Raoul Bova



15
giugno

COME UN DELFINO – LA SERIE: TERMINATE LE RIPRESE DELLA FICTION CON RAOUL BOVA E LA NEW ENTRY GIULIA BEVILACQUA

Raoul Bova in Come un Delfino

Si sono da poco concluse tra Roma e Malta le riprese di Come un Delfino – La serie, sequel in quattro puntate della miniserie trasmessa lo scorso anno su Canale5. Protagonista ancora una volta Raoul Bova che, sulle pagine di Tv Sorrisi e Canzoni, racconta l’esperienza sul set nella duplice veste di attore e produttore.

“La cosa più bella per me è progettare un film e fare in modo che si realizzi come l’ho immaginato. Questa è la più grande libertà che mi sono guadagnato”.

Nella nuova serie, oltre a Bova nei panni di Alessandro Dominici e Maurizio Mattioli nel ruolo di  Spartaco, rivedremo anche i giovani nuotatori del gruppo “i Ragazzi del Sole”, ovvero Jacopo Cavallaro, Gianluca Di Gennaro, Tommaso Ramenghi e Andrea Troina. Al cast si aggiungeranno inoltre Tony Sperandeo e Giulia Bevilacqua. Quest’ultima interpreterà la parte di Anna, un’agguerrita giornalista che vivrà una storia d’amore con il protagonista. 




5
aprile

I GUARDIANI DEL TESORO: RAOUL BOVA NOVELLO INDIANA JONES NEL TV MOVIE DI CANALE5

I guardiani del tesoro

Per rivederlo nel quarto capitolo di Ultimo, bisognerà aspettare l’autunno. Nel frattempo Raoul Bova è pronto a calarsi nei panni di un novello Indiana Jones nel film tv diretto da Iain B. MacDonald, I guardiani del tesoro, in onda questa sera alle 21.10 su Canale5. Il tv movie di produzione internazionale, ambientato tra la Città del Vaticano, Alessandria d’Egitto e la Giordania, si presenta come un classico e collaudato mix di avventura e mistery, con immancabile storia d’amore tra i protagonisti.

Angelo, il personaggio interpretato da Raoul Bova, è un uomo complesso e riservato, ma soprattutto tormentato. Nel suo passato si cela una sofferta storia d’amore: dopo una cocente delusione sentimentale, aveva deciso di prendere i voti, ma, grazie ai consigli di un importante esponente laico del Vaticano, il suo padrino Marcello Tonini, cambia idea e riesce ad entrare nella congregazione dei Guardiani del Tesoro, elite di guardie attentamente selezionate dal Vaticano e pronte, in ogni momento, a sacrificare la loro vita per proteggere reliquie religiose e recuperare sacri cimeli trafugati.

La prima missione che viene affidata ad Angelo è quella di recuperare il magico anello del re Salomone, ritrovato in uno scavo in Giordania. Nel corso di questa avvincente avventura, accompagnato da Luca (Volker Bruch), il suo scapestrato fratello minore, Angelo si trova ad affrontare numerosi nemici disposti a tutto, rimanendo coinvolto in situazioni pericolose.


13
luglio

FICTION NEWS: GHINI SALE SUL TITANIC, PECCI SI SPOSA, BOVA HA L’OCCHIO DEL FALCO

Raoul Bova

L’estate è arrivata, ma per il mondo della fiction non è tempo di andare in vacanza. Complice il bel tempo, sono numerosi i set pronti a ospitare nuove serie e film per la tv. In quel di Trieste, dopo mille peripezie, sono partite le riprese di Sposami, una commedia in sei episodi  con protagonisti Daniele Pecci e Francesca Chillemi. Al fianco dell’ex Miss Italia, subentrata in corsa a Belen Rodriguez, troveremo l’attrice Lisa Gastoni, resa celebre dal film cult del 1968, Grazie Zia, e Alexandra Dinu, presto in tv con la miniserie Il generale della Rovere.

Il 1° agosto per la regia di Luca Ribuoli si inizierà a girare Tutti i giorni della mia vita, serie in 6 puntate destinata a Rai1 con protagonisti Anna Valle e Neri Marcorè. Lo stesso giorno è previsto a Belfast il primo ciak della fiction Titanic- The Untold Story, il progetto internazionale prodotto per l’Italia dai fratelli De Angelis per Rai Fiction. Oltre ai già annunciati Alessandra Mastronardi ed Edoardo Leo, del cast composto da attori provenienti dai vari paesi produttori farà parte pure Massimo Ghini.

Primi giorni sul set anche per Raoul Bova, che torna a interpretare, dopo avergli dato il volto in tre serie, il capitano dei carabinieri Ultimo. In Ultimo 4 – L’occhio del falco, miniserie diretta da Michele Soavi in onda il prossimo autunno su Canale 5, si continuerà a raccontare la vita del capitano divenuto simbolo della lotta alla mafia.





