24
novembre

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (17-23/11/2014). PROMOSSI MADE IN SUD E BAKE OFF, BOCCIATI I FLOP DI RAI3

Made in Sud

Made in Sud

Promossi

9 al documentario sulla storia di TeleMilano 58. La rivista Link ci riporta agli albori della tv commerciale con immagini di repertorio di cui molti ignoravano o avevano dimenticavano l’esistenza. Una storia pionieristica che merita di essere raccontata. Peccato non averne fatto un evento con una promozione diversa e materiale più corposo.

8 a Made in Sud che chiude la stagione con un’ultima puntata seguita da oltre il 12% della platea televisiva. Numeri che, nel complesso, fanno del cabaret partenopeo il programma più visto di Rai2 di quest’autunno avvicinandolo clamorosamente ad uno Zelig traballante. Mostruoso il target dei giovanissimi campani: share del 70%.

7 a Roberta Liso, vincitrice della seconda edizione di Bake Off Italia. La giovane pugliese, caparbia, talentuosa e senza aver mai fatto un corso di pasticceria, è riuscita ad imporsi sugli altri concorrenti e a conquistare i giudici del talent di Real Time.

6 a Costantino Della Gherardesca. Con due prime time su Rai2, il nobile conduttore sente il bisogno di rifugiarsi sul piccolo Real Time, rischiando sovraesposizione e non aggiungendo ulteriore lustro al suo percorso professionale. Vero è, comunque, che dal punto di vista personale non si può ridurre ogni scelta lavorativa ad una mera questione di calcoli e strategie.

Bocciati

5 alle “eliminazioni non eliminazioni” di Ballando con Le stelle. Sabato scorso su Rai1 in scena l’ennesimo ripescaggio che porterà  ben sette coppie a sfidarsi in semifinale. Tanto vale fare un torneo in stile Tale e Quale Show, senza eliminazioni o con uscite riservate alle ultime puntate.

4 a I Cesaroni 6. Le avventure della Garbatella avranno pure un gruppo di giovani appassionati che smuovono i social network, ma ormai è giunta l’ora di dire basta.

3 a Morgan, tornato con la coda tra le gambe dietro al bancone di X Factor.

2 ai promo evento che annunciano il ritorno di Rock Economy su Canale 5. Peccato che si tratti di una seconda riproposizione e che manchino ancora settimane alla messa in onda. Per la serie “l’eventizzazione della replica della replica”.

1 ad una Rai3 all’ennesimo flop. Non è facile innovare sulla terza rete pubblica e, per questo, uno o più insuccessi devono mettersi in conto. Ma forse si sta esagerando soprattutto guardando alle proporzioni dei disastri (Questioni di Famiglia ha floppato con il 2.1%!). Una più attenta disamina dei format selezionati e delle collocazioni in palinsesto avrebbe – nella maggior parte dei casi – reso prevedibili gli insuccessi.

0 al falso testimone del caso Ceste, che si inventa una storia sulla vittima per apparire in tv (maggiori info qui).



Articoli che potrebbero interessarti


Eurovision Song Contest Gabbani
Pagelle TV della Settimana, 8-14 Maggio 2017. Promosso l’Eurovision Song Contest, bocciata Radio Rai che non ne ha trasmesso le semifinali


Costantino_della_Gherardesca
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (17-22/10/2016). PROMOSSO UN POSTO AL SOLE, BOCCIATI GOGGLEBOX E COSTANTINO DELLA GHERARDESCA


paolo bonolis pagelle
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (21-27/03/2016). PROMOSSI BONOLIS E LUCARELLI, BOCCIATI MORGAN E SALVI


Valeria marini esce dalla torta
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (15-20/02/2016). PROMOSSO BEPPE FIORELLO, BOCCIATI VITA IN DIRETTA E LA RAI CHE LASCIA ANDARE LA LITTIZZETTO

12 Commenti dei lettori »

1. sboy ha scritto:

24 novembre 2014 alle 15:47

Quelli di Ballando stanno prorpio alla frutta tra continue eliminazioni e ripescaggi, ormai il pongo regolmento di Amici gli fa un baffo.



2. Marco89 ha scritto:

24 novembre 2014 alle 15:48

Bravo Mattia, ottime pagelle ma qualche voto sbagliato dallo altrimenti mi annoio.
A me Made in sud fa tutto tranne che ridere. I Cesaroni dovevano cessare la scorsa stagione, ora e` tutto in bilico.
Vianello a Rai3 sta facendo malissimo, ringrazi la Sciarelli che grazie alla cronaca nera fa buoni numeri…anche se poi e` a causa di tutto questo circolo che capita quanto riportato al voto zero.



3. Marco89 ha scritto:

24 novembre 2014 alle 15:51

Aggiungo che sono sorpreso dalla totale mancanza di idee di Ballando, regna la totale incapacita` di saper migliorare un prodotto in corsa per portare a casa quest’edizione a livelli dignitosi. Mi auguro che qualcosa s’inventino e fossi Leone tarderei di qualche settimana Notti sul ghiaccio.



4. lordchaotic ha scritto:

24 novembre 2014 alle 15:53

vianello è il peggior direttore che raitre abbia mai avuto. ma cambiarlo no??



