Lucio Presta



15
luglio

LA RISCOSSA DI LUCIO PRESTA: CLERICI E MORANDI AL FESTIVAL? MA VERRO NON DISSE CHE ERA PRESTA AD AVERE BISOGNO DELLA RAI E NON VICEVERSA?

Antonella Clerici e Gianni Morandi al Festival di Sanremo

“Sono gli agenti, come Lucio Presta, ad aver bisogno della Rai e non viceversa”. Così parlo il consigliere Verro subito dopo l’ultimo Festival della Canzone Italiana. E meno male, verrebbe da dire: sembrava che la prossima stagione dovesse essere ‘presta-less‘ con l’epurazione di alcuni tra gli artisti più in vista della scuderia, tra cui la compagna dell’agente, Paola Perego. Ed invece si susseguono senza sosta da alcuni giorni dei rumors che hanno dell’incredibile e che testimonierebbero un dietrofront del Direttore Generale della Rai nei confronti di Presta.

Un dietrofront che radicherebbe ancor più la società di Via Timavo in Viale Mazzini. A lanciare la prima bomba è stata Gabriella Sassone su Eva 3000: la Perego sarebbe in pole position per la conduzione dell’Isola dei Famosi e l’altra ‘disoccupata eccellente’ di Arcobaleno Tre, Caterina Balivo, potrebbe prendere il posto di Veronica Maya che, causa maternità, abbandonerebbe prima della fine della stagione il suo Verdetto Finale (a proposito, all’interno del cast tecnico del programma sarebbero state introdotte singolari novità).

La vera bomba, però, la lancia alle 20.50 di questa sera l’informatissimo Dagospia che – in barba al povero Conti e alle iniziali previsioni – parla di un duetto d’eccezione per il prossimo Festival di Sanremo: Antonella Clerici e Gianni Morandi, artefici di due edizioni da record della kermesse, sarebbero stati individuati dalla tv di Stato come i candidati ideali per la conduzione dell’evento televisivo principe dell’italico tubo catodico.




12
luglio

LUCIO PRESTA: PER PUNIRE ME, HANNO PUNITO LA DONNA CHE AMO. ECCO COSA NON MI E’ STATO PERDONATO…

Lucio Presta

[Dal settimanale A in edicola domani, via Dagospia]. «Vorrei che Lucio Presta venisse raccontato con un aggettivo: leale. E che mi venisse riconosciuta buona fede e voglia di fare bene. Magari sono un inguaribile idealista, ma per me conta questo: la passione che uno mette nel lavoro, l’impegno, il risultato… Ma, ahimè, troppo spesso in Rai sono altre logiche a guidare le scelte». Nel tono di questo manager che da anni crea miti, determina palinsesti, organizza la vita di Benigni, Belén, Bonolis, si colgono rabbia e amarezza. «Ho pagato i miei no nel modo peggiore. Per punire me, hanno deciso di punire la donna che amo e che voglio sposare… Ma fatemelo dire, un atto così si può bollare con una sola parola: meschino». Per capire bisogna partire dall’ultimo Sanremo. Qualcuno voleva altre conduzioni e conduttrici (confermate poi da alcune intercettazioni pubblicate) sul palco dell’Ariston nelle edizioni curate da lui. Presta disse no e, ora, quel qualcuno presenta il conto e decide di far uscire Paola Perego dai palinsesti.

Chi è quel qualcuno?

«Chiedetelo al vicedirettore Antonio Marano: sarebbe bello se lo dicesse, come l’ha detto a me. Con la stessa chiarezza e con le stesse parole».

Ha fatto nomi e cognomi?

«Assolutamente sì. Ma non avevo bisogno di spiegazioni, mi bastavano poche conferme».

Se tornasse indietro…

«Farei esattamente la stessa cosa: se tentano di impormi una scelta professionale che artisticamente non sta in piedi, io dico di no e vado fino in fondo».

Tutto perché quel qualcuno voleva Manuela Arcuri?

«Noi avevamo un progetto e su quel progetto abbiamo puntato le nostre fiches. Poi i risultati ci hanno dato ragione».

Perché pensava che Paola Perego sarebbe stata confermata?

«Il rinnovo era stato chiesto dal direttore di RaiUno Mauro Mazza, messo nero su bianco, in una lettera. Be’, quella lettera non è nemmeno stata presa in considerazione da chi sarebbe diventato direttore generale e che allora era la persona che si occupava dei contratti. Inoltre sono vent’anni che lavoro in modo assai professionale e con ottimi risultati».

Pensa alla vendetta?


5
luglio

VERONICA MAYA TORNA IN TV COL PANCIONE (?). E LA PEREGO STRIZZA L’OCCHIO A MEDIASET…

Veronica Maya

Sfuriate e colpi di scena, alleanze e dualismi, proposte e controproposte. Altro che su un’isola deserta o in una casa in (Cine)città, il vero reality show si è consumato nel mese scorso ai piani alti di Viale Mazzini, dove la dirigenza Rai era impegnata a preparare i nuovi palinsesti per la prossima stagione autunnale. Vi risparmiamo i nomi dei concorrenti e la loro storia (passaggi, questi, da sempre noiosi nei reality), ma andiamo subito al punto, anzi alla clamorosa rivoluzione: via Paola Perego dal primo pomeriggio Rai e dentro Veronica Maya.

