Plagio



7
febbraio

Ermal Meta e Fabrizio Moro: «Non siamo venuti al Festival a prendere in giro la gente. La nostra canzone è nuova»

Ermal Meta sanremo 2018

Ermal Meta

Dopo il caos che l’ha coinvolto, insieme a Fabrizio Moro, – che gli è costato la sospensione dalla garaErmal Meta sceglie di parlare e rispedisce al mittente ogni accusa di violazione del regolamento del Festival di Sanremo 2018. Il cantante affida a Facebook il suo sfogo.




7
febbraio

Sanremo 2018: il plagio c’è, ma è di Baglioni. Ecco la gag copiata sul palco dell’Ariston – Video confronto

Festival di Sanremo, gag con Michelle Hunziker

Inutile tenere il piede in due scarpe: stavolta il “plagio” è più che un’ipotesi. E’ un’evidenza. Nelle ore in cui tiene banco la polemica sulla canzone di Ermal Meta e Fabrizio Moro (in parte già edita), balza all’attenzione una lapalissiana scopiazzatura avvenuta ieri sera al Festival di Sanremo e riguardante una gag con Michelle Hunziker protagonista. 


7
febbraio

Sanremo 2018, Ermal Meta e Fabrizio Moro a rischio: la loro canzone è in parte già edita

Ermal Meta e Fabrizio Moro

La canzone sanremese di Ermal MetaFabrizio Moro non è del tutto inedita e potrebbe non rispettare il regolamento. La prima vera polemica del Festival di Sanremo 2018 scoppia a notte fonda, dopo la prima serata della kermesse. Non mi avete fatto niente, il brano dei due artisti in gara, presenta infatti punti di uguaglianza – stesse parole e stessa musica – con un altro pezzo musicale disponibile (fino a poche ore fa) sul sito Rai, intitolato Silenzio e già presentato a Sanremo Giovani nel 2016.





12
gennaio

IL GABIBBO NON E’ UN PLAGIO DI BIG RED. DOPO QUASI 15 ANNI DI CONTENZIOSI, LO STABILISCE CASSAZIONE

Big Red vs Gabibo

Dopo quasi tre lustri di contenzioso il Gabibbo può tornare a dormire sonni sereni. Il pupazzo animato da Gero Caldarelli con la voce di Lorenzo Beccati non è un plagio e può continuare ad esistere. Ci riferiamo alla causa che ha visto contrapposti Antonio Ricci e la Western Kentucky University sin dal 2003. Il motivo? La somiglianza tra il pupazzo di Striscia La Notizia e Big Red, la mascotte sportiva della squadra americana.


11
aprile

LE MANI DENTRO LA CITTA’: ANTICIPAZIONI ULTIMA PUNTATA – 18 APRILE 2014

Le Mani dentro la Città

Si sta per concludere su Canale5 la quinta e penultima puntata de Le mani dentro la città, ultima fatica in materia di fiction in casa Valsecchi. La serie, con protagonisti Simona Cavallari e Giuseppe Zeno, non si può certo considerare un successo. Lo scorso venerdì, pur vincendo la serata e il confronto con lo strampalato show La Pista condotto da Flavio Insinna, la fiction Taodue ha ottenuto una media di appena 3.602.000 spettatori e il 14,37% di share. Gli ascolti al lumicino non sono però l’unico problema della serie tv di Canale 5. Come riportato dal quotidiano La Stampa, la Pepito Produzioni di Agostino Saccà avrebbe, infatti, avviato un’azione legale presso la nona sezione del tribunale civile di Roma, contro Taodue e Rti.

Le Mani dentro la Città plagio di Denaro Rosso Sangue?

L’accusa che l’ex dirigente Rai muove nei confronti delle società riguarda un presunto plagio. A detta di Saccà, Le mani dentro la città somiglierebbe, infatti, a Denaro Rosso Sangue, una fiction che la sua casa di produzione aveva tempo fa proposto al gruppo Mediaset. Dopo svariate riunioni, incontri, e trattative con i dirigenti del Biscione, il progetto venne però temporaneamente messo da parte. Una sceneggiatura dunque finita nel cassetto, ma ben impressa nella mente di Alberto Taraglio, che per la Pepito aveva scritto la serie.

Taraglio, visti i primi due appuntamenti de Le Mani dentro la Città, avrebbe riscontrato diverse coincidenze, analogie, e somiglianze con Denaro Rosso Sangue. Da qui, la richiesta di sospendere la messa in onda della serie televisiva di Canale 5. La questione è ora finita nelle mani del Giudice, che nei prossimi giorni si esprimerà. Spetterà dunque al tribunale valutare se le analogie, elencate nell’esposto presentato dai legali di Saccà, sono frutto della casualità o celano un clamoroso plagio. Difficile pensare che la serie Mediaset, ormai giunta al suo epilogo, possa essere sospesa. In attesa del verdetto del giudice, ecco le anticipazioni dell’ultima puntata che, salvo sorprese, dovrebbe andare in onda venerdì 18 aprile alle 21,10 su Canale5.

