Giulio Scarpati



7
settembre

GIULIO SCARPATI: ECCO PERCHE’ SONO TORNATO AD UN MEDICO IN FAMIGLIA

Giulio Scarpati

A volte ritornano… o meglio, più volte ritornano. E’ il caso di Giulio Scarpati che questa sera su Rai1 rimette il camice del Dottor Lele nel decimo capitolo di Un Medico in Famiglia. Per Scarpati si tratta dell’ennesimo ritorno nella serie Publispei. L’attore è stato, infatti, presente nella fiction nelle prime due fortunatissime stagioni, segnate dalla romanticissima storia d’amore tra il Dottor Martini e sua cognata Alice (Claudia Pandolfi). Successivamente è tornato come guest star nel primo episodio della terza stagione, e in occasione del matrimonio di sua figlia Maria (Margot Sikabonyi) nell’ultimo della quarta stagione. Assente nella quinta, ha fatto il suo rientro nella sesta stagione, rimanendovi sino all’ottava, salvo poi lasciare ancora una volta la villetta di Poggio Fiorito per tutto il nono capitolo.




21
aprile

UN MEDICO IN FAMIGLIA 10: RITORNA GIULIO SCARPATI, CONFERMATI BANFI E VUKOTIC. FUORI LA SIKABONYI

Giulio Scarpati

Giulio Scarpati

Primi annunci in arrivo per Un medico in famiglia 10. La storica family comedy targata Publispei si appresta a spegnere le dieci candeline con la conferma di due personaggi di peso ma anche di un gradito ritorno. Per la messa in onda, però, bisognerà aspettare il 2016, poiché le riprese inizieranno solo ad agosto e si protrarranno fino a marzo per la produzione dei consueti 26 episodi. Ad annunciare tutte le novità è stata Milena Vukotic dal Festival di Lecce.

Per quanto concerne le conferme, sia la Vukotic nei panni di nonna Enrica che Lino Banfi nelle vesti di nonno Libero ci saranno per tutta la decima stagione: nessun ritorno in Puglia per i due “vecchi” di casa Martini, che dovranno prendersi cura dei (tanti) ragazzi “che nel frattempo crescono e percorrono le loro strade con tutti gli eventi di una famiglia”.

Per quanto riguarda il grande ritorno, incredibilmente si riaffaccia a casa Lele, il medico di famiglia, interpretato da Giulio Scarpati. Nella nona l’attore ha deciso di abbandonare la serie e il suo personaggio è finito a Parigi con Bianca e il neonato Carlo, mentre Marco e Maria si sono trasferiti a Torino per un nuovo prestigioso impiego. A rimpiazzarli a Poggio Fiorito, nel mentre, sono arrivati il nipote di Libero (nonché medico) Lorenzo Martini (Flavio Parenti) e la sorella di Marco Sara Levi (Valentina Corti), che sul finire di stagione sono convolati felicemente a nozze dopo una serie di peripezie.


30
giugno

SCONOSCIUTI COLLECTION: IN PRIME TIME GIULIO SCARPATI FA RIVIVERE LE STORIE DEGLI ITALIANI

Sconosciuti

Sconosciuti, ma non al pubblico. Dopo il debutto con cento puntate nell’access prime time della passata stagione, il docu-reality di Rai3 dedicato alle storie della gente comune debutta in prima serata. Da oggi, lunedì 30 giugno, il programma ‘enciclopedico’ sugli italiani tornerà in onda alle 21.05 in versione Collection, per rivivere le storie più emozionanti e commoventi.

Sconosciuti Collection: Giulio Scarpati è il narratore

Per l’occasione, a guidare i telespettatori tra un episodio e l’altro ci sarà l’attore Giulio Scarpati, nelle vesti di narratore d’eccezione. Attraverso la sua voce, Rai3 riaccende così i riflettori sulle persone comuni che con la loro storia semplice hanno raccontato davanti alle telecamere la loro personale ricerca della felicità, fatta di gesti, abitudini e fatiche quotidiane. Debuttato nell’ottobre 2013 con risultati modesti, ora il format prodotto da Stand by Me viene replicato in prima serata.

Sconosciuti Collection: prima puntata

Nella prima puntata, in onda stasera, verrà presentata la storia di Paolo Manni e di un gruppo di “ex alunni” che, a distanza di cinquant’anni, si mette alla ricerca dell’insegnante della loro prima elementare, il maestro Nocciolini, scomparso all’improvviso dopo un solo anno di scuola. Giulio Scarpati inoltre racconterà di una masseria vicino Brindisi, dove vivono due bambini albini. Nonostante la malattia, i loro genitori, Vito e Cristina cercano di offrire ai figli la migliore delle vite possibili.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





25
aprile

UN MEDICO IN FAMIGLIA 9: ANCHE GIULIO SCARPATI NON CI SARA’

Giulio Scarpati (Lele Martini)

Giulio Scarpati (Lele Martini)

In una nostra recente intervista lo aveva ipotizzato, ma ora – stando a quanto riportato da Asca – è arrivata la conferma. Giulio Scarpati, più noto come Lele Martini nella popolare fiction Un Medico in Famiglia, abbandonerà con ogni probabilità nuovamente la serie che lo ha portato al successo. D’altronde, come dicevamo, proprio a noi di DM aveva reso noti i dubbi circa la sua presenza nella nona stagione – le cui riprese inizieranno questa estate -, più che altro perché ho voglia di fare altro. Mi piace alternare un po’ le cose per non avere un’unica base. Ancora non abbiamo deciso“. Ricontattato stamane, l’attore preferisce non commentare la notizia.

