Raitre



2
settembre

LA NUOVA SQUADRA: QUESTA SERA, SU RAITRE, LA SECONDA STAGIONE ANCORA RINNOVATA

La Nuova SquadraQuesta sera, con 22 episodi per 11 prime serate, riprende su Raitre La Nuova Squadra, con la seconda stagione in prima tv. La seconda stagione? Sì perchè, effettivamente, dopo il restyling della precedente, pochi sono rimasti i punti in comune con l’orginaria serie; La Squadra, appunto.

Erano rimasti la camorra, la Polizia di Stato e la città di Napoli, a fare da sfondo e da terzo invisibile protagonista della serie. Ed oggi cosa ci aspetta? Ancora novità, dopo una prima, deludente stagione ed uno share dell’8%, di due punti inferiore alla media che raggranellava l’originaria fiction. Sì, perchè nemmeno nemmeno la nuova ambientazione (il commissariato Spaccanapoli), il nuovo corpo di poliziotti (i falchi: quelli in motocicletta, per intenderci), la nuova sigla, le puntate di poco più lunghe ed un cast quasi completamente rinnovato sono bastati a dare nuova linfa alla serie.

A fare un mea culpa è direttamente il responsabile di Rai fiction, Francesco Nardella: “Inutile nascondere che la serie precedente è stata molto controversa dal punto di vista dei contenuti. Non vogliamo negare ciò che abbiamo fatto in passato, ma ne La Nuova Squadra il conflitto interno torna ad essere quello tra polizia e criminalità. Davanti al pericolo esterno, il commissariato si ricompatta“. Ed il pericolo esterno avrà il volto di Andrea Tidona ed il nome di Antonio Barone, detto anche “o cafone”. A fronteggiare questa minaccia, un nuovo vicequestore: Andrea Lopez, interpretato da Marco Giallini. 




6
agosto

DM LIVE24: 6 AGOSTO 2009

DM Live24: 6 Agosto 2009
Live Comment on davidemaggio.it

Non sai cos’è DM Live24? Leggi qui

Dal Diario di ieri…

  • Spostamenti

AleJonica ha scritto alle 20:06

[da Dagospia] Giorgio Mulè ritorna a Segrate per dirigere “Panorama” - A “Studio Aperto” si aprono le porte per Brachino – Mario Giordano a Videonews

  • Survivors

iLollo ha scritto alle 18:02

Su RaiTre, da giovedì 3 settembre in prima serata, andrà in onda il telefilm Survivors.


11
luglio

UN POSTO AL SOLE D’ESTATE: AL VIA LA QUARTA STAGIONE DA LUNEDI 13 LUGLIO SU RAITRE

Un Posto al Sole d’Estate

Orfani di Un Posto al Sole? Niente paura. Puntuale, come da quattro anni a questa parte, arriva Un Posto al Sole d’Estate, la serie estiva a recarci sollazzo e ristoro (??) in queste afose giornate d’estate. Lo spin-off della più celebre soap partenopea, la più longeva in Italia, apre i battenti da lunedì 13 luglio, ore 20.35, sempre sulla terza rete. Leggerezza, superficialità delle storie, caratterizzazioni psicologiche aleatorie e indefinite, questi i tratti di una soap di cui non si sente affatto la mancanza e i cui presupposti d’inutilità sociale e televisiva fanno capolino timidamente.

Lode e onore ai dirigenti Rai che promuovono prodotti innovativi in pieno periodo estivo, ma altrettanto plauso a quegli spettatori inermi che si ritrovano in salotto situazioni assurde, personaggi macchiettistici e caricature grottesche, che danno l’impressione di un folle circo itinerante, all’insegna di svago e risate forzate.

Se nella prima stagione il filo conduttore sulla scomparsa di Elena poteva esercitare una seppur minima attrattiva sul pubblico, con il proseguire degli anni le storie si sono snaturate, il tutto all’insegna di mare, sole e babà. Quest’anno la soap apre con una sfilza di ospiti che arrivano al villaggio Baia Mille, gestito da Dado, l’attore Salvio Simeoli; Ada sarà ancora Penny, interagendo ancora con Pietro (Luca Riemma); se però Emma ci abbandona, non preoccupatevi: arriverà una guest star d’eccezione che vi placherà gli animi, la modella Ludmilla Radchenko (ne sentivamo proprio la mancanza). Non dimentichiamo le future comparsate di Gianni Nazzaro.





26
giugno

“BUONGIORNO REGIONE”, QUANDO LA BUONA INFORMAZIONE VIENE PREMIATA DAL PUBBLICO

Buongiorno regione - News Raitre

In tempi di presunti scandali a sfondo sessuale, foto esclusive e notizie velate, l’informazione è sempre più spesso sotto accusa. Almeno un certo tipo di informazione. Se il Tg1 di Minzolini è stato criticato e ripreso dai vertici Rai, e il Tg2 chiede un rinnovamento al passo col digitale (leggi qui), i telegiornali regionali e le loro rubriche vanno a gonfie vele, garantendo qualità dell’informazione e un ottimo riscontro di pubblico. E’ il caso di Buongiorno regione, esperimento di prima mattina di Raitre (ore 7.30), confermato anche per la prossima stagione, a partire dal 28 settembre.

