Dimissioni



1
giugno

Antonio Campo Dall’Orto: il CdA Rai prende atto delle dimissioni

Antonio Campo Dall'Orto

Antonio Campo Dall’Orto si è ufficialmente dimesso da Direttore Generale della Rai. Il CdA di Viale Mazzini riunitosi oggi – 1 giugno – ha preso atto, con un voto unanime, della risoluzione consensuale del contratto. Secondo quanto si apprende, durante l’assemblea la Presidente e i  Consiglieri hanno espresso stima per il lavoro svolto dal DG, la cui posizione in realtà si era indebolita moltissimo nelle ultime settimane. Ed era diventata bersaglio di critiche. Campo Dall’Orto ha rinunciato alla buonuscita e resterà in azienda fino al 6 giugno.




12
maggio

Rai, Genséric Cantournet si dimette da Direttore della Security. L’Anti-Corruzione indagava sulla sua nomina

Genséric Cantournet

Il suo incarico era finito nel mirino dell’Anti-corruzione. Se ne parlava ormai da settimane. Oggi, però, Genseric Cantournet ha rassegnato le sue dimissioni dal ruolo di Direttore della Security Rai, che ricopriva dal 2015. In una nota di Viale Mazzini si legge che il DG Antonio Campo Dall’Orto ha accettato la decisione dell’ex militare francese, chiedendogli però di rimanere al suo posto per il tempo necessario alla ricerca del sostituto.


24
aprile

Rai: indagine sulle assunzioni. Campo Dall’Orto nella bufera, il Cda vuole chiarimenti e pensa alla sfiducia

Antonio Campo Dall'Orto

Antonio Campo Dall’Orto sente il fiato sul collo: la sua annunciata (e mai realmente avvenuta) rivoluzione in Rai potrebbe arrivare presto al capolinea. La notizia di un’indagine della Procura sulla regolarità di alcune assunzioni a Viale Mazzini ha infatti messo in ulteriore difficoltà il DG del servizio pubblico, la cui posizione si è fatta sempre più pericolante col passare delle settimane. E i primi a sparare sul top manager col ciuffo potrebbero essere i componenti del CdA.





14
gennaio

NAPOLITANO LASCIA: LA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA NEI NOVE MESSAGGI DI FINE ANNO, TRA CRISI ECONOMICA, APPELLI E TANTA RETORICA

Giorgio Napolitano (Ansa)

Giorgio Napolitano (Ansa)

Il primo Presidente ad essere rieletto, l’unico a vantare una longevità al Colle di quasi un decennio. Giorgio Napolitano passa il testimone dopo aver collezionato record, polemiche e ben nove messaggi di fine anno. Il presidente della Repubblica ha firmato pochi minuti fa la lettera di dimissioni che sarà a breve consegnata dal segretario generale Donato Marra ai presidenti delle Camere e al presidente del Consiglio.

Coesione, lavoro, giovani e soprattutto crisi economica. Questi i temi maggiormente affrontati, spesso con un discreto tocco di retorica, dall’inquilino del Quirinale nei discorsi del 31 dicembre.

Nominato il 10 maggio 2006 al quarto scrutinio, grazie ai soli voti del centrosinistra, nel monologo d’esordio di 18 minuti l’ex deputato comunista si limita a fissare i paletti del suo mandato:

“Mi sono stati già affidati nel passato delicati incarichi nelle istituzioni italiane ed europee. Sto ora verificando quanto sia più complessa e impegnativa la responsabilità che la nostra Costituzione attribuisce al Capo dello Stato. Interpretare ed esprimere, con passione civile e con assoluta imparzialità, sentimenti e valori condivisi, esigenze e bisogni che riflettono l’interesse generale del Paese. E guardare sempre all’unità nazionale come bene primario da tutelare e consolidare”.

E’ un Napolitano ottimista che si rivolge ad un’Italia non entusiasta, ma comunque ringalluzzita da un Mondiale di calcio vinto cinque mesi prima.


16
dicembre

ANTONIO CAPRARICA LASCIA AGON CHANNEL: SE QUESTA E’ LA TV DEL FUTURO IO NON INTENDO STARCI

Antonio Caprarica

Da Agon Channel arriva la “news” che non t’aspetti: Antonio Caprarica sbatte la porta e se ne va. Il giornalista, nominato dal patron Francesco Becchetti come responsabile delle news per il nuovo canale, a due settimane dall’inizio delle trasmissioni si dimette con effetto immediato da tale incarico e lascia la tv albanese, che dallo scorso 1° dicembre trasmette in Italia al canale 33.

