10
luglio

PALINSESTI LA7 2014/2015: FLORIS PER CINQUE ANNI, IN ONDA IL MARTEDI’ E TUTTI I GIORNI. ECCO LE NOVITA’

Urbano Cairo

La vera novità si chiama Giovanni Floris. Ora è ufficiale: il conduttore è entrato nella squadra di La7, e da settembre sarà alla guida di un talk show in onda il martedì in prima serata. “Sono felice di potervelo dire, Floris è un grande giornalista e personaggio che sicuramente potrà dare ulteriore arricchimento a un palinsesto già ricco” ha dichiarato l’editore della rete terzopolista Urbano Cairo, che stamane ha presentato alla stampa la programmazione 2014/2015 dell’emittente. Il giornalista sarà anche in video tutti i giorni, con una striscia quotidiana a partire dalle 19.40. La speranza di Cairo è che la staffetta col tg di Mentana faccia volare gli ascolti.

La7: Floris e Crozza di nuovo assieme

Insomma: Giovanni lascia la Rai e raddoppia. Sarà lui la vera sorpresa nella nuova proposta di La7, con un progetto che lo riguarda a lungo termine. “Il percorso con Floris sarà lungo non l’abbiamo voluto per due anni, ma sarà con noi per cinque anni” ha annunciato Cairo. Nel suo nuovo talk show per la rete terzopolista, il conduttore ritroverà al suo fianco il comico Maurizio Crozza, che già in Rai introduceva Ballarò con copertine di successo.  ”Avevamo un nostro pubblico che lasciava La7 per andare a vedere Ballarò. Oggi invece di lasciarli andare a vedere altrove il programma che a loro interessa, lo abbiamo noi” ha detto l’editore, orgoglioso del nuovo acquisto.

La7: Simona Ventura conduce Miss Italia

L’altra sorpresa scartata oggi da La7 si chiama invece Simona Ventura. La popolare conduttrice approderà sulla rete terzopolista in qualità di presentatrice della finale di Miss Italia 2014, che si svolgerà in diretta da Jesolo il 14 settembre. “Mancava nel mio curriculum. E’ una grande medaglia e per me è un grande onore” ha commentato Simona stessa (maggiori info qui). Ora la conduttrice (per una sera) sarà il volto di un’emittente – La7 – sempre più generalista, e con un palinsesto che vedrà confermati (con qualche innesto nuovo)  i suoi appuntamenti cardine all’insegna dell’informazione e dell’infotainment.

La7: La Gabbia si sposta, torna In Onda. AnnoUno il mercoledì

Tornerà infatti anche La Gabbia di Gianluigi Paragone, e al riguardo Cairo ha ipotizzato uno spostamento del talk show antipolitico dalla prima serata del mercoledì a quella della domenica (collocazione peraltro già sperimentata da Paragone in passato). In quella serata, il programma d’attualità sarà anticipato da mezz’ora di In Onda con la coppia Sottile-Sardoni, attualmente all’opera. Su La7 ci sarà anche Michele Santoro con Servizio Pubblico, il giovedì.

Nella prossima stagione, Giulia Innocenzi riproporrà AnnoUno ritagliandosi uno spazio proprio: andrà in onda il mercoledì per sei (o otto puntate) alternandosi a Myrta Merlino con L’Aria che Tira (promossa stabilmente in prime time), con Le Invasioni Barbariche di Daria Bignardi e con Grey’s Anatomy.

Il palinsesto mattutino funziona e quindi non subisce stravolgimenti. Al contrario, rimane ancora poco chiara la programmazione pomeridiana, che è il vero tallone d’Achille della rete terzopolista. Per ora ci sono solo delle idee – ha spiegato Cairo – ma c’è bisogno di certezze ben più solide. E la certezza che fa sognare Urbano, per ora, è solo una: Giovanni Floris.



Articoli che potrebbero interessarti


Urbano Cairo
URBANO CAIRO: SU LA7 TROPPI TALK? CANALE5 NON LI FA EPPURE HA PERSO SHARE


Miss Muretto 1986
MISS ITALIA 2014, CAIRO: SIMONA VENTURA SUPERERA’ IL 10% DI SHARE (IL DOPPIO DELLO SCORSO ANNO)


Piersilvio Berlusconi
PIERSILVIO BERLUSCONI: AVREI VOLUTO FLORIS MA NON SANTORO. SKY? FORSE CON L’INTRATTENIMENTO (VENTURA E XFACTOR) HA RASCHIATO IL FONDO DEL BARILE.


