Nicole Grimaudo



28
aprile

LA TEMPESTA: NICOLE GRIMAUDO E NINO FRASSICA CHIUDONO IL CICLO DI RAI 1 PURCHE’ FINISCA BENE

La Tempesta

Ultimo appuntamento questa sera – lunedì 28 aprile 2014 – con Purché finisca bene, il ciclo di film tv “leggeri” di Rai 1 iniziato cinque settimane fa. Dopo il successo di Una Villa per due, che ha designato Giampaolo Morelli e Neri Marcorè campioni della nuova commedia all’italiana di Rai1, tocca adesso a La Tempesta, film tv diretto come quasi tutti gli altri da Fabrizio Costa (solo Un Marito di troppo non porta la sua firma, ma quella di Luca Ribuoli).

La Tempesta: Nicole Grimaudo, Giovanni Scifoni e Nino Frassica questa sera su Rai 1

Anche stavolta il cast è ricco di nomi noti agli appassionati di fiction. La protagonista femminile è Nicole Grimaudo, che è stata la protagonista tra le altre fiction di Ris – Delitti Imperfetti e Medicina generale, mentre il “lui” della situazione ha il volto di Giovanni Scifoni, protagonista di Io e Mio figlio e presente anche in Un Medico in famiglia 7. Accanto a loro due “mostri sacri” della serialità televisiva: Nino Frassica, che ha appena smesso i panni del maresciallo Cecchini di Don Matteo 9, e Ennio Fantastichini, comparso l’ultima volta in video ne Gli anni spezzati – Il Giudice.

La Tempesta: trama

Aldo Del Serio è sparito. Era in vacanza ai tropici con la moglie e c’è stato uno tsunami. Nessuno riesce a mettersi in contatto con lui, e la situazione è grave: la sua azienda di ceramiche di eccellenza è rimasta senza guida e ha un bambino bielorusso appena adottato – Natoli (Leonardo della Bianca) – da accogliere all’aeroporto. Bisogna trovare qualcuno che lo sostituisca, e si pensa subito ad uno di famiglia. Ma c’è solo il fratello Paolo (Giovanni Scifoni), uno sfaccendato bambinone che si spaccia per fotografo per rimorchiare le modelle. Bisogna trasformarlo in un padre/manager prima che il bambino, i servizi sociali e il mercato della ceramica si accorgano che non lo è…




18
luglio

FICTION NEWS: LUCA CAPUANO IN CHE DIO CI AIUTI 2, PER NICOLE GRIMAUDO E’ IN ARRIVO LA TEMPESTA, MENTRE MARIANGELA D’ABBRACCIO TROVA UN POSTO AL SOLE

Mariangela D'Abbraccio

Amata o odiata, applaudita o criticata, la fiction italiana rappresenta da anni uno dei punti di forza della programmazione Rai e Mediaset. Anche nella prossima stagione decine di produzioni terranno compagnia al pubblico con storie vecchie e nuove, ma soprattutto con volti ormai più che familiari ai telespettatori. Del resto, la presenza nel cast di un attore conosciuto e apprezzato dal pubblico può fare la differenza e garantire in più di un’occasione il successo di una nuova fiction.

E’ il caso ad esempio della coppia composta da Lorenzo Flaherty e Anna Valle, che dopo il successo ottenuto lo scorso autunno con Un Amore e una Vendetta, potrebbe tornare a recitare insieme in una miniserie dal taglio biografico dedicata a Giovanni Borghi ovvero Mister Ignis. Il film per la tv, prodotto per la Rai da Renzo Martinelli, sarà incentrato sulle vicende della famiglia fondatrice della nota casa di elettrodomestici. Le riprese partiranno a fine estate nel Centro Operativo Europeo Whirlpool di Comerio, nella fabbrica di Cassinetta e in alcune località dell’area di Varese.

Nuovo set anche per Luca Capuano, il vendicativo Edoardo Monforte de Le tre rose di Eva, impegnato in queste settimane in Che Dio ci aiuti 2. L’attore interpreterà il ruolo di Francesco Lambiati, andando ad arricchire con la sua presenza il cast della serie, rimasta orfana di Serena Rossi, passata a Ris Roma 3 e Rossella 2, e di Massimo Poggio, presto in tv con K2 – La montagna Italiana e Casa & Bottega. Confermata la presenza della protagonista Suor Angela, interpretata da Elena Sofia Ricci, che in autunno ritroveremo anche su Canale5 ne I Cesaroni 5.


8
settembre

DOV’E’ MIA FIGLIA?: UN BUON CAST E UN AMENDOLA INEDITO PER LA NUOVA FICTION DI CANALE5. SARA’ UN SUCCESSO?

Dov'è mia figlia - Claudio Amendola e Nicole Grimaudo

Dimentichiamo il pacioso Giulio Cesaroni della Garbatella o il protagonista degli spot Mediaset Premium disposto a offrire soli dieci euro per assicurarsi le prestazioni di Seedorf e Pazzini. Non sarà facile per Claudio Amendola togliersi di dosso le stimmate del “commediante alla vaccinara” e cimentarsi – a distanza di cinque anni dal flop di 48 ore (chi se la ricorda?) – nuovamente in un ruolo più serioso, quasi drammatico, in Dov’è Mia Figlia?.