La conduttrice del primo pomeriggio di Rai 1 si è ritrovata la sua “casa” praticamente chiusa, senza possibilità di rientro. Qualcuno le ha tolto le chiavi per affidarle ad un’altra padrona? Non esattamente: Se… a casa di Paola è stato cancellato dal nuovo daytime di Rai 1, dopo appena nove mesi di vita. E pensare che la conduttrice si è congedata dal suo pubblico quasi con un arrivederci, fissando indirettamente un appuntamento per settembre, forte della riconferma già prospettata dal Direttore di Rai1. Le sue due ore verranno coperte da Verdetto Finale e da La Vita in Diretta che allunga di un’ora la sua durata, anticipando la partenza alle 15.15.

E proprio Veronica Maya, traslocata in pianta stabile dalla mattina al primo pomeriggio, avrà non poche fatiche da superare. Altro che Centovetrine o Uomini e Donne, la conduttrice si appresta a tornare in tv col pancione: come rivela Di Più Tv, infatti, la compagna del noto chirurgo plastico Marco Moraci, è al terzo mese di gravidanza. Ciò vuol dire che quando la stagione sul piccolo schermo riaprirà ufficialmente i battenti, lei sarà abbondantemente oltre la “metà dell’opera”, fiera di continuare a lavorare fino a quando la nuova vita non la reclamerà al doppio mestiere di conduttrice e mamma.





13
giugno

BOOM! BELEN RODRIGUEZ A COLORADO

Belen Rodriguez

Chi conosce l’agente più potente del Belpaese sa bene che lo sgarbo di Lorenza Lei non passerà inosservato, soprattutto se quest’ultimo ha ad oggetto la mancata riconferma nei palinsesti Rai della sua compagna Paola Perego (oltre a Caterina Balivo che non sarà più al timone di Pomeriggio sul 2).

Lucio Presta avrebbe già inziato a fare le proprie contro-mosse muovendo le pedine della scuderia di via Timavo per preservare i suoi artisti dai ‘venti contrari’ di Viale Mazzini. Volete sapere la prima? Ve la svela DM in anteprima: questa mattina il manager di Arcobaleno Tre avrebbe rinunciato, per conto della propria assistita Belen Rodriguez, alla fiction Rai Sposami per portarla dall’altra parte della barricata. Indovinate dove?

A Colorado. Ebbene si, la procace argentina prenderà con ogni probabilità il posto di Rossella Brescia al timone della prossima edizione dello show comico di Italia1, in onda a settembre sulla rete giovane del Biscione.


6
giugno

VENDICHE…RAI: LUI (PRESTA), LEI (LORENZA), L’ALTRO (SILVIO)

Lucio Presta

[Susan Ferraro per Oggi.it] Lucio Presta e la Rai sono ai ferri corti? Questi sono i rumors che scuotono i corridoi dei piani alti di viale Mazzini, in attesa del delicato consiglio di amministrazione in cui dovranno essere prese importanti decisioni. E il direttore generale Lorenza Lei non sembra intenzionata a fare marcia indietro…

LORENZA NON VUOLE CEDERE – La vendetta è da sempre un piatto che deve essere servito freddo. Pare che questo concetto non sfugga ai piani alti di viale Mazzini. Fra poco inizia il consiglio di amministrazione e Lorenza Lei ha in mente cambiamenti che faranno discutere. Il nuovo direttore generale Rai sembra infatti determinato nell’affondare (o ridimensionare) il team di artisti rappresentati da Lucio Presta. Lorenza ama il low profile, le buone maniere, e detesta i tipi come Presta, che tendono a essere per lei tipi troppo sicuri di se stessi. Ricorda molto bene, Lorenza, anche l’arrabbiatura di Silvio Berlusconi di fronte al rifiuto del manager, in tempi sanremesi, di far salire sul palco dell’Ariston una fanciulla molto cara al presidente. Presta preferì Belén, si rivelò un successo ma questo non bastò per spegnere il dissapore. Non è solo vulgata infatti che il premier avesse perso le staffe confidando ai suoi fedeli collaboratori «che non l’avrebbe dimenticato» e che sapeva bene che «l’anello debole per Presta si chiama Perego». Insomma, un discorso fra galantuomini che nel Cda è chiaro a tutti. E che, se discusso oggi, verrà comunque approvato solo mercoledì.

IN NOME DELL’OTTIMIZZAZIONE – In particolare è chiaro ad Antonio Verro, che però giura che l’ipotesi di epurazione delle artiste di Presta «è solo una coincidenza: le perplessità della Rai sono motivate dalla volontà di approvare un palinsesto che ottimizzi le risorse e la logistica, valutando le sovrapposizioni di fasce orarie tra le reti, razionalizzando anche l’uso degli studi».





