RaiNews 24



4
agosto

RAI INFORMAZIONE, L’OBIETTIVO DI GUBITOSI: UNA SOLA TESTATA PER TUTTE LE NEWS

Luigi Gubitosi

Un uomo solo al comando. E una sola testata per tutte le news. L’idea, partorita da Luigi Gubitosi nell’ambito della riforma dell’informazione Rai, potrebbe presto diventare realtà. Il Direttore Generale di Viale Mazzini è partito in quarta ed ora è intenzionato a realizzare la rivoluzione editoriale avviata settimana scorsa con la benedizione del CdA aziendale. Dopo l’estate il piano verrà presentato anche alla Commissione di Vigilanza e solo allora si potrà procedere di conseguenza. Intanto, però, si delineano sempre più i dettagli della storica operazione, che punta ad ottimizzare le risorse non senza polemiche.

Rai Informazione: una testata per tutte le news

Come riporta Repubblica, che ha sfogliato il progetto in questione, tra le novità in arrivo ci sarebbe anche la nomina di un supervisore editoriale che coordini l’informazione e si prenda ogni responsabilità. La mossa va inquadrata nella prospettiva indicata dallo stesso Gubitosi, il quale suggerisce una riduzione delle testate giornalistiche televisive: dalle attuali sette a due sole. Rai Sport per i notiziari sportivi e Rai Informazione. Così facendo, le news verrebbero curate da una sola testata per tutti i canali del servizio pubblico, con un conseguente e sostanzioso risparmio economico. Secondo alcune stime Rai, il nuovo assetto delle news costerà il 20% in meno (circa 100 milioni) sul totale di 501milioni cui ammontano le attuali spese “tra costi esterni e costi interni di produzione e testata”.

Rai, stop alle promozioni facili

La mannaia di Gubitosi dovrebbe ridurre anche il numero dei vicedirettori e regolare il circolo delle promozioni (spesso facili), che dovranno essere giustificate e potranno essere concesse solo in determinati periodi (a dicembre e ad aprile). Verranno inoltre eliminate alcune edizioni dei telegiornali. Su Rai1, Rai2 e Rai3 rimarranno solo le edizioni principali dei tg, ed è intuibile che a sparire saranno proprio quelle brevi. RaiNews24 (che nella sostanza sarà accorpato al Tg3) produrrà tutte le edizioni straordinarie sulle prime tre reti del servizio pubblico e le edizioni flash per sia per i canali generalisti che per quelli specializzati.




2
agosto

RAINEWS, LE GUERRE ALLE PORTE: GIORNATA E PALINSESTO DEDICATI ALL’INFORMAZIONE SUI CONFLITTI

Le guerre alle porte

Non lontano da noi si combatte, si spara. E si muore. Anche adesso, mentre leggete questo post. Gaza, Siria, Iraq, Libia, Ucraina: alle porte dell’Europa soffiano venti di guerra, e nemmeno gli appelli unilaterali alla tregua e al negoziato riescono far tacere le armi. Sui televisori scorrono le immagini violente dei conflitti, ma ormai neanche quelle sembrano scuoterci più di tanto. Serve approfondire, e riflettere. E’ quello che intende fare Rainews24 nella giornata di domani, domenica 3 agosto, con un palinsesto speciale dedicato al racconto e all’analisi delle guerre vicine a casa nostra.

Le guerre alle porte” è il titolo della giornata che il canale all news del servizio pubblico ha deciso di dedicare al tema. Ogni ora, dalle 10.30 alle 22.30, esperti, giornalisti e commentatori in studio, insieme agli inviati nelle zone di guerra, racconteranno i conflitti con immagini, servizi e interviste. L’attenzione non sarà puntata solo sugli eserciti schierati, ma anche sulle popolazioni costrette a fuggire dalla loro terra.

Con l’approfondimento giornalistico si cercherà di spiegare anche le conseguenze di questi conflitti per l’Europa e per l’Italia: uno su tutti, forse il più evidente, è il dramma dei migranti verso le nostre coste. Ma non sono da sottovalutare il possibile aumento del costo dell’energia o il rischio di attentati di matrice fondamentalista.

Rainews, Le guerre alle porte: gli ospiti

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


22
luglio

RAI, L’INFORMAZIONE PRONTA A CAMBIARE. ACCORPAMENTI TRA LE TESTATE: I CDR DICONO NO

Mario Orfeo e Luigi Gubitosi

Accorpamenti e ottimizzazione delle risorse: i punti chiave della “riforma” dell’informazione Rai verranno presentati ufficialmente nel CdA di giovedì prossimo, 24 luglio. Il giorno prima, però, il Consiglio si riunirà in via informale per sondare il terreno e gli umori su quello che si annuncia un passaggio fondamentale per il futuro del servizio pubblico. Stavolta il DG Luigi Gubitosi ci metterà la faccia, più del solito. L’ammodernamento dell’apparato giornalistico, infatti, è un cavallo di battaglia che il top manager porta avanti sin dal suo arrivo a Viale Mazzini.