Il marito di Francesca Neri ha l’occasione di mostrare al suo pubblico di essere un attore a tutto tondo nella seconda (in ordine cronologico) fiction dell’autunno di Canale5. Dov’è mia figlia ? - versione italiana di Donde esta’ Elisa? (per maggiori info clicca qui) - può contare su un cast di buon livello, una sceneggiatura che – oltre a garantire adrenalina, suspance e tensione nel corso delle quattro puntate previste – strizza l’occhio agli inquietanti fatti di cronaca degli ultimi mesi e sulla regia di Monica Vullo in cerca di riscatto dopo il non esaltante riscontro de Le due facce dell’amore.

Il dramma della sparizione della sedicenne Chiara, figlia di Amendola, incombe già dai primissimi minuti della prima puntata: le raccomandazioni del padre “non bere troppo, metti la cintura di sicurezza, non ti fare accompagnare a casa da quello con la birra in mano (peraltro puntualmente disattese dalla ragazza che si accinge a festeggiare il compleanno) non lasciano troppo spazio all’immaginazione. Se a questo aggiungiamo che, nell’inquadratura successiva, la telecamera indugia non poco su una macchina parcheggiata nella quale non vediamo il conducente, possiamo immaginare che la sventura non tarderà a palesarsi.





28
agosto

DOV’E’ MIA FIGLIA? MISTERO E SUSPANCE PER LA NUOVA MINISERIE CON CLAUDIO AMENDOLA E NICOLE GRIMAUDO

Dov'è Mia Figlia, il cast

Dimenticate momentaneamente il clima festoso e goliardico de I Cesaroni, dal prossimo 11 settembre Claudio Amendola sarà infatti il protagonista di una fiction dalle atmosfere ben diverse. In Dov’è mia figlia?, la nuova miniserie in 4 puntate in onda in prima serata su Canale 5, l’attore reciterà in un ruolo drammatico, quello di un padre disperato, pronto a fare di tutto per riabbracciare la propria figlia, rapita in circostanze misteriose.

Amendola vestirà i panni (omonimi) di Claudio, un ingegnere affermato, con una bella famiglia, che vive e lavora a Roma. Dopo l’entusiasmo per aver vinto un importante appalto, una tragedia colpisce la sua società: l’amico Francesco viene trovato morto. A questo dramma, ne segue un altro: la notte del suo sedicesimo compleanno la figlia Chiara, dopo essere stata in un locale a festeggiare con gli amici, non torna a casa.

Claudio, inizia una corsa disperata per cercare indizi e prove che possano portarlo alla figlia. E si mette quindi a scavare a ritroso nel passato della ragazza per trovare qualche traccia che possa portarlo a risolvere il caso. Dopo alcune ricerche, viene ritrovato in una baraccopoli il cellulare della ragazza. Purtroppo il nomade che è stato trovato in possesso del telefonino, non sa nulla di Chiara ma decide di portare la polizia nel luogo in cui ha trovato il cellulare. Il posto del ritrovamento sconvolge Claudio. È lì, infatti, che lui e la sua amante s’incontravano di nascosto. Cosa c’entra tutto questo con Chiara?


1
dicembre

MEDICINA GENERALE 2: IL MARTEDI’ DI RAIUNO RIMANE “IN CORSIA”, ANCHE SE…

medicina generale 2

Ritorna da martedì 1 dicembre in prima serata su Raiuno Medicina Generale 2. La seconda serie della fiction medica di maggiore successo della televisione italiana“: recita così il claim di presentazione del telefilm di Raiuno sul suo sito internet. In realtà, escludendo l’ipotesi per cui soffriamo di vuoti di memoria tali da aver rimosso gli strepitosi successi della prima serie, è più probabile che la presentazione di cui sopra sia solo una trovata dell’ufficio marketing della Rai per innestare sul prodotto quell’appeal che di fatto non ha mai avuto.

Si, perchè in verità la prima serie di “Medicina Generale” fu vittima di molti spostamenti di palinsesto ed il fatto che molte delle tredici serate (26 episodi in tutto) andranno in onda (da stasera, il martedì e il mercoledì) fuori dal periodo di garanzia, la dice lunga sull’affidamento che Mauro Mazza e company fanno su questo prodotto. Un pò E.R., un pò Grey’s anatomy, la serie medica basata sulla storia di Anna Morelli, infermiera caposala (Nicole Grimaudo) e del dottor Giacomo Pogliani (Andrea Di Stefano), non brilla per originalità nonostante un buon cast che vede, tra gli altri, Francesca Reggiani e Antonello Fassari.

Se aggiungiamo al “confino” della fiction con la Grimaudo a dicembre, la stagione tiepida del “Dr House” e l’iniziale interruzione della nuova serie di Grey’s, si potrebbe dire che il genere medical non stia in realtà vivendo un grande momento. La fine di un genere? Non esageriamo. Il tema ospedaliero rimane pur sempre un evergreen della produzione seriale (straniera e nostrana); è pur vero però che il genere sta subendo un’evidente flessione di gradimento, a causa di storie oramai trite e ritrite, e di un minore appeal sul pubblico degli aspetti più “pulp” e “diagnostici” delle trame.