30
maggio

DM LIVE24: 30 MAGGIO 2011. LA INCONTRADA SLOGATA, LIOFREDI BELLO GIUSTO FORTE E BRAVO, LA PANICUCCI CONFERMATA

Diario della Televisione Italiana del 30 Maggio 2011

>>> Dal Diario di ieri…

  • Saluti finali

lauretta ha scritto alle 12:54

A Mezzogiorno in Famiglia, Amadeus, durante i saluti finali: “Volevo ringraziare in modo particolare quel gran bell’uomo di Massimo Liofredi” e aggiunge Guardì: “un uomo giusto, forte, bravo”.

  • La Incontrada slogata

Domy-paolaperego ha scritto alle 13:37

La Incontrada durante la registrazione dei WMA è scivolata e si è slogata una caviglia…infatti ha condotto gran parte della serata seduta su uno sgabello.

  • Teneramente Licia

Markos ha scritto alle 14:15

Da Domenica 5 Giugno 2011 nuovo access prime-time per La5. Alle 20:00 si parte con il primissimo episodio di “Teneramente Licia” e alle 20:30 si continua con le repliche di “Tempesta d’Amore”.

  • Sviolinata

mats ha scritto alle 16:37

Ennesima sviolinata a Domenica 5 per Lucio Presta con Bettarini che dice sostanzialmente alla Panicucci che dopo il calcio gli si è aperta la strada della televisione ‘grazie al nostro agente Lucio’. Ma a noi, di quanto questi signori adorino il loro agente, quanto realmente interessa?

  • Domenica Cinque al completo

lauretta ha scritto alle 18:47


22
aprile

BOOM! PAOLO BONOLIS AL PRESERALE DI CANALE 5 CON UN GAME IN STILE TIRA E MOLLA.

Paolo Bonolis con Piersilvio Berlusconi

Cosa ci facevano la scorsa settimana tutti insieme appassionatamente in via Timavo a Roma Alessandro Salem, Massimo Donelli, Massimo Porta, Paolo Bassetti, Stefano Santucci e Paolo Bonolis? Non ditelo a Gerry Scotti, ma erano nel quartier generale di Arcobaleno Tre per una riunione operativa del nuovo preserale di Canale 5.

Eh già! Come DM vi ha annunciato in anteprima oltre un mese fa (info qui), Paolo Bonolis, a partire da settembre, tornerà a prendere in mano le redini del preserale di Canale 5 con un game ideato dal fido autore Santucci. E potevamo secondo voi non indagare su questo nuovo gioco che prenderà il posto di Chi Vuol Essere Milionario?

Bene! Prendete carta e penna perchè – forse – la notizia potrà fare contento più di qualcuno. Il game ideato, infatti, pur essendo nuovo e creato appositamente per l’occasione, si ispira nella struttura al più volte ‘reclamato’ Tira e Molla. Un game, dunque, più che un quiz, per la felicità di coloro i quali non hanno voglia di spremere troppo le meningi all’ora di cena ma preferiscono farsi due risate.


20
aprile

SCAZZO FURIBONDO TRA LUCIO PRESTA E MAURO CRIPPA PER I PROGRAMMI VIDEONEWS DEL VENERDI SANTO.

Lucio Presta - Mauro Crippa

Un venerdì di passione. E che passione. Proprio così, in quel Cologno a creare malumori ci sono i programmi Videonews da trasmettere nel corso delle festività Pasquali. Se per Domenica Cinque la questione è risolta ex abrupto (il programma non andrà in onda e salterà una puntata), ad accendere gli animi sono stati Mattino e Pomeriggio Cinque.

Il motivo? Semplice, e ve lo svela DM! Se Barbara D’Urso è riuscita ad evitare la diretta (la puntata di venerdi sarà registrata), a Federica Panicucci non è stato concesso il medesimo trattamento. Ma c’è di più: la puntata di venerdi di Mattino Cinque è già parzialmente registrata e quindi è richiesta la presenza della Panicucci solo per la prima parte del programma nella quale a tener banco è principalmente Paolo Del Debbio con la sua attualità politica. Non solo. Vista la registrazione di Pomeriggio Cinque, Mediaset dovrà comunque mandare al controllo i tecnici per l’inserimento della luminosa e dell’orologio, onde evitare che il programma possa sembrare registrato.

E secondo voi Lucio Presta poteva passarci su? Ceeeeerto che no. E allora ecco che ieri si è scatenato un furibondo scambio di ‘dolcezze telefoniche’ tra il manager della Panicucci e il Direttore Generale dell’Informazione Mediaset Mauro Crippa. In realtà, i malumori risalgono a qualche settimana fa quando su Panorama il potente manager si è ritrovato a leggere un articolo nel quale c’era una non propriamente benevola valutazione delle prestazioni di alcuni artisti del ‘clan’ di Via Timavo, con relativi cachet forniti in pasto ai lettori. Cosa che pare non sia stata per niente gradita.