10
novembre

TU SI QUE VALES: SE NEL SABATO SERA DI CANALE 5 CI SI SCORREGGIA ADDOSSO

Tusiquevales - scoregge

Tusiquevales - scoregge

Avete presente la recensione scritta dopo la prima puntata di Tú sí que vales? Bene, dimenticatela. O, se preferite, circoscrivetela solo alla premiere.

Il ‘nuovo’ talent di Canale 5, infatti, dalla sua seconda puntata si è presentato come un programma del tutto differente. Al diavolo le bacchette e al bando il tempo, Tu si que Vales ha notevolmente ridimensionato, in un sol colpo, i tratti caratterizzanti della revisione del formato, che aveva l’obiettivo di differenziarlo dal precedente Italia’s Got Talent, migrato nel frattempo sulla tv satellitare. Disintegrate in sette giorni, tramite un montaggio al limite del surreale, le insopportabili passeggiate dei giudici; mixati i giurati; fusi e ricomposti pezzi di puntate evidentemente registrate in momenti diversi.

Da una parte, un’operazione che dimostra come si sappiano riconoscere gli errori, intercettare i gusti del pubblico e assecondare le richieste dei telespettatori; dall’altra, invece, uno straordinario menefreghismo nei confronti della coerenza, delle tempistiche e della struttura del formato, frutto dell’ossessione della vittoria a tutti i costi sul competitor.

Il risultato è un programma che ne ha sicuramente acquistato in ritmo e brio, ma ha perso qualsiasi logica di competizione, trasformandosi in una carrellata confusa di umanità varia e avariata. Un talent privo di senso, in cui i concorrenti sembrano dover semplicemente intrattenere il pubblico, facendo leva su perfomance spesso sopra le righe, ben consci degli appetiti dei telespettatori.

Delle due l’una: è preferibile rischiare ora il ‘confronto’ con Italia’s Got Talent oppure sarebbe stato più opportuno non rincorrerlo, mettendo a punto uno show del tutto nuovo che, con le competenze di Maria De Filippi e il suo gruppo, non sarebbe stato difficile realizzare?

Perchè se, poi, per portare a casa la serata, ti riduci a far scorreggiare nel sabato sera di Canale 5 un concorrente addosso ad una signora, il rischio è che il tutto non sia più criticabile, ma semplicemente ignobile.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Tu si que Vales - De Filippi
QUESTIONE DI BUZZ, QUESTIONE DI BACCHETTA


Paolo Poggio e Benedetta Rinaldi
E la chiamano (La Vita in Diretta) Estate


Veronica Maya - Quelle Brave Ragazze
Quelle Brave Ragazze: brio e rischio confusione nel mattino di Rai 1


YO YO
YO YO: i due gemellini che spopolano su Rai YoYo

54 Commenti dei lettori »

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

1. Groove ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:05

Non sono d’accordo, ok per il momento trash che si poteva evitare, non è stato molto bello vederlo e a dire il vero non mi ha proprio divertito, però la trasmissione per me è molto meglio ora, la prima puntata era inguardabile, noiosissima e lentissima, tu stesso Davide avevi detto che la passeggiata dei giudici non aveva alcun senso in tv, ora il montaggio ha tagliato i tempi morti e francamente non ci vedo nulla di male, poi mi sembra esagerato fermarsi a quel momento di tv-spazzatura, dopotutto si sono viste anche esibizioni di ottima qualitá, a prova del fatto che la competizione c’è, il mix deo giudici poi è stato fatto abilmente per aggirare il problema di Totti, che nei momenti in cuo era presente ha fatto ripiombare il tutto nella noia più totale.



2. giacomo bartoluccio ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:05

condivido, e permettimi se perdi legittimamente un format (è la legge della concorrenza) non puoi prenderne uno sul mercato uguale se non simile. A questo punto non ha senso acquistare i diritti di nulla se poi puoi ricopiarlo sfacciatamente



3. liberopensiero ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:06

Complimenti Davide, concordo in pieno, è l’unica analisi sensata tra quelle lette in giro, non supina alla troppo facile e semplice regola dei numeri.



4. Groove ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:07

Scusate gli errori, non è facile scrivere commenti con la tastiera dello smartphone!!!



