Enrico Mentana



4
marzo

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (25/02-3/03/2013). PROMOSSI VIANELLO E PARAGONE, BOCCIATI 90210 E LE VARIAZIONI DI CANALE 5

Lorella Cuccarini

10 ad Andrea Vianello. Il giornalista, dopo aver portato a compimento una missione non facile, quella di accendere la mattina di Rai3 con Agorà, ha lasciato il video per un incarico più importante (la direzione della terza rete), per cui speriamo sappia essere ugualmente all’altezza.

9 a Lorella Cuccarini. L’ex più amata dagli italiani scivola e si fa male durante Domenica In. Stoica, dopo due punti sul mento, va avanti fino alla fine del programma. The Show Must Go On. Brava.

8 ad Enrico Mentana. Il popolare anchorman ha seguito senza sosta i risultati delle elezioni politiche e regionali raggiungendo gli ennesimi record d’ascolto per la rete. Perchè non ha seguito anche l’addio del Papa?

7 a Gianluigi Paragone. Il conduttore de L’Ultima Parola torna in prime time su Rai2 con il suo show e ottiene subito risultati discreti. Allora, se prima serata d’attualità deve esserci su Rai2, tanto vale affidargliela.

6 ai progetti del direttore Fiction Mediaset Antonino Antonucci Ferrara. E’ comprensibile il ritorno alle fiction religiose così come è auspicabile quello alle miniserie; mancano però – almeno per il momento – le novità (quelle vere).




18
febbraio

BERSAGLIO MOBILE: BERLUSCONI, BERSANI E MONTI DA MENTANA CHE BRUCIA MIMUN E GRUBER

Enrico Mentana

Silvio Berlusconi, Pier Luigi Bersani e Mario Monti saranno gli ospiti della puntata speciale di Bersaglio Mobile in programma per domani, martedì 19 febbraio, su La7. I tre leader delle principali coalizioni si confronteranno a distanza, con interviste separate, nella trasmissione di prime time condotta da Enrico Mentana, in vista dell’imminente appuntamento elettorale. Alternandosi secondo un ordine stabilito, esporranno le loro proposte politiche e risponderanno alle domande del giornalista.

Mentana, che da tempo desiderava ospitare su La7 un confronto tra gli esponenti di partito, avrebbe messo a segno il colpaccio televisivo senza far girare troppo la voce: pare, ad esempio, che Lilli Gruber non ne sapesse nulla. Proprio domani, infatti, la conduttrice avrebbe dovuto ospitare un confronto tra Marco Travaglio e Silvio Berlusconi, il quale ha poi disdetto la propria presenza a seguito dell’invito ricevuto da Bersaglio Mobile.

Ci dispiace, ma non è colpa nostra la impensabile mancata comunicazione tra la signora Gruber e il direttore della sua stessa testata giornalistica” si legge in una nota emessa da Palazzo Grazioli dopo che la conduttrice di Otto e mezzo aveva espresso disappunto per la defezione berlusconiana. Questa sera la giornalista ospiterà Antonio Ingroia, mercoledì sarebbe in programma un intervento di Mario Monti, giovedì 21 di Oscar Giannino, venerdì 22 di Pierluigi Bersani…


18
febbraio

LA7 IN VENDITA, ANCHE DIEGO DELLA VALLE PREPARA UN’OFFERTA. OGGI IL CDA DI TELECOM

Diego Della Valle, Enrico Mentana

Con la sua “seria manifestazione di interesse” per La7, Diego Della Valle potrebbe fare le scarpe agli altri compratori sulla piazza. E mica sarebbe una novità: è il suo mestiere, in fondo. Il patron della Tod’s si è dichiarato pronto a presentare un’offerta concorrenziale per rilevare l’emittente di Ti Media. In una lettera inviata al CdA di Telecom, l’imprenditore ha chiesto di riaprire i termini per consultare la documentazione sulla vendita della rete e formulare un’offerta in tempi brevi.

