Silvio Berlusconi



14
luglio

DM LIVE24: 14 LUGLIO 2012. LA DE VIVO MANTENUTA DA BERLUSCONI, CORONA FA IL BIS, MORTA LA VOCE DEL CALCIO

Diario della Televisione Italiana del 14 luglio 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Morto Alfredo Provenzali

Critico Tritatutto ha scritto alle 16:15

“A te Provenziali”. E lui prendeva le redini dallo studio, smistando la linea agli altri inviati sui campi oppure leggendo i risultati “dagli altri campi”. Alfredo Provenzali, per trent’anni è stato una delle voci del calcio italiano. Una delle più riconosciute e amate, all’epoca in cui la partita si seguiva sulle radioline. Prima di “Quelli che il calcio…”, prima di Sky e di tutte le sue dirette. Quando ancora la partita o te la andavi a vedere allo stadio o la sentivi in radio a “Tutto il calcio minuto per minuto”. Provenzali è scomparso nella notte a 78 anni. Poche settimane fa era stato premiato con il prestigioso premio Agnes ma non si era potuto recare a Capri per ritirare il riconoscimento proprio causa di problemi di salute. Nato a Genova, nel quartiere di Sampierdarena, dal 1966 è stato radiocronista nella trasmissione “Tutto il calcio minuto per minuto”, prima come inviato ui campi e poi, dal 1992, come conduttore in studio. Il suo debutto avvenne dallo stadio Marassi di Genova, quando conobbe il decano delle radiocronache Nicolò Carosio, inviato per la televisione a commentare la stessa partita.Nel settembre del 2006 aveva festeggiato i quarant’anni di attività come radiocronista. (liberoquotidiano.it)

  • Imma De Vivo: “Per ora non lavoro, mi mantiene Berlusconi”

shiver ha scritto alle 19:57

Alla domanda di Giulia Turri, presidente del collegio, ‘lei come si mantiene?’, la De Vivo ha risposto così: «Adesso non svolgo alcuna attività, ho avuto di recente degli aiuti da Berlusconi, tre bonifici, due da 15 mila e uno da 30 mila euro». Il padre delle due, anche lui testimone in udienza, ha giustificato così il versamento: «Loro hanno chiesto un aiuto all’ex premier per avviare un’ attività». Imma ha aggiunto anche che era il Cavaliere a pagare l’affitto della sua casa in via Olgettina. Ed infine, le due ragazze hanno detto di non aver mai avuto con Silvio «rapporti sessuali a pagamento» e le serate ad Arcore erano delle normali cene.

  • Corona fa il bis




15
giugno

BERLUSCONI TELEFONA IN DIRETTA A SPORTITALIA E MICHELE CRISCITIELLO SI SBRODOLA

Michele Criscitiello

Ieri, mentre l’Italia calcistica si interrogava sul flop della Nazionale e discettava del presunto biscotto che ci sbatterà fuori da Euro 2012, Michele Criscitiello, anchorman di SportItalia e conduttore della trasmissione Speciale Calciomercato, insieme ai suoi ospiti, approfondiva la questione della mancata cessione di Thiago Silva dal Milan al Paris Saint Germain. Era già tutto stabilito, l’accordo tra le due società praticamente concluso, la disperazione dei tifosi rossoneri espressa sul web e Milan Channel quando l’improvviso dietrofront di Silvio Berlusconi ha interrotto la trattativa: il campione brasiliano resta al Milan per volere del Presidente.

E in studio non venivano lesinate critiche ai rossoneri, acuite dal diniego di Adriano Galliani (l’ad del Milan che ha portato avanti la trattativa) di intervenire in trasmissione. In particolare, si poneva al centro del dibattito un presunto problema di comunicazione e la mancanza di sinergia tra lo stesso Galliani e il Presidentissimo che col suo “Niet” aveva di fatto vanificato il lavoro del suo braccio destro.