La decisione probabilmente creerà un po’ di delusione tra i tanti fan della serie, che avevano accolto il ritorno di Lele con entusiasmo. Ma d’altronde il suo personaggio rischiava di diventare ancora meno credibile dopo l’addio annunciato di Francesca Cavallin, alias Bianca, terza compagna dalla quale ha avuto un altro figlio. L’addio dei due protagonisti avrà sicuramente delle ripercussioni sul resto del cast e, soprattutto, sulla trama.

Anche se, a dire il vero, i due sono già parecchio defilati in questa ottava stagione, per fare posto a Lino Banfi e Milena Vukotic, guest per qualche episodio e pronti a tornare in pianta stabile nella nona stagione. Senza Lele però, al Medico bisognerà trovare un altro… medico, appunto. Ruolo che, in sua assenza, è stato nelle mani in passato di Pietro Sermonti (Guido) e David Sebasti (Emilio) e che ora potrebbe essere ricoperto ancora da Maria Martini (Margot Sikabonyi), la figlia di Lele, che da poco ha aperto uno studio privato affittato dalla famiglia Magnani.


21
aprile

UN MEDICO IN FAMIGLIA 9: NONNO LIBERO TORNA IN PIANTA STABILE. LELE MARTINI ESCE DI SCENA?

Un medico in famiglia 8

L’ottava stagione di Un medico in famiglia si avvia in queste settimane alla conclusione e, forte del confermato successo di pubblico, in Rai già pensano alla realizzazione del nono capitolo. La nuova stagione, sul set entro la fine dell’anno, sarà composta di 26 episodi per un costo totale di 14 milioni di euro. Non si conoscono naturalmente ancora gli sviluppi della trama, ma pare ormai quasi certa la presenza di Lino Banfi nei panni di Nonno Libero. L’attore ha dichiarato all’Asca di essere in trattative avanzate con la produzione, e di voler tornare in pianta stabile all’interno della serie, a differenza di quanto accaduto nell’ottava stagione attualmente in onda, nella quale l’attore pugliese ha preso parte solo ad alcuni episodi.

“Stiamo trattando e mi piacerebbe esserci ma per correttezza con il mio pubblico che mi segue da anni nella nona stagione desidero però essere presente in tutte le puntate.”

Un desiderio, quello di Banfi, che potrebbe diventare realtà, soprattutto se nella prossima stagione la famiglia Martini dovesse fare a meno del Dottor Lele alias Giulio Scarpati. L’attore ha, infatti, dichiarato in una nostra intervista di non aver ancora deciso se continuare a vestire i panni del capofamiglia della nutrita tribù di Poggio Fiorito.

“Non lo so, come dicevo ho anche voglia di fare altro. Mi piace sempre alternare un po’ le cose per non avere un’unica base. Ancora non abbiamo deciso.”





4
aprile

GIULIO SCARPATI A DM: ANCORA NON HO DECISO SE SARO’ DI NUOVO LELE MARTINI

Giulio Scarpati

Il grande pubblico lo ha conosciuto prima come Lele Martini di Un Medico in Famiglia, poi come Don Zeno e Don Liegro ne L’Uomo della Carità, ma Giulio Scarpati vanta nel suo passato artistico, oltre ad una lunga esperienza teatrale, film impegnati come Il Giudice Ragazzino, per cui ha vinto il David di Donatello o Pasolini – Un Delitto Italiano. D’altronde – come racconta a DM che l’ha intervistato – il mestiere d’attore comporta la necessità di confrontarsi sempre con cose diverse.

Cosa ha pensato la prima volta che le hanno proposto il personaggio di Lele Martini?

Quando ho letto la sceneggiatura, che tra l’altro era un format spagnolo adattato per l’italia da Paola Muscolini, mi sono messo a ridere. Era una strana famiglia e il racconto era molto divertente e scritto bene.

Quante volte capita che le persone la incontrano e la chiamano Lele?

Tante, anche se prima molte di più. Dopo le varie interruzioni di Un Medico in Famiglia che ho fatto, la gente ormai mi conosce anche come Giulio Scarpati. Il personaggio di Lele però è stato molto importante soprattutto per la comunicazione con il grande pubblico.

