Pippo Baudo



25
novembre

BEPPE GRILLO CONTRO PIPPO BAUDO: IO FUI CACCIATO DALLA RAI, LUI SLINGUO’ CRAXI

Pippo Baudo, Beppe Grillo

Beppe Grillo? L’ha inventato lui. Trentasei anni fa lo scoprì in uno spettacolo di cabaret, poi lo lanciò in tv accanto a sé, regalandogli visibilità. E’ Pippo Baudo il padre mediatico del comico genovese, oggi diventato leader a cinque stelle. A distanza di tempo, il conduttore Rai è tornato a parlare dello showman e del politico Beppe, riservandogli critiche. “Sono andato via dalla Rai a causa di Grillo, per una sua battuta pepata che riguardava i socialisti al tempo di Craxi” ha accusato Baudo, riferendosi ad una freddura pronunciata a Fantastico 7, nel 1986.

Pippo Baudo su La7: critiche a Beppe Grillo

E sabato sera, ospite di Lilli Gruber su La7, Pippo ha rincarato la dose. Commentando quell’episodio, in cui Grillo definì i socialisti ladri, il conduttore ha ricordato:

Lì per lì non successe niente, ma al primo intervallo vidi i dirigenti Rai muoversi perché chiamati dalla direzione generale. L’indomani scoppiò lo scandalo. Allora c’era un Craxi potente, c’era Manca che comandava, socialista. La battuta era forte. Dopo questa battuta ebbi rapporti difficili con la Rai e alla fine di questo periodo difficile lasciai la Rai

Beppe Grillo contro Pippo Baudo: la pippite è una malattia dell’animo

La replica di Grillo non si è fatta attendere. Dalle pagine del suo blog, il leader del Movimento Cinque Stelle ha ribattuto: “il cacciato fui io e lui slinguò Bottino Craxi“, bastonando il suo ‘padrino televisivo’. Questa la replica del comico, seguita alla puntata di Otto e mezzo con Baudo ospite:

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




13
novembre

DMLIVE24: 13 NOVEMBRE 2013. GIUSY FERRERI A SANREMO? – BOLDI VS CHIARA GALIAZZO – BAUDO A MISS ITALIA 2014?

Massimo Boldi imita Anna Oxa a Ballando

Massimo Boldi imita Anna Oxa a Ballando

Il DM Live 24 è un post pubblicato ogni giorno (a mezzanotte circa) nel quale, tramite i commenti, vengono raccolte in tempo reale le segnalazioni degli utenti su qualunque programma in onda e, più in generale, in relazione a qualsivoglia notizia televisivamente rilevante. I più interessanti verranno pubblicati nel DM Live 24 del giorno successivo.

Principessa_Vespa ha scritto alle 18:41

Giusy Ferreri a Sanremo 2014?

Che fine ha fatto la prima vera rivelazione di X Factor Giusy Ferreri? L’ex cassiera del supermercato cantante del tormentone “Non ti scordar mai di me” sarà tra i volti del prossimo Festival di Sanremo targato Fabio Fazio. (fonte: CHI)

Boldi VS Chiara Galiazzo

Massimo Boldi non ha resistito e dinanzi alla pubblicità di una nota azienda telefonica con protagonista Chiara Galiazzo, vincitrice dell’ultima edizione di X Factor, ha sbottato: «Ma perché Chiara fa quelle faccine?». Immediata la replica della cantante, che ha chiesto a Boldi di poter dirigere le sue critiche in privato, senza esternarle in pubblico sul suo social. (fonte: CHI)

Pippo Baudo a Miss Italia 2014


6
novembre

PIPPO BAUDO: TRATTATIVE IN ATTO PER IL RITORNO IN TV ALL’INIZIO DEL 2014

Pippo Baudo

L’esperienza con Il Viaggio, interessante dal punto di vista dei contenuti ma forse non all’altezza delle aspettative auditel della Rai, non ha scoraggiato Pippo Baudo. Il conduttore è, infatti, soddisfatto e non esclude di riproporla affermando che “il programma è andato bene e continuiamo a ricevere inviti da parte delle regioni. I problemi sono legati ai costi. Speriamo di superarli e tornare presto a bordo del camper in tour per l’Italia“.

Pippo Baudo: contatti con Rai 1 e Rai 3, per prime e seconde serate

Ma non è questa la notizia più sorprendente emersa dal suo intervento in occasione della mostra romana dedicata a Lelio Luttazzi. Lo storico conduttore televisivo sarebbe in contatto con i vertici dell’azienda pubblica per un ritorno in grande stile con programmi nuovi, in orari e reti ancora da definire.

