivate.

Il progetto del potere che ha Renzi in testa è eliminare ogni intermediazione per cui il direttore generale della Rai deciderà da solo e noi membri del Consiglio non conteremo più nulla. Questa è l’Italia di oggi” ha commentato Freccero.

Speriamo che con l’intervista di ieri al Tg3 le acque si siano placate. Io vedo che continua il bombardamento” ha aggiunto l’ex direttore di Rai4 in riferimento all’intervista rilasciata da Renzi alla direttrice del Tg3 Bianca Berlinguer, duramente criticata dal Consigliere Rai in quota Pd, Michele Anzaldi. In realtà, il clima è ancora piuttosto teso anche perché le divergenze tra il partito di Renzi e la terza rete sono finite a tutta pagina sui giornali. E non si possono nascondere. “Sappia che a Rai3, tra un po’, entreremo con il lanciafiamme” dichiarava un anonimo senatore a Fabrizio Roncone del Corriere.

Freccero ha poi risposto al ‘collega’ di CdA Michele Anzaldi, secondo il quale a Rai3 non hanno capito “chi ha vinto“. In altre parole: chi comanda.

Renzi non ha vinto perché non è mai stato eletto. Ha vinto le Europee. Poi oggi il vero vincitore è chi non vota, metà degli italiani. Io sostengo che Renzi è un figlio di Berlusconi, ma se Berlusconi è il papà, c’è anche una mamma: la mamma è la Margherita, a cui appartiene Anzaldi. Renzi è un giovane-vecchio democristiano, per cui tutto ciò che è di sinistra deve essere abolito, cancellato. Ora tutte le leggi sono fatte per mettere un solo uomo al comando” ha detto l’ex direttore di Rai4.

Già, un solo uomo al comando. E così, d’un tratto, il Pd si ritrova ad attuare – almeno a parole (ma le parole contano) – quegli atteggiamenti che un tempo la sinistra rimproverava a Berlusconi nei confronti della Rai. Anzi, peggio.

Con Silvio Berlusconi almeno le cose erano molto chiare. Senza Berlusconi l’opinione pubblica si è addormentata. La prova è che contro i talk show non vince Rambo, come dice Renzi, ma vincono Il Segreto, Grand Hotel, i romanzi d’appendice, le telenovelas. Renzi dovrebbe spaventarsi di questo. Insomma il premier non ha capito che la gente è infelice. Altro che vinto, Renzi ha perso. Sta perdendo l’empatia con il paese

ha concluso Freccero. In tempi di bufera, c’è un Consigliere a Viale Mazzini.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Carlo Freccero.
NOMINE DIRETTORI TG RAI, CARLO FRECCERO: È IN ATTO UN BLITZ, UN COLPO DI MANO DEL DIRETTORE GENERALE


carlo-freccero
CDA RAI, FRECCERO SUL CASO PENSIONATI: LAVOREREI GRATIS E IN CATENE PUR DI FARE DISPETTO A RENZI


Carlo Freccero
CARLO FRECCERO: LA RAI E’ GIA’ RENZIANA. CON BERLUSCONI NON C’ERA QUESTO SERVILISMO


Luigi di maio
Di Maio annulla il confronto TV con Renzi

1 Commento dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

1 ottobre 2015 alle 17:41

Temo che Freccero si stia sbagliando: Renzi non è semplicemente un democristiano che vuole cancellare tutto ciò che è di sinistra. E’ lui stesso espressione di quella sinistra che tende a cancellare tutto ciò che non rientra nei suoi programmi. Ovvero non è propriamente un democratico, bensì la maggiore espressione del Partito Democratico, autentico problema politico (per usare un eufemismo) dell’Italia attuale e futura.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.