Le Mani dentro la città – Anticipazioni ultima puntata





11
ottobre

DM LIVE24: 11 OTTOBRE 2012. CELENTANO ACCUSATO DI PLAGIO, TALENTS TODAY CON COSTANTINO

Costantino nudo in barca

Costantino nudo in barca

>>> Dal Diario di ieri…

  • Talents Today con Costantino

PierVivaCanale5 ha scritto alle 18:28

Costantino Vitagliano è il padrone di casa di Talents Today, un nuovo talent show rivolto a cantanti, attori, ballerini, modelle/i, musicisti, deejay, conduttori televisivi, band, orchestre, rapper che hanno voglia di intraprendere la scalata al successo senza alcun tipo di scorciatoia. In onda su un circuito di reti locali, il programma si suddivide in tre fasi ben distinte: provino, interviste personalizzate, registrazione dello show. La singola esibizione del candidato, che andrà in onda su oltre 20 canali digitali e su due reti satellitari SKY, sarà caricata anche su un canale YouTube dedicato e, quindi, visibile in qualsiasi momento su pc, tablet e smartphone (fonte Gossipblog)

  • Celentano accusato di plagio

tinina ha scritto alle 19:39

Per giorni è stato trasmesso dalle reti televisive per pubblicizzare lo spettacolo di Adriano Celentano all’Arena di Verona. Ora il promo di Rock Economy è al centro di un caso di presunto plagio. A rivelarlo sono stati alcuni blogger e fan di Yoann Lemoine, in arte Woodkid, l’artista francese autore del video che sarebbe stato copiato. (Fonte Il Messaggero.it)


25
settembre

ADRIANO CELENTANO VS LADY GAGA: QUANDO IL SOSPETTO PLAGIO E’ DIETRO L’ANGOLO

La Pantera, simbolo di Rock Economy

E’ una giornata come tante e Lady Gaga, dopo aver fatto visita al suo massaggiatore shiatsu per un leggerissima distorsione riportata durante l’avvincente sfida a freccette della sera prima contro il faccione di Madonna, incorre, inaspettatamente, nella prorompente “Prisencolinensinainciusol di Adriano Celentano. La Germanotta è intrigata dal ritmo incalzante del Molleggiato pronto a sfoderare alla sua classe “intramontabili” perle di saggezza pronunziate in un inglese gramelot e così, entusiasta ed eccitata, decide di incidere “Teeth”.

Sarebbe andata così per quanti sostengono una forte somiglianza del celebre pezzo di Celentano con una delle canzoni del primo album di Lady Gaga “The Fame Monster”. A scorgere per primo una vaga similitudine fra le due canzoni è lo scrittore Massimiliano Parente che a Dagospia esprime la propria perplessità riguardo l’arcana vicenda. Che Lady Gaga si sia realmente ispirata al rap improvvisato da Celentano negli anni ‘70?

Certo, è curioso che le star americane si ispirino agli artisti del Belpaese copiandone le basi per realizzare le hit più famose e ritmate al mondo. La domanda sorge spontanea: come ha fatto il grande Michael Jackson a scoprire l’esistenza de “I cigni di Balaka”, opera anonima di Albano Carrisi e a rivisitarne l’arrangiamento per la sua “Will you be there”? La vicenda fece scandalo e il re del pop dovette versare ben 4 milioni di dollari come indennizzo al cantante di Cellino San Marco, galvanizzato per il risultato ottenuto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


18
aprile

DM LIVE24: 18 APRILE 2012. FILM PORNO AL POSTO DEI CARTONI, PLAGIO A ITALIA’S GOT TALENT, RAI CORPORATION ALL’ASTA

Diario della Televisione Italiana del 18 aprile 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Porno al posto dei cartoni

Giuseppe ha scritto alle 11:20

Emittente francese manda in onda un film pornografico al posto dei cartoni animati. Domenica scorsa l’emittente a pagamento transalpina Canal+ ha trasmesso una pellicola VM18 alle 2 circa del pomeriggio. L’inconveniente è andato avanti per alcune ore sollevando le proteste degli abbonati. Non è la prima volta che una tv generalista rimane vittima di un simile errore. Poco tempo fa negli Stati Uniti il programma per bambini “A sesame street”, di cui sono protagonisti dei burattini, in onda su YouTube, è stato sostituito da un video porno. Ma in quel caso fu un hacker a causare la sostituzione delle immagini. (fonte Ozap.com – Giornalettismo)

  • Plagio a Italia’s Got Talent

Giuseppe ha scritto alle 11:32

Mediaset costretta a pagare i diritti Siae per una canzone-plagio a Italia’s Got Talent. L’azienda televisiva ha riconosciuto che la canzone intonata dall’artista siciliano Nunzio Quattrocchi nella puntata di sabato 7 gennaio era in realtà una riproposizione non autorizzata di un brano del 1995 del trio udinese Frizzi, Comini, Tonazzi. Dopo aver tentato, invano, di ottenere risposta da Mediaset in maniera privata, i tre musicistisi sono rivolti a un legale non per una questione economica ma per principio. Dalla Siae infatti, dopo il pagamento effettuato da Mediaset, arriverà una cifra piuttosto esigua, compresa tra i 100 e i 200 euro. (fonte Messaggero Veneto – Giornalettismo)

  • Rai Corporation all’asta

Giuseppe ha scritto alle 17:12