Real Time



3
agosto

ABITO DA SPOSA CERCASI XXL: REAL TIME CONTINUA A CAVALCARE IL FILONE “OVER SIZE”

Abito da sposa cercasi XXL

Quando una sposa dalle forme “generose” cerca un abito adatto al suo grande giorno, potrebbe sorgere qualche difficoltà. Alla scelta del modello giusto va infatti a sommarsi il rischio di non trovare la misura giusta!

Da stasera, ogni venerdì alle ore 22:10, su Real Time (Digitale Terrestre Free Canale 31, Sky canali 126 e 127, Tivùsat Canale 31) arrivano in prima tv gli episodi di Abito da sposa cercasi XXL, la serie che ci porta nel cuore di Manhattan dietro le vetrine del Kleinfeld Bridal, il negozio di abiti da sposa più grande al mondo.

Nello spin off di Abito da sposa cercasi le protagoniste hanno qualche chilo di troppo e, se nella vita le misure non contano, a volte nel matrimonio purtroppo è vero il contrario! Sogni, desideri, ansie, frenesie e capricci delle future spose più “formose” ed esigenti d’America nel nuovo programma di Real Time.

Dopo il salto le trame dei primi quattro episodi:




23
luglio

COME E’ FATTO CON BARBARA: REAL TIME ENTRA NUOVAMENTE IN FABBRICA

Com'è Fatto con Barbara

La suprema arte del riciclo investe la tv generalista, soprattutto in periodo di vacche magre, ma anche la tv tematica non è da meno. E’ tornato oggi, 23 luglio, alle 15 su Real Time Come è fatto con Barbara Gulienetti, anche protagonista di Paint your Life, che – come nella prima stagione – ci spiegherà le più importanti fasi della produzione dei prodotti più noti e comuni.

A differenza di Paint Your Life, in Come è fatto l’apporto di Barbara è quasi nullo, dal momento che si limita a lanciare i vari servizi, ripresi tout court dal format originale. Un programma a costo zero, che tra l’altro viene replicato tutt’ora sui canali del gruppo, sia pay che free: Discovery Channel, Discovery Science e DMAX.

Mentre per i clienti Sky viene proposto in prima tv lo spin off sportivo, in vista delle Olimpiadi di Londra, su Real Time entreremo nelle fabbriche di tutto il mondo per capire come vengono realizzati gli oggetti utilizzati nella vita di tutti i giorni. Prodotto nel Quebec, in Canada, il programma è arrivato alla 18esima stagione, è in onda da ormai 11 anni e consta di ben 234 episodi.


19
luglio

24 ORE IN SALA PARTO USA: REAL TIME RACCONTA LA MATERNITA’ A STELLE E STRISCE

24 ore in sala parto

Le telecamere possono ormai arrivare ovunque e filmare qualunque momento della vita di tutti noi, anche quelli più intimi e personali. E così, tra utensili, malattie imbarazzanti, diete estreme, coupon per i supermercati e sfide culinarie, su Real Time si torna a parlare di maternità. Dopo aver proposto la versione inglese, che tra l’altro ha ricevuto il BAFTA come miglior serie factual, sbarca da questa sera sul canale free di Discovery 24 ore in sala parto Usa.

Il docureality che racconta la vita di un reparto maternità si sposta Oltreoceano: 40 telecamere filmeranno infatti gioie, emozioni e dolori all’interno del Riverside Methodist Hospital di Columbus, in Ohio. Format che vince non si cambia: ci si sposta nel paese a stelle e strisce, ma lo struttura del programma rimarrà pressoché invariata.