5. Calimero ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:07

che brutta fine per la Venier
ridotta a farsi scorreggiare in faccia



6. Riki88 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:14

Poi si dice che “Ballando con le stelle” non è un programma di qualità e che Milly Carlucci è trash per come è cambiata negli anni e nelle edizioni la trasmissione? Si parla di “Tu si que vales” come un programma innovativo quando invece è praticamente la fotocopia di “Italia s Got Talent”-ora su Canale 5 dalla seconda puntata prevale sempre questo show negli ascolti tv su “Ballando con le stelle” e si dice che è un prodotto divertente e che fa ridere?? Se gli italiani provano piacere e divertimento a farsi scorreggiare in faccia tanto da guardare questo grande spettacolo in tv in prima serata su Canale 5, allora meglio perdere con la gara del auditel, con lo share e tutto ma mantenere dignità ed eleganza!! Complimenti ai 5,2 milioni di telespettatori, 23,92% di share che con grande intelligenza e buon senso segue e prova piacere nel guardare certe schifezze e W “Ballando con le stelle” su Raiuno che dopo 10 edizioni ottiene 4 milioni di telespettatori ed il 19,47% di share!!



7. kekko27 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:25

Ho trovato piu trash le protesi della versace volate all’aria e non questo “scorreggiare”.È una trasmissione divertente nata per far divertire a differenza di ballando che il trash anche se velato esiste eccome molto piu di tsqv.



8. mugnezz ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:27

L’esibizione era una di un trash terribile , ma e’ stata mandata per ultima a mezzanotte passata . Cosa che nell’articolo non e’ stato scritto e che ha cmq una certa rilevanza .
Poi il discorso nell’ultimo messaggio e totalmente fuori luogo. Ballando e ripetitivo e noioso da 9 anni . Se la gente non lo guarda ci sara’ un motivo



9. JLG ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:33

Condivido dalla prima all’ultima riga.
Canale 5 si affida alle lacrime trash o alla trivialità, questo ormai è risaputo.
Da un lato Segreto, D’Urso e compagnia bella, dall’altro la volgarità ormai scontata di Avanti un altro e questa roba inguardabile di TSQV.
Però, come giustamente scritto, a loro interessa vincere… e c’è un pubblico che questo lo gradisce perché ci si riconosce.



10. liberopensiero ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:35

Muovere delle critiche allo show della Defilippi, non implica automaticamente innalzare quello concorrente, non privo di limiti e difetti.



11. feel ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:36

Kekko27, ci vuole coraggio nel sostenere di aver trovato piu’ trash volare le protesi della versace piuttosto che questo scempio di tv volgare e che offende l’intelligenza del pubblico televisivo. Anche perchè il volo delle protesi della Versace è stato un incidente, lo dimostra il fatto che ne’ la Carlucci ne’ la Versace stessa hanno mai marciato su questa cosa se non cercando di trasmettere un messaggio positivo sul fatto che con la mente ed il cuore si puo’ arrivare ovunque. Trovo soprattutto triste che la Venier, di cui viene acclamato questo gran ritorno, si presti a questi numeri che nemmeno piu’ ad un adolescente farebbero ridere.



12. JLG ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:37

PS: la Venier dopo aver volontariamente lasciato VID e aver fatto naufragare una Domenica In condotta senza spirito, è inutile che rilasci interviste HO RITROVATO IL SUCCESSO DOPO LE UMILIAZIONI.
Umiliante non è il 15% contro la D’Urso ma finire in uno show come questo, dove non si fa alcuno sforzo… perché non si parli di lavoro, questo non è un lavoro.



13. JLG ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:39

@ liberopensiero

Bravissimo! Ballando ha mille pecche, soprattutto quest’anno, dove hanno sfruttato male i nomi forti e puntato sul trash non appena TSQV ha iniziato a vincere



14. JLG ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:42

@ feel: condivido dall’inizio alla fine.

Sono stanco di leggere le santificazioni di Mara Venier. A VID creava caciara, sapeva tenere bene il suo salotto ma i contenuti erano retti da Liorni e infatti il confronto Venier-Parodi vede la signora Gori vincere su tutti i fronti.



15. JLG ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:48

Lo stesso vale per Domenica in.
Quando nell’estate 2013 la Venier decise di tornare, sapeva benissimo che non c’erano più le risorse dei primi anni Duemila ne tanto meno, mi piace ricordarlo, il trash che aveva alzato gli ascolti del periodo 2004/06.
Molti sembrano averlo dimenticato ma mentre tutti guardavano sdegnati Costanzo&Co, a Domenica in era una rissa infinita con ospiti del calibro di Pappalardo e Zequila, giunti allo scontro finale dopo MESI di trash assoluto.