5. Rezon ha scritto:

24 novembre 2014 alle 15:57

Avrei dato -2 allo spot di Rock Economy, solo per il fatto che ANCORA il volume del televisore schizza alle stelle. Come se lui fosse il più bello del reame.



6. Mattia Buonocore ha scritto:

24 novembre 2014 alle 16:26

@marco 89 grazie.



7. ellis ha scritto:

24 novembre 2014 alle 16:55

condivido commento 2 e 3



8. Groove ha scritto:

24 novembre 2014 alle 17:24

Difficile che i Cesaroni tornino, però io almeno una miniserie che metta la parola fine alla vicenda la vorrei, chiudere con questo finale aperto è bruttissimo, mi auguro che Un medico in famiglia che giá è calato molto la scorsa stagione non faccia la stessa fine, mi dispiacerebbe, dopotutto queste serie si possono considerare ormai pezzi storici della tv che hanno segnato le generazioni di oggi, che non perdono una puntata da anni. Ballando con le stelle ha perso proprio il treno, ormai per tenerlo a galla non sanno più che fare, e se dall’altra parte è criticabilissimo il regolamento di Tu si que vales, concepito piuttosto frettolosamente, quello di Ballando è pure peggio, ormai non si capisce più dove sta la competizione, sembra il Sanremo di Fazio!!! Morgan no comment, ormai per rimanere al centro dell’attenzione non sa più che fare! Vergognosi i promo di Celentano, ormai diventato il Titanic della situazione e si appresta all’ennesimo passaggio, ma anche se lo sbandierano non pensino questa volta di superare i 5 milioni di telespettatori, sará giá tanto se arriverá a 3!!!



9. xxxxx ha scritto:

24 novembre 2014 alle 17:31

Gli autori dovrebbero capire che per rivitalizzare Ballando non è necessario fare continue eliminazioni e ripescaggi, anzi, questo si potrebbe considerare dannoso per il programma, che perde di credibilità (sarebbe meglio eliminare a ogni puntata e poi fare UN SOLO ripescaggio alla fine, oppure fare come in tale e quale in cui vince chi accumula più punti nel corso delle puntate). Ciò che davvero potrebbe servire per migliorare il programma sarebbe puntare ad un cast sì forte, ma che non dia adito a troppe polemiche; e inoltre sarebbe buona cosa accorciare il programma e farlo finire a mezzanotte al massimo, aumentare il ritmo e magari cambiare la giuria, che dà voti completamente sballati (io terrei soltanto Amargo e Zazzaroni, ad essere sincero).
Per quanto riguarda Made In Sud, gli ascolti saranno anche buoni, ma il merito è soltanto dei presentatori (che oggettivamente sono molo bravi) e dei numerosi ospiti famosi, anche perché i comici fanno quasi tutti pena e spesso propongono sketch poco originali (tanto per fare un’esempio, i comici meno peggiori, ovvero i ditelo voi, gino fastidio, enzo e sal, i malincomici e gli stessi gigi e ross hanno già partecipato tutti a zelig/colorado, inoltre mi è parso di vedere sketch copiati da Pino e gli Anticorpi e dai Fichi D’India)



10. Violadelpensiero ha scritto:

25 novembre 2014 alle 11:49

Voti interessanti, sono d’accordo con tutti i voti bassi che avete dato, da Ballando, con la pagliacciata delle eliminazioni-ripescaggi, ai Cesaroni, a Morgan, si sapeva che sarebbe tornato, ma soprattutto anch’io avevo notato la pubblicità “apocalittica” della replica di Rock economy, siamo veramente alla frutta, anzi, all’ammazza caffè.



11. Anonimo ha scritto:

4 dicembre 2014 alle 16:42

Made in Sud meriterebbe un 5 (e sono abbastanza buono).
Sempre gli stessi comici da anni che si esibiscono 4 minuti ciascuno e dicono sempre le stesse cose in modo volgare e con battute banali, e all’ultima puntata è stato raggiunto il massimo degli ascolti che potevano fare con Ospiti famosi come SIANI, Rocco Hunt, Sal Vinci ed Enzo Avitabile (senza ospiti hanno raggiunto 8% circa).
Made in Sud è il Format di ZELIG alla partenopea (presentatori + comici che si susseguono alla velocità della luce e che non fanno più ridere + OSPITI FAMOSI + ballerini + cantanti ect ect ect).
E’ diventato un miscuglio di cose, che al momento i Bimbominkia seguono con i loro iphone visto che ridono ad ogni battuta banale, ma sono diventati ripetitivi!
Dov’è finita la Qualità? Oggi esiste solo la quantità, basta aggiungere cose diverse su cose diverse, l’importante è fare un minimo di ascolti per continuare ad andare ancora avanti in TV, finché la gente non si scoccerà.
Dov’è finito il CABARET?



12. Anonimo ha scritto:

6 dicembre 2014 alle 16:38

Ballando con Le stelle e Tale e Quale Show sono le trasmissioni che mi sono piaciute di più quest’anno.
Si vedono dei Vip molto bravi (ed anche belli) ed altri molto meno bravi ma ad ogni edizione ci sono dei Vip diversi, quindi, un Cast diverso, perché in caso contrario sarebbe monotono.
Invece, è tanto monotona Made in Sud, dove il cast è sempre lo stesso da anni, con le stesse persone che non hanno più niente di nuovo da far vedere al pubblico e non fanno più ridere.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.