12
settembre

TALE E QUALE SHOW 2015 PARTE MALE CON UN CAST DEBOLISSIMO. ELENA DI CIOCCIO VINCE CON UNA PERFORMANCE GIA’ VISTA

Tale e Quale Show 5 - Elena Di Cioccio/Antonella Ruggiero

Sono state annunciate tante novità ma Tale e Quale lo è di nome… e lo resta di fatto! La quinta edizione, che ha esordito ieri sera su Rai 1, si è presentata uguale alle precedenti e con un appeal decisamente più scarso. Se, infatti, l’effetto novità è scemato, è il cast a destare le maggiori perplessità. Se, poi, ad un gruppo di concorrenti che lascia di per sè a desiderare si affidano performance già viste l’anno scorso, la frittata è fatta!

Tale e Quale Show 2015: il vincitore della prima puntata è Elena Di Cioccio

Elena Di Cioccio, trionfatrice della serata, è stata chiamata a riproporre le Vacanze Romane di Antonella Ruggiero nella stessa identica versione offerta nell’edizione 2014 da Michela Andreozzi. Un po’ di fantasia in più non sarebbe guastata, perchè se gli artisti da imitare sono sempre gli stessi, cambiare canzone o quantomeno abito sarebbe d’uopo. E invece niente. Così, tra l’ormai stantio Gangnam Style di Gabriele Cirilli e l’evitabile ritorno di Pino Insegno – concorrente della passata edizione chiamato a duettare proprio con Cirilli – la serata è scivolata via senza colpo ferire, se non quello di sonno sempre pronto a farsi vivo.

I dodici artisti in gara, infatti, sono ancora in evidente fase di rodaggio, sottotono e troppo acerbi. Se da una parte c’è la speranza che sia soltanto colpa dell’emozione, dall’altra c’è l’augurio che si l’emozione si faccia da parte lasciando spazio alla grinta che nella prima puntata è stata decisamente latitante.

Tale e Quale Show 2015: la polemica con Fedez

A ravvivare l’ambiente ci ha pensato la polemica via web con Fedez, subito rientrata. Dopo l’esibizione di Francesco Cicchella, che ha portato sul palco proprio il rapper milanese, Claudio Lippi ha commentato dicendo che il concorrente “faceva schifo come l’originale“, riferendosi ai tanti tatuaggi replicati sul corpo. Pronta la risposta di Fedez, che su Facebook ha suggerito grossomodo al “paleolitico venuto dagli anni ‘50” di vergognarsi. Salvo poi eliminare ogni commento e salutare Conti dopo che il conduttore in soldoni gli ha chiesto scusa in diretta dicendo che lo considera un grande artista.

Tale e Quale Show 2015: le esibizioni della prima puntata e quelle della prossima

Riepilogando Walter Nudo, che è stato stasera Antonello Venditti, sarà Joe Cocker;

Bianca Guaccero si trasformerà da Nina Zilli in Rihanna;

Karima abbandonerà Beyonce per Carmen Consoli;

Max Giusti smetterà gli abiti di Tony Hadley per vestire quelli a lui più congeniali di Renato Zero;

Giulia Luzi sarà Lorde dopo aver dato vita a Francesca Michielin;

Sergio Friscia, ex Sylvester, omaggerà Pino Daniele;

Cosima Coppola passerà da Patty Pravo a Kate Bush;

Massimo Lopez, vicino alla vittoria con il suo Elton John, porterà sul palco Jovanotti;

Laura Freddi uscirà dalle burrose rotondità di Meghan Trainor per proporre Malika Ayane;

Savino Zaba saluterà Luca Barbarossa, giunto in studio per complimentarsi con lui, e diventerà Max Pezzali.

Francesco Cicchella, già Fedez nella prima puntata, sarà Tiziano Ferro

Elena Di Cioccio che ha interpretato Antonella Ruggiero nella premiere sarà Irene Grandi.

Tutto sui concorrenti di Tale e Quale Show 2015



Articoli che potrebbero interessarti


Serra Ylmaz
Celebrity MasterChef: nella prima puntata tre eliminati e tante prove… ammazza vip


Il Bello delle Donne... Alcuni anni dopo
IL BELLO DELLE DONNE: ALCUNI ANNI DOPO… IL TONFO


GF VIP - Alfonso Signorini e Ilary Blasi - puntata 1
GRANDE FRATELLO VIP: IL CAST C’E E FUNZIONA


Top Chef Italia - Maria e Jacopo
TOP CHEF ITALIA: IL MASTERCHEF SEMPLIFICATO DEI BIG CHE HA IL SAPORE DELLA COPIA

11 Commenti dei lettori »

1. Peppa ha scritto:

12 settembre 2015 alle 04:38

Molto d’accordo, ormai il programma va in video da 4-5 anni filati e nonostante i cantanti da imitare sarebbero centinaia si limitano a riproporre sempre i soliti e per di più con le stesse canzoni.. forse dovrebbero consultarsi con qualcuno che abbia una cultura musicale più vasta e che non scelga sempre i soliti Patti Pravo, Kate Bush o Elton John da imitare… Inoltre io quest’anno avrei anche rinnovato lo studio, tutto quel blu non mi piace, sa di vecchio… e avrei messo almeno un giurato nato nella seconda metá del ‘900.



