Raitre



3
dicembre

CHE TEMPO CHE FA, SPECIALE UNA NOTTE ALL’OPERA: BARENBOIM, ABBADO E POLLINI PER AVVICINARE LA MUSICA CLASSICA AL TUBO CATODICO

Che Tempo Che Fa (BARENBOIM FAZIO POLLINI ABBADO)

Questo speciale è un tentativo, per una sera, di creare ‘un inciampo’ nella musica Alta e provare, noi per primi, con un mezzo popolare come la tv, a conoscerla più da vicino“. Con queste parole Fabio Fazio ha spiegato l’essenza del secondo  speciale del suo Che Tempo Che Fa, intitolato Una Notte all’Opera e dedicato alla musica classica; a pochi giorni dall’inaugurazione della stagione del Teatro alla Scala di Milano, prevista per il 7 dicembre con la rappresentazione della Carmen di Georges Bizet, nella puntata-evento di Che Tempo che Fa, in onda il prossimo stasera alle 21.10 su Raitre, verrà allestita una sorta di “prima della prima“.

Il programma vedrà tre grandi della musica classica protagonisti di un percorso musicale del tutto inusuale per un rete generalista e sopratutto per una fascia oraria come quella del prime time,  accontentando chi lamenta la lontananza della grande musica dal piccolo schermo, ospitata dalle tavole dei palcoscenici teatrali e latitante nel tubo catodico: Daniel Barenboim, Claudio Abbado e Maurizio Pollini, tra i maggiori esponenti della musica classica internazionale per la prima volta insieme in televisione, cercheranno di far arrivare la grandezza della musica non soltanto attraverso le esecuzioni con l’Orchestra Filarmonica della Scala, ma anche in un momento di talk rivolto al pubblico più o meno colto sull’argomento.

Una vera e propria conversazione-lezione sulla musica e sulla sua interpretazione, in cui parole e musica si supporteranno e si spiegheranno a vicenda, per rivolgersi non soltanto agli addetti ai lavori, ma anche al pubblico meno esperto, curioso e predisposto ad appassionarsi. Oltre ad ascoltare, gli spettatori potranno anche avere la sensazione di entrare nel foyer, nei camerini e poi nella buca e sul palco del Teatro alla Scala di Milano, presente in studio con il Sovrintendente e Direttore artistico, Stéphane Lissner. Saranno le prove generali della Carmen a chiudere la serata, con la celebre ouverture dell’opera di Bizet, eseguita dall’Orchestra Filarmonica della Scala, diretta proprio dal Maestro Daniel Barenboim.

[nggallery id=12]




27
novembre

QUESTIONI DI POTERE: IL CDA RAI SILURA IL DIRETTORE DI RAITRE RUFFINI, CEDE LA POLTRONA A DI BELLA E APPROVA L’AUMENTO DI STIPENDIO DI BRUNO VESPA

Antonio Di Bella

La settimana che volge al termine ha portato in Rai molte novità di cui da tempo si vociferava: il CdA di Viale Mazzini ha finalmente deliberato su alcune scelte cruciali per la scacchiera politica… pardon… per il palinsesto delle varie reti.

Su tutte, ha tenuto banco “l’atteso siluramento” del  direttore di Raitre Paolo Ruffini a favore dell’ex direttore del Tg3 Antonio Di Bella, a sua volta silurato a favore di Bianca Berlinguer. Una decisione che ha avuto una lunghissima gestazione a causa dei nuovi assetti del Partito Democratico (by Bersani) e che ha visto la luce grazie ai voti favorevoli di 8 membri del consiglio (tra cui quello del presidente del CdA Garimberti che ha parlato di Di Bella come di “un forte innesto di energia”), mentre si era espresso negativamente il consigliere Nino Rizzo Nervo. Ma non è finita qui.