Mi sono dimesso per giusta causa, per la mancanza assoluta delle strutture e del personale minimi per mandare in onda e confezionare un tg. Se questa è la tv del futuro, io non intendo starci

accusa Antonio Caprarica tramite l’Adnkronos, puntando principalmente il dito proprio contro Becchetti, reo – secondo il giornalista – di regalare tanto fumo e poco arrosto:

“Mi hanno promesso sul contratto una struttura rispondente agli standard internazionali e mi sono ritrovato a montare i servizi nei container, con una redazione di nove persone che doveva realizzare tutti i tg, due ore di programma del mattino e un’ora di approfondimento serale [...] Non un producer, un autore, nemmeno una segretaria di redazione. E un solo apparecchio telefonico per tutti ma non una stampante… Un autentico miracolo che non è più possibile sostenere, nemmeno continuando a strizzare i collaboratori come si è fatto fin qui. Alle mie proteste l’editore Becchetti ha risposto di ‘non credere in principio che chi lavora 12 ore al giorno debba necessariamente stare male’”.

Quella di Caprarica è un’amara accusa, di chi ha creduto molto in un progetto che, di fatto, sembra essere crollato sul nascere:





19
novembre

RAI: LUISA TODINI SI DIMETTE DAL CDA

Luisa Todini

Luisa Todini

(ANSA) Luisa Todini si è dimessa dal Consiglio di amministrazione della Rai dopo, a quanto si apprende, uno scontro all’interno del Consiglio sul tema del ricorso contro il taglio dei 150 milioni.

Luisa Todini, eletta in Consiglio nel 2012 in quota Lega Nord-Pdl, aveva annunciato già da tempo l’intenzione di dimettersi dal consiglio di amministrazione Rai, dopo la nomina a presidente delle Poste. Due giorni fa, rispondendo al presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Roberto Fico, che la invitava a dimettersi a causa del doppio incarico, aveva confermato all’ANSA di voler lasciare entro l’autunno e di essere rimasta in Rai “per concludere l’importante impegno di quotazione Rai Way, che sta andando particolarmente bene, e per l’impostazione del bilancio 2013 e del budget 2014″.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


18
dicembre

ANTONIO CAPRARICA SI DIMETTE E FA CAUSA ALLA RAI: “C’E’ STATA PERSECUZIONE NEI MIEI CONFRONTI”

antonio caprarica

Antonio Caprarica

E’ un divorzio quasi epocale quello che si consuma in queste ore tra la Rai e Antonio Caprarica. Lo storico corrispondente del servizio pubblico da Londra, dice addio a Viale Mazzini e annuncia azioni giudiziarie nei confronti dell’azienda invocando la giusta causa. La Rai, infatti, attraverso la struttura ispettiva interna, gli ha aveva contestato presunte imprecisioni amministrative nella sede londinese (tra le altre cose, l’uomo a Panorama, qualche settimana fa, ha dichiarato: “mi  rimproverano di aver fatto continuare a lavorare, con una collaborazione un contabile già andato in pensione. Ma la Rai  aveva tralasciato di rimpiazzarlo”).

Antonio Caprarica: non avrei mai immaginato di lasciare l’azienda della mia vita

In un comunicato, Caprarica parla di “crescenti pressioni esercitate dai vertici aziendali con metodi inammissibili e offensivi” ed anche di “persecuzione” nei suoi confronti. Di seguito un estratto delle sue parole:

Non avrei mai immaginato di lasciare in questo modo l’azienda della mia vita, dopo oltre un quarto di secolo di servizio onorevole e immacolato in ogni angolo di mondo. Troncare questo rapporto con effetto da oggi, come ho appena comunicato alla direzione del personale, è per me l’unica possibilità di immediata reazione alle crescenti pressioni esercitate dai vertici aziendali con metodi inammissibili e offensivi”.

Il giornalista aggiunge:

Ho respinto finora gli attacchi rivoltimi, dimostrandone l’infondatezza, ma nè la mia salute nè a mia dignità mi consentono di rimanere ulteriormente in Rai. Purtroppo, la mia vicenda illustra drammaticamente l’assenza di qualsiasi organo aziendale di garanzia per i lavoratori, giacchè il consiglio d’amministrazione – da me informato su ogni passaggio della persecuzione – ha preferito voltarsi dall’altra parte piuttosto che chiedere spiegazioni al direttore generale. Con buona pace per il codice etico della Rai”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


2
luglio

BOOM! SALVO SOTTILE SI DIMETTE DA MEDIASET

Salvo Sottile

Salvo Sottile

Noi ve l’avevamo anticipato qui. Ora è una realtà: Salvo Sottile ha rassegnato questa mattina le sue dimissioni da Mediaset. Lo scrive Dagospia e ve lo conferma anche DM.

Le dimissioni pare siano irrevocabili e arrivano a poche ore dalla presentazione dei palinsesti del Biscione, in programma questa sera alle 20 a Cologno Monzese. L’account Twitter è stato già ‘ripulito’ dalla grafica che legava il giornalista al programma di Rete4 di cui era conduttore.

I motivi sono facilmente intuibili. Basta ridare una letta a questo nostro articolo in cui paventavamo quanto accaduto questa mattina.

Tieniti aggiornato anche sui nostri social

| Facebook | Twitter | Instagram | Google + | Tumblr |

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,