25
novembre

IL PIU’ GRANDE PASTICCERE, I GIUDICI: LUIGI BIASETTO, LEONARDO DI CARLO, ROBERTO RINALDINI

Caterina Balivo con i giudici de Il più grande pasticcere

Conosciamo meglio i giudici de Il Più Grande Pasticcere: Luigi Biasetto, Leonardo Di Carlo, Roberto Rinaldini.

Luigi Biasetto, giudice de Il Più Grande Pasticcere

Luigi Biasetto

Luigi Biasetto

Nato a: 1020 Brainel’alleud (Belgio)

Residente: Padova

Età: 47

Anni di esperienza: 33

Impiego attuale: titolare di pasticceria/docente

La sua è una storia fatta di passione per la pasticceria e di una ricerca costante della perfezione. Nasce a Bruxelles, terra del cioccolato. Qui la pasticceria è parte integrante della vita della popolazione e Luigi dopo essersi diplomato Maitre Patissier Chocolatier Confiseur Glacier, passa gran parte della sua formazione nei più importanti laboratori della città intrecciando amicizie professionali con personaggi di spicco nel panorama della storia contemporanea della pasticceria. Il sangue veneziano che scorre nelle sue vene è come una calamita che attrae la sua curiosità verso le tecniche  decorative dei maestri vetrai. Da loro sviluppa la passione per la trasformazione di un semplice elemento in un pezzo artistico: ecco che lo zucchero diventa cigno, fiore, decoro come in una vera e autentica opere d’arte.

Concorsi e sfide sono il suo pane ma medaglie e trofei non sono mai stati un punto di arrivo ma una  spinta verso nuovi obiettivi. Pensare con razionalità, esprimere la propria creatività, trasmettere emozioni ma soprattutto utilizzare la testa: queste sono le basi del metodo di lavoro di Biasetto. Dal 1998, dal desiderio di Luigi e di sua moglie Sandra, nasce una delle pasticcerie più  rinomate d’Italia, con lo scopo concretizzare le idee e le teorie rivoluzionarie sul modo di concepire il dolce nel nostro paese.

Luigi Biasetto oltre ad essere giudice e ospite d’onore nei più importanti concorsi di pasticceria nazionale e internazionale è membro della prestigiosa associazione francese Relais Dessert che raccoglie il meglio del settore in Europa e nel mondo.

Premi e Riconoscimenti

1986 – Medaglia d’argento Europa

1987 – Medaglia d’oro Sigep Arpajon, Coppa Feorge Lamory

1989 – Campionati Pasta Sfoglia, Coppa Europa, Coppa di Francia

1995 – entra a far parte dell’Accademia dei Pasticceri Italiani.

1997 – partecipa con il team italiano ai campionati del Mondo di Pasticceria a Lione e vince.

Dal 1998 al 2010 – è stato allenatore della Nazionale di Pasticceria portando per ben 5 volte la squadra italiana sul podio.

Leonardo Di Carlo, giudice de Il Più Grande Pasticcere

Leonardo Di Carlo

Leonardo Di Carlo

Provenienza: Conegliano

Età: 39

Anni di esperienza: 27

Impiego attuale: consulente pasticceria

Leonardo Di Carlo inizia la sua avventura nel laboratorio di famiglia, a Roma, e contemporaneamente frequenta le più prestigiose Scuole Italiane ed Europee di Pasticceria. Durante la sua formazione affianca con l’umiltà richiesta, i più celebri Maestri Pasticceri, arricchendo così il proprio percorso professionale di esperienze significative.

 Arriva quindi il tempo dei concorsi, dove riesce a qualificarsi sempre con ottimi successi. La passione per quest’arte cresce, cominciano i viaggi all’estero, i corsi di perfezionamento, lo studio e con la passione cresce anche la sua biblioteca e l’interesse per la “letteratura” di settore.

Nel 2012 Leonardo concretizza il sogno di racchiudere tutto quello che aveva imparato e raccolto in giro per il mondo in un manuale che ben presto sarebbe diventato bibbia della pasticceria italiana: “Tradizione in Evoluzione”. Leonardo è lo scienziato, il tecnico della pasticceria italiana, un formatore appassionato e attento alla continua evoluzione di quest’arte. Il suo stile come docente e formatore è unico, guarda il mondo con occhio curioso e non convenzionale, il suo modo semplice di esprimersi e la sua empatia fanno di lui un fuoriclasse. Primo in Italia ad aver perfezionato i Corsi di Pasticceria Scientifica collabora con diverse rubriche internazionali e riviste specializzate di settore. “Passione, umiltà e… sogno”. Questo è Leonardo Di Carlo!

Premi e riconoscimenti:

1996 - 1° Posto al Campionato juniores

1998 - 1° Posto al Campionato seniores

2001 - 3° Posto a Lione, Coupe du Monde, nel 2001, con un brillante 1° premio dalla Stampa, per il miglior dolce al cioccolato

2002 - è sempre in vetta al podio alla Coppa Europa;

2004 - arriva l’ambitissimo primo posto al Campionato del mondo a Rimini

Roberto Rinaldini, giudice de Il Più Grande Pasticcere

Roberto Rinaldini

Roberto Rinaldini

Provenienza: Rimini

Età: 37

Anni di esperienza: 20

Impiego attuale: imprenditore/pasticcere/docente/consulente

Giovane promessa della pallavolo, già campione nazionale di beach volley, gioca in serie B1 e la sua carriera sembra avviata ma qualcosa sembra non andare  secondo i piani.  Alla vigilia della selezione per la serie A, durante gli allenamenti, si procura un brutto infortunio alla caviglia che cambierà decisamente il destino della sua vita.