Sul finire della puntata, la svolta: Silvio Berlusconi chiama la trasmissione.


5
giugno

GERRY SCOTTI CANDIDATO ANTI-GRILLO DEL PDL? IL CONDUTTORE SMENTISCE: MENO MALE

Gerry Scotti

Ma ve lo immaginate Gerry Scotti alla guida del centro destra italiano? L’idea è di quelle assurde, che fanno sorridere: dal governo dei tecnici alla Repubblica dei telequiz. A sparare la provocazione era stata Maria Giovanna Maglie su Libero: il conduttore sarebbe il candidato perfetto per i moderati, aveva scritto la giornalista. Così, la proposta è diventata un tormentone fantapolico in grado di stuzzicare la fantasia di molti, e pare che lo stesso Silvio Berlusconi ci abbia fatto un pensierino.

Secondo indiscrezioni, il Cavaliere starebbe valutando l’eventualità di lanciare una nuova corrente, magari guidata proprio dal re dei game show. La “pazza idea” sarebbe quella di rottamare le cariatidi della politica creando un nuovo spazio di riferimento per i moderati, un partito alternativo al Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo, che potrebbe chiamarsi Italia Pulita. In questo senso Gerry Scotti, così popolare, credibile e pure un po’ buonista, potrebbe rivelarsi l’uomo giusto per incarnare il cambiamento.

E allora, avanti tutta con zio Gerry: l’accendiamo e così, con l’aiuto del pubblico, la scalata verso il milione (di voti) sembra un sogno realizzabile. Dalla “paccata di miliardi” della Fornero al Money Drop del conduttore, anche l’economia tornerebbe a sorridere. Passaparola. A frenare ogni tipo di fantasia a riguardo ci ha però pensato lo stesso presentatore di Canale5, che con un semplice Tweet ha messo a tacere le indiscrezioni sulla sua presunta candidatura .

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





3
maggio

SARKOZY VS HOLLANDE: IL DIBATTITO TV SI INFIAMMA SU MONSIEUR BERLUSCONI (VIDEO). COME IN ITALIA

Nicolas Sarkozy vs Francois Hollande

Alla fine scopri che tutto il mondo è paese. Belpaese. E che pure i francesi, maestrini per vocazione, non sono poi così diversi da noi. Ieri sera i cugini d’oltralpe hanno assistito all’atteso dibattito televisivo tra Nicolas Sarkozy e Francois Hollande, i due candidati alle elezioni presidenziali. Davanti a circa 18 milioni di telespettatori, i contendenti si sono affrontati sui principali temi d’attualità e di contesa politica, senza esclusione di colpi. À la guerre comme à la guerre: nel faccia a faccia non sono mancate stoccate reciproche, interventi a gamba tesa e artifici retorici.

Sarkò ed Hollande hanno dibattuto per oltre due ore e mezza, secondo uno schema che prevedeva interventi cronometrati ed inquadrature ‘imparziali’. I nostri connazionali più maliziosi (che potevano seguire il confronto su Tgcom24, Rainews24 e SkyTg24) avranno pensato che in Italia un faccia a faccia così ce lo scordiamo. Razza di esterofili: a far vacillare tale convinzione ci hanno pensato gli stessi protagonisti della sfida.

Ad un tratto, mentre discettava di politica economica, Hollande ha accostato il nome di Silvio Berlusconi a quello del suo concorrente. E lui: “non è mio amico perché ha auspicato la tua elezione“. Di lì a poco, il candidato socialista avrebbe citato anche Mario Monti come un esempio virtuoso. Parbleu! Complici le frecciatine di cui sopra, di colpo sembrava quasi di assistere ad uno di quei talk show nostrani in cui il Cavaliere viene usato come clava (o vessillo) per dare credito alle proprie tesi.