“Proprio in questi giorni ho una serie di incontri con i direttori di Rai1 e di Rai3, per dei nuovi programmi, sia di prime che di seconde serate. Sono progetti a breve, per l’inizio del 2014. Spero entro 20 giorni di esser “cotto e mangiato””

Fatta eccezione per Il Viaggio, l’ultima fatica televisiva di Baudo è stata Centocinquanta insieme a Bruno Vespa, un’esperienza nata dalle costole del suo fortunato Novecento che però di quel programma non ebbe la stessa fortuna, visto che fu chiuso per ascolti insufficienti dopo quattro puntate di messa in onda. E prima ancora, risale al 2010 la sua ultima Domenica in… Sette giorni mentre per il suo figlio prediletto, il Festival di Sanremo, bisogna tornare indietro fino al 2008. Ma nel contesto della tv di oggi, e visto il proliferare di nuove trasmissioni, con cosa potrebbe tornare in video Baudo agli inizi del nuovo anno?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





2
agosto

SCOTTI COME BAUDO, SOTTILE COME LA VENTURA

Gerry Scotti

SCOTTI STA AL PRESERALE COME BAUDO STA A SANREMO – Eh si, pensando alle fatiche di Gerry nel preserale viene in mente il Pippo Nazionale sul palco dell’Ariston. Il motivo? Semplicemente, entrambi non hanno più nulla da dire laddove tutto, probabilmente, hanno dato. Al punto che il telespettatore, nei rispettivi contesti, si è ormai abituato a ricordarli, piuttosto che a rimpiangerli. Baudo al Festival di Sanremo sembra quasi l’immagine di una tv che non c’è più, nonostante lui non si arrenda all’idea di condurre di nuovo la kermesse; Scotti dalle 18.50 su Canale 5, invece, è l’immagine di una tv che non funziona più (neppure in replica, dove è da poco stato chiuso The Money Drop). Dunque, Avanti un Altro… pure Cattelan con Il Settimo Elemento. Svolta!


11
luglio

IL VIAGGIO: E’ POLEMICA TRA PIPPO BAUDO E L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D’ITALIA

Il Viaggio

Doveva terminare, Il Viaggio (qui la nostra recensione), per far parlare di sé e riempire le pagine dei quotidiani. Lunedì 8 luglio 2013 è andata in onda su Rai 3 l’ultima delle quattro puntate di quest’anno, la seconda dedicata alla città di Roma, e uno dei servizi trasmessi ha scatenato un putiferio coinvolgendo Pippo Baudo in un affaire politico. A scagliarsi contro il conduttore l’Anpi, Associazione nazionale partigiani d’Italia, che non ha gradito l’intervista al maggiore Francesco Sardone, direttore del Mausoleo delle Fosse Ardeatine.

Durante l’intervista, e ripercorrendo una delle pagine più drammatiche della storia italiana qual è stata appunto il massacro delle Fosse Ardeatine, si è parlato dell’attentato di via Rasella, compiuto il 23 marzo 1944 da un gruppo di partigiani ai danni di 34 soldati tedeschi che persero la vita. Secondo la ricostruzione sentita in trasmissione, il fatto che nessuno abbia reclamato la paternità dell’attentato entro le 48 ore previste dall’allora legge di guerra, portò all’applicazione di un’altra, e terribile, legge: l’assassinio di dieci italiani per ogni tedesco morto. Da qui la strage.

L’Anpi adesso, insorge contro le domande di Baudo che “sembrano legittimare le presunte leggi di guerra” e, come leggiamo su Libero, racconta un’altra verità ricordando che l’eccidio delle Fosse avvenne dopo 21 ore dall’attentato ai danni dei tedeschi, quindi prima che il termine fosse scaduto.

Ancora una volta, parlando di via Rasella, si sono rappresentati i fatti come se si fosse trattato di un attentato terroristico e non di una “legittima azione di guerra partigiana”, come è stato riconosciuto più volte dalla Corte di Cassazione italiana e da numerosi tribunali.





4
luglio

FESTIVAL DI SANREMO – PIPPO BAUDO: ‘SONO DISPONIBILE PER IL 2015′

Pippo Baudo

Gli anni passano, sia per la televisione che per i suoi protagonisti, ma l’accoppiata Festival di Sanremo e Pippo Baudo resterà per sempre nella storia di chi, sul palco dell’Ariston, ha fatto grande il piccolo schermo. Per anni, infatti, Sanremo è stato sinonimo di Baudo, almeno fino alla “disgraziata” edizione del 2008, la meno seguita di sempre.