16. feel ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:50

Scusa liberopensiero, mi spieghi dove vedi il trash in Ballando? Io al sabato sera causa problemi familiari sono il piu’ delle volte davanti al televisore a guardare la trasmissione ed oltre ad un programma ben confezionato, concordando pero’ con te con alcune pecche soprattutto sulla giuria, vedo solamente del garbo da parte della conduttrice ed eleganza nella struttura di alcuni passaggi. Non ho mai guardato il competitor ma se queste sono le premesse allora mi associo a quei 4 milioni di italiani che preferiscono il programma della Carlucci piuttosto di un trash dettato solamente dalla ricerca esasperata di fare ascolti.



17. liberopensiero ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:53

La Venier è molto furba, è chiara la smania di apparire e che non aveva alcuna voglia di farsi da parte. Ha capito che con il solo agente non andava lontano, e quindi ha bussato ai portoni della Corte della Sig. Ra Costanzo, ospitando a scapito dell’audience il marito quando i giochi erano già fatti, il tutto condito dal (falso) vittimismo. E poi era divertente quando conduceva Vid, e solo la D’Urso veniva definita trash, lei era la Gran Signora….



18. Marco89 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:58

A me sembra un’analisi troppo severa. TSQV e` piu vicino ad un format Corrida che IGT, e` uno show piu` italiano, meno serrato. Sicuramente di trash ce n’e` in abbondanza, come spesso capita in format fatti in casa, ma neppure IGT io non ho mai considetato come talent, ma un varieta` 2.0 con una giuria, segno dei tempi moderni. Poi e` ovvio che se gli ascolti son saliti, hanno trovato la terra giusta…chi lo fa fare a Mediaset di cambiare il discorso se il sabato e` uno dei pochi giorni in cui il prime time di C5 vince. Non e` il momento piu` adatto questo di fare troppi ragionamenti per un’azienda commerciale. Devono rispondere al pubblico e di grave o nocivo non c’e` niente.



19. liberopensiero ha scritto:

10 novembre 2014 alle 15:59

@feel,perdonami ma nel commento, non ho parlato di trash, a riguardo ho già espresso il mio giudizio su Ballando, lì il problema è la staticità, non il trash (a parte la Oxa).



20. JLG ha scritto:

10 novembre 2014 alle 16:07

@feel @liberopensiero

Il problema di Ballando è proprio la mancanza assoluta di elementi innovativi e il ricorso a mezzucci “acchiappa-share” ridicoli tipo gli uomini con i pettorali esibiti, Joe Maska o le sfide a sorpresa tipo la “manche di Halloween”.
Si dovrebbe osare di più… io apprezzo, ad esempio, strizzare l’occhio a Violetta; dovrebbero puntare più sui musical e cambiare qualcosa di una formula ormai invariata da 10 anni.



21. kekko27 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 16:17

@feel inutile parlare con te, tu il trash lo trovi solo su canale5, quello che vedi su rai1 sono solo incidenti.



22. Riki88 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 16:24

Se certe persone trovano divertente vedere e sentire scorreggiare in tv e trovano invece più trash la Versace che ha avuto un incidente in pista a “Ballando” allora penso che non ci sia più niente da aggiungere! La De Filippi, sicuramente è una professionista e non lo metto in dubbio sebbene a me il suo stile non mi entusiasmi particolarmente, ma bisogna ammettere che dove c è lei il trash è garantito!!! “Uomini e Donne”, “Tu si que vales” ora, “Vero Amore” etc…scusatemi ma che messaggio si dà alle persone a casa in prima serata dove qualsiasi individuo sta seguendo il programma-e si vede scorreggiare in faccia e ridere?? A prescindere se questo grande momento di televisione sia andato in onda alle 21 o alle 24..il solo pensiero scusate fa a dir poco schifo!! Non voglio comparare “Ballando” a “Tu si que vales”–ognuno alla sua opinione e la sua preferenza riguardo ad uno o al altro ma vedere certi commenti dove viene detto che lo show di MIlly è più trash di quello della De Filippi…bhè scusate ma andate a vedere e soprattutto capire il significato della parola “trash” che credo sia il caso!!



23. federiko24 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 16:25

Ma per piacere…sará pure trash TSQV ma spero non serva a beatificare Ballando. L’ho guardato fino all’anno scorso e da quest’anno mi sono stufato. Sempre la stessa ripetivitá e poi i ballerini famosi in cosa? Ad avere una maschera e dei pettorali? Questa edizione di Ballando é da dimenticare. Quindi per favore non criticate Canale 5 per delle scorregge quando poi alla “Santa Rai 1″ ci sono tette all’aria.



