I Soliti Ignoti



15
settembre

PRESERALE, TG E ACCESS: RAI 1 E CANALE 5 IN EQUILIBRIO SU TRE FRONTI. QUANTO DURERA’?

Avanti un altro - Paolo Bonolis

Se è vero che la nuova stagione tv non è ancora entrata completamente nel vivo, da lunedì 5 settembre ha preso il via una delle rivalità più attese dell’anno: L’Eredità vs Avanti un altro. Una sfida, questa, che animerà tutta la stagione televisiva, almeno fino a quando Rai e Mediaset non comunicheranno la personale vittoria della garanzia.

In questo primo scorcio di stagione, i riflettori si sono accesi sul preserale delle due ammiraglie, che già dai primi risultati regala qualche (inaspettata?) riflessione. Un fattore che va subito a confortare Canale 5, da troppo tempo agonizzante in quella fascia, è che il nuovo programma di Paolo Bonolis, oltre a tallonare la corazzata guidata da Carlo Conti, porta sorrisi (e punti) anche al tg delle 20.00. Vero è che una decina di puntate (di fine estate) non fanno primavera, però se il buongiorno si vede dal mattino quelle del “milionario” Gerry Scotti non possono certo considerarsi notti tranquille.

Emblematica è stata la serata d’esordio, che ha vissuto di un equilibrio tra Rai 1 e Canale 5 prolungatosi fino all’access prime time e che, nei giorni a seguire, ha confermato un avvincente testa a testa su tre fronti. Ad oggi, infatti, entrambe le reti hanno di che gioire: a Viale Mazzini tirano un sospiro di sollievo perchè lo spauracchio Bonolis risulta, almeno per ora, “solo” ingombrante, mentre a Cologno sorridono sulla tenuta del nuovo preserale, fascia preziosissima per gli investitori pubblicitari tanto da essere definita in gergo ‘la banca’.

L’Eredità e Avanti un altro si attestano in media sui 2 milioni e mezzo di spettatori, con uno scarto a favore del quiz di Rai 1 di circa due punti di share (20,09% vs 18,24%). Nei due giochi finali, invece, L’Eredità con la Ghigliottina (3.767.000 – 22,03%) supera la concorrenza di appena mezzo milione di spettatori e circa tre punti di share. Un testa a testa cui, come già detto, segue quello tra i due telegiornali: il Tg1 aggancia la media del 22% di share (circa 4 milioni e mezzo di spettatori), col Tg5 appaiato al 20% (e sopra i 4 milioni di “appassionati”).




11
settembre

SOLITI IGNOTI: RIPARTE STASERA SU RAI1 IL GIOCO DELLE IDENTITA’ NASCOSTE

Una puntata di Soliti Ignoti

Il commissariato di Rai1 riapre i battenti. Stasera alle 20.35 circa Soliti Ignoti torna nell’access prime time della rete ammiraglia Rai. Dopo l’esperimento di fine estate di Colpo d’occhio non particolarmente riuscito (share attorno al 17%), tocca a Fabrizio Frizzi riportare in auge (un 20% sarebbe già un buon risultato, considerando le medie degli ultimi mesi) la fascia tanto cara agli investitori pubblicitari.

Invariata la formula del gioco, anche se ci sarà una piccola novità, come vi abbiamo anticipato: le identità da indovinare scenderanno a otto per ciascuna puntata. Un modo per velocizzare il format che non potrà dilungarsi, considerato anche il ritorno dopo il Tg1 di Qui radio Londra con Giuliano Ferrara. Il massimo montepremi in palio rimane di 250.000 euro, con le carte d’identità abbinate che partiranno da un valore minimo di 2.000 (contro i 1.000 delle passate edizioni) per arrivare ai 100.000 euro.

Quest’anno, però, il concorrente non sarà l’unico a dover aguzzare la vista, perché anche il pubblico a casa potrà divertirsi cercando di indovinare un’identità. A inizio puntata, infatti, verrà chiesto al pubblico a casa di individuare una tra le otto identità presenti in studio. E i telespettatori potranno rispondere mandando un sms al 4784781 o chiamando il numero 894040, al costo di 1 euro. Anche Soliti Ignoti, dopo i vari quiz preserali, propone il suo giochetto telefonico.