Cappella Sansevero, Artedì
Artedì: Giovanni Floris scopre i tesori d’Italia in seconda serata su La7. Ecco i luoghi visitati

19 Commenti dei lettori »

1. Alessandro ha scritto:

10 luglio 2014 alle 17:09

La fascia debole di La7 al momento va dalle 14:40′alle 20:00, Floris inizierà alle 19:40 ma tempo un mese e Cairo gli allungherà il programma ad un’ora e anticiperà il TG e la Gruber e si avranno due ore di informazione prima del talk di prima serata ( da quel che ho capito saranno 7 prime serate su sette talk a parte grace’s anatomy). Per il resto deve acquistare dei programmi per riempire il pomeriggio e visto che non vuole puntare sullo sport, che un programma come quello che fece fare alla Parodi ha fallito, che i quiz a quell’ora non sono una buona idea, non gli rimane che acquistare qualche serie tv, allungare di 20′minuti,La7 cronache ( quidi farlo finire alle 15:00) e il palinsesto e fatto.



2. Groove ha scritto:

10 luglio 2014 alle 19:16

Secondo me La7 dovrebbe cambiare nome, sarebbe più appropriato un nome come “LaP”, ovvero La Politica, perché tanto ormai la rete di Cairo fa solo quello, e persino l’intrattenimento è politicizzato, basta vedere lo show di Crozza!!!! Si salva solo Miss Italia, in questa rete che ormai non è più una generalista, ma è diventata rete tematica a tutti gli effetti, un pò come La 5 il canale per le donne, Mediaset Extra quello delle repliche, Real Time, il canale dei factual ecco, La7 invece è il canale della politica. A me un canale così mi annoia e basta, e non capisco certa gente che si guarda la politica dalle 6 del mattino alle 6 del mattino dopo, è davvero frustrante!!! Ad ogni modo, discorso della metamorfosi di La 7 sempre più politica non si può negare che Cairo stia rendendo sempre più forte la sua rete, grazie a dei numero 1 nati e cresciuti sulle reti Rai e Mediaset, e ora traslocati sul suo ring. Vedremo se sarà questo l’anno buono per La 7, e se qualcosa ancora cambierà, e se le carte saranno di nuovo rimescolate. A un anno di distanza ora si può dire che solo una come Rita Dalla Chiesa non poteva avere spazio in questo mondo, così ostile al suo modo di fare televisione, però nonostante il suo addio, Mediaset è andata avanti, e penso che anche la Rai risolverà presto il problema di Ballarò, perciò a Floris un avvertimento, perché se prima i nemici li aveva fuori casa, ora invece li ha addirittura tutti dentro, e non penso che sarà facile lavorare bene in un contesto in cui le notizie più importanti (e gli ospiti) te li devi contendere con i tuoi colleghi.



3. Marco89 ha scritto:

10 luglio 2014 alle 20:10

Io continuo a ritenere inutile trasmettere Miss Italia su La7, non c’entra nulla col palinsesto della rete. Capisco fosse una specie di trampolino per lanciarsi nell’intrattenimento ma mi par di capire che così non sarà. C’è quasi solo politica, che tra l’altro c’è pure in altri canali, il pubblico rimarrà sempre lo stesso.



4. lorenzo ha scritto:

10 luglio 2014 alle 20:15

Ma la 7 è una generalista?? a me non sembra a parte miss Italia e Crozza sono tutti talk show che parlano di politica dalla mattina a notte inoltrata



5. edmond ha scritto:

10 luglio 2014 alle 20:25

quindi ricapitolando una settimana tipo di la7 in prima serata: domenica paragone, lunedì formigli, martedi floris, mercoledi innocenzi, giovedi santoro, venerdi crozza e dalle 22:30 mentana… aiuto mi manca l’aria!!



6. edmond ha scritto:

10 luglio 2014 alle 20:28

va bene l’informazione politica per carità… ma quando già hai l’intero palinsesto mattutino, preserale e access .. basterebbe anche un solo prime time di politica, non sei su sette!



7. giuseppe ha scritto:

10 luglio 2014 alle 20:31

Quindi non ci sarà più spazio per Gomorra-la serie che la7 avrebbe dovuto trasmettere in chiaro dopo l’esclusiva di Sky? Mi dispiace molto,avrebbe fruttato sicuramente un buon dato di ascolto visto l’enorme successo che ha riscosso



8. Michele87 ha scritto:

10 luglio 2014 alle 20:43

C’e da dire però che quando La7 aveva un palinsesto veramente generalista (nel suo primo anno e mezzo di vita) gli ascolti furono disastrosi (solo Il processo di Biscardi riusciva a superare il milione di spettatori); La7 ha iniziato ad esistere davvero solo nel 2010 dopo l’arrivo di Mentana alla direzione del TG, è chiaro che abbiano allora battuto quella strada (politica ed informazione) e, con tutte le critiche che anch’io faccio a questa strategia, bisogna dire che però adesso La7 è diventata più competitiva rispetto a prima…..