E’ per questo che ha lasciato più volte la serie? Paura di essere troppo identificato con Lele?

Ho bisogno di variare, è necessario non fossilizzarsi con un unico personaggio, che poi diventa il parametro con il quale vieni pensato nell’immaginario collettivo. Ho bisogno a volte di mettere una distanza tra me e Lele per cercare di recuperare altri tipi di personaggi. Durante le interruzioni di Un Medico in famiglia ho fatto cose molte diverse tra di loro, dal musical, Aggiungi un posto a tavola, a L’ultima pallottola di Soavi. E’ necessario per un attore mettersi a confronto sempre con cose diverse.

Dopo Lele Martini, è stato difficile ottenere ruoli diversi e in un certo senso più “impegnati”,  come per esempio in Don Zeno o ne L’uomo della Carità ?

In chi ti sceglie probabilmente c’è la preoccupazione che chi è troppo identificato è difficile si faccia vedere dal pubblico in modo diverso. In America, gli attori fanno teatro, televisione, cinema con grande libertà, non c’è la rigidità che abbiamo noi e che dal punto di vista artistico è un po’ limitativa. L’attore è uno ed è giusto che faccia tutte e tre le cose. La discriminante è che siano fatte bene. Personalmente, io ho bisogno, anche umanamente, di raccontare altre storie oltre a quella di Lele Martini.

Ad Un Medico in famiglia 9 ci sarà?


26
gennaio

UN MEDICO IN FAMIGLIA 8: QUATTRO BEBE’, NUOVE NOZZE, E UN COOKING SHOW NELLA SERIE IN PARTENZA A MARZO SU RAI1

Lino Banfi e Giulio Scarpati

Nuovi arrivi, bebè, matrimoni, amori, crisi, guest star e persino un cooking show, non manca proprio nulla nella nuova stagione di Un Medico in famiglia, in partenza con ogni probabilità domenica 3 marzo in prima serata su Rai1. L’ottavo capitolo della saga dei Martini avrà ancora una volta come protagonista Giulio Scarpati nei panni del Dottor Lele, fresco sposo di Bianca, interpretata da Francesca Cavallin (a breve su Rai1 anche in Tutta la musica del cuore). La coppia, sposatasi nell’ultima puntata della scorsa stagione, attende ora un figlio, la cui nascita avverrà soltanto nell’ultimo dei 26 episodi previsti.

A movimentare la villetta di Poggio Fiorito ci penseranno nel frattempo altri 3 bebè. Ciccio (Michael Cadeddu) e Tracy (Tresy Taddei) aspettano ben due gemelli, mentre la colf Melina (Beatrice Fazi) e il tuttofare Dante (Gabriele Cirilli) diventeranno genitori di Aurora. Tante pappe e pannolini da cambiare attendono dunque il povero Nonno Libero alias Lino Banfi, tornato a grande richiesta nel cast dopo essere uscito di scena nella settima stagione.

L’amato e spesso indispensabile nonno tornerà dall’America, dove era andato a far compagnia al fratello, in occasione del matrimonio della nipote Maria (Margot Sikabonyi). La primogenita di Lele, vedova di Guido (Pietro Sermonti), è pronta ad impalmare il bel Marco (Giorgio Marchesi), ma a turbare la coppia ad un passo o quasi dal si, sarà l’arrivo di Roberto Magnani, un aitante ex compagno di università di Maria, interpretato dalla new entry Alessandro Tersigni.


26
maggio

UN MEDICO IN FAMIGLIA 7: IL MATRIMONIO DI LELE CHIUDE UNA STAGIONE DA DIMENTICARE. CI SARA’ UN SEGUITO?

Giulio Scarpati e Francesca Cavallin in Un Medico In Famiglia

Complice una doppia messa in onda settimanale, arriva prima del previsto il gran finale di Un medico in famiglia 7. Terminano, infatti, questa sera alle 21,15 su Rai 1, le avventure della famiglia Martini, che, in questa settima stagione, hanno appassionato una media di poco inferiore ai 5.000.000 di spettatori con il 20% di share. Ascolti in media con quelli di altre fiction, ma certamente più bassi rispetto al glorioso passato.

Un calo giustificato più che da un’eventuale crisi del settimo anno, da una vera e propria mancanza d’idee e da una realizzazione alquanto approssimativa. Intendiamoci non che in passato la serie prodotta dalla Publispei abbia mai brillato per cura nella stesura dei dialoghi piuttosto che dell’intera linea narrativa.

Pecche e lacune autorali, in parte giustificate da continui forfait dei vari protagonisti, hanno da sempre caratterizzato la fiction e portato gli sceneggiatori a scrivere i più assurdi adattamenti. Mai si era però arrivati alla stesura di una trama così aggrovigliata, con intrecci di storie e vicende, affrontati in maniera superficiale. Una confusione di ruoli, in grado di rendere il tutto troppo caotico e poco credibile.