“La mia idea è quella di riunire poi nell’azionariato un gruppo di persone che vogliano bene al nostro Paese e che abbiano voglia di sostenere uno strumento di informazione importante, garantendone la totale autonomia, e di coinvolgere nell’azionariato professionisti che lavorano attualmente a La7 ed altri ancora che avranno voglia di partecipare a questo progetto”

si legge nella missiva di Della Valle, il quale ha manifestato il proprio interessamento solo per La7 (e non per Mtv né per il multiplex). L’imprenditore sarebbe intenzionato a formare una cordata composta anche da soggetti che già fanno parte dell’emittente terzopolista. A tal proposito, i nomi a cui tutti hanno pensato sono stati quelli di Enrico Mentana, factotum di La7, e di Gad Lerner, ma anche di Michele Santoro. I primi due si sarebbero già dichiarati disposti a conoscere i dettagli del progetto.





9
febbraio

ENRICO MENTANA: LA VENDITA DI LA7 SICURA, MA SE CI COSTRINGONO A CAMBIARE TOGLIAMO IL DISTURBO

Enrico Mentana

Quel che pare sicuro è che Telecom Italia venderà La7 “. Parola di Enrico Mentana. Ieri sera, in apertura del notiziario delle 20, il giornalista è tornato a parlare dell’ipotesi – sempre più concreta – di una cessione dell’emittente da parte del suo attuale editore. Il Mitraglietta ha ricordato al pubblico che una decisione definitiva al riguardo verrà presa nel CdA convocato per lunedì 18 febbraio.

Tra i nomi dei possibili compratori si sono fatti quelli di Urbano Cairo, del Fondo Clessidra, dell’editore di Europa 7, e ad essi – ha spiegato il direttore del TgLa7 – si sono aggiunti quelli di alcuni “cavalieri bianchi pronti ad entrare in cordate per assumere le redini della nostra emittente“. Il giornalista si è poi soffermato sui timori e sulle speranze che accompagnano il delicato momento attraversato dall’emittente. E ha affermato:

“Le preoccupazioni sono ben motivate perché il conto economico de La7 è in passivo, inutile negarlo, e si andrà a momenti difficili di confronto. Però è altrettanto certo che non bisogna avere paura del nuovo, qualunque esso sia. Noi solo questo mestiere sappiamo fare e solo in questo modo continueremo a farlo. Ci ostiniamo a pensare che nessuno venga a comprare La7 per poi spegnere le voci che hanno un seguito e che funzionano. Un’impresa che fa televisione ha bisogno di voci con il segno ‘più’, e il telegiornale sta nel segno ‘più’. Non abbiamo paura che arrivi qualcuno a dirci ‘Parlate più piano, parlate diversamente’”

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


6
febbraio

SILVIO BERLUSCONI OSPITE AL TGLA7. VENERDI’ LA “RINVINCITA” SU RAI3, DALLA ANNUNZIATA

Silvio berlusconi

Silvio Berlusconi è scatenato, e ogni sera se ne fa una diversa. Di trasmissione tv, s’intende: non pensate male. Con l’avvicinarsi delle elezioni, il Cavaliere ha ulteriormente intensificato le proprie apparizioni televisive, e i sondaggi in crescita sembrano dargli ragione. Si tratta comunque di previsioni, che andranno confermate alle urne. Ieri, il leader del Pdl è stato ospite a Ballarò, mentre stasera interverrà al TgLa7 di Enrico Mentana.

L’ex premier dirà la sua nel notiziario delle 20 condotto dal Mitraglietta in persona; di seguito, a Le Invasioni Barbariche di Daria Bignardi, interverrà invece il premier Mario Monti. Dopo le sue ospitate a Servizio Pubblico, Otto e mezzo, ad Omnibus e a L’aria che tira, per Berlusconi sarà un ritorno sulle frequenze di La7. E anche stavolta, come spesso accade, l’attenzione del pubblico sarà concentrata non solo sulle dichiarazioni del Cavaliere, ma anche sull’atteggiamento riservatogli dall’intervistatore.

E’ successo anche ieri sera, a Ballarò, dove un Giovanni Floris particolarmente in forma ha incalzato il leader del Pdl con domande mirate. Il giornalista, insomma, non ha ripetuto gli errori strategici commessi da Michele Santoro a Servizio Pubblico, e ha arginato la naturale propensione del Cavaliere a dilungarsi nelle argomentazioni pro domo sua. Il risultato è stato un confronto serrato, che ha richiamato su Rai3 ben 5.787.000 telespettatori. Come si comporterà Mentana?