23
aprile

DM LIVE24: 23 APRILE 2012. BERLUSCONI IN NEW GIRL, PAOLO ROSSI SU SKY, STUDI TV IN EX MACELLO DI SAVONA

Diario della Televisione Italiana del 23 aprile 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Berlusconi in New Girl

Giuseppe ha scritto alle 06:12

L’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato deriso dalla Fox. Il tutto è avvenuto in un episodio della serie tivù “New girl”. Jessica “Jess” Day è una deliziosa e singolare ragazza che, alla soglia dei 30 anni si è lasciata col suo storico fidanzato. In seguito Jess ha bisogno di un nuovo posto dove andare a vivere, e ha trovato una stanza in un loft già abitato da tre uomini: Nick, un barista; Schmidt, un moderno Casanova e Coach, un ex atleta diventato allenatore. «Tra qualche minuto arriverà Sarah, quindi comportatevi bene». «Chi è Sarah?». «La figlia di Russell, quindi… niente parolacce con la C o con la P. Anzi, niente parolacce tra la B e la S, nessuna parolaccia in assoluto. E non portare a casa ragazze minorenni, Berlusconi». «Ehi, sei ingiusta! La ragazza con cui sto uscendo è molto matura e interessante». Jess ha chiamato Nick Berlusconi, dato che ha l’abitudine di frequentare ragazze molto giovani. (fonte Lettera43.it)

  • Paolo Rossi torna in tv

Giuseppe ha scritto alle 17:48

Paolo Rossi torna in tv su Sky con Confessioni di un cabarettista di M. il 24 e 31 maggio su Skyuno. Era il 1992 quando Paolo Rossi portava in scena uno dei programmi comici e satirici piu’ rivoluzionari della storia della televisione, ”Su la testa”. A vent’anni di distanza torna finalmente in tv su Sky Uno, dopo una lunga assenza dal piccolo schermo, con un nuovo programma comico: nei panni di un clown un po’ ‘’sinistrato”, all’interno di un circo Rossi fara’ le sue ”Confessioni di un cabarettista di M.” sottotitolo ”Esercizi spirituali di rifondazione umoristica”.

  • Studi tv in ex macello di Savona

Giuseppe ha scritto alle 18:53





18
marzo

EMILIO FEDE ATTESO A CENA DA BERLUSCONI PER PARLARE DEL SUO ADDIO AL TG4?

Emilio Fede, Silvio Berlusconi

Se ne va o non se ne va? Sulla notizia che Emilio Fede potesse abbandonare il Tg4 per raggiunti limiti di età si sono scritti fiumi di parole, senza però avere mai certezze. Da parte sua, infatti, il direttore aveva sempre dissimulato le proprie reali intenzioni, parlando di un addio imminente, ironizzando e subito dopo smentendo. Tuttavia, pare che adesso per l’ottantenne giornalista sia arrivato il momento di decidere una volta per tutte.

Si vocifera infatti che stasera Emilio Fede sia atteso a cena da Silvio Berlusconi. Ovviamente, non è dato sapere di cosa potrebbero parlare i due, ma pare che tra gli argomenti che verranno serviti a tavola ci sia proprio il Tg4. Dicono che il direttore si consulterà col Cavaliere per decidere effettivamente (se e) quando lasciare il timone del notiziario. A proposito, nelle scorse settimane si mormorava di un suo addio nel mese di giugno.

Forse si parlerà anche del futuro professionale dello stesso Fede, al quale Mediaset potrebbe affidare il ruolo di opinionista politico, magari all’interno di un nuovo format creato ad hoc. E chissà che al desco del Cavaliere non si facciano anche i nomi degli eventuali successori di Emilio, visto che nei mesi scorsi il toto-direttore veniva aggiornato con scadenza settimanale e lo stesso giornalista aveva stilato una classifica dei suoi possibili eredi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


7
marzo

SILVIO BERLUSCONI DA’ FORFAIT, SALTA LO SPECIALE DI PORTA A PORTA

Silvio Berlusconi, Porta a Porta

Narcotizzato dalla sobrietà montiana, Bruno Vespa ha sentito il bisogno di riportare in tv la politica politicante, quella che fino a pochi mesi fa infuocava il dibattito pubblico trasformandolo in un inferno, con una doppietta di appuntamenti in prima serata con Porta a Porta dedicati rispettivamente a Silvio Berlusconi e a Pierluigi Bersani. Ci ha pensato il Pdl a guastare la festa, però.