18
agosto

SOLITI IGNOTI: AL VIA DOMENICA 11 SETTEMBRE CON UNA IDENTITA’ IN MENO

I Soliti Ignoti

Debutterà domenica il nuovo access di Rai1 dal titolo Colpo d’occhio – L’apparenza inganna (clicca qui per tutte le info sul programma). Quattro settimane di tempo per testare il gradimento del pubblico, e poi il game show verrà messo in soffitta, salvo riproporlo nel 2012. Da domenica 11 settembre, infatti, prenderà il via Soliti ignoti – Identità nascoste, sempre condotto da Fabrizio Frizzi.

Novità della quinta edizione sarà la riduzione delle identità da indovinare, che scenderanno a otto per ciascuna puntata. Una decisione per dare maggiore ritmo al format oppure per evitare di sforare e compromettere, come accade spesso, la puntualità dell’inizio della prima serata. Il montepremi in palio rimane fisso a 250.000 euro, con le carte d’identità abbinate che partiranno da un valore minimo di 2.000 (contro i 1.000 delle passate edizioni) per arrivare ai 100.000 euro.

Nei giorni del debutto del game, Frizzi sarà impegnato a Montecatini per la preparazione di Miss Italia: la kermesse approderà, infatti, in prima serata su Rai1 domenica 18 e lunedì 19 settembre. Per questo le registrazioni dei Soliti Ignoti partiranno il 30 agosto. Il programma è previsto in onda fino al 31 dicembre. Con l’anno nuovo, salvo sorprese, dovrebbero tornare i pacchi di Affari tuoi.





26
luglio

DA PREMIATISSIMA A IO CANTO, L’ETERNA GUERRA DEI CLONI IN TV

Cloni in tv

Che in tv nulla si crei e nulla si distrugga è ormai risaputo. Complice la mancanza d’idee e la costante necessità di conquistare il maggior numero di spettatori, in tanti, in maniera più o meno lecita, si sono spesso ritrovati a prendere ispirazione da format di successo, in onda sui canali concorrenti. Una guerra a colpi di programmi fotocopia, condita da accuse di plagio che ciclicamente invadono il piccolo schermo.

Se in questi giorni a tenere banco è la presa di posizione di Milly Carlucci, pronta a portare in tribunale il nuovo show di Canale 5 Baila! (in onda in autunno), apparentemente simile a Ballando con le stelle, in passato tanti altri personaggi hanno avuto a che fare con casi di clonazione catodica. La stessa Milly Carlucci nell’estate del 1989 non si fece particolari problemi nell’accettare la conduzione di Bellezze al bagno, show di Canale 5 palesemente ispirato al celebre Giochi senza Frontiere della Rai. Trasmissione peraltro condotta proprio dalla Carlucci dal 1978 al 1981.

I cloni veri o presunti nella tv italiana sono sempre stati numerosi. Nel 1982 la neonata Canale 5 riuscì a portare a casa per la prima volta degli ascolti record grazie a Premiatissima, show canoro del venerdì sera (in seguito promosso al sabato) ispirato sin dal titolo alla storica Canzonissima andata in onda per anni sulla tv di Stato. Era invece il 1985, quando sugli schermi di Canale 5 fece la sua prima comparsa all’interno di Pentatlon, quiz condotto da Mike Bongiorno, una versione embrionale de La Ruota della Fortuna. Lo stesso gioco, chiaramente ispirato al celebre format americano The Wheel of fortune, venne in seguito ripreso con alcune varianti nel 1987 dallo stesso Bongiorno per il quiz Parole d’oro. Nello stesso anno, dopo tanti scoppiazzamenti piuttosto maldestri, partì la versione ufficiale con tutti i diritti regolarmente pagati ai detentori del format originario sul network Odeon Tv. La “Ruota” di Odeon ebbe però vita breve. Mike, innamoratosi del format, fece di tutto perchè fosse l’allora Fininvest ad accaparrarsi dalla primavera del 1989 i diritti per una trasposizione tutta italiana.


28
dicembre

FABRIZIO FRIZZI A DM: SOLITI IGNOTI MI HA RESTITUITO I ‘GRADI’ CHE AVEVO PRIMA DEL 2002. NON SARO’ MAI ABBASTANZA GRATO A RUFFINI. CON ANTONIO RICCI RAPPORTO CORDIALE.

