Emilio Fede



31
maggio

TG4, EMILIO FEDE FIRMA LA BUONUSCITA. I SUOI EX REDATTORI: SIAMO EROI

Emilio Fede

Defenestrato sì, ma col paracadute. Emilio Fede è atterrato in piedi dopo il suo burrascoso addio al Tg4, avvenuto lo scorso 28 marzo. Proprio in questi giorni, l’ex direttore avrebbe firmato un contratto di buona uscita dal notiziario di Rete4, e pare che Mediaset gli abbia accordato delle condizioni di congedo tutt’altro che sfavorevoli. A riportare l’indiscrezione è Dagospia, che rivela alcuni dettagli dell’accordo siglato.

Fede, in particolare, avrebbe chiuso la sua ventennale carriera al Tg4 con un contratto di consulenza che prevede ufficio, segretaria e macchina con autista. L’ottuagenario giornalista avrebbe in mente di lavorare ancora per molto tempo nell’ambito dell’informazione e forse pure in quello della politica: nei giorni scorsi Emilio aveva detto provocatoriamente di voler entrare in Parlamento, scatenando il putiferio nel centrodestra. Come sempre, l’ex direttore e la polemica vanno a braccetto.

Intanto, la redazione del Tg4 sembra non rimpiangere più di tanto Emilio Fede e anzi, la luna di miele con il nuovo direttore Giovanni Toti pare continui dal giorno del suo insediamento, avvenuto due mesi fa. Oggi i giornalisti di Rete4 lavorano con spirito di squadra e tirano un sospiro di sollievo se pensano ai giorni in cui Emilio dettava legge: questo è quanto emerge dalle dichiarazioni rilasciate al settimanale Oggi da alcuni redattori della testata.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




28
aprile

DM LIVE24: 28 APRILE 2012. FEDE DENUNCIA CORRIERE E LA STAMPA, MEGLIO LA TV DEI SOCIAL NETWORK, SOLUZIONE BONARIA CLERICI-CHARLESTON, TELEJATO RISCHIA LA CHIUSURA

Diario della Televisione Italiana del 28 aprile 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Telejato a rischio chiusura

Giuseppe ha scritto alle 06:14

Telejato, la tv antimafia in Sicilia costretta a chiudere a causa dello switch off. Il telegiornale di Telejato dura due ore, un record che gli conferisce di diritto il titolo di telegiornale più lungo d’Italia. Adesso rischia di fermarsi. A fine giugno, con lo switch off, anche la Sicilia passerà al digitale terrestre. L’emittente onlus comunitaria rischia lo spegnimento perché il passaggio al digitale terrestre è previsto solo per quelle commerciali, che hanno come editori società di capitale. Per salvarla basterebbe un emendamento alla legge sulla assegnazione delle frequenze. Se questo emendamento venisse approvato le tv comunitarie riusciranno a salvarsi, altrimenti 250 emittenti chiuderanno per sempre i battenti. Ma il termine per presentare domanda di assegnazione delle frequenze digitali è scaduto lo scorso 20 aprile e ancora quest’emendamento non è stato presentato. (fonte Il Fatto Quotidiano.it)

  • Meglio la tv dei social network

Giuseppe ha scritto alle 06:28

Meglio la tv dei social network. Costretti a scegliere tra Twitter, Facebook o Youtube e la cara ‘vecchia’ tv, il 58% degli intervistati da Ipsos Reid non ha dubbi: meglio il binomio telecomando-divano. Il sondaggio e’ stato realizzato su un campione di 19.271 persone in tutto il mondo. I piu’ attaccati alla tv sono gli statunitensi, con il 73% degli intervistati che non ci penserebbe due volte ad abbandonare i social network per la tv. Gli europei sono un po’ piu’ Facebook ‘addicted’, ma il 66% non avrebbe dubbi a scegliere la tv, abbandonando ‘amici’ e ‘followers’. Le percentuali cambiano tra gli under 35 che si dividono a meta’. (fonte Digital-Sat.it)

  • Clerici VS Charleston: soluzione bonaria

Giuseppe ha scritto alle 17:37

Si concluderà probabilmente con tante scuse e una soluzione bonaria (risarcimento del danno) la lite scoppiata tra la conduttrice Rai Antonella Clerici e gli ex gestori del Charleston, ristorante di Mondello, la borgata marinara di Palermo. La vicenda nasce dopo che in una puntata de La Prova del Cuoco, la Clerici disse di aver mangiato al Charleston “tanti anni fa” e di aver pensato: “Peccato, un posto così bello, si mangià così da schifo”. Concetto ribadito per due volte e costato alla Clerici una querela. Il Gup, che deve decidere sul rinvio a giudizio della presentatrice, ha accolto la richiesta di rinvio dei legali. Le parti si rivedranno a giugno. (fonte Roma)

Fede denuncia Corriere della Sera e La Stampa

Giuseppe ha scritto alle 17:59


6
aprile

DM LIVE24: 6 APRILE 2012. MEDIASET IN HD, IL ‘DRAMMA’ DI GERARDO PULLI, IL ‘DRAMMA’ DEL LATO B DELLA CIPRIANI, FEDE VUOTA IL SACCO

Diario della Televisione Italiana del 6 aprile 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Mediaset in HD

Vincenzo ha scritto alle 15:53

E’ deciso: Mediaset trasmetterà i canali anche in HD. Ma lo spazio trasmissivo è limitato e si rinuncerà alle versioni +1.