Dal banco di accettazione al fatidico momento della nascita, senza dimenticare i tanti problemi che possono incombere prima e durante il parto: il programma racconterà passo passo, senza filtri e solo tramite le voci dei protagonisti, dalla futura mamma ai medici coinvolti, il momento della maternità, cercando di essere il più possibile autentico e fedele alla realtà.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





4
giugno

SEPOLTI IN CASA: REAL TIME ENTRA NELLE CASE DEI MALATI DI ACCAPARRAMENTO COMPULSIVO E INUTILE COLLEZIONISMO

Sepolti in casa

Sepolti in casa

Il genere inizia a farsi avanti, a piccoli passi, anche nella televisione italiana, tanto che è stato proposto anche a Pomeriggio Cinque. Eppure in Gran Bretagna è molto in voga, grazie al successo di Case da Incubo di Channel 4 (proposto nel Belpaese dal canale Lei), finito tra l’altro negli States. Parliamo dei factual entertainment sulla pulizia casalinga, una “questione” che impegna quasi giornalmente qualsiasi persona.

Poteva Real Time rimanere con le mani in mano? Ovviamente no, e da stasera – in seconda serata – proporrà Sepolti in casa, e porterà i telespettatori all’interno delle case degli hoarders, i malati del collezionismo in ogni sua forma. Si, perché anche il collezionismo può diventare un disturbo mentale, che può portare non pochi problemi alle attività basilari della persona. Come patologia è comunemente nota come “disposofobia” (o accaparramento compulsivo), le cui cure a dire il vero sono tutt’ora in fase di studio.

In ogni puntata verrà dato spazio alle storie scioccanti di due hoarder, verrà mostrato il loro particolare comportamento e una parte della cura, ad opera di un terapista e di un personal organizer che si preoccuperanno di cestinare migliaia di inutili e ingombranti oggetti. Alla fine di ogni episodio i miglioramenti saranno già tangibili, ma non sufficienti: il percorso verso la normalità richiede infatti notevoli sforzi che richiedono inevitabilmente tempo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


25
maggio

CARLA GOZZI A DM: “RESTO FEDELE A REAL TIME. I NOSTRI POLITICI RAPPRESENTANO MALE L’ITALIA A LIVELLO DI STILE”

Carla Gozzi

Se incontrandovi per strada vi dovesse salutare incrociando gli indici cominciate a darvi un’occhiata. Probabilmente i vostri pantaloni a pinocchietto e la camicia hawaiana con cui li avete abbinati hanno provocato una crisi di panico a Carla Gozzi, costretta a bocciarvi con il suo noto gesto di disapprovazione. Ora la più nota style coaching d’Italia è di nuovo sugli schermi di Real Time, ogni mercoledì alle 21.10, con la sesta stagione di Ma Come Ti Vesti?, show diventato ormai un cult in cui è affiancata dal fido Enzo Miccio.

Più passano gli anni e più i casi di look improbabili di Ma Come Ti Vesti? diventano estremi. Qual è stata la difficoltà maggiore di questa edizione?

Quest’anno Enzo ed io ci siamo dovuti confrontare con persone, soprattutto donne, che avevano già un proprio, discutibilissimo, stile. In passato abbiamo lavorato su signore un po’ remissive, che avrebbero dovuto curarsi solo un po’ di più. In questa edizione invece abbiamo provato a rimettere sul binario del buongusto gente che per anni ha commesso tanti errori in fatto di stile.

Per spingere una persona ad un cambiamento, dopo tanti anni, bisogna essere anche un po’ psicologi?

Certo, lo stile parla di noi, descrive come siamo fatti, chi frequentiamo, il mondo che ci piace. Per far si che le nostre trasformazioni di look abbiano successo dobbiamo capire chi abbiamo di fronte, dobbiamo trovare persone che siano convinte del loro cambiamento e che possano  mantenere il loro nuovo stile nel tempo.

Avete avuto notizie di partecipanti di Ma Come Ti Vesti? che dopo i vostri consigli sono ricaduti nel baratro del cattivo gusto?

Per ora no. Noi rimaniamo spesso in contatto con i “nostri ospiti” che continuano a chiederci consigli, anche a distanza di anni. Ci mandano lettere soprattutto quando devono partecipare ad alcuni eventi ed hanno il timore di “ricadere” sugli errori del passato.