30
giugno

CANALE 5, PALINSESTI AUTUNNO 2011

Barbara D'urso

Qualche novità ma soprattutto tanto intrattenimento per la stagione autunnale di Canale 5, di cui è stato presentato il palinsesto ieri sera nel corso di Mediaset Night 2011. “Palinsesto bagnato, palinsesto fortunato” è stato il liet-motiv del red carpet tormentato dalla pioggia e dal vento. L’episodio più divertente ha visto Maria De Filippi posare con un enorme ombrello sulle spalle, inflessibile alle richieste dei fotografi che la supplicavano di prendere un pò d’acqua a favor di obiettivo.

Sarà proprio Maria De Filippi una delle protagoniste della prossima stagione che la vedrà impegnata con C’è Posta per te in prima serata (al sabato dal 17 Settembre) e con l’undicesima edizione di Amici (dal 1 Ottobre) nel daytime. Dopo il sonoro flop di Stasera che sera, tornerà in prime time anche Barbara D’urso con il nuovo Baila! (ex Io Ballo, da martedì 20 settembre) per la regia di Roberto Cenci. Lo stesso regista sarà impegnato anche con i marmocchi canterini di Io Canto (da giovedì 15 settembre, preceduto dal Commissario Zagaria) la cui conduzione resta nelle mani di Gerry Scotti.

Sempre Gerry Scotti condurrà le quattro prime serata di Money Drop, il nuovo game show che si ispira ad un format inglese. A Novembre sarà la volta del Checco Zalone Show: il comico pugliese avrà a disposizione cinque puntate al giovedì sera, al termine di Io Canto.


12
giugno

CANALE 5, AUTUNNO 2011: PROPONI IL TUO PALINSESTO

Canale 5, Autunno 2011

Mentre a viale Mazzini la Babele dei palinsesti autunnali sembra stia per arrivare ad un accordo definitivo, inizia a prendere forma anche la proposta del Biscione che, almeno sulla carta, sembra avere le idee più chiare sulle carte da giocare nel prossimo periodo di garanzia. L’obiettivo è quello di rialzare la testa dopo una stagione rovinata da qualche flop di troppo (per info clicca qui). Da Mattino a Pomeriggio Cinque, il daytime di Canale 5 non dovrebbe riservare sorprese e a settembre possiamo essere quasi certi di ritrovare tutto come l’abbiamo lasciato.

Aria fresca invece per la fascia del preserale con l’arrivo di Avanti un altro (per info clicca qui), il game di Paolo Bonolis che avrà il compito di risvegliare una fascia tanto redditizia ma ‘appiattita’ dal Milionario. Il debutto è previsto per il 22 Agosto, in largo anticipo sui tempi della concorrenza, un po’ per scaldare i motori, un po’ per guadagnare pubblico prima del ritorno dell’Eredità.

Striscia la Notizia presidierà come sempre la fascia dell’access prime time con la sua ventiquattresima edizione, mentre in prima serata le fiction prepareranno il terreno per i classici dell’intrattenimento. A cominciare da Scherzi a parte che tornerà in video a fine settembre, oltre due anni dopo l’ultima edizione trasmessa nella primavera del 2009 (media di 5.781.000 telespettatori e il 23,91% di share). Per la conduzione si parla di Gerry Scotti affiancato da Nina Senicar (nonostante la manifestata volontà di voler evitare figure femminili).





21
maggio

FICTION: UNA NUOVA STAGIONE TUTTA D’AZIONE CON DISTRETTO DI POLIZIA 11, SQUADRA ANTIMAFIA 4, ULTIMO E LA NARCOTICI 2

Caccia al re

Una sfida all’ultimo spettatore, quella che vede protagoniste Rai e Mediaset, sempre più agguerrite sul fronte della fiction. In fase di scrittura o già sul set, sono numerosi i progetti pronti che terranno compagnia al pubblico nei prossimi mesi. Tra sparatorie, inseguimenti ed indagini serrate, una buona fetta dell’offerta sarà ancora una volta rappresentata da serie polizesche e d’azione, da sempre tra le più apprezzate.

A partire dal prossimo autunno tornerà su Canale 5 con l’undicesima stagione, Distretto di Polizia. La serie prodotta dalla Taodue si presenterà al pubblico di fedelissimi con numerose novità, a partire da un nuovo commissario interpretato da Andrea Renzi. Tra le new entry del cast anche Chiara Conti nei panni della moglie del commissario e Valentina Cervi nel ruolo di una escort.