  • La Cipriani denuncia il chirurgo

Giuseppe ha scritto alle 16:23

Francesca Cipriani, ex gieffina e vincitrice de “La pupa e il secchione”, ha fatto causa al medico che l’ha operata. Il sedere, racconta agli amici Francesca, le fa male così tanto che fa fatica a sedersi. Le protesi, che sono state installate, non hanno retto, e al posto di un fondoschiena brasilero, si è ritrovata un lato B decadente. (fonte LiberoQuotidiano.it)

  • Il ‘dramma’ di Amici

Anna ha scritto alle 16:35

Dramma ad Amici. Gerardo lascia la fidanzata perchè Nunzio, mesi prima, quando ancora non stavano insieme, aveva provato a baciarla e lei si è spostata… sceneggiate, pianti, disperazione e canzone di Arisa di sottofondo (l’unica cosa positiva della scena).

  • Fede vuota il sacco

Giuseppe ha scritto alle 08:50





2
aprile

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (26/03-01/04/2012). PROMOSSI ALBERTO ANGELA E LA CARRA’, BOCCIATI I “TONI” DELLA INCONTRADA E SANTORO DG RAI

Belen Rodriguez e Luciana Littizzetto

10 ad Alberto Angela. Tale padre, tale figlio: il divulgatore con Ulisse si conferma allievo perfetto del genitore, confezionando un programma che a contenuti pregevoli abbina un linguaggio accessibile. Sarà per questo che anche nella serata più difficile per una rete cadetta riesce ad agguantare un eccellente 9.6% di share.

9 al format di Amici venduto in America e in Inghilterra (per maggiori info clicca qui). Finalmente.

8 a Raffaella Carrà. Ospite di Panariello Non Esiste la regina del Tuca Tuca si dimostra in forma nonchè capace di catalizzare su di sè le attenzioni dei media. A quando il grande ritorno in tv?

7 a Panariello non esiste. Al di là degli ascolti e dei contenuti che non hanno convinto del tutto, a Mediaset lo sbarco di Giorgio Panariello è servito eccome. Anche a Canale 5 un’altra televisione è possibile.

6 all’intervento di Luciana Littizzetto ad Amici. Da premettere che la comica torinese è una numero uno e anche al cospetto di Maria di Mediaset ha fatto il suo dovere.  Peccato, però, che al suo intervento sia mancata la ciliegina sulla torta, tante battute a raffica senza un climax.


1
aprile

EMILIO FEDE CONDUTTORE ALLE IENE PER DUE PUNTATE?

Emilio Fede

Emilio Fede Iena per una notte, anzi per due? L’indiscrezione circola in queste ore, in attesa di trovare conferma. A meno che non si tratti di un bel pesce d’aprile… Sembra che l’ex direttore del Tg4, dimissionato mercoledì scorso e sostituito da Giovanni Toti, sia stato ingaggiato come co-conduttore per le prossime due puntate de Le Iene show, al fianco di Ilary Blasi ed Enrico Brignano.

Il programma del giovedì di Italia1 dovrebbe ospitare il giornalista come ‘guest star’, un po’ come era accaduto con Pippo Baudo lo scorso 8 marzo. Dopo i giorni delle trattative con Mediaset e dell’addio forzato al Tg4, per le prossime due settimane Emilio Fede dovrebbe indossare la divisa scura della Iena ed affacciarsi dagli schermi di Italia1 come conduttore sui generis del programma ideato da Davide Parenti. Da segugio ammaestrato a Iena, il passo è breve?

