funerali



28
marzo

Commozione e folla ai funerali di Fabrizio Frizzi. Antonella Clerici e Carlo Conti leggono la ‘Preghiera degli Artisti’

Carlo Conti, Antonella Clerici

Una cerimonia intensa, partecipata, struggente. I funerali di Fabrizio Frizzi, tenutisi stamane a Roma, hanno raccolto attorno al compianto ed amatissimo conduttore migliaia di persone. A dare l’ultimo saluto al presentatore non c’erano soltanto parenti, amici, colleghi e dirigenti del servizio pubblico. C’era anche una marea di gente comune che lo aveva conosciuto ed apprezzato attraverso la tv: la scatola magica che, fino all’ultimo, aveva portato nelle case degli italiani il sorriso buono e spontaneo di Fabrizio.




28
marzo

Fabrizio Frizzi: i funerali in diretta su Rai1

funerali fabrizio frizzi

I funerali di Fabrizio Frizzi

I funerali di Fabrizio Frizzi verranno trasmessi in diretta su Rai1. Giusto così, in fondo: per l’amatissimo presentatore romano, che in queste ore l’Italia piange e ricorda già con nostalgia, l’estremo saluto non poteva che essere pubblico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


15
ottobre

I FUNERALI DI DARIO FO: IL SALUTO AL PREMIO NOBEL DA PIAZZA DUOMO A MILANO CON MIGLIAIA DI OMBRELLI COLORATI

I funerali di Fo

L’ultimo “Mistero buffo” della sua vita si è consumato oggi, in piazza Duomo a Milano, sotto una pioggia battente e in diretta Rai con uno speciale del TG1. Per la prima volta abbiamo assistito ad una cerimonia laica sul sagrato della cattedrale del capoluogo lombardo, un paradosso in cui sono stati proclamati valori e passioni civili dai gradini di una chiesa – e non esattamente una qualunque – e che ha riunito migliaia di persone giunte a rendere omaggio al genio di Dario Fo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





19
settembre

CARLO AZEGLIO CIAMPI, OGGI I FUNERALI IN DIRETTA SU RAI1

Carlo Azeglio Ciampi

Le più alte cariche dello Stato, ma anche centinaia di cittadini comuni, nelle scorse ore hanno reso omaggio al Presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, morto lo scorso 16 settembre all’età di 95 anni. E stamane si terranno le esequie dell’ex Capo di Stato, che Sergio Mattarella ha definito “un grande italiano e un grande europeo“. Il rito funebre sarà trasmesso in diretta su Rai1 a partire dalle 10.25.


15
aprile

FUNERALI DI STATO PER LE VITTIME DELLA SPARATORIA AL TRIBUNALE DI MILANO IN DIRETTA SU RAI1

Tribunale di Milano

In diretta questo pomeriggio dalle 15, Rai1 seguirà i Funerali di Stato delle vittime della sparatoria al Tribunale di Milano, avvenuta la scorsa settimana. I Funerali si svolgeranno nel Duomo di Milano, a partire dalle 16. Cristina Parodi e Marco Liorni daranno il la all’appuntamento con uno speciale La Vita In Diretta per poi cedere la linea al Tg1.

Di conseguenza è saltato il doppio appuntamento con Torto o Ragione?. La macchina della verità avrebbe dovuto ospitare un ex gigolò mentre Il verdetto finale avrebbe portato in aula una coppia alle prese con un cambiamento di vita. Al posto del court show di Monica Leofreddi una replica de La Dama Velata.

Del resto, trasmettere le vicende di un tribunale (televisivo) prima di tale cerimonia funebre poteva non rappresentare il massimo della sensibilità.





6
maggio

GIULIO ANDREOTTI MORTO: NIENTE FUNERALI DI STATO. LA TV RICORDA “IL DIVO”

Morto Giulio Andreotti

Il Divo Giulio, Belzebù, la Sfinge, il Papa nero. L’uomo simbolo del potere democristiano, dei processi e dei segreti. Degli archivi inaccessibili e scottanti. Giulio Andreotti è stato senza dubbio il personaggio politico più influente e discusso del secolo scorso, il padre fondatore della Prima Repubblica e il tessitore delle sue trame. Così lo hanno sempre dipinto, tra verità e leggenda, così continuerà ad esserlo. Stamane il senatore è morto all’età di 94 anni e la notizia ha subito trovato eco in tv; proprio sul piccolo schermo, dove Andreotti non compariva ormai da tempo. E dove, di tanto in tanto, si ironizzava sulla sua biblica longevità.