24. feel ha scritto:

10 novembre 2014 alle 16:32

Kekko, ti rispondo solamente in questo modo: tu credi davvero che la Versace dopo tutto il dolore per aver perso l’uso delle gambe, ed un percorso piuttosto lungo per ritrovare la fiducia in se’ stessa possa in qualsisasi modo prestarsi a giochi dettati dalla produzione pur di alzare lo share del programma? Io credo che oltre a non aver minimamente idea di cosa possa aver passato questa donna si arrivi ad essere anche offensivi e a perdere di vista la realta’. E credimi, non è questione di preferire rai a mediaset ma solamente buon senso…



25. kekko27 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 17:05

@feel io ho fatto l’esempio di Giusy semplicemente perché quello che mi è venuto in mente.Però non venirmi a dire che un po di morbosità nella sua partecipazione non ci sta. Ma è anche giusto ognuno cerca di dare il meglio per una trasmissione.Il buon senso fidati a me non manca,ma tu stai accusando tsqv per una cosa divertente che ha fatto ridere tutti manco fosse chissa cosa! La prova del cuoco con i doppi sensi della clerici non è trash? La maya col seno al vento? Il trash esiste dappertutto questo è tutto.



26. IL MIO REALITY ha scritto:

10 novembre 2014 alle 17:06

Ho guardato per caso la puntata di TSQV di sabato scorso (apro parentesi, mai titolo così brutto per uno show, chiudo parentesi), e devo dire che anch’io riscontro una serie di “fattori” piuttosto criticabili.
1. Montaggio -> ritmato e veloce, ma confusionario. Lontano anni luce dal montaggio “racconto” di X Factor su Sky. Il risultato è un’accozzaglia di esibizioni, frammentate e poco coese rispetto allo spirito competitivo del talent (scopro solo adesso che il talent è fondato su una competizione). Sembra quasi di vedere uno di quei programmi comici americani rimontati e sottotitolati per una tv satellitare, costruiti a mo’ di “gag”.
2. Liturgie del format -> non c’è nessun elemento riconoscitivo del format, al di là della presenza dei 3 giurati famosi. In certi frammenti dello show non si capisce neanche cosa voglia significare la clessidra, quale sia lo scopo dell’esibizione se non un semplice “ci è piaciuto, torna”, “non ci è piaciuto, non torna”. Il tutto è ridotto a una rassegna di fenomeni (spesso da baraccone) che vengono promossi o bocciati dalle giurie (?).
3. I conduttori –> a cosa “servono” Belen e l’altro ragazzo? Perchè fanno parte del cast? Io che guardavo per la prima volta il programma, non ho capito la funzione dei due “co-conduttori”. Mi sono sembrati elementi pretestuosi.
4. Concorrenti -> mi è sembrato che venisse privilegiato l’aspetto macchiettistico, ridicolo, sopra le righe dei concorrenti, rispetto a quello “talentuoso” e alle capacità di sbalordire per un effettiva capacità artistica o di altro tipo. I concorrenti sembrano una sfilza di casi umani, macchiette, come a voler riproporre il filone della Corrida di Corrado. In effetti sembra quasi una rivisitazione del vecchio show di Canale 5, in una confezione diversa.

Bhè, nel complesso, non mi piace. E’ vero che gli ascolti sembrano premiare questo show, ma diciamolo chiaramente. la concorrenza di Ballando è ormai stantìa e ripetitiva, e IGT macinava share di gran lunga superiori (e proponeva uno spettacolo di maggior gusto).
Se ci fosse stato Carlo Conti invece dell Carlucci, credo che il programma di Canale 5 non avrebbe vinto la sfida del sabato sera. Una sfida che punta tuttavia VERSO IL BASSO e il CATTIVO GUSTO.



27. Davide Maggio ha scritto:

10 novembre 2014 alle 17:22

IL MIO REALITY: orgoglioso di un lettore come te.



28. Conte Dracula ha scritto:

10 novembre 2014 alle 17:25

tu si que vales mi sembra una corrida 2.0



29. alex2 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 17:28

D’accordissimo con questa analisi.

Aggiungo che la Venier è una gran furbona e che, se già cominciava a calarmi, con le sue ultime mosse mi è definitivamente scaduta. L’intervista su Chi “ho ritrovato la mia dignità dopo tante UMILIAZIONI” è di un penoso mai visto. Lei ha detto più e più volte che fare la VID le creava malessere e che era arrivata addirittura a prendere psicofarmaci. Lei ha detto che dopo la malriuscita Domenica In intendeva andare in “pensione” e dedicarsi a sé stessa, al marito e alla mamma malata. Sbaglio?