Ad annunciare la notizia è una delle Iene del programma sulla sua pagina Facebook e pare che non abbia accolto di buon grado la notizia esprimendo perplessità circa la decisione di ospitare un giornalista spesso chiacchierato per le sue scelte editoriali, e non solo per quelle. Al momento, Fede è infatti indagato nell’ambito del processo Ruby e lunedì verrà ascoltato dai magistrati di Milano sulla vicenda della valigetta con 2,5 milioni di euro che l’ex direttore avrebbe cercato di depositare in una banca svizzera (circostanza fortemente smentita dal diretto interessato).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





31
marzo

EMILIO FEDE: “HO GIA’ RICEVUTO TRE PROPOSTE DI LAVORO. UNA VIENE DALLA RAI”

Emilio Fede

Poi dicono dell’articolo 18, della difficoltà a trovare lavoro, della Camusso che sale sulle barricate. A ottant’anni suonati, Emilio Fede non ha di questi problemi. L’ex direttore del Tg4, che mercoledì scorso è stato rimosso dal suo incarico, ha abbandonato la redazione di Segrate ma non la voglia di stare ancora in tv. Anzi, pare che il giornalista abbia già ricevuto alcune proposte di lavoro, e una di esse sarebbe arrivata nientemeno che dalla Rai.

Ho già tre offerte di lavoro. Mi ha chiamato Antonio Preziosi, il direttore di Radio1 e del Gr1 per entrare nel suo staff. Un altro amico mi ha chiesto di fare un nuovo telegiornale e un terzo è un editore privato, di cui non posso rivelare il nome

ha dichiarato ieri Emilio Fede al programma La Zanzara, in onda su Radio24 e in contemporanea su Tgcom24. Il giornalista ha definito le tre proproste inoltrategli come dei gesti di solidarietà da parte di alcuni colleghi. Ad esse ci aggiungiamo pure una quarta offerta, quella provocatoria che Gad Lerner ha lanciato dal suo blog: “per la disintossicazione da video, quindi, gli offro volentieri uno spazio contenuto nel mio studio” ha scritto il conduttore de L’Infedele.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


31
marzo

TG4, GIOVANNI TOTI CHIUDE SIPARIO. SPARISCONO RAFFAELLA ZARDO E LE METEORINE

Raffaella Zardo

Con l’uscita di scena di Emilio Fede, al Tg4 si è chiuso il sipario. Nel vero senso della parola. Il nuovo direttore del notiziario, Giovanni Toti, ha infatti deciso di mostrare un segno di cambiamento rispetto alla gestione precedente e ha fatto partire la rivoluzione. A subirne le immediate conseguenze è stato proprio Sipario, il rotocalco di gossip condotto ogni sera dalla pupilla dell’ex direttore, Raffaella Zardo.

Adesso la rubrica delle 19.30 non andrà più in onda e non vedremo nemmeno più le “meteorine“, cioè le avvenenti annunciatrici del meteo che avevano messo radici al Tg4 per iniziativa di Emilio Fede. A confermare l’avvenuta rivoluzione è stato lo stesso Giovanni Toti, il quale ha spiegato:

Il primo vero cambiamento è che non sarà più un one man show, ma un tg normale e autorevole con commenti e notizie. Sì, è vero, confermo, non più meteorine, non più Sipario. Il Tg4 si allungherà un po’ e quello spazio sarà coperto da cose molto serie

Ora il Tg4 romperà con le abitudini e con le scelte editoriali che lo hanno caratterizzato per vent’anni, nel corso dell’era geologica di Emilio Fede. Arriveranno anche nuovi volti alla conduzione e il direttore Toti, che al momento resta anche alla guida di Studio Aperto, ha fatto sapere che non comparirà in video se non eccezionalmente, “solo quando avrò qualcosa di molto importante da dire. Non certo per fare annunci programmatici“.


31
marzo

DM LIVE24: 31 MARZO 2012. FRECCERO DIFESO DALLA MOGLIE DI LIGUORI, FLORIS: FEDE HA SEGNATO UN’EPOCA, GILETTI SENZA FORMAT

Diario della Televisione Italiana del 31 marzo 2012

Diario della Televisione Italiana del 31 marzo 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Freccero difeso dalla moglie di Liguori

Il direttore di Rai4, Carlo Freccero, su cui pesa un’indagine disciplinare aperta dalla Rai sulla vicenda con il giornalista di Libero, è difeso dalle accuse dall’avvocato Grazia Volo, la consorte di Paolo Liguori, il direttore del TgCom di Mediaset. (ItaliaOggi)

  • Floris: Fede ha segnato un’epoca

“Emilio Fede ha segnato molto un’epoca, quest’epoca è passata e ora lui cede il passo: questo non significa che scompaia, almeno non lo credo”. Cosi Giovanni Floris ospite di Lilli Gruber nella trasmissione Otto e Mezzo. Secondo il conduttore di Ballaro’ il licenziamento del direttore del Tg4 “è una conseguenza del fatto che Berlusconi non sia più presidente del Consiglio ed è una conseguenza del fatto che l’ambiente e loro stessi in fondo sentono che è passata un’epoca. C’e’ un tratto che da osservatore mi colpisce – conclude poi Floris – forse è vero che non bisogna mai segnare troppo il proprio tempo, perché poi quel tempo passa e tu resti agganciato a quello prima”.

  • Giletti senza format

Giuseppe ha scritto alle 17:04