Fabrizio Frizzi

Dall’estate del 2007, dopo una lunga assenza dovuta ad incomprensioni con l’allora direttore di Rai1 Fabrizio Del Noce, vive un secondo momento d’oro professionale. Riesce persino nell’ardua impresa, che apparteneva sino ad ora soltanto a Bonolis, di battere Striscia la Notizia con i suoi Soliti Ignoti. Un risultato che gli ha consentito di proporre al pubblico tanti altri programmi, a partire da Mettiamoci all’Opera sino ad Attenti a Quei due con Max Giusti, passando per Adamo&Eva in onda questa sera su Rai1. Non potevamo non fare un bilancio con Fabrizio Frizzi che si è raccontanto a DM svelando obiettivi umani e professionali in attesa dei nuovi programmi in partenza a gennaio.

Fabrizio, Rita Dalla Chiesa ti ha inviato un videomessaggio nel corso di Telethon. Diceva che non hai mai accettato l’invito del “Dottore” a passare dall’altra parte. Vogliamo parlare di “Come Sorelle”?

Rita, in realtà, parlava di una vita precedente a Come Sorelle. Come Sorelle è arrivato nel 2003 quando io ero fermo per un problema che si era creato con Del Noce. Mi arrivò una proposta non dal Dottore, che nel frattempo era diventato Presidente del Consiglio, ma da una persona che lavorava per la sua azienda. Siccome stare fermo a me non piace, sono andato lì, ho fatto tre mesi di lavoro e via… Rita, invece, faceva riferimento ad un episodio  accaduto sul finire del 1991, nel momento di mio massimo successo con Scommettiamo Che e i Fatti Vostri. Erano altri tempi. Quando invece mi è arrivata la proposta per Come Sorelle era la Rai a non volermi e, dunque, non l’ho tradita.

Com’è stata l’esperienza a Mediaset?

Mi sono trovato molto bene. Se c’è stato un errore è stato mio; pur di fare qualcosa, ho sbagliato a fare un programma che non poteva mettermi in rilievo. Era condotto in coppia con l’amica Valeria Mazza ma la conduzione in coppia non è l’ideale per tirar fuori il carattere e le capacità di un professionista.

Il pilot andò bene però…

Si. Fu realizzato un pilot condotto da Amadeus il 4 gennaio del 2002 che andò molto bene (31% di share con quasi 8 milioni di telespettatori, ndDM); poi facemmo l’anno successivo sei puntate che andarono molto meno bene. Fummo i primi a rendere accettabile un 19% in prima serata (ride, ndDM). Per me fu scioccante avere 8 break pubblicitari da 7 minuti quando in Rai ne avevamo solo 2.

Hai parlato di problemi con Del Noce. Non sembri uno che si possa prestare facilmente a polemiche…

Ho avuto un momento di risentimento perchè appena arrivato Del Noce fu abbastanza brusco nel togliermi Miss Italia. Non lo ritenevo giusto.  Successivamente ci chiarimmo, dimostrò stima e rispetto nei miei confronti ma non rientravo tra i suoi preferiti. Poi nell’estate del 2007 mi fece condurre Soliti Ignoti…

La nuova Miss Italia è migliore o peggiore rispetto alle edizioni targate Fabrizio Frizzi?

E’ una formula nuova. Carlo (Conti, ndDM) ha fatto delle buonissime edizioni che puntavano più sul gioco, avvicinandosi al mondo dei preserali; Milly (Carlucci, ndDM) l’ha resa più vicina al mondo di Ballando con le Stelle. Diciamo che Miss Italia come la facevamo noi era più Miss Italia, più concorso.

In alcuni contesti è necessaria una certa istituzionalità?

L’ho sempre pensato, però non è che io faccia testo. Faccio solo un lavoro molto appasionato, con grande attenzione ai dettagli, ed anche in quell’occasione sono convinto di aver fatto un buon lavoro. I risultati poi non sono neanche comparabili perchè il mondo della televisione è molto cambiato; il 47% dell’ultima puntata che ho condotto di Miss Italia non è possibile paragonarlo ai dati attuali.