Improvvisamente invece ha girato totalmente la frittata giocandosi la carta della poveretta umiliata a cui avevano tolto i programmi relegando la Perego al ruolo della strega cattiva. Ma come? Non era lei ad aver lasciato perché stanca, depressa, stressata, ecc? Cosa doveva fare la Rai? Chiudere sia VID che la Domenica perché la signora Venier aveva deciso di mollare? E si è dimenticata che un anno prima la Cuccarini è stata lasciata a casa perché lei potesse avere la domenica? Cos’ha da recriminare ora? Faccia pace con il cervello. Sia lei, sia il marito che su Twitter bimbominkieggia come un adolescente scatenato in crisi ormonale.

Ora è felice perché Maria l’ha chiamata a farsi scorreggiare in faccia e a litigare con quella tizia come una concorrente di Uomini e Donne over qualunque? Bene, ognuno ha quel che si merita. Ha mollato quel cattivone del suo agente, ha chiuso i ponti con quelle cattivone di Perego e Ventura, è diventata best friend della D’Urso. Perfetto. Tanti auguri. Adesso però la smetta con le sue lagne e si goda le scoregge di TSQV.



30. IL MIO REALITY ha scritto:

10 novembre 2014 alle 17:51

<3



31. Fabrizio ha scritto:

10 novembre 2014 alle 18:08

Tutto molto scontato, prevedibile, schierato. Se ne poteva fare a meno di questa ennesima recensione negativa (la seconda per TSQV) per un prodotto MdF. Niente di nuovo sotto il sole….di Maggio!



32. I soliti ha scritto:

10 novembre 2014 alle 18:14

Basta scrivere due righe contro il format Di MAria ed ecco subito i soliti criticoni che guizzano a scrivere il loro pensiero! Vorrei proprio vedere se tutti voi che commentate avete visto 1 e dico almeno 1 delle puntate trasmesse!



33. F@bry ha scritto:

10 novembre 2014 alle 18:19

Ragazzi ma finitela per favore, ma qualche petomane si è presentato anche su Italian Got Talent negli anni passati, quindi non capisco perchè adesso è da crocifiggere questa esibizione -.-

A parte che io non l’ho neanche ritenuto di cattivo gusto, non credo che qui le persone che commentano non “evacuano aria dal loro deretano” quindi non fate i moralisti del cacchio, per favore. Il programma poi è trash (che novità siamo su Cenale 5), però piace, quindi non vedo nulla di male se il programma risulti sopra le righe.

Inoltre è molto divertente, personalmente non ho mai trovato esibizioni di cattivo gusto, e alcuni partecipanti hanno dei veri e propri talenti. Scandalizzarsi per una scoreggia (tra l’altro esibizione che sa anche di già visto, nulla di nuovo) lo trovo veramente da moralista.

Per questa registrazione anche io ho trovato alcuni difetti ma solo perché c’era quell’imbecille di Totti e quindi avendo due registrazioni la presenza di esibizioni era maggiore quindi il tutto è risultato un po’ troppo frettoloso, il resto per me rimani guardabile.

Mi ricorda un misto tra programmi anni 80/90 come la Corrida e i programmi recenti come ITG (appunto)

Poi, sinceramente, ma chi se ne frega se è un programma “spazzatura” l’importante che chi lo guarda per 3 ore riesca dimenticare i propri problemi, e veramente VEDERE I MIE GENITORI RIDERE DURANTE TSQV E’ LA COSA PIÙ BELLA CHE QUESTO PROGRAMMA POTEVA FARMI :)



34. feel ha scritto:

10 novembre 2014 alle 18:22

Fabrizio, non puoi recriminare nulla a Davide Maggio, tant’è che se guardi gli articoli precedenti lo stesso attraverso un suo collaboratore scriveva una recensione dal titolo “Ballando con la mattonella” in cui il programma dallo stesso non veniva elogiato ma al contrario ne sottolineava le debolezze ed i punti cruciali, quindi non c’è nulla di schierato in questo blog.



35. xxxxx ha scritto:

10 novembre 2014 alle 18:41

Rispondo a un commento fatto sopra: ritengo quantomeno assurdo definire Avanti Un Altro un programma trash e volgare quando a Ballando Con Le Stelle si vedono persone che si autoumiliano (Albertazzi e Joe Maska), che fanno battute da caserma a persone che hanno avuto gravi incidenti (la Smith a Giusy Versace), che litigano continuamente tra di loro, che danno giudizi iniqui e ipocriti (vedi Mariotto) in un contesto già di per sé troppo lento e noioso (e anche pieno di polemiche) mentre su Canale 5 va in onda un programma pieno di forzature e senza uno straccio di originalità. In confronto le quattro parolacce e allusioni sessuali (peraltro neanche troppo spinte e/o ricorrenti) di Bonolis sono davvero poca cosa (e comunque, in Avanti Un Altro c’è un minimo di inventiva, originalità, ritmo e lavoro autorale, cose che nei due programmi del sabato sera sopra citati mancano quasi del tutto)