Il Cavaliere, infatti, non sarà ospite di Vespa perché a giudizio di alcuni maggiorenti del suo partito avrebbe significato una delegittimazione del segretario Angelino Alfano in quanto nelle prossime settimane, nello stesso salotto, verrà ospitato il segretario del Pd Luigi Bersani.  Il forfait è arrivato qualche minuto prima che iniziasse la registrazione e dopo una serie di telefonate notturne per spingere Berlusconi a non partecipare alla trasmissione.

A spiegare meglio la situazione ci pensa lo stesso Bruno Vespa in una nota:

Silvio Berlusconi è rimasto vittima della par condicio. Com’è noto la legge impone l’equilibrio delle presenze tra rappresentanti di forze politiche di peso equivalente. Sappiamo bene che il segretario del Pdl è Angelino Alfano, che era stato nostro ospite di altre due prime serate insieme con politici di segno diverso, ma Berlusconi non aveva mai parlato in televisione dopo le sue dimissioni da palazzo Chigi del 12 novembre e certamente le spiegazioni che solo lui potrebbe dare sarebbero state interessanti. L’ex presidente del Consiglio  mi ha tuttavia spiegato che – dopo le polemiche dei giorni scorsi sul ruolo di Alfano – una sua presenza  in parallelo con il segretario del Pd avrebbe creato sgradevoli equivoci sulla leadership operativa del Pdl che è di Alfano al quale Berlusconi intendeva confermare ancora una volta tutta la sua fiducia. Ho obiettato che seguendo questo criterio Berlusconi non potrà più comparire in televisione e fatto fermamente presenti le difficoltà  in cui ci metteva questa decisione dell’ultima ora [...]“


28
febbraio

UN DUE TRE STELLA: SABINA GUZZANTI, PRONTA AL DEBUTTO SU LA7, RACCONTA DI UN INCONTRO CON BERLUSCONI E CRITICA MONTI

Sabina Guzzanti

Dopo nove anni di latitanza (più o meno) forzata, Sabina Guzzanti si prepara a tornare in tv con Un due tre Stella, il programma di satira che presenterà su La7 dal prossimo 14 marzo. C’è molta attesa per lo show, soprattutto per suoi contenuti che si annunciano corrosivi e politicamente scorretti. In vista del debutto, l’attrice e comica romana ha offerto qualche anticipazione in un’intervista al settimanale A, a cui ha pure raccontato di un incontro con Silvio Berlusconi, il suo miglior ‘nemico’.

A giudicare dagli spot che La7 sta trasmettendo in questi giorni, il pezzo forte di Un due tre Stella saranno le imitazioni (vecchie e nuove), da sempre un cavallo di battaglia della Guzzanti.

Ci sarà Moana. Si sente chiamata dall’amor di patria. È scandalizzata da come sono andate le cose in Italia, dalla deriva che ha preso il paese: pochi anni fa era al quinto posto nella produzione del porno e adesso al 185esimo, dopo la Svizzera. Moana farà dei test ai politici. E poi farò l’Annunziata, la Palombelli…” ha annunciato l’attrice.

Poi il suo pensiero è andato a Berlusconi, ispiratore e salvezza di tanti comici. E dal cilindro della Guzzanti è saltato fuori il ricordo di un incontro privato che Sabina ebbe con il Cavaliere. La prima notizia è che non si trattò di un bunga bunga, la seconda è che l’attrice si presentò di buon grado alla corte del “Caimano”.