2. Lucantonio Prezioso ha scritto:

12 settembre 2015 alle 09:40

Mamma mia Stefania ieri ho visto la puntata e ti giuro stavo per suicidarmi.
Non so se riusciro a reggere 12 puntate.
Non succedeva mai niente
Non c’e lo Scanu della situazione che desta curiosità
Gabriele Cirilli è un insulto all inteligenza
Carlo Conti non riesce ad andare oltre la parpadella imparata a memoria
Giuria vecchia di tre cariatidi che non sanno nemmeno di ciò che parlano
Ma poi come votano? Si può dare più punti a Bianca Guaccero e soprattutto a Laura Freddi rispetto ad una Karima?
Ho apprezzato solo Lopez , Di Cioccio , appunto Karima , Giusti e quella che ha imitato la Michelin.



3. *anna* ha scritto:

12 settembre 2015 alle 09:46

Io sono imbarazzata dalla qualità dei travestimenti, a livello di trucco sono almeno due anni che fanno pena, la michielin ad esempio( è davvero bruttissimo dirlo) ma sembrava avere un’ustione sul lato del viso, la pelle non era liscia. E anche il naso di Nina Zilli aveva qualcosa che stonava davvero. Poi è davvero stupido far cantare degli stessi artisti le stesse canzoni forse lo fanno per risparmiare due lire sui costumi di scena che devono essere solo ritoccati anziché rifatti da capo? La giuria sembrava addormentata (non che di solito vada oltre il sei stato brava/bravo). Qualcosa non va insomma e sí che di potenziale il programma ne avrebbe molto.



4. antoniovarese ha scritto:

12 settembre 2015 alle 09:59

Devo ammettere che tale e quale era uno dei miei programmi preferiti ma ieri di una noia bestiale poi la giuria pessima



5. Marco89 ha scritto:

12 settembre 2015 alle 10:28

Ok che ieri ero su di giri per la finale azzurra nel tennis con tutto il mondo che celebrava le nostre ragazze che hanno conquistato l’America con un’impresa storica, magica, difficile da commentare, ma mi sono completamente scordato di Tale e Quale dopo anni che lo seguo (ho recuperato qualcosa ma non mi ha entusiasmato): zero curiositå e mi sembra tutto più noioso, meno divertente. Peccato.



6. aledan ha scritto:

12 settembre 2015 alle 10:44

concordo , tale e quale e’ rimasto uguale:nessuna novita’ almeno per ora
Conti va sul sicuro non stravolge unprogramma chefunziona ma qualcosina andrebbe cambiata
Sui concorrenti e’ presto giudicare ma alcuni non mi sembrano molto pronti persino chi ha vinto non sapeva nemmeno cosa doveva fare alla fine
Conti non si discute ma deve rinnovare un po’ il programma a partire dalla giuria
Cirilli ha stufato, le imitazioni parodia possono anche andare ma le gag non fanno ridere nessuno
Lippi sembra gia’ stanco, e’ ironico e pungente ma a volte troppo
La Goggi fa commenti sempre uguali pero’ e’ l’unica che puo’ giudicare voce e imitazione
Proietti come De Sica, un pesce fuor d’acqua Nemmeno sapeva chi fpssero alcuni dei cantanti imitati dai concorrenti
Secondo me era meglio una giuria di ex concorrenti che almeno sapevano come era stato difficile imitare un cantante e potrebbero dare un giuduizio migliore e consigli
Pero’ alla fine e’ un gioco e va bene cosi’ per tutti



7. Nimo ha scritto:

12 settembre 2015 alle 11:56

Per una volta sono d’accordo con Lippi…



8. Luigi ha scritto:

12 settembre 2015 alle 12:18

Mi sembra assurdo dirlo, ma ieri ho rimpianto Cristian De Sica. Niente da dire sull’artista Proietti (che tra l’altro il più delle volte si è limitato a dar ragione a Loretta Goggi), ma quei siparietti della giuria che servivano a stemperare un po’ la noia anche delle passate edizioni, mi sono mancati.