36. tony ha scritto:

10 novembre 2014 alle 18:44

Quanto rimpiango Ranieri!!! Quello sì che era sabato sera! Ma solo per 3 settimane!!!! Poi doveva PER FORZA partire la gara del trash. Vabbè, Mediaset si commenta da sola, ma chissenefrega, basta non guardarla, tanto è gratis (che pur di stare in piedi arrivano al punto di interrompere a tradimento un programma infilando per forza quell’isopportabile pubblicità delle 21). Ma pure la Rai ha un trash che, proprio perchè è ipocritamente malcelato, è pure peggiore (vedi maya a tale e quale). Ma anche le gambe di giusy che volano (che in prova non volavano? ma che strano!). Per di più trovo ancora più insopportabile quando in televisione si inneggia alla voglia di vivere di gente benestante con le protesi (vedi pure zanardi e a suo tempo pure pistorius). Andate a chiedere a quelli che quelle protesi così costose non se le possono permettere se gli manca la voglia di vivere. Quella ce l’hanno, eccome, non vi preoccupate. Sono quelle protesi (e la riabilitazione che loro hanno avuto in chissà quali cliniche) che non hanno! E a questo aggiungiamo i tagli all’assistenza che i disabili devono subire. Ma per favore! Altro che giusy!



37. federiko24 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 18:48

F@bry Aspettavo un commento come il tuo. Ti quoto in tutto e per tutto, in famiglia ci fa divertire tutti. Chissá che me ne frega di un petomane.



38. Groove ha scritto:

10 novembre 2014 alle 19:34

Ma i petomani non c’erano anche a Italia’s Got Talent? Nessuno si è mai lamentato, ok che questa esibizione era decisamente sopra le righe, però qui si mettono in luce solo i difetti dello show, vorrei far notare che oltre l’esibizione di cattivo gusto si sono visti bravi cantanti, ballerini, giocolieri… Il problema è che con una sola esibizione si sta giudicando male tutto il programma, è questo mi sembra sbagliato, comunque bisogna ammettere che la puntata di sabato era molto confusa, questo perchè per evitare il disastro Totti si è puntato molto sul montaggio e sul trash, ma le scorse puntate non erano cosí però, e non lo dico per essere di parte, ma perchè è l’impressione che io avuto guardando lo show.



39. MisterGrr ha scritto:

10 novembre 2014 alle 19:56

Sto scoreggione gira da anni nelle trasmissioni tipo questa.

Direi che l’idea riciclo di personaggi per la salvaguardia dell’ambiente televisivo non funziona mai.



40. Max 26 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 19:58

Da fan di Ballando, devo dire che il trash della sera è tutto sulla rete di servizio pubblico, da protesi volate per far alzare lo share, a battute omofobe, ai contratti a tempo, alle zizze fatte uscire guarda caso nella finale di un programma ottimo ma non ai fasti della precedente edizione. Davide ho capito che non ami Mediaset, nemmeno io, ma dire ignobile ad un peto mi sembra esagerato a dir poco



41. Riki88 ha scritto:

10 novembre 2014 alle 20:00

Caro Federico24 da affezionato telespettatore di “Ballando con le stelle” ti posso dire che hai ragione riguardo al fatto che dopo 10 edizioni allo show dovrebbero apportare diverse modifiche, scenografia da cambiare, giuria da rinnovare completamente, commentatori, ballerini per una notte, ritmo più incalzante e moderno..tutte cose giuste-però quando si arriva in prima serata a scorreggiare davanti ad un pubblico che ti sta seguendo dove ci possono essere anche bambini al ascolto, lo trovo veramente fuori luogo e davvero penoso! Non difendo Rai 1 ed il caso di “Tale e Quale Show” dove alla Maya è uscito il seno-anche in quel caso non va bene: entrambi i programmi sono sullo stesso livello e guarda caso però risultano programmi in prime time molto seguiti!! Io poi, ero del idea ed a maggior ragione lo sono tutt ora, che lo show di Milly sarebbe dovuto tornare in inverno e scontrarsi con “C è posta per te”-credo che sarebbe stata una gara dal punto di vista auditel più equilibrata e piacevole poi anche da commentare una volta ponderati i risultati: io oltrettutto sono obiettivo inoltre nel dire che a questo punto per la Carlucci tornare già a gennaio con “Notti sul Ghiaccio” il sabato sera su Rai1 appena terminata questa non particolarmente entusiasmante edizione di “Ballando”, potrebbe essere veramente un notevole rischio ed un passo falso!