Ma se le vicende del X Tuscolano, sembrano in questi ultimi anni aver perso lo smalto di un tempo, ad appassionare sempre più gli spettatori sono le avventure di Squadra Antimafia. La serie, sempre a firma Taodue, è giunta alla sua terza stagione, collezionando, ogni venerdì sera su Canale 5, ottimi ascolti. Risultati importanti che hanno portato la società di Pietro Valsecchi e Mediaset a premere il piede sull’acceleratore e lavorare sin’d’ora ad una nuova stagione, attualmente in fase di scrittura e da luglio sul set.


12
maggio

RAOUL BOVA TORNA A VESTIRE I PANNI DEL CAPITANO ULTIMO

Raoul Bova in Ultimo - L'infiltrato (2004)

Nel proliferare di fiction e telefilm dedicati al mondo dell’arma, la prossima stagione televisiva vedrà il ritorno sugli schermi di Canale 5 di uno dei personaggi più amati e seguiti dal pubblico. Raoul Bova tornerà, infatti, a vestire i panni del capitano dei Carabinieri Ultimo, nel quarto capitolo della serie, le cui riprese inizieranno il prossimo mese di giugno. La nuova miniserie, ancora una volta prodotta da Taodue per Mediaset, con il soggetto a firma di Pietro Valsecchi e la regia di Michele Soavi, si andrà ad aggiungere ai film tv Ultimo del 1998, Ultimo – La sfida del 1999 e Ultimo – L’infiltrato del 2004.

Un ritorno molto atteso quello del capitano Roberto Di Stefano alias Ultimo, in grado sin dalla prima serie di “catturare” insieme ai malviventi anche un’ottima audience. Merito di Raoul Bova, il cui ruolo del combattivo capitano è a tutti gli effetti il più riuscito della sua carriera, ma anche della coppia Valsecchi – Soavi.  Produttore e regista sono, infatti, tra i più validi e capaci realizzatori di fiction legate al poliziesco d’azione. Serie caratterizzate da  inseguimenti,  scontri con la malavita, indagini serrate e le inevitabili,  spesso neanche troppo velate, critiche alle istituzioni. Unica pecca, nel caso della fiction in questione, l’eccessiva sublimazione dell’eroe solitario, in una celebrazione continua del guerriero senza macchia che lotta contro il male.

Il nuovo capitolo della serie, la cui messa in onda è prevista per il prossimo autunno, rappresenta per Raoul Bova l’ennesima collaborazione con la Taodue e Soavi. L’attore romano, smessi i panni del capitano Ultimo, ha in questi anni lavorato con la casa di produzione di Pietro Valsecchi, recitando nelle miniserie Attacco alla stato (2005)  e Nassirya – Per non dimenticare (2006), entrambe dirette dalla mano sicura di Soavi. Sempre per la Taodue, ma con la regia di Alexis Sweet, ha rivestito il ruolo di protagonista nella serie Intelligence – Servizi & Segreti del 2008.


8
maggio

THE COMPANY: SU RAI 4 LA MINISERIE SULLA CIA PRODOTTA DAI FRATELLI SCOTT. NEL CAST ANCHE RAOUL BOVA

Raoul Bova in The Company

Continua su Rai4 l’appuntamento esclusivo con alcune tra le migliori produzioni internazionali in materia di serial tv. A partire da stasera e per le successive due settimane (15 e 22 maggio) alle 21:10, andrà in onda, in prima visione free, The Company, la miniserie in tre parti incentrata sull’attività della CIA, la più celebre delle agenzie d’intelligence internazionali. Trasmessa negli Stati Uniti dal canale via cavo TNT e prodotta dai fratelli Ridley e Tony Scott in collaborazione con la Sony Pictures Television nel 2007, The Company porta sullo schermo l’omonimo romanzo di spionaggio di Robert Littell, riadattato per la televisione dallo sceneggiatore Ken Nolan.

La serie, diretta da Mikael Salomon, vede nel cast Chris O’Donnell, Alfred Molina e Michael Keaton, affiancati da Natascha McElhone, Alessandro Nivola, Rory Cochrane e Raoul Bova. L’attore italiano veste i panni di Roberto Escalona, un controrivoluzionario anticastrista.

Definita un vero e proprio affresco storico politico, The Company racconta le vicende e la movimentata storia professionale di tre agenti della CIA, attivi dalla metà degli anni cinquanta sino al crollo dell’Unione Sovietica, impegnati in prima linea in alcuni celebri episodi dello scontro tra gli Stati Uniti e l’Urss; dalle rivolte anti-sovietiche di Berlino del 1953 e Budapest del 1956, al fallito sbarco anti-castrista della Baia dei Porci del 1961. Le tre spie concentrano i loro sforzi sull’individuazione di una talpa del KGB interna all’agenzia, in una dura lotta sotterranea in cui la tensione idealista degli esordi lascia presto spazio ad azioni spregiudicate e a un paranoico e permanente clima di complotto.