Il mix di rassegna stampa, ultim’ora, news su traffico e meteo, rigorosamente regione per regione, ha colpito nel segno. Partito inizialmente in quattro regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Lazio e Campania), Buongiorno regione è stato esteso a tutto il territorio nazionale dallo scorso gennaio, incrementando, di settimana in settimana, gli indici d’ascolto e il gradimento del pubblico. L’aproffondimento quotidiano del Tgr ha ottenuto una media del 12.77% di share, raddoppiando gli ascolti della fascia della terza rete Rai.

In alcune regioni si è rigistrato un vero boom di ascolti: in Piemonte si è arrivati a una media del 19.68% e in Basilicata addirittura al 73% di share. Questi dati, in alcuni casi eclatanti, dimostrano un interesse mai scemato degli italiani nei confronti dell’informazione, della buona informazione. E mentre Tg1 e Tg5 vedono gli ascolti in ribasso, i Tg regionali mantengono uno zoccolo duro di telespettatori, così come gli spazi news de La7 stanno dando i propri frutti.


16
giugno

PALINSESTI RAI 2009/2010: ECCO LE NOVITA’ DELLE TRE RETI DELLA TV DI STATO

RAI Palinsesti 2009/2010

RAIUNOPoche le novità per l’ammiraglia. Confermato sostanzialmente il day time della scorsa stagione, merita una segnalazione il cambiamento di collocazione di Verdetto finale, il programma giudiziario di Veronica Maya che si sposta in fascia meridiana e “ridimensiona” la Festa Italiana della Balivo (sarà “on air” per un’ora e mezza). Altra novità riguarda Affari tuoi, che torna con Max Giusti, ma abbinato alla Lotteria Italia e perciò promosso anche al prime time del sabato, fino alle 22.30, quando lascerà spazio al cinema. Il martedi sarà di Antonella Clerici che ritorna con la seconda edizione di Tutti Pazzi per la Tele mentre alcune sorprese ci saranno il mercoledì sera, dove si alterneranno, con un programma tutto loro, prima Vincenzo Salemme (fino al 7 ottobre), poi Gianni Morandi (dal 21 ottobre). Il Venerdi sarà la volta de I Migliori Anni con la conduzione di Carlo Conti. Sul fronte della fiction, nuovi episodi per le serie più amate, da Il commissario Vivaldi a Don Matteo, e un grande ritorno: Giulio Scarpati per la sesta edizione di Un medico in famiglia. Nuove produzioni il lunedì e il martedì sera, con titoli importanti, come Pinocchio, Lo scandalo della Banca Romana, Le segretarie del settimo.

RAIDUEMolte le novità nel day time di Raidue. Dopo qualche anno di pausa, torna un classico della rete: I fatti vostri, con Giancarlo Magalli, Adriana Volpe e Marcello Cirilli. Nella mattina del week end, a Mezzogiorno in Famiglia, arrivano Amadeus e Laura Barriales, mentre, sempre di domenica mattina trova la propria collocazione Alda D’Eusanio con RicominciareMilo Infante affiancherà Francesca Senette nella conduzione di Italia sul due. Scalo 76 diventa Scalo 76 Talent: il programma condotto da Lucilla Agosti e Alessandro Rostagno sarà incentrato sullo scouting nella musica, nella danza, nella recitazione. Ancora da rivelare il terzo “allenatore” che si affiancherà a Francesco Facchinetti e Mara Maionchi nella terza edizione di X-Factor (in onda il lunedi). Fra le novità serali, anche Harper’s Island, una delle più innovative serie americane trasmessa quest’anno da CBS. Si tratta di un giallo che ha per protagonisti un gruppo di amici e familiari che si recano in un’isola per un matrimonio. E poi i nuovi episodi delle serie Tv più amate della rete, da Desperate Housewives a Criminal Minds, da Senza Traccia a Cold Case. Fiction di produzione invece, in onda il martedì fino a novembre, con i nuovi episodi di Un caso di coscienza e Nebbie e delitti.

RAITREConfermati i programmi storici della rete ma anche le molte innovazioni proposte nel corso dell’anno: i nuovi appuntamenti dell’informazione (Buongiorno Regione, Lineanotte) e dell’attualità (le inchieste di Riccardo Iacona in Presa diretta), la fiction di produzione Agrodolce, gli speciali in prime time di Che tempo che fa, la striscia serale di intrattenimento Parla con me.





9
febbraio

10 ANNI DI MELEVISIONE: SI FESTEGGIA CON LE NUOVE AVVENTURE, DA OGGI SU RAITRE

La Melevisione @ Davide Maggio .it

La Melevisione compie 10 anni e festeggia il proprio compleanno con le nuove, inedite avventure di Milo Cotogno, Lupo Lucio, Fata Lina, Strega Varana, Orco Manno, Principessa Odessa, e tutti gli altri personaggi che popolano il Fantabosco da quest’oggi su Raitre alle 16.30.