Dati alla mano, sei riuscito in un’impresa che solo Bonolis era riuscito a portare a segno: dare filo da torcere a Striscia la Notizia…





21
ottobre

SOLITI IGNOTI: CHIUDE LO SPECIALE DEL SABATO SERA (COME DM ANTICIPATO). IN SOSTITUZIONE LE REPLICHE DI DON MATTEO 7

Sospeso Soliti Ignoti Speciale...e confermo

Il commissariato di Rai1 chiude i battenti, almeno nella versione del sabato sera. Come vi abbiamo svelato in anteprima, il 12% di share totalizzato nell’ultima puntata di Soliti Ignoti Speciale…e confermo era davvero imbarazzante per tenere in vita il programma in versione “allungata” e poter competere con un avversario invincibile ormai da anni. Ora arriva la conferma della sospesione del programma.

Mentre Soliti Ignoti prosegue la sua corsa in access, dove ottiene ottimi risultati, la sfida contro Maria De Filippi è stata persa nettamente (una sfida dall’epilogo scritto fin dalla partenza?), così come era successo un anno fa con Affari tuoi, anche se il programma condotto da Max Giusti, visto l’abbinamento con la Lotteria, era proseguito fino alla befana.

Fabrizio Frizzi, perfetto nelle vesti di padrone di casa del commissariato, perde il sabato sera, che da questa settimana ospiterà il prete detective più famoso del piccolo schermo. Saranno infatti le repliche di Don Matteo 7 a colmare il vuoto di palinsesto della rete ammiraglia Rai.


19
ottobre

FERMI TUTTI! I SOLITI IGNOTI SPECIALE E… CONFERMO A RISCHIO CHIUSURA.

Fabrizio Frizzi, I Soliti Ignoti

Il 12% ottenuto lo scorso sabato sarebbe condizione di per sè sufficiente a decretarne una chiusura immediata senza fornire troppe spiegazioni. Ma sembra che non ci sia ancora una volontà definitiva per spazzar via dal prime time più prestigioso della televisione il fortunato game show dell’access di Rai1 che, come era prevedibilissimo, è rimasto a bocca asciutta nella sua versione in prime time di fronte alla corazzata della De Filippi e del suo C’è Posta per te.

I Soliti Ignoti di Fabrizio Frizzi sono, però, in bilico. Si dice che al settimo piano di Viale Mazzini si stia prendendo seriamente in considerazione la possibilità di sostituire le identità nascoste del sabato sera con un tradizionalissimo film.

Dispiace. E il motivo è duplice, se non triplice. L’incomprensibile scelta di realizzare una versione ”allungata” del game di Endemol - debolissima già sulla carta - mina anche ”l’immagine” di un gradevole gioco che tiene banco nell’access prime time dell’ammiraglia della TV di Stato e che è riuscito, in un sol colpo, a dare filo da torcere alla non più imbattibile Striscia la Notizia e a rilanciare un personaggio come Frizzi che rischiava di finire nell’oblio. Se a ciò s’aggiunge l’infelice e inspiegabile collocazione al sabato sera, i conti sono presto fatti.


8
settembre

SOLITI IGNOTI SPECIALE E CONFERMO: FRIZZI INAUGURA LA NUOVA EDIZIONE IN PRIMA SERATA CON CARLO CONTI E GIGI PROIETTI

Soliti Ignoti Speciale e...confermo

Dopo il grande successo primaverile, riapre il commissariato di Rai1 guidato da Fabrizio Frizzi. Soliti Ignoti – Identità nascoste torna questa sera e raddoppia: al debutto del canonico appuntamento in access, seguirà subito dopo un appuntamento speciale in prima serata. Inizialmente previsto al sabato sera, ora occupato da Ti lascio una canzone, il game è stato anticipato al mercoledì e dovrà vedersela con la fiction macina-ascolti Il peccato e la vergogna.

Una sfida non facile, ma non impossibile visto il forte appeal del gioco e due ospiti d’eccezione per inaugurare la nuova stagione. Questa sera concorrenti speciali saranno Carlo Conti e Gigi Proietti, alle prese con identità da svelare, un montepremi da devolvere in beneficenza e la presentazione al grande pubblico dei loro appuntamenti sulla rete ammiraglia Rai. 

Soliti Ignoti Speciale e…confermo proseguirà ogni mercoledì sera, per 11 puntate, con un meccanismo leggermente rivisto per la prima serata. Sarà un autunno di duro lavoro per Frizzi, impegnato sette giorni su sette con il game show investigativo (sino all’arrivo di Ho una notizia per te).