Oggi la kermesse è tornata a splendere nella corsa all’auditel e, forte del successo riscosso quest’anno, in casa Rai non hanno esitato a riconsegnare il “carrozzone” nelle mani di Fabio Fazio, che anche nel 2014 sarà conduttore e direttore artistico. Per il Pippo Nazionale, però, la migliore è stata l’illustre spalla comica del conduttore:

“Per quanto riguarda la conduzione di Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, l’ultimo Festival è andato bene – dichiara in un’intervista al Settimanale Nuovo – La Littizzetto è stata bravissima, forse più di Fazio. E io ho ottenuto un’ovazione quando sono arrivato come ospite. Però il problema è sempre lo stesso: se a Sanremo non c’è la materia prima, cioè le canzoni, non c’è conduzione che tenga…”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


1
luglio

IL VIAGGIO, UN NONLUOGO FUORI DAL MONDO RACCONTATO DA PIPPO BAUDO

Il Viaggio - Rai 3

Il Viaggio - Rai 3

Difficilmente si troverà qualcuno a cui Pippo Baudo sia indifferente. E se lo trovassimo, sarà qualcuno che non conosce o non guarda la tv. Perché quelli che la seguono si dividono grossomodo in due categorie: quelli che lo amano perché rappresenta il passato, perché ricorda i bei tempi, e quelli che non lo amano affatto, in quanto fautori di una modernità da cui Baudo sembra lontano anni luce.

Ed in effetti, nella tv moderna, alla affannosa ricerca del cambiamento, il conduttore siciliano ci sta come i cavoli a merenda. Il nuovo programma di Baudo, Il Viaggio, in un contesto del genere conserva uno spazio in cui questa ricerca del nuovo si fa da parte, permettendo al telespettatore di respirare con più calma, donandogli rassicurazione. La trasmissione di Rai 3 (stasera la terza puntata della seconda serie) porta sulla testa quasi una spada di Damocle: il suo futuro (nonché il compenso del conduttore) dipendono dallo share, che per ora ruota attorno al 6%.

Un lungo giro a bordo di un camper, un nonluogo quasi fuori dal mondo che però porta il pubblico a visitare scorci d’Italia che si danno per scontati da sempre e di cui a volte si ignora la storia. Tappe importanti come Milano e Roma, immagini di repertorio e molti racconti, aneddoti di cui Pippo si sforza di rendere partecipe il pubblico continuando a diffondere quel sapore nazionalpopolare di cui è stato protagonista per oltre cinquant’anni, entrando in punta di piedoni nelle case dei telespettatori che in lui quasi vedono una sorta di memoria storica della cultura nostrana.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


17
giugno

IL VIAGGIO: PIPPO BAUDO TORNA A GIRARE L’ITALIA SU RAI3. SI PARTE DA MILANO

Pippo Baudo, Il Viaggio

Pronto, via. Pippo Baudo riaccende i motori (e la macchina da presa): questa sera, il popolare conduttore tornerà in prime time su Rai3 con la seconda edizione de “Il Viaggio“, un itinerario televisivo alla scoperta dell’Italia odierna, Paese in continuo cambiamento. Dopo aver percorso le strade della Toscana, della Romagna e della Puglia, il Pippo nazionale salirà di nuovo a bordo del suo camper alla volta delle due maggiori città italiane, Roma e Milano, e alla scoperta delle Marche, terra di cultura e di antichi mestieri.

Per quattro settimane, Baudo porterà il pubblico lungo un itinerario ricco di racconti, di arte, di attualità, di tradizioni, ma anche di incontri e personaggi che parleranno della loro terra. Così, su Rai3 si intrecceranno l’Italia di oggi e di ieri, in un continuo raffronto che si fonderà nel presente e che avrà come voce narrante quella di un conduttore d’eccezione. Nella prima puntata, in onda stasera, Pippo inaugurerà Il Viaggio partendo da Milano ed in particolare da Piazza Duomo, simbolo per eccellenza della città meneghina. Il conduttore visiterà anche il Teatro alla Scala, per poi spostarsi nella sede Rai di Corso Sempione, da dove partirono le prime immagini della televisione di Stato nel gennaio del 1954.

Il tour proseguirà in altri luoghi storici, e accanto a Baudo si alterneranno alcune personalità legate in modo particolare a Milano: il direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli, i cantautori Ornella Vanoni, Biagio Antonacci e Memo Remigi, il “ghisa” Antonio Barbato, direttore della Scuola di Formazione della Polizia Locale. Quale sarà il riscontro del pubblico, dopo una prima stagione non proprio soddisfacente sul piano degli ascolti?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,