Però è logico che così facendo La7 non sarà mai un vero terzo polo per un motivo semplice: la gente premerà 7 quando vorrà politica, informazione ed approfondimento, ma sarà costretta a pigiare altri tasti del telecomando quando vorrà tutto il resto….



9. Michele87 ha scritto:

10 luglio 2014 alle 20:46

@giuseppe Forse Gomorra sarà trasmessa nell’unica prima serata rimasta libera o forse da gennaio in poi, comunque è sicuro che sarà trasmessa in chiaro da La7, altrimenti non l’avrebbe co-prodotta…



10. Phaeton ha scritto:

11 luglio 2014 alle 01:01

Io penso che la7 è giusto che punti sull’informazione, inutile pensare ad altri programmi di genere troppo diverso, tanto per fare un esempio, uomini e donne su La7 farebbe il 2%… Io criticò il fatto di avere praticamente quasi ogni sera un talk show…l’informazione si può declinare anche in maniera diversa. Io avrei puntato su un palinsesto in linea con la rete, ma non con talk ad ogni ora, mancano le inchieste, altri colori della cronaca, che se saputi beh piazzare potrebbero completare il quadro!



11. Killua25 ha scritto:

11 luglio 2014 alle 08:17

Ma il lunedì ci sarà Corrado formigli su La7?lui non è stato nominato.



12. gino ha scritto:

11 luglio 2014 alle 10:54

Secondo me Formigli non ci sarà lunedì. Se su La7 il lunedì ci sono serie tv sarebbe un bel colpo :D :D



13. lorenzo ha scritto:

11 luglio 2014 alle 13:31

Perchè non ri-proporre G’DAY???



14. XxdanyxX ha scritto:

11 luglio 2014 alle 13:45

io trasmissioni come cristina parodi live (non cover che era inutile…), g’day e “i menu di benedetta” le amavo erano le vere trasmissioni generaliste della rete, peccato che però non centravano nulla con il palinsesto di allora e non centrerebbero nulla tutt’ora:
la7 fa ascolti quando si parla di politica… scommettiamo che per almeno la prima settimana di programmazione del nuovo palinsesto serale tutti i programmi proposti andranno bene tranne grey’s anatomy? non possono più tornare indietro però
Miss Italia con la7 poi non centra niente, è vero, ma vediamo lo spettacolo di quest’anno, d’altronde se non lo acquistava la7 il programma chi lo prendeva?
quindi la7 ora come ora funziona, e a vedere il palinsesto nuovo funzionerà ancora, bisogna solo alzare il pomeriggio, con un programma NON di politica (ci vedrei da dio paola saluzzi con una trasmissione non così leggera come cristina parodi live, a buongiorno cielo aveva fatto vedere che ci sapeva fare)



15. Violadelpensiero ha scritto:

11 luglio 2014 alle 14:37

Possiamo ribattezzare la7 come la rete “tutte chiacchiere e distintivo” insomma.
Con questo palinsesto abbiamo praticamente l’80% della giornata dedicata all’informazione e ai talk politici, se escludiamo la pubblicità e il povero Commissario Maigret. Anche quelli sono “importanti” (a livello di share dico, non per altro), però in questo modo si uccide tutto il resto, dai film al sano e leggero intrattenimento che ci vuole assolutamente in una programmazione di rete.
Non considerando nemmeno la serata di Miss Italia e quella palla delle invasioni barbariche, format ormai logoro con una conduttrice altrettanto “corrosa” dal tempo, l’unico che si salva è Crozza.



16. roberto manfredi ha scritto:

11 luglio 2014 alle 15:36

Concordo praticamente con tutti. Non è possibile che un canale trasmetta solo politica su politica. Persino sulle guide tv su sky non sanno più cosa scrivere quando premi il tasto ”informazione (i)” sul telecomando. Poi si lamentano se chiamano La7 ”rete minore”. Praticamente, come ho già detto, La7 è tutta un telegiornale. Ma vorrei sapere a che fascia di pubblico punta. Se pensa di catturare la fascia 15-64 anni si sbaglia di grosso, mentre se vuole catturare il target over 65 allora sta andando alla grande. Gli unici programmi che hanno una struttura ”leggermente” diversa sono Le invasioni barbariche, dato che si intervistano non solo politici ma anche altri personaggi e poi questo è un vero ”TALK-SHOW” non gli altri che sono ”Politic-show”, e poi Crozza (che io adoro) che poi è l’unico programma che fa alzare la media della rete (l’anno scorso arrivò a 3,6 milioni). Io gli unici programmi di politica che lascerei sono Santoro, Gruber e ora Floris. Poi dico un’ultima cosa. Ma i programmi della mattina non possono avere la stessa formula di Unomattina e Mattino Cinque ?. Persino quelli parlano solo di politica. Eppure mi sembra che in passato ci fossero programmi da reti generaliste.