Ispirata dall’interventismo del nuovo corso renziano in Rai, la riforma prevede una manovra diretta sulle testate giornalistiche, con una riduzione dei direttori e dei vice. Stando alle indiscrezioni, sarebbe anche allo studio l’eliminazione delle edizioni brevi dei notiziari e l’annullamento di ogni sovrapposizione giornalistica in palinsesto. L’idea è quella di affidare ad ogni testata una mission ben precisa, con l’obiettivo di razionalizzare le risorse ed offrire allo stesso tempo un servizio completo in base alle varie esigenze informative del pubblico Rai.

Rai, riforma informazione: Rainews ingloba il TgR?

Secondo quanto trapela alla vigilia, in base al nuovo piano il Tg1 potrebbe inglobare Rai Parlamento, così da mantenere e rafforzare il suo carattere istituzionale. Il Tg2 potrebbe specializzarsi sull’approfondimento, il Tg3 sull’informazione regionale e internazionale. Dopo le polemiche sui presunti sprechi delle sedi regionali, per il TgR si potrebbe invece prospettare un‘integrazione con Rainews. La testata allnews attualmente diretta da Monica Maggioni diventerebbe così la più grande del servizio pubblico. La riforma è ambiziosa, per certi versi copernicana, e proprio per questo non sono mancati i pareri negativi al riguardo.

Rai, riforma informazione: polemici i CdR

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





15
maggio

ELEZIONI EUROPEE 2014: MONICA MAGGIONI CONDUCE IL CONFRONTO TV TRA I CANDIDATI PRESIDENTE

Eurovision Debate

Il Parlamento Europeo di Bruxelles si trasforma in uno studio televisivo per una prima assoluta. Stasera, a partire dalle 21, nell’aula che accoglierà i nuovi eurodeputati si terrà un dibattito tra i cinque candidati alla presidenza della Commissione Europea: Martin Schulz (PSE), Jean-Claude Juncker (PPE), Guy Verhofstardt (ALDE), Ska Keller (Verdi/Ale) e Alexis Tsipras (Sinistra Europea). Gli esponenti si confronteranno per la prima volta davanti alle telecamere e in diretta sulle tv pubbliche di tutti i Paesi europei. Il format inedito sarà condotto da una giornalista italiana, il direttore di RaiNews24 Monica Maggioni, che sarà affiancata dal giovane collega irlandese Conor McNally nella parte social.

Eurovision Debate: argomenti e formula del confronto

Al centro del confronto ci saranno i temi di maggiore attualità, come le norme sul lavoro, la gestione della crisi economica, l’euroscetticismo e le politiche comunitarie. A dieci giorni dalle elezioni che designeranno il nuovo Parlamento Europeo, i candidati alla presidenza della Commissione esporranno ad una platea potenzialmente enorme le proprie posizioni e quelle degli schieramenti di riferimento. Teatro del confronto sarà l’emiciclo del Parlamento stesso, dove è stato allestito un palco che avrà come colore dominante il blu, il colore dell’Europa. In Italia, il dibattito sarà trasmesso in diretta da Rainews24.

L’Eurovision Debate, questo il nome ufficiale del confronto, avrà una formula innovativa. Novanta i minuti a disposizione dei cinque leader: in quel tempo, oltre alle domande poste dai conduttori Monica Maggioni e Conor McNally, i candidati dovranno confrontarsi anche con i quesiti inviati direttamente dal pubblico attraverso i social media e con l’utilizzo dell’hashtag #TellEUROPE. A poche ore dalla diretta, le testate giornalistiche di tutta Europa hanno già iniziato a raccogliere gli spunti offerti dalla rete, che stasera diventeranno argomento di dibattito. All’indomani del faccia a faccia è previsto anche previsto anche un tweetstorm.

Eurovision Debate in diretta su Rainews24


14
gennaio

VAFFA DI TONI SERVILLO: RAI NEWS 24 AVVILITA

la grande bellezza toni servillo

La Grande bellezza

(TMNews) – Il comitato di redazione di Rainews24 è intervenuto con una nota sul caso dell’attore Toni Servillo, per il “vaffa” in diretta opposto a una domanda non gradita.

“Toni Servillo - si legge nel comunicato della rappresentanza dei giornalisti della testata all news - è un grande attore. E il trionfo de ‘La Grande Bellezza’ ai Golden Globe ci inorgoglisce. Ma Toni Servillo che insulta la collega di Rainews24 nel corso di un collegamento telefonico in diretta ci avvilisce“.

E ancora:

“Ricordiamo al grande attore che il cardine del lavoro giornalistico è fare domande e che a quelle scomode c’è modo e modo di replicare. Il Cdr di Rainews24 a nome di tutti i colleghi del canale esprime piena solidarietà alla collega Elena Scotoni e la ringrazia per la professionalità, il garbo ed la giusta dose di ironia dimostrate nella circostanza“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





14
gennaio

TONI SERVILLO ALLA GIORNALISTA DI RAI NEWS: “MA VATTENE A FANXULO. ‘STA CRETINA” (VIDEO)

Toni Servillo

Toni Servillo

Era (quasi) una giornata perfetta. Per il cinema italiano certo, ma anche per l’Italia tutta in generale. Vincere un Golden Globe a più di 20 anni di distanza da Nuovo Cinema Paradiso come miglior film straniero è, obiettivamente, motivo d’orgoglio per il nostro Paese. Inevitabili, quindi, i complimenti ai protagonisti de La Grande Bellezza – dal regista Paolo Sorrentino agli attori protagonisti – anche da parte dei giornalisti italiani, subito accalcatisi per intervistare i neo vincitori.