6
febbraio

SANREMO 2013: SU LA7 SALTANO UN TURNO SANTORO, BIGNARDI E CROZZA. LERNER TORNA IN PRIME TIME

Michele Santoro - Servizio pubblico

Il Festival di Sanremo incombe e le altre reti generaliste si mettono in stand-by. Se Canale5 proporrà per tutta la settimana pellicole viste e riviste (tranne lunedì quando verrà anticipato Il clan dei camorristi) anche La7 ha deciso di mettere in pausa i propri cavalli di battaglia. Nonostante ci si stia avvicinando a grandi passi alle elezioni Michele Santoro con il suo Servizio pubblico giovedì prossimo non andrà in onda, come riportato dal quotidiano Il giornale.

Mentre gran parte dell’attenzione dell’opinione pubblica sarà rivolta alla kermesse di Rai1, Santoro preferisce non rischiare (di ottenere un ascolto misero) bensì saltare un giro, anche se quando era in Rai il suo Annozero andava in onda regolarmente contro il Festival. Al posto di Santoro sbarcherà in prime time Enrico Mentana con uno speciale del TgLa7 dedicato ovviamente alla campagna elettorale.

Salteranno un turno anche Daria Bignardi e le sue Invasioni barbariche, che stasera ospiteranno Mario Monti, Victoria Cabello, Massimo Gramellini e Giulio Berruti (al loro posto è programmato il film Molto rumore per nulla), così come Maurizio Crozza e il suo show del venerdì sera (entrambi della scuderia di Caschetto, agente di Fazio). Ad approfittare della pausa di Crozza nel paese delle meraviglie sarà Gad Lerner che tornerà in prima serata, almeno per una volta, con il suo nuovo programma Zeta.


28
gennaio

ELEZIONI 2013: PER ENRICO MENTANA SI VA VERSO IL CONFRONTO TRA I 6 LEADER SULLA RAI

Enrico Mentana

Confronti tv che passione! I pessimi ascolti di Italia Domanda (ma anche gli ordinari risultati de Lo Spoglio con Ilaria D’Amico) dimostrano come l’interesse del pubblico televisivo alle vecchie tribune politiche scemi quando vengono trasmessi monologhi assimilabili a spottoni elettorali senza contraddittorio mentre il gradimento si infiammi nel momento in cui la messa in onda riguardi faccia a faccia, duelli rusticani, sulla falsariga di quello tra i candidati alle Primarie del PD trasmesso da Sky Tg24 o la battaglia finale moderata dalla Maggioni tra Renzi e Bersani.

Ed invero, proprio Sky Tg24 stava lavorando al faccia a faccia a tre tra Berlusconi, Bersani e Monti indicando anche una probabile data (quella dell’8 febbraio) un tweet di qualche ora fa cinguettato dal Direttore del Tg La7 Enrico Mentana, sempre in prima linea sulle questioni politico-televisive, svela:

“Si va al confronto a 6 (Berlusconi Bersani Giannino Grillo- ?- Ingroia Monti) settimana prossima in Rai. Credo che i cittadini vogliano altro”

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


25
gennaio

ENRICO MENTANA: LA7 DEVE FARE SOLO ATTUALITA’. E’ SKY IL VERO TERZO POLO

Enrico Mentana

Enrico Mentana ha la ricetta per tenere alto l’interesse del telespettatore nei confronti de La7. In occasione della presentazione di ieri a Roma del libro “Telecenerentola – da Telemontecarlo a La7. La sfida avventurosa della Tv antiduopolio” (scritto da Stefano Buccafusca), il direttore del TgLa7 – come si legge in una nota dell’Ansa – ha tracciato quella che secondo lui è la strada da percorrere per sopravvivere nella “guerra” tra tv:

“La vera prospettiva per tenere la rete in linea di galleggiamento, e anche di più, per fare una bella crociera, è averla tutta improntata all’attualità, declinata in tutti gli ingredienti, news, approfondimento, talk (…) Quando abbiamo visto i dati di ascolto della puntata di Santoro con Berlusconi abbiamo anche sgomberato il terreno dall’idea che La7 fosse legata a piccoli numeri. Quando fai tanto si vede subito, si hanno i risultati”.

Dunque, meno mosse da generalista e più attenzione alla vera missione de La7 che, come ricorda lo stesso Mentana, è di “sperimentare quello che le corazzate non riescono a fare”. E tra le corazzate inserisce anche Sky, privando (un po’ a sorpresa) il settimo canale del telecomando dell’ormai nota etichetta di “tv del terzo polo”:

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,