Il CdA ha dato il suo assenso anche ad un altro nodo da sciogliere: il rinnovo contrattuale di Bruno Vespa, che dopo diversi rinvii, ha avuto la sua vittoria. A dispetto delle richieste di moderazione in tempi di crisi e delle analisi economiche, Vespa è riuscito ad ottenere un nuovo contratto, con tanto di aumento. Il giornalista abruzzese infatti guadagnerà dal 1 settembre 2010 al 1 settembre 2013 (con opzione per il 2014) 2 milioni e 124 mila € l’anno, tra base e serate speciali. Il contratto “base” del conduttore di “Porta a Porta” era di soli 1,2 milione di € annui a cui andavano aggiunti i “gettoni di presenza” per serate speciali e partecipazioni varie; con questo rincaro il giornalista abruzzese si vedrà riconosciuto praticamente per intero (300 mila € sui 400 mila € totali) l’aumento richiesto, con buona pace dei detrattori e dei conti economici Rai alimentati per lo più dai cittadini abbonati.


13
novembre

RAI, PALINSESTI GENNAIO 2010: RAIUNO CONTINUA A PUNTARE SULL’USATO SICURO CON MILLY CARLUCCI E PUPO. NOVITA’, CON ALCUNI “LIMITI”, PER RAIDUE CHE DEBUTTA ANCHE IN PRESERALE

Palinsesti Rai - Gennaio 2010

La stagione autunnale deve ancora terminare ma si guarda già al 2010 per quanto riguarda la programmazione Rai. E proprio a partire da gennaio 2010 si potranno valutare meglio l’operato e le scelte dei nuovi direttori Mauro Mazza per Raiuno e Massimo Liofredi per Raidue (mentre per Raitre la direzione è ancora in bilico). Anticipiamo subito che Raiuno continuerà a puntare sull’usato sicuro mentre Raidue proporrà alcune novità.

Partiamo proprio dal secondo canale che dovrà risistemare il day time: oltre alle conferme de Il fatto del giorno, che in un mese ha raddoppiato gli ascolti, e de L’Italia sul 2, tornerà in onda Paolo Limiti con un nuovo show (forse quotidiano alle 16.10 o forse al sabato pomeriggio). Novità anche nel preserale con un intrattenimento denominato “Secondo canale“, in attesa della striscia quotidiana dell’Isola dei famosi. Al sabato pomeriggio potrebbe tornare il programma musicale Top e of the pops e a seguire è previsto l’intrattenimento “Generazioni a confronto“. Sarà Limiti il conduttore? Di certo non sarà Raffaella Carrà, la quale dovrà attendere ancora qualche mese prima del suo ritorno in video, dopo aver visto sfumare il contatto col direttore Liofredi.

In prima serata continua l’invasione dei telefilm con Ncis e Castle (domenica), Senza traccia (lunedì), Desperate housewives e Brothers and Sisters (venerdì) e Close to home (sabato). Nei giorni restanti Annozero confermato al giovedì, al mercoledì film e calcio con la Coppa Italia e al martedì un’imprecistata produzione d’intrattenimento. Unica novità della seconda serata  sarà Ultima parola al venerdì sera che potrebbe rivelarsi il nuovo programma di Gianluigi Paragone. Ancora nessuna traccia del nuovo programma di informazione che verrà con ogni probabilità affidato a Maurizio Belpietro.

Scopri dopo il salto le novità di Raiuno e Raitre.





11
novembre

SPECIALE CHE TEMPO CHE FA: “DALL’INFERNO ALLA BELLEZZA”, ROBERTO SAVIANO E FABIO FAZIO DI NUOVO INSIEME IN PRIMA SERATA SU RAITRE

Roberto Saviano (Che Tempo che Fa)

Per fare cultura, per divulgare valori e arrivare al cuore delle persone bisogna utilizzare la televisione? Forse si: ne è una dimostrazione Roberto Saviano. Se spesso il tubo catodico è stato visto con distacco e supponenza dai grandi intellettuali del nostro tempo, l’autore di Gomorra ha deciso di sfruttare a pieno le potenzialità del mezzo televisivo, consapevole che la coscienza collettiva nasce a volte proprio tra uno zapping e l’altro.

La sua storia e la sua missione sono oramai noti ai più: una vita in controtendenza, un affronto al sistema mafioso cha ha minato la sua libertà e la sua “normalità”. In televisione Saviano è magnetico, non solo per la sua storia, ma anche per la sua immediatezza e per il linguaggio chiaro e intenso. Ne sa qualcosa Daria Bignardi che quest’anno con la puntata de “L’Era Glaciale” a lui dedicata ha fatto il record di ascolti della sua personale stagione, così come lo conosce bene Fabio Fazio che lo ha già ospitato più di una volta a “Che Tempo che fa“.