Dieci anni di Melevisione vogliono dire 1600 puntate, 600 filastrocche, 178 canzoni, e tantissime storie raccontate da grandi che sanno narrare ai bambini, affinché crescano bene. Tutte le storie della Melevisione, dalle più semplici alle più importanti, sono scritte con l’intento di contribuire alla costruzione dell’identità psicologica dei bambini. Alcune hanno affrontato – con delicatezza, e sempre con la consulenza di esperti – anche temi difficili, disagi tenuti spesso nell’ombra. E’ il caso de “Il segreto di Fata Lina”, l’episodio che affrontava il tema delle molestie sessuali, e che andò in onda per la prima volta nel 2003 diventando subito oggetto di attenzione da parte di bambini ed ex bambini, genitori, ASL ed operatori infantili. Con esso la Melevisione invitava i bambini a rompere il cerchio del silenzio e della vergogna, e a raccontare a una persona fidata ‘quello che è difficile dire’, attraverso la rassicurante figura di Tonio Cartonio, successivamente sostituita da quella di Milo Cotogno – nuovo folletto bibitiere e amico fidato dei bambini di oggi – in una versione dell’episodio realizzata nel 2007 e utilizzata a tutt’oggi dagli operatori sociali.

A 10 anni dalla nascita, la Melevisione è cresciuta, ma ha sempre un fresco sapore di frutta, di vitamine naturali per le menti, e mantiene salda la sua formula magica: quella di una fiction in forma di fiaba, che accompagna il percorso formativo dei bambini senza dimenticare la forza dell’incanto e il valore del divertimento.

Scopri le origini e le curiosità sul programma nella seconda parte del post:


5
gennaio

FABRIZIO 2009: LO SPECIALE “CHE TEMPO CHE FA” SU FABRIZIO DE ANDRE’, DOMENICA 11 GENNAIO SU RAITRE

Fabrizio De Andrè - Speciale Che Tempo Che Fa @ Davide Maggio .it

Fabrizio 2009. Si chiamerà cosi’ lo speciale di Che tempo che fa realizzato in collaborazione con Dori Ghezzi e la Fondazione F. De André Onlus, in occasione dei dieci anni della scomparsa di Fabrizio De André.

Il programma, in onda domenica 11 gennaio su Rai Tre a partire dalle 20.10, troverà un’eco anche nel mondo della radio: un centinaio di radio italiane, infatti, trasmetterà in contemporanea a Che Tempo Che Fa ‘Amore Che Vieni Amore Che Vai’, scelta da Dori Ghezzi, come simbolo di questo omaggio via etere ad uno dei piu’ grandi artisti della musica italiana.

In uno spettacolo di tre ore, in cui alcuni dei più grandi nomi della canzone italiana renderanno omaggio a Faber, attraverso l’interpretazione di alcune tra le sue canzoni più belle, questo sarà l’unico momento in cui si ascolterà un brano cantato da De André, a dare ancora maggiore suggestione a questa iniziativa che vuol far sentire legati tra loro tutti quelli che l’11 gennaio rivolgeranno il loro pensiero al poeta di tanti capolavori.


27
dicembre

‘IL CASTELLO ERRANTE DI HOWL’ IN PRIMA SERATA SU RAI3: L’ANIMAZIONE GIAPPONESE SULLA TV DI STATO

Il Castello Errante di Howl @ Davide Maggio .it

Una storia di magia e di malefici, ambientata e ricostruita nei primissimi anni del novecento, accompagnata da castelli erranti e incantesimi mozzafiato. E’ questo il lungometraggio che andrà in onda lunedì 29 in prima serata su Rai Tre.

L’opera, presentata in concorso alla 61^ Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, è uno dei pochi esempi di animazione giapponese che è riuscita a riscuotere un discreto successo anche in Italia. Tanto da valere il Leone d’oro alla carriera per il suo autore Hayao Miyazaki, che è risultato l’unico produttore di film d’animazione a conquistare sia l’oscar che il Leone d’oro: tra i suoi celebri capolavori non bisogna scordare la dolcissima e intramontabile Heidi e l’astuto Lupin III, personaggi che sono rimasti nel cuore di moltissime persone. Quotidiani come ‘Il Giornale’ e ‘La Repubblica’ lo definiscono “il Disney nipponico” e “il grande maestro dell’animazione”.

‘Il Castello Errante di Howl’, tratto da un romanzo di Diana Wynne Jones, è un film che raccoglie tante tematiche impegnate e cariche di non poca importanza, se pur contenute in un “cartone”. La guerra e gli aerei militari, l’amore e il romanticismo, il progresso e la tecnologia, la lotta tra il bene e il male, entità che però non si identificano con contorni precisi anzi si confondono spesso l’uno con l’altro.