Ora il ‘Divo Giulio‘ se n’è andato per davvero, assieme ai suoi segreti, e in tv – come per ogni personaggio pubblico che si rispetti – è il tempo dei ricordi. Dopo l’annuncio della morte di Andreotti nei tg del primo pomeriggio, in questo momento sono i canali all news a suonare il requiem con immagini, ricordi e testimonianze. Tgcom24, in particolare, ha riproposto una vecchia intervista rilasciata dal senatore a Terra, ed ha ricordato le imitazioni che il Divo Giulio si guadagnò in programmi tv popolari come il Bagaglino (sotto un video di una sua ospitata a Biberon). Sulla rete all news di Mediaset hanno lasciato il loro ricordo anche Claudio Martelli, Clemente Mastella, e Paolo Cirino Pomicino, che conobbero l’ex primo ministro italiano.

Proprio Cirino Pomicino, pezzo grosso della Dc andreottiana, stasera sarà ospite a Piazza Pulita su La7, nel corso di una puntata intitolata precedentemente “Chi comanda?”. Ironia della sorte. Il programma di Corrado Formigli, come del resto tutti gli approfondimenti politici in palinsesto, riserveranno ampio spazio alla figura del senatore a vita. In prima serata anche Quinta Colonna – il programma che dà voce alle piazze – si soffermerà su Andreotti, il politico espressione del Palazzo e dei suoi compromessi.


2
settembre

FUNERALI DEL CARDINALE MARTINI IN DIRETTA TV

Cardinale Carlo Maria Martini

Una processione lunga e silenziosa attraversa in queste ore la navata centrale del Duomo di Milano. E’ un’intera città quella che sta rendendo l’ultimo saluto al cardinale Carlo Maria Martini, deceduto venerdì scorso all’età di 85 anni a seguito di una malattia che ne aveva compromesso la salute ma non l’intelletto. La salma dell’Arcivescovo emerito rimarrà esposta ai fedeli fino alle esequie che si terranno lunedì alle 16 nella Cattedrale meneghina. Anche la tv sta seguendo l’addio a Martini con approfondimenti e speciali dedicati alla sua vita.

Ieri sera, alle 23.45, Rai2 ha trasmesso in diretta uno Speciale Tg2 Dossier che ha ricordato con immagini e commenti l’operato del “biblista che parlava alla gente“. Carlo Maria Martini è stato un uomo del dialogo, come documentano i filmati proposti ora dalle emittenti e dai telegiornali. Singolare la reazione laico-mediatica che ha trasformato in un caso di dibattito la scelta del Cardinale di rifiutare l’accanimento terapeutico. Una decisione, questa, contemplata dal Magistero della Chiesa e che dunque non costituisce un gesto di rottura con esso, come lasciato intendere nelle testimonianze raccolte da alcuni notiziari.

Oggi, domenica 2 settembre, Rai1 dedicherà a Martini due speciali dell’approfondimento religioso A sua immagine, che verranno trasmessi prima e dopo la santa messa, alle 10.30 e alle 12.10. Lunedì pomeriggio a Milano si terranno i funerali del Cardinale, ai quali prenderà parte anche il premier Mario Monti. Anche il Papa starebbe valutando se essere presente alla celebrazione. Rai1 seguirà in diretta le esequie a partire dalle 15.55.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


7
marzo

FUNERALI LUCIO DALLA, OSSERVATORIO MINORI BACCHETTA I MEDIA: ‘OLTRE LA LINEA DI DEMARCAZIONE DELLA PIETA’ DOVUTA AD UN DEFUNTO’

Funerali Lucio Dalla

Accade di solito che con la fine dei funerali l’attenzione della cronaca abbandoni il ricordo dei personaggi famosi scomparsi e si sposti sui nuovi spiragli dell’attualità. Con Lucio Dalla questo non sta avvenendo, anzi i mille temi di riflessione lanciati dal suo secondo 4 marzo continuano a scatenare una serie infinita di dibattiti, televisivi e non, tanto che l’Osservatorio sui Diritti dei Minori si è sentito in dovere di provare a bloccare questa ‘deriva’ argomentativa.

E’ proprio il presidente, Antonio Marziale, a scendere in campo per affermare il diritto alla pietà che l’artista merita, almeno quanto gli altri defunti. Non va proprio giù all’osservatorio questa girandola di recriminazioni e supposizioni che ha accompagnato e fatto seguito al bellissimo addio che Bologna, e l’Italia tutta, ha dedicato ad una sua grandissima voce.

Non sono tanto le ricostruzioni e le ipotesi sul testamento e sull’eredità ad infastidire Marziale, bensì le divagazioni sul tema dell’omosessualità e dello svolgimento dei funerali. Mentre Marco Travaglio con una sorta di editoriale dal presupposto condivisibile auspica una riflessione seria e responsabile sulle unioni di fatto, dall’Osservatorio il numero uno tuona:


  • Pagina 1 di 2
  • 1
  • 2
  • »