Questa sera, in prima serata su Raitre, la coppia Fazio-Saviano si ricompone per uno speciale di Che tempo che fa: “Dall’inferno alla bellezza” . Il riferimento all’ultimo libro dello scrittore campano è evidente, ma non sarà la camorra il tema principale della serata, bensì la riproposizione di “storie” di libertà negata, che somigliano un pò a quella dello stesso Saviano. Si parlerà di Ken Saro-Wiva, autore nigeriano, impiccato a Lagos per la sua opposizione alle compagnie petrolifere che spogliano di risorse la sua terra; Anna Politkovskaja, uccisa per la sua opposizione alla guerra in Cecenia, Varlam T.Salamov e Miriam Makeba.

[nggallery id=8]


8
novembre

GLOB: BERTOLINO CERCA MUSICISTI PER CANTARGLIELE AL PREMIER

Glob, una canzone per Papi

Trova un inno per Silvio: è questa l’ultima provocazione di Enrico Bertolino, che direttamente da Glob lancia la sfida a tutti i musicisti italici per donare un motivetto che possa celebrare le doti morali, fisiche (il conduttore azzarda a dire anche morfologiche) del miglior presidente del consiglio degli ultimi 150 anni. Ovvio che in realtà sia tutto un teatrino satirico dove arrivano solo brani irriverenti che mettono in note tutta la bagarre degli ultimi mesi.

Dopo Menomale che Silvio c’è e La pace può, e i relativi controcanti parodici Io sto male se Silvio c’è e una riedizione molto estrema di Bocca di rosa di De Andrè, non si poteva non cavalcare questa onda creativa made in Italy. Lo spunto divertente della seconda serata di Raitre non fa altro che portare alla ribalta tutta una realtà sommersa di band di provincia che esprimono a loro modo il loro punto di vista sulla bizzarra contemporaneità, tra slang di quartiere e coreografie funky o hip pop.

E’ il caso ad esempio dell’ultima puntata che ha dato spazio a un gustosissimo rap di una band siciliana, i Tafano Broders, autori di una vera e propria saga sulle avventure di quello che Antonio Ricci ha definito ormai da anni il Cavaliere Mascarato. Il titolo del brano che Bertolino ha proposto, hit della Summer “Compilescion” del gruppo, è già eloquente: Papi, un motivetto che entra nelle orecchie immediatamente, una chicca gestita molto bene anche a livello di montaggio di videoclip che vale la pena non lasciare nel silenzio delle seconde serate televisive.





6
novembre

PROBABILE CAMBIO DI VERTICE A RAITRE: FUORI RUFFINI, DENTRO (DI NUOVO) ANTONIO DI BELLA.

Antonio Di BellaEletto segretario del PD Bersani, si stringono i tempi per ridefinire i principali assetti di Raitre, definita da alcuni “Tele-Kabul”. Dopo il passaggio della direzione del Tg3 da Di Bella a  Bianca Berlinguer, il principale nodo da sciogliere rimane proprio la scelta del direttore di rete.

Al comando, per il momento, troviamo ancora Paolo Ruffini che tuttavia, nonostante gli ascolti importanti di trasmissioni come Ballarò, Report e Che tempo che fa, rimane piuttosto traballante. Ruffini infatti, inattaccabile dal punto di vista degli ascolti, si è “macchiato” della colpa proprio di aver cresciuto e alimentato trasmissioni che sono diventate un’ “autentica spina nel fianco (mediatico)” dell’attuale governo, ed è proprio questo il motivo che rende incerto il suo futuro.

In un “gioco di poltrone” che in Rai non passa mai di moda (per la serie: “Bisogna cambiare tutto per non cambiare nulla”), al posto di Ruffini dovrebbe giungere proprio l’ex direttore (silurato) del Tg3 Antonio Di Bella. In tal caso a Ruffini verrebbe offerta la direzione di Rainews 24 o, in alternativa, un ruolo di rilievo in Rai Cinema (ipotesi a quanto pare a lui molto più gradita).