Invece vi è mai capitato che una puntata andasse “a buca” per un “caso” troppo disperato? Avete mai gettato la spugna?





15
maggio

PAOLA MARELLA A DM: “NON PENSO ORA DI LASCIARE REAL TIME, E’ UNA RETE RAFFINATA. L’IMU? UNA BATOSTA AL SETTORE IMMOBILIARE”

Paola Marella

Due cose da non fare con lei: non le nominate l’IMU e non chiedetele di cambiare acconciatura. Per soddisfare tutte le vostre esigenze immobiliari invece, col suo garbo e la sua professionalità, Paola Marella è sempre disponibile. Milanese doc e laureata in architettura, Paola lavora da 25 anni come agente immobiliare e dal 2006 la sua professione ha incrociato il canale televisivo Real Time, generando due show di successo come Cerco Casa Disperatamente e Vendo Casa Disperatamente. Il secondo in particolare sta per tornare con una nuova serie, ricca di novità, che andrà in onda in prima serata a partire dal 17 maggio.

Gli italiani, forse per l’effetto della crisi, corrono a “vendersi” la casa. Come sarà questa nuova stagione?

Il programma è stato rivisto e corretto, questa sarà un’edizione molto particolare e più strutturata, con dei consulenti che verranno a darci una mano. Avremo degli esperti giardinaggio e un light designer, perché credo che in una casa la luce possa davvero fare la differenza  non solo da un punto di vista funzionale ma anche come arredo. E poi ci sarà Barbara Gulienetti di Paint Your Life che ci proporrà qualche nuova creazione.

Assisteremo ad un cross-over fra i due programmi?

Non sarà proprio così. Barbara sarà nostra ospite solo in alcune puntate e verrà a fare degli interventi molto divertenti. Come sai a Real Time siamo davvero una grande famiglia.

Sarà il momento economico ma Vendo Casa, con le sue proposte molto popolari, appare più vicino al pubblico. Cerco Casa (che tornerà ad ottobre) invece sembra sconfinare quasi sul terreno della “fiction” per il lusso delle abitazioni presentate. Condividi?

Guarda, sono programmi molto diversi fra loro. Cerco è un programma “da sogno”, in cui tutti, io per prima, amiamo ammirare case bellissime e particolari, ma dove comunque si possono prendere degli spunti. Faccio sempre il paragone con la moda: magari non è possibile vestire ogni giorno con le creazioni dei grandi stilisti, ma è utile seguire le loro collezioni per cogliere qualche nuova tendenza. Vendo invece è un programma di case normali, in cui con degli interventi contenuti da un punto di vista economico, riusciamo ad ottenere grandi risultati. La piacevolezza del programma sta proprio nel dimostrare come, con pochi soldi, sia possibile cambiare in positivo la propria casa, rendendola più appetibile agli acquirenti.

La domanda che tutti si fanno: ma quelle proposte sono effettivamente case in vendita?


27
aprile

ALESSANDRO BORGHESE LASCIA REAL TIME E APPRODA SU SKYUNO E CIELO

Alessandro Borghese

E’ stato uno dei volti simbolo di Real Time. E, ora, quando il canale ha spiccato definitivamente il volo ha deciso di lasciarlo. Parliamo di Alessandro Borghese che, dopo 7 anni di proficua collaborazione, abbandona il gruppo Discovery.

“Real Time è stato e resterà il mio canale del cuore, quello con cui ho vissuto finora gli anni professionalmente più importanti. Dopo tanti anni avevo però bisogno di mettermi alla prova su nuovi programmi e con un nuovo team di lavoro”

Ha spiegato Alessandro che, nel frattempo, ha ricevuto l’in bocca al lupo da Marinella Soldi. L’Amministratore Delegato Italia di Discovery Networks ha così commentato l’addio del noto chef:

“La decisione di Alessandro, uno dei volti più noti di Real Time, nasce da un desiderio di cambiamento personale che rispettiamo. Non possiamo che augurargli il meglio leggendo in questo anche il riverbero del grande successo che il nostro canale – ottava rete nazionale del digitale terrestre – sta avendo in questo momento

Allo stesso tempo Real Time fa sapere che i programmi di Borghese continueranno ad essere in onda mentre le nuove serie –  ”Cortesie per gli ospiti” e “Cucina con Ale”   – si confermano in calendario per il prossimo autunno. Ma dove si metterà alla prova il figlio di Barbara Bouchet? Ca va sans dire a Sky, la pay tv satellitare che, dopo il successo di MasterChef, è più che mai decisa a sfruttare il filone culinario che costa poco e fa tanto (nano) share.


19
aprile

ENZO MICCIO A DM: “NELLA NUOVA STAGIONE DI ‘MA COME TI VESTI?’ CASI ANCORA PIU’ ESTREMI. OGGI IL NUMERO DEI MATRIMONI DIPENDE DALLO SPREAD”

Enzo Miccio

Sposine di tutto il mondo, in procinto di acquistare l’abito per il “giorno più bello” o di prenotare il catering per il pranzo nuziale, ferme tutte! Per non incappare in qualche ridicolo “vestito bomboniera” e per non sbagliare il look dei vostri parenti date ascolto ai consigli di Enzo Miccio, l’organizzatore di matrimoni più famoso del piccolo schermo e volto di punta di Real Time, il canale in cui imperversa con “Ma come ti vesti?”, “Shopping Night” e appunto “Wedding Planner”. Proprio in questi giorni Enzo sta ultimando le riprese della nuova edizione di “Ma come ti vesti?”, in cui con la socia Carla Gozzi cercherà di rifare il look a casi disperati, persone che non hanno mai imboccato la strada del buongusto deviando invece in percorsi impervi all’insegna del kitsch e della trasandatezza. Ultimi giorni di registrazione del programma e poi Enzo sarà assorbito dalla lunga stagione dei matrimoni. Da maggio infatti lo aspettano decine e decine di romantiche sposine, smaniose di pronunciare il fatidico sì.

Prima di fiondarti di nuovo nel mondo dei matrimoni dovrai completare l’opera di “redenzione” dei protagonisti di “Ma come ti vesti?”, che edizione dobbiamo aspettarci?

Carla ed io torneremo in onda su Real Time con i nuovi episodi dal 9 maggio in prima serata. Posso solo dirti che ci saranno dei casi esilaranti. Il format, nella sostanza, rimane sempre lo stesso visto che è stato abbastanza vincente nel corso degli anni, ma ci saranno anche delle piccole novità.

Aumenteranno ulteriormente i bidoni nei quali salvate, riciclate o fate sparire gli orribili capi dei protagonisti del programma?

I bidoni saranno sempre tre ma posso anticipare che in questa edizione saranno ancora più gettonati e frequentati. Abbiamo trovato dei “casi” ancora più estremi degli anni passati.

E mentre andrà in onda il programma avrai da fare con la tua professione di Wedding Planner. Quella del 2012 è la prima stagione dei matrimoni in epoca “Montiana”. Rigore, sobrietà ed austerità saranno d’obbligo oppure nel giorno più bello è ancora concesso esagerare? 

Sicuramente la crisi economica che stiamo vivendo influenza le persone, soprattutto i giovani che devono sposarsi e che quindi considerano l’ipotesi di un matrimonio con più consapevolezza e responsabilità. Diciamo che oggi tutto ruota intorno all’identificazione del budget che una coppia può investire. Il matrimonio infatti è diventato una sorta di investimento in tutti i sensi, le persone vi ripongono delle aspettative, è il sogno che si attende da una vita e quindi si decide se affrontarlo con i mezzi che si hanno a disposizione o se addirittura rimandarlo. Molte coppie ad esempio mi hanno contattato per farsi un’idea di un’eventuale cerimonia e poi hanno liberamente deciso di aspettare e rimandare le nozze a periodi migliori.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,