42. Andrew ha scritto:

10 novembre 2014 alle 20:22

“Un talent privo di senso, in cui i concorrenti sembrano dover semplicemente intrattenere il pubblico”
Scusate, ma in questa frase è racchiuso proprio quello che a mio modo di vedere è TSQV! Visto che il lato talent se ne è andato su Sky (proprio su questo sito raccontavate che la parola talent era bandita in quel programma sin dalle prime registrazioni), è bene che si sia puntato sull’intrattenimento del pubblico! Io non vedo dove sia lo scandalo. Fino a prova contraria le trasmissioni sono fatte per il pubblico, e se loro apprezzano (dall’auditel pare proprio di sì), non vedo dove sia il problema. Ben vengano programmi dove ti fanno passare una serata piacevole e divertente senza che ci siano giurie poco credibili (non mi venite a raccontare che la giuria di Ballando è seria…).
Poi, se si vuole ricondurre tutto allo scorregione in questione (che anche io ho trovato di cattivo gusto) lo si faccia, ma non mi sembra che abbiano montato tutte le puntate su questo tizio!



43. liberopensiero ha scritto:

10 novembre 2014 alle 20:28

Non credo si giudichi trash o volgare il rumore corporeo tout court piuttosto l’uso dello stesso all’interno di un format completamente snaturato, ridotto ad un assemblaggio di singoli episodi decontestualizzati tipo bmovie. Anche alla Corrida c’era il tipo che spernacchiava con le ascelle, ma quella trasmissione aveva il sapore dell’allegra sagra di paese condita dell’ironia di Corrado, in quel contesto però non si ricercavano talenti, anzi quando ciò accadeva era vissuto come evento eccezionale. Nessun giudizio morale sul peto in sé, tutto dipende dal contesto, nulla di nuovo lo hanno utilizzato al cinema sia Tognazzi che Alvaro Vitali, i risultati e le differenze sono però evidenti.



44. Paolo ha scritto:

10 novembre 2014 alle 20:37

Ma chissene frega se é trash, se vi fa schifo 5 milioni se lo guardano , altri 4 guardano ballando, gli altri guardano altro.
Sempre i soliti discorsi non vi piace cambiate canale mica vi puntano la pistola alla tempia.
Permettetemi però che avrei preferito anche un appunto su tale e quale perchè il vestito della Maya era praticamente messo lì per cadere e su dai



45. selena ha scritto:

10 novembre 2014 alle 22:12

Commento in ritardo anche io. L’analisi di Davide la capisco e va lodata la sincerità con cui esprime il suo parere conscio di fare un polverone nei commenti, specie nei fan Mediaset o che prediligono il programma.
Mi piace perché e’ l’ unico in questo blog, ma anche sul web (io non ho visto la scena) che resta schifato dalla scena del concorrente scorreggiatore. Beh viva Dio che esiste ancora qualcuno di buon gusto.
Sul programma. Ho intravisto solo parti delle ultime puntate e infatti non capivo più il senso della figura della clessidra…(se e’ stato tutto tagliato ora mi e’ più chiara questa confusione nel non capire quando finisce l’ esibizione). Avevo scritto e notato che c’è un montaggio supertritato. Non e’ il solo che scrive di carrellata di umanità, un altro blog l’ ha definita come carne da macello buttata in prima serata in maniera continua e frenetica con il solo scopo di farne uno show.
Che così ci fossero momenti trash era quasi in-evitabile visto che si cavalca quell’onda di frattaglie e non mi meraviglio che la Venier ci sguazzi, perché lei a fare quelle cose proprio si diverte come una pazza, ad esserne anche partecipe o discutendo con la concorrente (del trolley) o facendo battutine (con quello che alzava i pesi con lo scroto) o vedendo da vicino le scorregge. Lei e’ fatta così..non dimenticatevi quando nei suoi programmi spogliava gli ospiti maschili (anche a papi lo spogliò in diretta levandogli la camicia toccando gli addominali, senza motivo!). Lei ci sguazza e la gente si diverte a guardare che lo fa, e poi fa’ ascolto e questo e’ importante. In effetti quando dice che e’ tornata la vera Venier e’ vero, perché lei e’ così (e questo lato lo aveva messo in cantina con la vita in diretta per lasciare spazio ad un lato più serio quando parlava di cronaca). Quindi condivido il senso dell’ articolo, anche se avverto che il peggio potrebbe ancora venire…ci sono ancora altre puntate di tsqv (ma l’importante e’ vincere e già prenotare una seconda edizione), senza dimenticare che c’è l’ isola a gennaio con la presenza in studio della stessa quarta giudice.