1
novembre

IN MEZZ’ORA: IL BUON GIORNALISMO PUNGENTE DI LUCIA ANNUNZIATA

Lucia Annunziata (In mezz'ora)

Format essenziale, domande secche ma mai prive di importanti riflessioni: In mezz’ora ha lo stesso profilo della giornalista che lo conduce, quella Lucia Annunziata che mai ha negato il suo punto di vista di donna di sinistra che però mai si sottrae ad una forte autocritica allo schieramento che più la rappresenta politicamente. L’intervista odierna a Rosy Bindi diventa un piccolo riassunto di un modo intelligente di fare informazione e approfondimento.

La Annunziata cerca in più passaggi di enucleare le maggiori criticità, storiche e contemporanee, del centrosinistra nel non comprendere alcune dinamiche politiche, e ha tutta l’autorità di farlo, lei che ha spesso dedicato le sue pagine all’analisi delle forze politiche nate dallo scioglimento del vecchio partito comunista. Interviene in maniera diretta sul caso Marrazzo precisando la sua riserva verso il doppiopesismo nella questione morale che ha notato in questi giorni in molta cronaca politica. La Bindi è marcata a uomo, non le si concedono diplomatiche risposte e si cerca di ricavare dati importanti e opinioni nette sui molti fronti aperti in questi giorni.

Dalla fuoriuscita di Rutelli alla promozione europea di Massimo d’Alema (con il corollario di sospetti di inciucio), dal futuro del partito con la nuova linea Bersani alle nuove candidature per le elezioni regionali: il meccanismo della lunga intervista consente un buonissimo ventaglio di quesiti da poter propinare all’ospite di turno. Meglio di ogni talk declinato al plurale possono emergere le differenze dei vari protagonisti dello scacchiere. Senza infingimenti l’obiettivo è proprio di delineare dei confini fissi tra le idee e le azioni delle varie forze coinvolte nella gestione della cosa pubblica. Quelle fondamentali differenze che la gente vede sempre meno.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


28
ottobre

BALLARO’: BERLUSCONI INTERVIENE TELEFONICAMENTE METTENDO ALL’ANGOLO FLORIS (VIDEO)

Ballarò, intervento di Silvio Berlusconi

Lei nella televisione pubblica pagata da tutti fa dei processi pubblici non consentendo a chi mette sotto processo di avere il contraddittorio, quindi mi lascia finire il mio discorso. Prima dico tutti i miei punti…non sono a sua disposizione: è eloquente il messaggio del presidente Berlusconi, così come la sua rabbia nei confronti di Floris e Ballarò, considerati ancora una volta longa manus del comunismo che serpeggia nell’editoria e che, sempre secondo il premier, costituirebbero la vera anomalia democratica del paese.

La trasmissione non è mia, ma nemmeno sua. Dopo tale affermazione netta il conduttore è messo all’angolo, ma alla fine accetta di subire il profluvio di accuse e l’esuberanza del presidente, conscio dell’eco mediatica che l’intervento telefonico avrà. Rosy Bindi cerca di intervenire sottofondo cercando di dissentire e chiedendo al conduttore che il programma si allunghi di 15 minuti visto il tempo sottratto alla trasmissione da Berlusconi; ma il Presidente ne ha per tutti, nonostante la scarlattina e grazie a una trasmissione nemica che lo processa. La stoccata provocatrice è molto forte: gli italiani di buon senso non guardano mai Ballarò, dato che secondo i dati del presidente ancora il 68% esprimerebbe gradimento per la sua figura. Una fiducia incondizionata contro la quale poco possono fare le oligarchie rosse: questo è il messaggio chiaro con cui si congeda a fine intervento.

Esclusa la telefonata a Porta a Porta, a margine della sentenza per il Lodo Alfano, era da parecchio tempo che Berlusconi non faceva capatine telefoniche in tv. D’ora in poi il discorso potrebbe cambiare, considerata la manifesta volontà di difendersi mediaticamente in prima persona ogni volta che si alluda alle sue vicende giudiziarie. Dato che la magistratura gli mette i bastoni tra le ruote, vuole parlare con gli italiani e sbugiardare le toghe rosse raccontando le sue verità: eccolo il progetto che senza remore il primo ministro ha espresso poche settimane fa.