Ma se in mezzo ai complimenti di rito ci scappa anche qualche remora sul film, che problema c’è? Beh, per Toni Servillo a quanto pare il problema c’era, eccome. Vittima delle ire dell’attore di origine campane è stata la povera giornalista di Rai News, ritrovatasi a gestire una polemica nata, in fin dei conti, involontariamente, per una domanda innocua, se solo l’attore avesse avuto il buon cuore di ascoltarla (il video potete vederlo sotto). Ma cosa ha scatenato il furioso atteggiamento di Servillo? Questa “semplice” domanda:

“In chiusura, Servillo, non parliamo allora dei punti che hanno sollevato un po’ più le critiche ma i punti invece vincenti di questa pellicola…”

Manco il tempo di prendere fiato che la malcapitata giornalista si è ritrovata in guerra con il protagonista della pellicola.


13
dicembre

DMLIVE24: 13 DICEMBRE 2013. LA GRANDE BELLEZZA A GENNAIO SULLE RETI MEDIASET, UN FUORI ONDA “DER CAZXO” SU RAINEWS, AHS COVEN DAL 14/1 SU FOX

Serena Grandi - La Grande Bellezza

Serena Grandi - La Grande Bellezza

Il DM Live 24 è un post pubblicato ogni giorno (a mezzanotte circa) nel quale, tramite i commenti, vengono raccolte in tempo reale le segnalazioni degli utenti su qualunque programma in onda e, più in generale, in relazione a qualsivoglia notizia televisivamente rilevante. I più interessanti verranno pubblicati nel DM Live 24 del giorno successivo.

La Grande Bellezza sulle reti Mediaset a gennaio

“La Grande Bellezza”, il film italiano che ha ricevuto ieri la nomination quale “miglior film straniero” ai Golden Globe, andrà in onda da Gennaio 2014 sulle Reti Mediaset sia free che pay. Proprio a gennaio, la pellicola diretta da Paolo Sorrentino potrebbe aggiudicarsi il Golden Globe dall’Hollywood Foreign Press Association, l’associazione che riunisce i giornalisti stranieri a Hollywood. Nel cast del film, Toni Servillo, Sabrina Ferilli e Carlo Verdone.

AHS Coven dal 14 gennaio su Fox

Principessa_Vespa ha scritto alle 18:12

La terza stagione di “American horror story: Coven” prenderà il via il 14 gennaio 2014 su Fox, canale 111 di Sky. (Fonte: pagina fb Fox Italia)

Fuori onda “der cazxo” su RaiNews

tinina ha scritto alle 21:50


16
settembre

COSTA CONCORDIA: LA ROTAZIONE DELLA NAVE IN DIRETTA TV

Costa Concordia, rotazione

Il gigante di ferro riemergerà dalle acque. Pian piano, in tutta la sua imponenza. Inizieranno stamane all’alba le operazioni di recupero della Costa Concordia, la nave da crociera affondata all’Isola del Giglio il 13 gennaio 2012. Salvo imprevisti dell’ultima ora dovuti alle condizioni meteo-marine, le manovre di rotazione in assetto verticale partiranno alle ore 6 del mattino e si protrarranno per 10-12 ore, come dichiarato ieri dal capo della Protezione Civile Franco Gabrielli. Le fasi del progetto “parbuckling” (questo il nome tecnico), preliminare ad uno smantellamento del relitto, verranno seguite in diretta tv dai canali all news.

Le telecamere puntate sulla Concordia, in particolare, si accenderanno di primo mattino in concomitanza con l’avvio delle delicate operazioni. A partire dalle ore 5, Rainews24 seguirà in diretta le manovre di rotazione con tre inviati in collegamento dall’Isola del Giglio e con l’ausilio di postazioni mobili per riprendere il cantiere su vari fronti. Per tutta la durata dei lavori, i cronisti spiegheranno, con l’aiuto di alcuni esperti, la successione e lo scopo delle fasi trasmesse live. Il racconto dei testimoni della notte del naufragio e quello degli abitanti dell’isola, che tempo aspettano questo momento, completerà la giornata di diretta.

Costa Concordia: il progetto Parbuckling

Immagini in tempo reale anche su SkyTg24 e Tgcom24. La testata diretta da Sarah Varetto seguirà l’evento a partire dalle ore 6, quando tecnici ed ingegneri inizieranno a mettere in tensione i cavi di acciaio fissati alla nave sulla sommità di nove cassoni centrali. Intanto, attorno al relitto è stato posizionato un ‘falso fondale’ che permetterà di colmare il dislivello creatosi a poppa e a prua tra la carena e gli speroni di roccia. Eventuale materiale fuoriuscito dalla nave durante le manovre verrà recuperato da un’ampia rete dispiegata attorno al colosso del mare.