46. IL MIO REALITY ha scritto:

10 novembre 2014 alle 22:56

@Groove @Fabry
il punto non è il petomane, ma il petomane fine a se stesso.

Mi spiego: IGT era un format ben strutturato, ben montato, una sorta di racconto nel quale coesisteva l’elemento “talentuoso” con quello trash, a favore in verità del primo. Nell’economia del racconto, nel contesto di un format bel confezionato, il petomane poteva essere un elemento per qualcuno “dissonante” ma tutto sommato accettabile.

TSQV è un format dove è evidente la rincorsa a un “confezionamento” sempre più posticcio, pretestuoso, dove l’elemento “racconto” è stato sacrificato in nome dell’elemento trash (a livello di gag comica), e in questo caso triviale. Il petomane di TSQV è inserito in un contesto più becero, senza filo conduttore, dove viene fatta la rassegna di fenomeni da baraccone e dove si privilegia l’elemento “caciarone”. Con il risultato che tutto appare più volgare.

Un po’ come mettere a confronto i seni nudi delle Bue Bells durante uno spettacolo, con i seni nudi di Maurizia Paradiso in una televendita notturna di Rete Mia. Si tratta sempre di seni, ma i primi sono eleganti, i secondi volgari.

Dunque non parliamo di moralismo ma di semplice gusto. Stile.



47. JLG ha scritto:

10 novembre 2014 alle 23:35

L’aspetto peggiore É che nel 2014 si debba ricorrere ancora a spettacoli così esplicitamente bassi, volgari, come ho già detto, triviali.
Le allusioni e le “palpate” di Avanti un altro, le esibizioni umilianti di questi show del sabato sera… Non c’è un filtro, non una linea sottile, come a dire che il pubblico di riferimento é così infimo che bisogna proprio servirgliele senza filtri.
Io, a tutto questo, continuo a preferire le sceneggiate TRASH di Tina a Uomini e donne o la comicità (in)volontaria delle fiction “canine”



48. JLG ha scritto:

10 novembre 2014 alle 23:42

Quanto alla Venier, sono felice di leggere pareri quasi unanimi.
É comodo lamentarsi adesso… per fare 2/3 punti in più, la sua ultima Domenica in si É aggrappata a casa disperati come quello dell’eredita Villa, uno squallore degno solo di Discarica Live.
Ma Mara alla fine ne É uscita male; purtroppo é
É una di quelle conduttrici fuori dalla realtà, immerse nel loro status di privilegiate, che credono che la tv sia uguale a vent’anni fa.
Chiedetelo a Maria De Filippi, la numero 1 in assoluto: piaccia o meno, in questi anni ha dovuto e saputo cambiare/aggiustare i suoi programmi per seguire i cambiamenti del paese…



49. giubeppe ha scritto:

11 novembre 2014 alle 00:21

Ma siamo proprio sicuri che Maria abbia rappresentato il popolo, o ormai Maria rappresenta un popolo che si ispira ai personaggi delle sue trasmissioni del momento?! Io credo che peto o non peto (come tetta o non tetta) la qualità del programma si veda da quanto in basso si riesce a rimanere. Se non è la scorreggia ma l’ infarinatore furioso cambia qualcosa?! No, il programma punta a conquistare per il ritmo, per la chimica tra i giudici e per qualche numero piu o meno interessante, a volte carini, altre delle stupidaggini clamorose. La Carlucci, dall’altro, offre due ore e mezzo di diretta, con, quindi, un ritmo totalmente diverso, appesantito dal suo stile classico, quasi barocco, che dopo 9 anni potrebbe provocare, giustamente, almeno un attimo di herpes. Ma che adesso un peto diventi iceberg di un modo di fare tv, quello di Nostra Maria, che è un continuo puntare al ribasso, vi prego… risparmiamocelo. E state anche tranquilli che, come successo con Italias Got Talent, alla prima diretta di Tu Si Que Vales, verranno alla ribalta tutti i limiti di un programma non programma.



50. shayne80 ha scritto:

11 novembre 2014 alle 00:31

recensione troppo severa per un petomane che si è visto sì e no dieci minuti tralasciando tutte le altre esibizioni di acrobati giocolieri e gente di vero talento…



RSS feed per i commenti di questo post

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.