Frequenta  una scuola alberghiera in  riviera romagnola. Cammina con le  stampelle e, durante la ricreazione, a differenza dei suoi compagni, é costretto a rimanere in aula. Sfogliando una rivista del settore pasticceria Roberto rimane folgorato da un articolo  che parla di un concorso mondiale mostrando le immagini di un buffet artistico realizzato in zucchero e cioccolato. Da quel momento il suo obiettivo sarà proprio quello: vedere una sua creazione come quella fotografata sulla rivista premiata ad un concorso.

Obiettivo che raggiunge nel 1996 anno in cui Roberto, giovanissimo, a soli 19 anni , conquista il suo primo titolo….primo di una lunga serie di riconoscimenti e premi nazionali e internazionali. Roberto inizia così la sua carriera, comincia a riflettere e  a mettere a punto una visione del tutto nuova della figura del pasticcere: un professionista che affianca alla qualità dei prodotti e delle materie prime un grande senso estetico degno di un pittore, di un artista, di uno stilista.

Alfiere della qualità e dell’eccellenza della pasticceria artigianale italiana, in pochi anni ha saputo creare uno stile assolutamente originale, moderno ed elegante, che si distingue per le frequenti ‘incursioni’ nel fascinoso mondo della moda. Ogni suo dolce è concepito come un’opera a sé, un capolavoro sartoriale alla cui base resta però, sempre e comunque, la ricerca caparbia di una qualità a 360 gradi. ‘Creatore di sogni’, ‘enfant prodige della pasticceria italiana’, ‘stilista del dolce’. Sono alcuni dei lusinghieri appellativi che gli sono stati attribuiti in questi anni , giustificati da una fulminea carriera costruita su una formazione disciplinata e rigorosa, sempre sorretta dalle ali di una creatività innata e di uno studio parallelo delle leggi basi del marketing e del business che lo hanno  portato ad oggi ad avere 8 locali…A soli 37 anni Roberto Rinaldini, membro dell’ Ampi Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani e della prestigiosa ed esclusiva Associazione Relais Dessert,  è una promessa mantenuta.

Premi e riconoscimenti:

1996 – Vice campione d’Italia di pasticceria Juniores

1998

  • Campione d’Italia pasticceria Juniores
  • Campionato del mondo Uipcg (Union Internationale de la Pâtisserie, Confiserie et Glacier) Miglior torta del mondo “Venere nera”

2005

  • Premio per la miglior pièce artistica al Simposio Ampi;
  • Eurochocolate Award come miglior artigiano d’Italia per il cioccolato

2006 Premio a WPTC (World Pastry Team Championship) di Phoenix Miglior  Dessert al piatto Miglior Torta gelato

2007/ 2008- Protagonista di ‘Ururun’, reality show record di ascolti in giappone

2008

  • Campione del mondo di gelateria per la seconda volta, stavolta come allenatore;
  • Capitano della squadra italiana al Campionato mondiale di pasticceria a squadre WPTC (World Pastry Team Championship) di Nashville. Miglior entremet – Miglior torta gelato

2010 – Ideatore e presidente della Juniores Pastry World Cup, primo e unico Campionato mondiale a squadre per giovani pasticceri under 23

2011 - Esce il suo libro ‘Cake à Porter’, edito da Reed Gourmet, interamente dedicato al cake design

2012 - Ideatore di The Pastry Queen, primo campionato mondiale di pasticceria femminile

2013 – Viene nominato pasticcere dell’anno

2014 – Da Sigep di Rimini ha ricevuto il premio di Ambasciatore della Pasticceria nel mondo

2014: Entra a far parte del Relais Dessert circolo esclusivo che ha il compito di radunare sotto il suo nome l’elite della pasticceria mondiale



Articoli che potrebbero interessarti


Luigi Biasetto
IL PIU’ GRANDE PASTICCERE: TUTTO SUL DOLCE RITORNO IN PRIME TIME DI CATERINA BALIVO


Giudici il più grande pasticcere
DI CARLO, RINALDINI, BIASETTO (GIUDICI DE IL PIU’ GRANDE PASTICCERE) A DM: INSULTARE NON E’ IL NOSTRO MODO DI INSEGNARE (VIDEO)


Giudici X Factor 2017
X Factor 11: le prime dichiarazioni dei giudici


Natale con Iginio Massari
I PIU’ GRANDI PASTICCERI DI RAI2 SBARCANO SU SKYUNO E CIELO. AL VIA NATALE CON IGINIO MASSARI

4 Commenti dei lettori »

1. griser ha scritto:

25 novembre 2014 alle 23:46

Non voglio esprimere giudizi su MasterBake Off e quindi aspetto un vostro articolo.



2. tinina ha scritto:

26 novembre 2014 alle 07:01

griser

Ahahahahah! E’ vero, sarebbe stato un titolo perfetto! Comunque non mi è dispiaciuto, se non fosse per le insopportabili faccettine della Balivo e il giudice con codino e orrenda montatura di occhiali che imita Bastianich (già non si sopporta l’originale figuriamoci la copia!).



3. Barbara ha scritto:

26 novembre 2014 alle 08:19

Mi è sembrato Bake off con pasticceri non amatoriali.. alla faccia che la Balivo non ha mai visto la Parodi, lei forse no ma i suoi autori si.. xsino alcune inquadrature ricordano BakeOff.. cmq sempre bello vedere gente capace in azione.. il titolo di griser è xfetto.



4. antoniovarese ha scritto:

26 novembre 2014 alle 09:37

Dopo i primi minuti di programma mi sembrava di seguire una brutta copia di bake off e quindi ho cambiato mi spiace per la Bali o ma spero che floppi alla grande



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.