Riguardo ai cantanti, molti li ho trovati stonati (forse per colpa dell’audio in studio del quale i giurati si sono lamentati?). Nessuno mi ha convinto almeno al 90%. Lopez, che è stato lodato, era lontano anni luce dall’originale. Certo commovente, ma non tale e quale.
Insomma, siamo lontani anni luce da Gio’ di Tonno…



9. Gianni ha scritto:

12 settembre 2015 alle 15:23

Un punto di vista particolare è il mio.
Mai seguito Tale e Quale dall’inizio alla fine (sono fuori target per le trasmissioni Rai e le reggo a fatica).

Ieri sera ho seguito tutto. Ho trovato i concorrenti bravissimi! Se per voi questo è male vorrei sapere com’era nelle altre edizioni! Dovevano essere mostruosi!
Per esempio Barbarossa! La faccia era ovviamente diversa e i capelli stranissimi. Ma la voci era identica! E la Di Cioccio? Io neanche sapevo che sapesse cantare e invece è stata bravissima. Da Lopez non mi aspettavo di meno. E la Freddi era uguale!

Cosa mi ha dato fastidio? I soliti giochetti Rai-Cei. Per cui le gnocche di turno vanno coperte fino al ridicolo (hanno risparmiato Karima per motivi misteriosi ma si è capito che l’hanno cazziata per la coscia visto che da un certo punto in poi s’è seduta diversamente). i soliti preti al comando.

Insopportabile il solito Cirilli! Il comico più sopravvalutato della storia. Famoso solo per Kruska e che campa da allora facendo il servile. Insegno è ormai l’ombra di se stesso…non che abbia mai fatto chissà cosa dalla Premiata in poi. Spero venga eliminato subito con cirilli. Già uno fa venire le bolle ma due insieme.

Lippi! Un caso a parte. Lippi finge di essere rincoglionito da 20 anni in quà. Già dal suo ritorno in tv con la Gialappa faceva questo personaggio svampito e rincoglionito. Credo di poter dire tranquillamente che non finge più da tempo! Sento “pena” quando comincia a parlare. il suo continuo interormpersi e cincischiare…basta..basta davvero. Meglio vivere di ricordi.



10. darix ha scritto:

12 settembre 2015 alle 17:58

onestamente ci vorrebbero dei nomi di spicco, un cast di questo genere si potrebbe benissimo ritrovare nell’isola, ovvero morti di fama!!!



11. Giuseppe ha scritto:

13 settembre 2015 alle 20:36

La prima puntata è stata pessima e temo che anche le prossime saranno sullo stesso livello, il problema non è il cast con nomi poco altisonanti(neanche Giò Di Tonno e Attilio Fontana erano grandi nomi ma si sono rivelati eccellenti) ma la formula rimasta uguale, troppe cose non funzionano più, dalla giuria troppo antiquata(e talvolta, proprio per tal motivo, poco competente nello giudicare imitazioni di personaggi a loro sconosciuti) e troppo buonista, infatti in tutti i format che prevedono giudici almeno uno di loro è il cattivo della situazione, a Tale e Quale questa figura manca, poi sempre riguardo la giuria è triste vedere voti più alla carriera dei concorrenti che all’esibizione(Massimo Lopez, fantastico artista, ad esempio per nulla Tale e Quale ad Elton John) e ovviamente questo se favorisce alcuni sfavorisce ingiustamente gli altri e non va bene, se ci si mette in gioco lo ci si deve fare fino in fondo, poi l’altro grande problema sono le imitazioni, è assurdo che la Di Cioccio si sia dovuta cimentare in un’imitazione già vista più e più volte, Antonella Ruggiero in vacanze romane imitata già dalla Andreozzi e dalla Autieri, fantasia zero.
Se questo programma vuole sopravvivere bisogna dare una svecchiata ai giudici(Proietti immenso, ma sul palco, il ruolo di giudice lo opprime) e agli autori, gente come Malgioglio e/o la Maionchi darebbero quella giusta dose di cattiveria, Lippi ha stancato con quell’atteggiamento da finto rincoglionito e anche la Goggi col suo eccessivo buonismo.
Una svecchiata anche, anzi soprattutto, agli autori, oltre alle imitazioni uguali ogni anno basta anche con Cirilli, insopportabile, non fa ridere, non ha mai fatto ridere, alle sue battute ride solo lui(cosa inaccettabile per uno che sarebbe un comico).
Ma la Rai ovviamente è conservatrice e sta buttando via un format che potrebbe dare ancora tanto.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.