17. marco scarpati ha scritto:

11 luglio 2014 alle 15:42

Concordo in pieno con l’analisi di Roberto Manfredi. Io credo che La7 voglia essere un canale di talk-show per avere così la scusa di dire ”noi facciamo solo programmi puliti e a basso costo così non buttiamo via i soldi”, cosa che io non condividerei assolutamente qualora fosse vero. Io sono convinto che un quiz, un talent show o altre cose verrebbero fuori facilmente. Poi che non si trovino la scusa dei soldi, perché per dare 4 milioni a Floris vuol dire che i soldi ce li hai e che quindi potresti anche sbilanciarti a catturare un po’ di pubblico in più. Se non proprio un quiz, almeno un cabaret come ”Assolo”, un programma comico che andò in onda proprio su La7 un po’ di tempo fa.



18. Sergio ha scritto:

12 luglio 2014 alle 09:59

Scusate se mi intrometto, io credo che La7 sia una rete unica nel suo genere, e assieme a laeffe è la mia preferita. “Sta in piedi” nonostante i colossi. Ha un palinsesto pulito, come un lungo dialogo e ha un brand molto riconoscibile. Per chi cerca questo tipo di intrattenimento La7 offre un pacchetto completo. Credo però, che tra tanta serietà, servirebbe anche un po’ di frivolezza ben confenzionata: Mi manca molto GDay e, a parte Crozza, la rete soffre della mancanza di momenti “leggeri” ed “intelligenti”.
Da Ascoltatore e utente della sua emittente, consiglierei a Cairo anche di acquistare dei telefilm nuovi. Se posso permettermi di genere giallo dal momento che quelli trasmessi (e ritrasmessi) hanno un loro pubblico e portano a casa un 4% (arrotondando) di share. Nell’insieme però, devo ringraziare Lui e la sua squadra perchè offre un emittente unica, piacevole e interessante.



19. Lorenzo ha scritto:

13 luglio 2014 alle 16:47

Che dire, concordo con quasi tutti i commenti precedenti. Un palinsesto che ti fa venire la nausea solo a leggerlo che a guardarlo e che un altro pò ti fa rivalutare persino le porcate e le zozzerie di canale 5! :O Un palinsesto fatto quasi esclusivamente da talk show politici 24/7 in cui si discute sempre delle solite cose(crisi, tasse ,legge elettorale, Renzi-grillo Grillo-renzi e viceversa) mi pare troppo, nemmeno l’unico varietà(Crozza),a sfondo politico anch’esso mi viene voglia di salvarlo! Persino il tg di Mentana non riesco più a seguire, dato che è diventato quasi esclusivamente politico e per il modo troppo romanzato di condurlo m’ha stufato anch’esso. E tutto ciò lo scrive uno che ha sempre guardato la7 in famiglia sin da quando era Telemontecarlo. Mi ricordo quando ero più piccolo che la7 pullulava di tanti bei programmi come i quiz, tra cui il labirinto, il Lion trophy show poi i cartoni di cartoon network ed anime tra cui ranma al pomeriggio, e poi i documentari scentifici come sfera(che era il mio preferito tra l’altro), stargate, atlantide, missione natura ed altri ancora, poi i factual come cambio moglie ed sos tata oltre che i vari talk ed omnibus. Invece da qualche anno la7 non riesco più a guardarla. Fino a che era sotto la proprietà di telecom era il mio canale preferito, perché sperimentava anche format diversi e interessanti oltre che i talk, invece da quando l’ha comprata Cairo l’ha quasi distrutta, non ha fatto altro che tagliare per risanare i debiti e ha riempito il palinsesto di soli talk da usato sicuro e reclutando i “pezzi grossi” della rai(l’ultimo Floris) per poi fargli rifare gli stessi talk fotocopia di quelli che conducevano dove andavano in onda precedentemente, ammazzando di fatto la sperimentazione di nuovi format diversi, per il solo rischio di fare flop. Va bene far mantenere al canale la sua identità di tv di informazione ed approfondirmento, ma tutti i giorni dalle 6 a mezzanotte solo talk politici è davvero esagerato(senza contare che non c’è neppure in programma di inchieste e reportage stile report/presadiretta/petrolio, che su la7 ci starebbero più che bene). A questo punto visti tutti questi talk e pure Mentana che è quasi onnipresente pure lui manca solo il rullo scorrevole con le notizie e l’orologio in sovrimpressione stile tg2-rainews24, e così “la CNN italiana”(come Cairo l’ha definita) è al completo!:)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.